Articolo taggato “voci”

foto http://aforisticamente.com/2015/01/05/frasi-citazioni-e-aforismi-sulla-voce/

 

Ogni tanto mi capita di ricevere  messaggi  da ragazzi che vogliono farmi sentire la loro voce in quanto serbano il desiderio di voler studiare canto.  Molti mettono le mani avanti da subito dicendo che forse non hanno voce o addirittura credono di essere stonati.

In genere non dico mai di no ad audizionare voci “vergini” ,perchè spesso sono come delle gemme nascoste . E’ una passione che ho avuto da sempre quella di scoprire e lavorare con quelle voci nascoste che al primo impatto peccano nel volume o nell’estensione.   Sono più propensa a scartare una bella vocalità che però non riesce ad intonare e a mantenere il ritmo piuttosto che una voce piccola ma con facilità d’apprendimento e intonazione.

Quello che è determinante nell’impostazione di una voce “nascosta” è trasmettere innanzitutto fiducia (spesso la timidezza porta a trattenere la voce) e soprattutto far capire che tutti, se non ci sono patologie della laringe, possono cantare. Certamente fra le voci nascoste ci sono anche quelle che non sono dotate di nulla. Ma questo lo si può capire quasi subito facendo eseguire  un facile vocalizzo sulla scala di Do .

Ho avuto molte esperienze in proposito. Ragazzi inizialmente afoni o con voci corte, appena hanno cominciato a capire l’appoggio sul fiato e l’attacco pulito, in breve hanno  sfoderato voci potenti ed estese. Ricordo ancora una delle mie prime allieve, giovanissima e appassionata di canto, che era convinta di non poter studiare perchè la sua voce non aveva acuti . Quando le ho fatto capire che tutte le voci hanno diversi registri e che devono fare il così detto “passaggio” di registro  (una sorta di cambio di marcia), eccola in breve raggiungere  vette stellari e col tempo e tanto studio, arrivare anche al tempio della lirica per eccellenza come il “Teatro alla Scala”

Potrei paragonare la scoperta di una voce nascosta ad un fiore di rara bellezza che inizialmente è solo un semino nascosto sotto terra e che pian piano germogliando si presenta in tutto il suo splendore.

La soddisfazione non ha prezzo, credetemi!

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Soul Voice di Uta   con sede a Uta(CA) in via Santa Giusta 38, è in continuo avvicendamento . In questo periodo e  alla ricerca di nuove voci per ampliare l’organico e poter  programmare l’attività per il prossimo anno. Soprani, contralti, tenori e bassi, con una buona musicalità possono farsi avanti. Il numero da chiamare è il seguente:3931514878 . Per chi viene da fuori sono previsti anche dei rimborsi viaggio e non è da escludere che in seguito ci sia un rimborso spese per tutti.

“Abbiamo fatto il Concerto con tutti Cori d Italia in Piazza del Duomo a Milano e concerti  in varie chiese  ” – ci riferisce la fondatrice – ” ora,  vorrei che riprendesse la sua attività con i rinforzi.” Fra le voci richieste, si spera si presentino anche coristi con uno studio alle spalle, in grado di poter cantare anche come solisti.

Il maestro del coro è Andrea Sarigu

Fare musica assieme è salutare e terapeutico, per cui consiglio vivamente a giovani e studenti di occupare il proprio tempo libero con una buona attività come quella della musica corale. Ragazzi fatevi avanti!


YouTube Video

 

 

Tag:, , , ,

Comments 1 Commento »

foto di Priamo Tolu

Cosa si intende per vocalità dell’opera Turandot? Analizziamo le due voci femminili principali: la principessa Turandot e la giovane schiava Liù. La prima è un personaggio che si presenta come una donna sanguinaria e fredda con tanta voglia di vendetta verso colui che tenterà di cambiarla. Lei vuole vendicare la morte atroce della sua giovane ava causata “da un uomo come te, come te straniero“, riferito al principe che vorrebbe sciogliere gli enigmi per poterla sposare ma che, in caso di errore, sarà condannato al taglio della testa. Tutto questo, avviene con l’uso di una vocalità aspra, quasi al limite del grido. Questo era sicuramente nelle intenzioni di Puccini perchè nello spartito, tutta la scrittura  musicale è in una tessitura dove  la ricerca del bel suono  è quasi impossibile. E’ difficile trovare una cantante che interpreti questo ruolo con una voce bella, sarebbe in contrasto col personaggio.

Diversa è invece la vocalità di Liù, giovane schiava che nasconde dentro il suo cuore l’amore puro e disinteressato per il Principe, senza essere corrisposta. Se per la prima è previsto un soprano lirico spinto a momenti drammatico, per Liù invece è richiesta la vocalità di un soprano lirico o anche lirico leggero ma che abbia il centro della voce sonoro e che allo stesso tempo   sappia affrontare con facilità le note acute tanto da poterle smorzare o crescere sempre in maniera morbida con grande tecnica. Ovviamente anche qui Puccini la agevola nella sua scrittura, decisamente più comoda rispetto a quella della principessa, il tanto che possa far emergere la dolcezza e la sensibilità del personaggio.

