Articolo taggato “teatro la Fenice”

Ancora una bella notizia dal mondo dei Teatri lirici. Dopo quella relativa al Maggio Musicale Fiorentino in cui si cominciano a vedere segni di ripresa grazie soprattutto al coordinatore artistico Pierangelo Conte, (vedi postecco che da un altro teatro importante come quello della Fenice di Venezia arrivano segni positivi.

Sono sempre più convinta che se ci sono le persone giuste e appassionate a guidare le importanti istituzioni, si riesce a fare della cultura  un vero business  come nei grandi teatri esteri.

«Quest’anno il botteghino ha superato per la prima volta nella storia 9 milioni di euro. Entusiasti di servire al meglio la vostra passione! Risultati importanti e concreti». È stato lo stesso sindaco Luigi Brugnaro, con questo messaggio sul suo profilo twitter a rendere noto l’importante risultato economico raggiunto dal Teatro La Fenice, i cui ricavi da biglietteria sono in crescita costante negli ultimi anni.

Se alla fine del 2016 ci si era fermati a 8 milioni e 675 mila euro quest’anno, con ancora circa un mese e mezzo di programmazione davanti, è ipotizzabile si possano raggiungere anche i 9,2 milioni di euro di introiti.

Risultato eccellente per una fondazione lirica che ha un bilancio complessivo di poco più di 34 milioni di euro e che dunque copre quasi un terzo di esso grazie appunto agli incassi del botteghino.

Una rarità, in un panorama piuttosto disastrato per le fondazioni liriche italiane, che mette in sicurezza la fondazione lirica veneziana, che vedrà quest’anno crescere di oltre un milione di euro – con circa 16 milioni e 328 mila euro – anche i finanziamenti statali del Fus, il Fondo unico per lo spettacolo. In aumento anche la produzione, con le rappresentazioni liriche che quest’anno passeranno da 145 a 150, i balletti da 5 a 14, i concerti di musica sinfonica da 38 a 40.

Il bilancio 2017 si chiuderà ancora in pareggio e anche il bilancio 2018 appare blindato, con una previsione di incassi di circa 10 milioni di euro, dei quali 2,5 già ottenuti in prevendita.

Risultati di cui può giustamente fregiarsi il sovrintendente uscente Cristiano Chiarot, che si è dimesso circa un mese fa – dopo alcun i mesi di interregno – per assumere in esclusiva la guida del Maggio Musicale Fiorentino, anche su sollecitazioni – estese a Brugnaro, che le ha a malincuore accettate – del ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. Il passo successivo ora spetta appunto al sindaco di Venezia e presidente della fondazione lirica che oltre a rallegrarsi giustamente dell’ottimo andamento della Fenice anche dal punto di vista economico e gestionale, deve fare la sua parte, nominando appunto il successore di Chiarot ed evitando che dal punto di vista istituzionale la Fenice resti nel limbo attuale. Cioè senza sovrintendente, con il direttore generale Andrea Erri, che ha il potere di firma ma non può ovviamente ricoprirne il ruolo e con il direttore artistico Fortunato Ortombina ancora al suo posto, ma che è proprio colui che dovrebe prendere il posto di Chiarot, garantendo la continuità gestionale di cui il teatro ha bisogno per mantenere il livello raggiunto. Sta dunque a Brugnaro adesso convocare quanto prima il Consiglio di Indirizzo della Fenice e proporre il nome del successore di Chiarot. FONTE http://m.nuovavenezia.gelocal.it/venezia

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ruolo: Soprani/Alti/Tenori/Bassi per il coro

Sede: Teatro Fenice Venezia

Scadenza: 3 aprile

Descrizione:

Il Teatro La Fenice di Venezia indice audizioni per assunzioni a termine nel coro per Soprani, Alti, Tenori e Bassi. Le prove d’esame, che saranno sostenute in anonimato, avranno luogo nelle seguenti date:

Alti: 3 maggio (ore 9)
– Soprani: 4 maggio (ore 9)
– Tenori: 11 maggio (ore 14)
– Bassi: 11 maggio (ore 9)

Consulta il sito

Scarica il bando

Informazioni:
Tel: 041 786511
concorsiaudizioni@teatrolafenice.org

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

In occasione della prova generale dell’Opera di Giacomo Meyerbeer, L’africaine,venerdì 22 novembre 2013 al Gran Teatro La Fenice di Venezia è stato letto il seguente comunicato
«La “Fondazione Teatro La Fenice” è vicina alle popolazioni della Sardegna, colpite in questi giorni da calamità naturali. In particolare esprime solidarietà alle famiglie delle persone che, in questa circostanza, hanno perso la vita.
Parte dell’incasso della serata sarà speso con la “Fondazione del Teatro di Cagliari” per alleviare, per quanto è nella nostra vocazione al bello, le sofferenze di tanta parte di quella regione.»