Vi posto di seguito due passaggi tratti dallo spartito dell’opera per canto e pianoforte. Il primo è il finale dall’aria della Principessa “In questa reggia” che esegue in coppia anche col tenore, e il secondo dall’aria di Liù “Signore ascolta”.

Intanto ricordo che questa sera andrà in scena la seconda replica della Turandot al Teatro Lirico di Cagliari con due nuove interpreti femminili, e se fate attenzione, noterete anche voi i particolari di queste mie considerazioni.

Ecco  tutti gli interpreti di questa sera con la speranza che non ci sia alcuna sostituzione.

Turandot Annalena Persson
Altoum Davide D’Elia
Timur Carlo Cigni
Il Principe ignoto (Calaf) Roberto Aronica
Liù Valentina Farcas
Ping Gezim Myshketa
Pong Massimiliano Chiarolla
Pang Gregory Bonfatti
Un Mandarino George Andguladze
Il Principe di Persia Mauro Secci
Prima ancella Graziella Ortu/Loredana Aramu
Seconda ancella Luana Spinola/Juliana Vivian Carone

maestro concertatore e direttore Giampaolo Bisanti
Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari
Coro di voci bianche del Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari
maestro del coro Marco Faelli
maestro del coro di voci bianche Enrico Di Maira

regia
 Pier Francesco Maestrini
scene Pinuccio Sciola
costumi Marco Nateri
luci Simon Corder
campionamenti audio e programmazione dell’ambiente esecutivo Marcellino Garau

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Per un attimo si è pensato all’ennesimo personaggio esaurito che cerca visibilità all’interno della manifestazione. Ieri durante la seconda serata del Festival di Sanremo, uno spettatore ha iniziato ad urlare dal pubblico costringendo Fazio a scendere in platea, ma appena raggiunto dal conduttore l’uomo ha iniziato a cantare intonando ‘Vincent (Starry starry night)’ di Don McLean. Da lì a breve è stato seguito da altri spettatori che a turno si alzavano e lo seguivano cantanto E’ venuta fuori una performance davvero interessante . Un flash mob, la moderna forma di spettacolo nata per attirare l’attenzione della gente o per protestare contro qualcuno o qualche cosa .

Ma chi sono questi Shai Fishman and the a cappella all stars’?Il leader e tutti componenti della formazione sono israeliani . Sono andata alla ricerca ed ho trovato il video sottostante. Guardatelo perchè ne vale veramente la pena.


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Attendo con curiosità lo spettacolo che partirà questa sera su Rai Due: THE VOICE of Italy, e come me anche i tanti appassionati di canto. Sarà uno spettacolo che valuterà i cantanti ma soprattutto i talenti vocali.

Fra gli artisti selezionati, ci sarà anche la mia conterranea Roberta Orrù , di Sanluri; una bella voce con talento musicale d’alto livello. Posso dire con orgoglio, che questa ragazza ha avuto un riconoscimento anche nel mio blog. Si è infatti classificata prima (ex equo con Gianfranco Sgura) al concorso di canto Musicamore 2012, il concorso vocale che ho creato in questo blog 4 anni fa, (aperto alle voci liriche e leggere) proprio con l’intento di lanciare validi cantanti attraverso il web. Non c’erano premi in danaro ma una diffusione dei propri video in rete caricati su youtube. E’ stato il primo concorso online (non mi risultava ve ne fossero altri) che selezionava e valutava le voci solo attraverso una videoregistrazione anche artigianale. Il concorso Musicamore, che  da subito ha avuto un grande successo, è stato caratterizzato, sin dalla prima edizione, da una commissione tecnica  di professionisti d’alto livello. Al mio fianco, valida collaboratrice, l’artista Simona Collu (soprano con la passione con la passione per la musica leggera) che ha saputo individuare  sempre validi artisti e fra queste appunto l’ultima vincitrice  Roberta Orrù.

Questa sera quindi avrò modo di risentire Roberta, anche se non dal vivo,  in una dimensione diversa: quella televisiva.

Ma come sarà il programma?

Quattro tra i più famosi artisti del panorama nazionale, saranno alla ricerca della voce più bella del Paese. Il loro obiettivo è scoprire Talenti dotati di capacità musicali mai viste e ascoltate prima in un programma televisivo. Ecco il motivo dei provini “al buio”: premiare la Voce, non l’apparenza. Alla fine sarà il pubblico a votare la voce migliore tra i quattro finalisti e per il vincitore sarà l’inizio di una carriera eccezionale, che comincerà subito con un contratto discografico.

Questo dell’apparenza mi ha particolarmente colpito. Finalmente si metterà al primo posto la voce senza essere influenzati dall’aspetto!