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

I colleghi del Teatro La Fenice che in questi giorni si trovano in Giappone per una tourné teatrale,(vedi post precedenti) sono stati svegliati da una potente scossa di terremoto.

dal quotidiano http://nuovavenezia.gelocal.it/

OSAKA – Una scossa di terremoto di magnitudo 6,3, alle 5.33 ora locale (22.33 ora italiana) ha buttato giù dal letto l’Orchestra e il Coro della Fenice al loro sesto giorno di tournée in Giappone. L’epicentro del sisma, che ha provocato solo qualche danno nella vicina città di Kobe, è stato a una trentina di chilometri da Osaka dove la Fenice ha inaugurato mercoledì sera con un concerto la nuova Festival Hall da 2.700 posti. Qualche attimo di paura tra i 265 orchestrali e coristi del teatro che, poco dopo, sono ritornati a dormire. Non è il primo “imprevisto” per le maestranze del teatro veneziano durante le loro tournée in giro per il mondo. Erano infatti a Varsavia, la notte del 29 gennaio 1996, quando un incendio distrusse il teatro. Erano In Islanda, nell’aprile del 2010, quando l’eruzione di un vulcano paralizzò i cieli di mezza Europa. Giampaolo Baldin, corista “storico” della Fenice, la prende con filosofia: «Il mondo deve preoccuparsi quando ci muoviamo, ma in fondo questi “contrattempi” ci hanno sempre portato fortuna».

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Altre immagini che ci arrivano dal Giappone e precisamente Osaka, luogo dove la Fondazione Teatro La Fenice di Venezia si trova attualmente   e dove sta rappresentando alcuni concerti e l’opera verdiana  Otello  interpretato dal tenore Gregory Kunde, Jago: Lucio Gallo ,Cassio: Francesco Marsiglia, Roderigo: Antonello Ceron, Lodovico: Mattia Denti , Montano: Matteo Ferrara, Desdemona: Leah Crocetto ,Emilia: Elisabetta Martorana

Il nostro rappresentante sardo, il tenore Giovanni Deriu artista del coro, ci ha regalato queste foto scattate  fra una pausa e l’altra delle prove del  concerto di brani verdiani ,  diretto dal maestro Myung-Whun Chung. I solisti sono il  soprano: Ekaterina Bakanova il tenore: Shalva Mukeria il baritono: Julian Kim. Il maestro del coro è Claudio Marino Moretti. Orchestra e Coro del Teatro La Fenice

La fondazione del Teatro La fenice è stata invitata dall’Asahi Shimbun Company, la società proprietaria del principale quotidiano giapponese , che  si è impegnata nella ricostruzione della sala e nel rilancio dell’Osaka International Festival

Nella foto di testa Giovanni Deriu è in compagnia del tenore Gregory Kunde.

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ed ecco le prime immagini che riguardano la tournée del Teatro La Fenice in Giappone. Il concerto d’inaugurazione  è stato un vero trionfo.

Il pubblico giapponese ha mostrato di apprezzare  con  entuasiasmo la nostra musica italiana trasformandola anche in un grande business.

Quando impareranno i nostri governanti a fare lo stesso  in Italia? E’ possibile che non si capisca la grande risorsa economica che abbiamo?

dal Sole 24ore un articolo a riguardo

 

Prossimo appuntamento Otello di Giuseppe Verdi.

Sotto il video dell’inaugurazione

Teatro La Fenice – Japan tour 2013
Osaka, Festival Hall
Concerto di Gala

Giacomo Puccini
Turandot: «Nessun dorma»
Tenore: Massimiliano Pisapia

maestro concertatore e direttore
Myung-Whun Chung

Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
maestro del Coro Claudio Marino Moretti


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Se in Italia si fatica a mantenere in piedi le  Fondazioni liriche Sinfoniche, nei paesi del Sol Levante si fa a gara per avere queste come ospiti dei loro teatri. Dopo Il Teatro di Firenze il San Carlo di Napoli (è stato ospite del 41 festival musicale ad Hong Kong)  ecco che anche la Fenice di Venezia è volata in Giappone per un’altra prestigiosa stagione tutta italiana.

E in questa tournée c’è anche un po’ di Sardegna. Fra gli artisti del coro infatti ci sono il tenore nuorese Giovanni Deriu (che si alterna fra Cagliari e Venezia) e il soprano Antonella Meridda. Sarà proprio Giovanni Deriu a raccontarci  alcuni momenti delle giornate giapponesi.