La commissione giudicatrice sarà formata da nomi importanti della musica leggera come la grande Raffaella Carrà, ma anche Riccardo Cocciante, Piero Pelù e Noemi, quattro artisti che non hanno certo bisogno di presentazioni.

E per la prima volta si potrà interagire attraverso il WEB con facebook e Twitter.

Presenteranno il programma Fabio Troiano e Carolina Di Domenico.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

VII° Concorso Internazionale di Canto Lirico

Rinaldo Pelizzoni

Teatro Comunale di Sissa (Parma)

5-7 dicembre 2012

 

Rinaldo Pelizzoni? Per i melomani un grande artista, per i suoi allievi del Conservatorio un grande maestro, per i profani di musica lirica colui che ha saputo infondere entusiasmo dimostrando che la spontaneità e le generosità del canto può raggiungere bellezza e grandiosità, purché dietro ci sia un assiduo, accurato e costante, studio dell’arte del canto.

E. Lovaglio, “Rinaldo Pelizzoni, il Clarck Gable della Lirica”

Azzali ed., 2007

Presentazione

Con le parole scritte da Eddy Lovaglio ci piace ricordare la figura del tenore Rinaldo Pelizzoni (1920 / 1998) a cui il Concorso Internazionale di Canto Lirico di Sissa è intitolato. Un grande protagonista del melodramma che ha vissuto una lunga e splendente carriera artistica sui più prestigiosi palcoscenici italiani, incluso quello del Teatro Regio di Parma e della Scala di Milano, per poi dedicarsi negli ultimi anni

all’insegnamento del canto nei Conservatori di Parma e Torino.

Per questo suo amore verso i giovani e la didattica, il modo migliore di ricordarlo è un concorso rivolto ai cantanti, di ogni età e di ogni nazionalità, che offra loro occasioni di studio, crescita professionale e artistica, nonché di confronto prima di tutto umano.

Giunto alla sua settima edizione e da poco conquistato il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Concorso vuole anche quest’anno rinnovare quella che è ormai una tradizione ben consolidata e un’occasione di visibilità per i cantanti, di tutte le età, che desiderino sperimentare una crescita personale e artistica garantita da un’esperienza come questa.

Non cambiano gli elementi che caratterizzano da sempre l’appuntamento, e che lo rendono un tributo alla memoria di un grande cantante e docente: la competizione si svolge a Sissa, paese natale di Pelizzoni, e si conclude la sera del 7 dicembre, anniversario della morte, con il tradizionale Concerto Finale sempre molto seguito dal pubblico. Pietra miliare del concorso e Presidente della Giuria è la Prof.ssa Ieda

Valtriani Pelizzoni, soprano e moglie di Rinaldo, che con inesauribile entusiasmo VII° Concorso Lirico Rinaldo Pelizzoni continua a dedicarsi ai giovani cantanti, mentre l’aspetto organizzativo è curato come sempre da Eddy Lovaglio di Parma OperArt che si adopera nel fornire ai partecipanti, e soprattutto ai finalisti, importanti occasioni per esibirsi in pubblico.

Il concorso non prevede limiti di età e di nazionalità (se non l’aver compiuto 18 anni)

Per tutte le informazioni potrete andare nel sito

PARMA OPERA ART

Contatti:
Parma OperArt – str. Garibaldi, 57 – 43121 Parma (PR)
Presidente: Eddy Lovaglio – Tel: 0521 1641083 – 393 0935075
www.parmaoperart.com – info@parmaoperart.com

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La vittoria di Emma era scontata ma anche meritata. Questa volta, secondo me, la De Filippi non c’entra proprio. Emma ha vinto per merito, bel testo, bella musica, bella voce.

Io amo Sanremo solo ed esclusivamente per la musica .  Col Festival sono cresciuta, musicalmente parlando. Da piccola, ricordo che era una punta d’orgoglio poter tornare a scuola il giorno dopo la manifestazione e poter fare ” a gara” con chi aveva già imparato tutte le canzoni. Poi è arrivata la chitarra, ed era una grande soddisfazione riuscire a cantarle accompagnadosi e ritrovando gli accordi giusti.  La canzone, quella italiana, è stata l’alba della  mia professione nel mondo della musica lirica, e non l’ho mai abbandonata. Mi piace sempre riascoltare ed analizzare tutte le voci. E’ vero che fra tante belle cose, nel Festival c’è anche tanta spazzatura. Ma questa è altra cosa. Quel Sanremo non mi interessa. Purtroppo la televisione deve anche soddisfare la curiosità di tutta quella fetta di pubblico al quale, della musica, del concorso e della canzoni non gliene importa nulla.

Altra cosa importante per me sono i concorsi regionali in  cui spesso mi capita  d’essere invitata a partecipare in qualità di giurata. In questo caso bisogna avere un’idea generale delle canzoni in voga, conoscere i testi e gli artisti per poter poi giudicare le giovani promesse.

Con mia figlia poi, il Festival è anche un momento di dialogo, si discute su tutto . L’adolescenza è un momento molto difficile e la canzone abbatte quel muro che generalmente si erge fra madre e figlia.

Ancora complimenti alla giovane Emma ma anche ad Arisa, artista di qualità che con i suoi successi incoraggia tutti quei giovani che sono convinti che per farsi strada nel mondo dello spettacolo sia indispensabile la perfezione della propria immagine.

Io sono convinta che chi ha talento va avanti ugualmente.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Mi limiterò a dare un giudizio della serata per quello che mi compete: le voci. Per il resto dirò che l’intervento di Celentano, per quanto interessante, è stato troppo lungo. Bastava mezz’ora: Morandi regge, Papaleo è indubbiamente simpatico e simpatico è stato il suo siparietto sul le pallavoliste.
Mi faccio una domanda: ma perchè la scenografia dell’Ariston deve avere per forza le scale? E’ mai possibile che si debbano vedere questi artisti che già sono in tensione, scendere terrorizzati i gradini?

Per l’analisi dei testi delle canzoni vi rimando a Luzzato Fegiz  sul Corriere della sera .

L’apertura è affidata alla voce di Dolcenera che si ripropone con un look più semplice e con una voce più pulita. Niente grattate sulle corde ma una vocalità più limpida ed estesa.
Samuele Bersani si è presentato in una versione da musicista trasandato, quasi un clone di Arisa al maschile ma vocalmente  non c’è molto da dire.
Noemi ha cantato con grande difficoltà perchè si è spostata dal quel registro che la caratterizza, quello grave. Ha tentato di dare qualche cosa in più verso il registro acuto, ma il risultato è stato quello di una voce soffocata e in grande difficoltà. Peccato, perchè se prima si distingueva per il colore scuro e grave ora è una delle tante.
Francesco Renga è promosso. Canta bene, scrittura musicale davvero difficile su una vocalità senza problemi. Spazia dal registro acuto a quello   grave non perdendo mai di vista l’intonazione. Il chitarrista che lo ha accompagnato è stato una raffinatezza  che completava. Bravo.
Chiara Civello: presentata come la jazzista più grande del momento mi ha deluso. Timida nell’interpretazione e nella vocalità. Voce piccola,  senza infamia e senza lode forse per la troppa emozione.
Una canzone già sentita.
Irene Fornaciari non mi è piaciuta. Le ricordavo una bella voce estesa e pulita. La ritrovo con una voce rotta, corta nel registro acuto. Dovrebbe darsi una controllata. Sembra che nelle sue corde si nasconda qualche nodulo. Mi spiace ma per il suo bene dovrebbe fermarsi a studiare un po’ .
Emma, strizzata in un tailleur pantaloncino verde e tacchi vertiginosi è proprio brava. Bellissima voce senza problemi di estensione canta con grande passionalità e sentimento. Non amo il luogo da cui proviene (amici di Maria de filippi) ma se vincesse non sarebbe la solita accozzata perchè lei è veramente un talento.
Eugenio Finardi, il veterano che somiglia a Peter Gabriel , è un cantautore raffinato. Avrei eliminato quel gesto della mano persistente che lo ha accompagnato in ogni inflessione vocale. Quisquilie.
Loredana Bertè e Gigi D’Alessio. Un’accoppiata anomala, D’Alessio è stato un aiuto per la Bertè che, rispetto all’ultima volta, ha fatto sentire di nuovo qualche nota a posto, poco, ma nell’insieme accettabile su un motivo orecchiabile. Può funzionare.
Nina Zilli ha una bella voce, senza problemi vocali di alcun genere si è presentata in uno stile “Silvana Mangano” anni 50 e con un’interpretazione alla Mina. La canzone è simile alle precedenti nella sua linea melodica.
Pierdavide Carone e Lucio Dalla. Anche qui si è capito che l’accoppiata era per il lancio dell’ennesimo amico di Maria de filippi. Vocalmente non mi piace. Voce dal colore quasi femminile che alla prima difficoltà si è spezzata. Nonostante avesse un padrino di razza non mi è piaciuto. Un consiglio a Dalla è che forse avrebbe dovuto lasciar perdere la direzione. Tanto in quel brano l’orchestra avrebbe comunque camminato da sola e lui , dal suo canto, avrebbe sostenuto meglio la vocalità quasi inesistente di Carone.
Arisa: voce gradevole e intonatissima senza problemi. Ma dov’è stato il cambiamento? E’ possibile che non la si potesse vestire meglio? Con un sacco di raso addosso l’unico cambiamento è stato nel taglio dei capelli e nel fatto che non avesse gli occhiali. Mah!
I Matia Bazar erano un gradino superiore a tutti soprattutto ora che è tornata fra loro la bravissima Silvia Mezzanotte. Li adoro.