Già dalleprove sono scaturite subito le prime sensazioni: “Oggi la lacrimuccia non ha resisisto. Cantare la musica della propria nazione in terra straniera ti riempie di gioia e ti fa dimenticare i periodi negativi. Sentire il caloroso entusiasmo del pubblico giapponese dopo aver cantato e suonato le musiche di Verdi, Puccini e Rossini ti soddisfa ancora di più. Queste situazioni ti fanno veramente sentire la voglia essere Italiano e la voglia di sentir nominare IL “Bel Paese” ancora una volta in tutto il mondo. La Cultura può ancora garantirci un grande futuro!!!!! Buonanotte dal Giappone!!!”

 La Fondazione Teatro La Fenice ha inaugurato la nuova Festival Hall di Osaka, con un concerto,sotto la guida di Myung-Whun Chung, Il prossimo appuntamento sarà l’OTELLO di Verdi. Invitata dall’Asahi Shimbun Company, la società proprietaria del principale quotidiano giapponese impegnata nella ricostruzione della sala e nel rilancio dell’Osaka International Festival, la Fenice ha effettuato così la sua terza tournée in Giappone, a otto anni di distanza dalla precedente del 2005: una tournée che dopo Osaka la porterà anche a Nagoya e a Tokyo, per un totale di quattro concerti e quattro rappresentazioni di Otello.

La tournée è organizzata in collaborazione con Asahi Shimbun, Bunkamura e Tokyo Broadcasting System, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia e dell’Istituto Italiano di Cultura di Tokyo.

Le tre serate ad Osaka apriranno il 51. Osaka International Festival.

Concerto di gala
direttore: Myung-Whun Chung | soprano: Amarilli Nizza | maestro del coro Claudio
Marino Moretti | Orchestra e Coro del Teatro La Fenice

Osaka, Festival Hall
mercoledì 10 aprile 2013 ore 19.00

Tokyo, Bunka Kaikan
martedì 16 aprile 2013 ore 19.00

Otello

maestro concertatore e direttore: Myung-Whun Chung | regia: Francesco Micheli | scene: Edoardo Sanchi | costumi: Silvia Aymonino | light designer: Fabio Barettin | maestro del coro: Claudio Marino Moretti | Orchestra e Coro del Teatro La Fenice

personaggi e interpreti principali
Otello: Gregory Kunde | Jago: Lucio Gallo | Cassio: Francesco Marsiglia | Roderigo: Antonello Ceron | Lodovico: Mattia Denti | Montano: Matteo Ferrara | Desdemona: Leah Crocetto | Emilia: Elisabetta Martorana

Osaka, Festival Hall
giovedì 11 aprile 2013 ore 18.30

Nagoya, Aichi Arts Center
domenica 14 aprile 2013 ore 14.30

Tokyo, Orchard Hall
mercoledì 17 aprile 2013 ore 18.30 | venerdì 19 aprile 2013 ore 18.30

Concerto

direttore: Myung-Whun Chung | soprano: Ekaterina Bakanova | tenore: Shalva Mukeria | baritono: Julian Kim | maestro del coro Claudio Marino Moretti | Orchestra e Coro del Teatro La Fenice

Osaka, Festival Hall
sabato 13 aprile 2013 ore 14.30

Tokyo, Bunka Kaikan
giovedì 18 aprile 2013 ore 19.00

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

vinitaly_2010_02_lestradedelvino_sardegnaSi è concluso il Vinitaly la più grande mostra del nostro vino Italiano, (per ogni dettaglio vi invito a visitare il bellissimo post della mia collega bloggerCucchiaio d’oro) e mi viene da fare alcune considerazioni soprattutto sulcontratto di Licensing, che vede la Viticoltori Ponte e la società Fest Srl dellaFondazione Teatro La Fenice impegnati nei prossimi tre anni per promuovere l’Italian life style nel mondo attraverso il vino, che è stato firmato rispettivamente dai Presidenti Giancarlo Guidolin e Valter Menazza e dal Sovrintendente del Teatro Cristiano Chiarot.

Ho pensato all’importanza che il vino ha sempre avuto nel mondo dell’Opera lirica . Quanti autori, quanti musicisti si sono ispirati ad esso. Spesso poi è stato determinante anche per la risoluzione della trama dell’opera come, ad esempio, nella Cavalleria Rusticana di Mascagni, prima con l’aria corale “Viva il vino spumeggiante” e poi con l’aria del tenore: “Mamma quel vino è generoso”.

Ma ritroviamo il vino in tantissime altre opere ad esempio nell’Otello di Giuseppe Verdi “Bevi bevi” , nella Traviata “Libiamo nei lieti calici” o ancora nel “Sansone e Dalila” di Santi Saens col bellissimo “baccanale”. Ma l’elenco è lunghissimo. Anzi vi invito a ricercare le opere in cui il vino è uno dei protagonisti. Per ora vi propongo questo video dove a cantare “Libiam nei lieti calici ” è la mia conterranea e collega Giusy Devinu col tenore Roberto Alagna durante una Traviata diretta da Riccardo Muti al Teatro alla Scala di Milano.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments 4 Commenti »