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Siamo ormai alle porte della nuova edizione del Festival di Sanremo. Una tradizione alla quale sono legata fin dalla mia infanzia. Fra alti e bassi penso di non aver perso mai una edizione. Devo dire di essere un’appassionata anche se , tante cose non mi piacciono più. Una di queste è sicuramente la lunghezza: troppi giorni e troppe ore. Andava benissimo quando si svolgeva in 3 giorni sfociando in un gran finale del sabato sera. Essendo una gara canora poi a mio avviso andavano fatte selezioni senza giovani o vecchi, ma  tutti insieme davanti ad una giuria di esperti senza interessi .Insomma un concorso esattamente come lo è stato in anni passati, soprattutto agli inizi.
Vabbè, il mercato è cresciuto, e adesso il festival è ad uso e consumo degli imprenditori del settore; le voci, quelle belle, e i testi con buona musica che li accompagna, passano in secondo piano.
Mi auguro davvero che almeno i talenti, quelli veri e non costruiti, riescano ad emergere.
Qui di seguito il programma generale
Il Festival prevede:
una competizione tra canzoni “nuove” interpretate da 14 ARTISTI individuati secondo criteri di contemporaneità, fama e valore riconosciuti;
una competizione con canzoni “edite” individuate tra canzoni famose della musica italiana, conosciute nel mondo in versioni internazionali, interpretate dagli stessi 14 ARTISTI in coppia con CANTANTI OSPITI INTERNAZIONALI nel corso  della  serata tributo “VIVA L’ITALIA!” (giovedì 16 febbraio 2012);

la fase finale della competizione SANREMOSOCIAL con canzoni originali presentate e interpretate da 8 artisti giovani.
Per la sezione ARTISTI, nelle prime quattro Serate, la suddivisione delle “canzoni-artisti”, l’ordine di esecuzione in ciascuna delle Serate e/o i relativi criteri saranno determinati dall’Organizzazione; per la sezione SANREMOSOCIAL, nella Seconda e Terza Serata, gli abbinamenti delle “canzoni-artisti”, nelle varie sessioni ad eliminazione diretta, saranno determinati dai voti del popolo della rete su Facebook; nella Quarta Serata per la sezione SANREMOSOCIAL e nella Quinta e ultima Serata per la sezione ARTISTI sarà il sorteggio a determinare l’ordine di esecuzione delle “canzoni-artisti”.
Le Cinque Serate saranno, di norma, così strutturate:
Prima Serata (martedì 14 febbraio 2012)
•    Interpretazione-esecuzione delle 14 canzoni degli ARTISTI con votazione della giuria demoscopica del Teatro Ariston.
Verrà stilata la graduatoria in base ai voti ricevuti nella serata e le 12  “canzoni-artisti” più votate sarannoammesse alla Seconda Serata.
•    Presentazione degli 8 artisti giovani di SANREMOSOCIAL

Seconda Serata (mercoledì 15 febbraio 2012)
•    Interpretazione-esecuzione delle 12 canzoni degli ARTISTI, con votazione della giuria demoscopica del Teatro Ariston.
Verrà stilata la graduatoria in base ai voti ricevuti nella serata e le 10  “canzoni-artisti” più votate saranno ammesse alla Quarta Serata.
•    Interpretazione-esecuzione di 4 canzoni degli artisti giovani di SANREMOSOCIAL, in due sessioni da due “canzoni-artisti” ad eliminazione diretta, con votazione del pubblico attraverso il sistema  del televoto.
Le 2 “canzoni-artisti” che risulteranno più votate nelle rispettive sessioni saranno ammesse alla Quarta Serata.

Terza Serata  (giovedì 16 febbraio 2012)
•    Serata evento “VIVA L’ITALIA!”.
Interpretazione-esecuzione delle 14 canzoni famose della musica italiana da parte di tutti i 14 ARTISTI in coppia con CANTANTI OSPITI INTERNAZIONALI, che non potranno essere artisti già presenti in competizione o previsti  tra altri ospiti al Festival,  e  votazione del pubblico attraverso il sistema del televoto.
Verrà comunicata e premiata l’interpretazione-esecuzione più votata dal pubblico.
•    Interpretazione-esecuzione, in versione “edit” (breve), delle 4 canzoni degli ARTISTI non ammesse dalla giuria demoscopica nella Prima e Seconda Serata, con votazione del pubblico attraverso il sistema del televoto.
Gli ARTISTI potranno decidere se proporre già in questa serata la “versione liberamente rivisitata” della canzone, preparata in origine solo per la serata del “venerdì”, affiancati da artisti ospiti italiani e/o stranieri, che non potranno essere artisti già presenti  in competizione o  previsti tra altri ospiti al Festival.
Verrà stilata la graduatoria in base a questa votazione e le 2 “canzoni-artisti” più votate saranno ammesse alla Quarta Serata.
•    Interpretazione-esecuzione delle altre 4 (quattro) canzoni degli artisti giovani di SANREMOSOCIAL, in due sessioni da due “canzoni-artisti” ad eliminazione diretta, con votazione del pubblico attraverso il sistema del televoto.
Le 2 “canzoni-artisti” che risulteranno più votate nelle rispettive sessioni saranno ammesse alla Quarta Serata.

Quarta Serata (venerdì 17 febbraio 2012)
•    Interpretazione-esecuzione delle 12 canzoni degli ARTISTI, con sistema di votazione misto, giuria tecnica della “Sanremo Festival Orchestra” e pubblico attraverso il sistema del televoto.
Gli artisti proporranno la propria canzone in una “versione liberamente rivisitata” affiancati da artisti ospiti, che non potranno essere artisti già presenti in competizione o  previsti tra altri ospiti al Festival.
Verrà stilata la graduatoria in base ai voti ricevuti nella serata e le 10 “canzoni-artisti” più votate saranno ammesse alla Serata Finale.
•    Interpretazione-esecuzione delle 4 canzoni finaliste di SANREMOSOCIAL con sistema di votazione misto, giuria tecnica della “Sanremo Festival Orchestra” e pubblico attraverso il sistema  del televoto, con due “golden share” della giuria Radio e del popolo della rete su Facebook.
La canzone-artista più votata verrà proclamata vincitrice tra le canzoni degli artisti giovani di SANREMOSOCIAL.

Serata Finale  (sabato 18 febbraio 2012)
•    Interpretazione-esecuzione delle 10  canzoni degli ARTISTI con sistema di votazione misto, giuria tecnica della “Sanremo Festival Orchestra” e pubblico attraverso il sistema del televoto, con “golden share”  della Sala Stampa; le 3 “canzoni-artisti” più votate saranno ammesse alla seconda fase della Serata Finale.

•    Interpretazione-esecuzione delle 3 canzoni degli ARTISTI più votate, in versione “edit” (breve), con nuova votazione solo del pubblico attraverso il sistema del televoto.
La “canzone-artista” più votata verra’ proclamata canzone vincitrice assoluta del 62° Festival della Canzone Italiana di Sanremo.

•    Esibizione dell’artista GIOVANE vincitore nella sezione SANREMOSOCIAL.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

concorso canto -musicamore 2011Stanno pervenendo tantissime preferenze per i candidati al Concorso di Canto online Musicamore. Molte di esse però provengono dallo stesso indirizzo di posta. per correttezza non verranno calcolati. Ogni voto deve appartenere ad una mail diversa. Da domani sarà possibile visionare oltre alla classifica anche il numero esatto delle preferenze di ciascun candidato.

Inoltre gradiremo che i candidati inviassero oltre al proprio video anche qualche informazione personale: età, provenienza ed eventualmente curriculum.

Il prossimo candidato si chiama Joe di Dio e si presenta per il canto leggero. Ascoltatelo e votatelo


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments 8 Commenti »

carmina burana cagliariE’ il concerto per eccellenza che fa il tutto esaurito, quello capace di far concorrenza ai più quotati concerti rock. Super sfruttato per colonne sonore e pubblicità di ogni genere i Carmina Burana di Carl Orff sono sempr i benvenuti.
Per chi li deve cantare, un po’ meno. La tessitura e le sonorità richiedono tecnica raffinata affinchè le voci non si “stanchino” dopo le prime battute.
Ho cantato tante volte i Carmina Burana, e devo dire con grande soddisfazione. E’ emoziontee vedere come il pubblico, anche il meno colto (musicalmente parlando) risponde sempre con entusiasmo accorrendo numeroso e rispondendo generosamente con grande entusiasmo
Il coro e le percussioni del Teatro Lirico di Cagliari li riproporranno prossimamente in giro per la Sardegna. Nei prossimi giorni pubblicherò date luoghi e orari affinchè possiate trovare il concerto più vicino a voi.
Naturalmente se vi avvicinate a fine concerto mi farà piacere conoscervi personalmente. So che siete in tanti. Fra i miei 1500 lettori giornalieri riuscirò a conoscerne qualcuno?
Vi aspetto.

SAPEVATE CHE….?

I Carmina Burana sono basati su testi profani del XIII secolo in un misto di latino maccheronico, francese e tedesco antico rinvenuti in un monastero benedettino bavarese nella metà dell’800, sono un goliardico e sfrenato inno alla vita, governata dai capricci della Fortuna.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Testata-concorso-MusicamoreNuovi aggiornamenti nella classifica del concorso di canto online bandito da questo blog che potrete visionare sotto la testata Musicamore
Intanto continuano a pervenire ancora video, ovviamente fuori concorso.
Molti di questi  fanno trasparire talenti in erba che, a mio avviso bisogna tenere in considerazione e divulgare.

Oggi pubblico quello di un del baritono rumeno Eugen Dragos Voicu che canta un’aria dell’Elisir d’amore di Donizetti.

Sottolineo che è fuori concorso e di conseguenza non va votato.

Potete comunque lasciare il vostro giudizio qui, sul blog.


YouTube Video

Tag:, , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Testata-concorso-MusicamoreDaniella Caveney è un soprano, di bella presenza e dalla voce che definirei lirico tendenzialmente al leggero. E’ brava, e devo dire che anche senza una grande gestualità riesce ad essere moltro espressiva col viso.

Tenendo conto che stiamo parlando di voci ad un livello già alto, siamo costretti  ad individuare quei piccoli diffetti che distinguono  un artista dall’altro per poter trovare comunque la voce vincente del concorso, che ricordiamo finirà il 31 ottobre (vedi regolamento)

Comunque invito tutti coloro che seguono il concorso (e devo dire che siete in tanti) ad esprimere la propria preferenza possibilmente via mail: ottottobre@tiscali.it


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Testata-concorso-MusicamoreChi ascolta per la prima volta un sopranista, quasi sempre è colto da ilarità perchè sentir cantare un uomo con voce di donna non è così comune.

Eppure un tempo,ascoltare un sopranista  era normale perchè gli uomini le cui famiglie decidevano per il loro futuro, venivano castrati per avere il pane sicuro cantando.

Oggi per fortuna questa barbara usanza non esite più, e i sopranisti quasi sempre sono persone dotate di una particolare struttura della laringe e delle corde vocali e soprattutto di un’impostazione tecnica specifica per poter cantare nei ruoli scritti ad oc.

Il periodo barocco è sicuramente quello più prolifico di ruoli scritti per voce di sopranista ed è proprio di questo periodo, esattamente del musicista Vivaldi, l’aria che ci canta Alessio Barni in questo video, inviato per partecipare al concorso online per voci, bandito da questo blog Musicamore (leggi il regolamento)


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Testata-concorso-MusicamoreI profani conoscono questa romanza con il titolo “Figaro qua” ma il titolo originale del brano, che Gioacchino Rossini ha dato al personaggio della sua opera Barbiere di Siviglia è ” Cavatina del Barbiere”, cantata da una voce di Baritono.

In questo video, la Cavatina del Barbiere è eseguita dal baritono ucraino

Korenivsky Ivan,

candidato al concorso per voci bandito da questo blog.

Clicca qui per leggere  il regolamento.

guarda il video e dai il tuo giudizio scrivendo ad ottottobre@tiscali.it


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Testata-concorso-MusicamoreNasce il 1°concorso per voci leggere e liriche bandito dal blog Musicamore.
Non si vince nulla di materiale se non la Coppa virtuale e la pubblicità online su vari blog tenendo conto che fra i lettori del blog Musicamore ci sono anche case discografiche e agenti interessati alle nuove proposte.
Naturalmente non ci si deve presentare fisicamente ma dovrete inviare il link del vostro video che dovrà essere chiaro e soprattutto non manomesso dal punto di vista acustico.
Ogni giorno nelle colonne di questo blog saranno pubblicati i video più interessanti.
I video si possono inviare fino al 15 ottobre.

Il 31 Ottobre  una commissione di esperti  stabilirà il vincitore e stilerà una graduatoria con le dovute motivazioni.
Cosa cantare?
Se siete dei cantanti lirici, potrete eseguire una romanza tratta dal repertorio operistico  e da camera fino al 1950, in base al vostro tipo di voce : soprani, mezzosoprani, contralti, tenori, baritoni, bassi; per i cantanti di musica leggera invece una canzone del repertorio del periodo che va’ dagli anni ’70 ai giorni nostri.
Naturalmente anche il pubblico online potrà esprimere il proprio giudizio dall’1 al 10,(possibilmente via mail) di cui la giuria terrà conto.
Non ci sono limiti d’età.
Dopo il 15 di ottobre sarà pubblicata la graduatoria in base alle preferenze del pubblico e della giuria che varierà giorno dopo giorno fino alla fine del mese. Il verdetto finale sarà deciso oltre che dalla giuria di questo blog anche da una supercommissione di personaggi della lirica , giornalisti di riviste musicali e della RAI

Ovviamente ci sarà un vincitore per la musica leggera ed uno per la musica lirica e varie menzioni d’onore.
Allora cominciate a preparare i vostri video e ad inviarli al seguente indirizzo: ottottobre@tiscali.it. Mi raccomando, basta il link.
La commissione è composta da otto, tuttinmusica, nonzittitelarte, la cagliaritana, ikonos, Nenet.

Ci sarà anche un premio speciale per gli artisti che la commissione troverà interessanti tra quelli trovati liberamente in rete.

Intanto comincio a pubblicare il video di un giovane tenore ricevuto qualche mese fa

GEORGE VALENTIN DRAGOMIR

Questa o quella -  Rigoletto – G. Verdi -


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments 3 Commenti »

antonella-clericiDevo dire che  finalmente il mio desiderio di sentire belle voci talentuose è stato appagato ieri sera durante la trasmissione di Antonella Clerici “Ti lascio una canzone“.
So che mi attirerò molte critiche in proposito, ma non si può non fare un grande plauso a coloro che hanno selezionato questi 10 bravissimi talenti. Il maestro Leonardo De Amicis col suo staff ha scelto le voci, quelle vere, una più bella dell’altra in termini musicali, vocali, d’espressione e d’interpretazione.
In generale non amo le gare canore con bambini che cantano come gli adulti, sono troppo attaccata allo Zecchino d’Oro.
In questo caso, aldilà dei testi, ho sentito finalmente cantare e ciò che mi aspettavo da una trasmissione di adulti come X factor, l’ho avuto ieri da questa di Antonella Clerici che comunque fa di tutto affinchè i bambini abbiano l’aspetto dei bambini.
Le voci esistono ed anche le scuole di canto perchè , il 90 per cento di questi talenti hanno già il loro piccolo studio alle spalle.
Ieri si doveva proclamare la canzone vincitrice della serata e se fossi stata io in commissione avrei avuto grosse difficoltà. La scelta mia sarebbe andata sicuramente al ragazziono 13enne, dagli occhi cerulei coi capelli ricci e dalla voce baritonale: impressionante!! Spero solo che chi ha in mano quella voce la sappia trattare con i guanti di velluto.
Ha vinto invece la canzone E Poi che lanciò Giorgia e che ieri è stata interpretata magnificamente una una bambina rumena, con un italiano perfetto e voce squillante acutissima e intonatissima.
Speriamo davvero che le famiglie stiano vicino a questi ragazzi , l’ambiente in cui ora stanno vivendo questa bella favola è un po’ troppo vicino al Paese dei Balocchi e sappiamo poi quali potrebbero essere i rischi.

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

…maschili: tenori, baritoni, bassi per piccolo gruppo da inserire nell’opera l’Olandese Volante  .

(continua…)

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Chissà  quanti di voi non conoscono il significato di queste due parole: golfo mistico.
Sicuramente non è un quesito che pongo ai miei colleghi musicisti nè ai miei colleghi tecnici teatrali

Ma per chi non lo è , posso spiegare dicendo che si tratta di quello spazio  o fossa che sta ai piedi del proscenio, la zona sotto il palcoscenico  ad esso collegata che si estende nella sala.
E’ la sede istituzionale dell’orchestra che suona dal vivo.
La nascita del golfo mistico  si deve alla riforma del melodramma operata da Wagner.

Prima l’orchestra agiva a vista del pubblico, poi fu alloggiata in una buca appositamente ricavata ai piedi del palcoscenico.
Venne creata nei teatri europei con l’arrivo dell’elettricità che permise l’attuazione di uno spazio dedicato all’orchestra sufficientemente illuminato. 
Oggi, in alcuni teatri, la buca d’orchestra può essere mobile e innalzarsi a livello del palcoscenico, prolungando il proscenio.

Questo accade quando l’orchestra assume un ruolo da protagonista nello spettacolo.
La sistemazione dell’orchestra al di sotto degli artisti che che si esibiscono sul palcoscenico è anche una scelta di equilibri dei suoni.

 Con l’arrivo della musica Wagneriana, le orchestre si sono arricchite nei fiati ed in particolare  negli  ottoni (trombe, tromboni e bassotuba, strumenti temuti dalle voci) e coseguente aumento del volume .
Le voci, che nel teatro lirico non sono amplificate artificialmente, rischiavano di essere coperte  

da questa gran massa di suono.

In questa maniera, invece, la voce con impostazione lirica, trovandosi al di sopra riuscirà ad emergere.
Purtroppo però ci sono tanti direttori che, trovandosi nel golfo mistico si sentono invasi da un misticismo totale dimenticandosi proprio delle voci e, avvolti dall’onda magica del suono di archi, clarinetti, flauti ottoni e percussioni, si lasciano prendere la mano e riescono, nonostante stiano al di sotto, a coprire non solo i solisti ma anche il coro con grave danno per le corde vocali.
Un buon direttore d’orchestra infatti è quello che riesce a trovare il giusto equilibrio sonoro tra i cantanti e le orchestre soprattutto quando queste sono particolarmente ricche di strumenti a fiato.

Altre notizie su Golfo Mistico

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Fin da bambina, ascoltando i dischi di mio nonno , rimanevo affascinata da queste tre voci.

(continua…)

Tag:, , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Ieri sera ho assistito ad un concorso canoro di musica leggera organizzato dal comune di Elmas (Il fenicottero d’oro) e sono rimasta a bocca aperta dalla bellezza delle voci .

(continua…)

Tag:, , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Il genio umano non finisce mai di stupirci!

(continua…)

Tag:, , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Avete mai pensato a quanti rumori e suoni accompagnano giornalmente la nostra vita ?

(continua…)

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

L’agilità non è solo quella che permette a chiunque di fare determinati movimenti in modo facile e naturale , ma esite anche l’ agilità vocale.

(continua…)

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ieri sera si è svolta a Cagliari la Rassegna Polifonica d’Autunno giunta alla 2^ edizione.

(continua…)

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Le mie giornate di lavoro sono sempre molto varie.

(continua…)

Tag:, , , , , , ,

Comments 2 Commenti »