Articolo taggato “successo”

Quando ho visto questo spot la prima volta ho pensato ci fossero dei trucchi cinematografici. Quel modo di ballare così veloce, così particolare sembrava artificiale, creato con effetti speciali. Lui, il ballerino, ha conquistato tutti. Uno spot martellante che anche chi segue poco la TV, ne è rimasto conquistato. Questo ragazzo è sicuramente geniale e di grande talento. Ma chi è? Come nasce? Quale è il suo stile?

Si chiama Sven Otten, ha 29 anni ed è tedesco. Ma gli utenti di YouTube lo conoscono come JustSomeMotion, il nome con cui ha battezzato il suo canale video nel 2012.

Nasce proprio sui social la sua danza così particolare. Non è uno stile ben definito ma un insieme di stili. Nelle chat ho letto tanti pareri contrastanti sul nome da dare a questo modo di danzare.

Uno stile che Otten descrive “come un mix tra Melbourne Shuffle, Tettonica, Rebolation e Charleston. Che si adatta perfettamente alla musica swing elettronica di artisti come Parov Stelar o Jamie Berry”.

Dopo un anno di pratica – racconta l’artista – ho caricato il mio primo video su YouTube, solo per mostrare alla mia famiglia e agli amici quello che avevo in mente. A loro piaceva così tanto che il mio amico l’ha postato su Reddit, dando inizio alla mia carriera“.

Intanto vi posto il video da cui è nato lo spot, quello di Lui che prova e riprova nella sua stanza .


YouTube Video

 


 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Un successo personale quello del bas- baritono di Alghero Domenico Balzani all’Opera di Tel Aviv. Il suo ruolo, quello del buffo Dandini nell’Opera Cenerentola di Gioachino Rossini, ha suscitato grande ammirazione.

Così scrive di lui  l’Opusmagazine :

Dei sette cantanti nei ruoli principali è stato facile mettere in evidenza un eccezionale italiano: Domenico Balzani nel ruolo del servo Dandini . Vocalmente era il migliore, con la sua voce di basso d’agilità ha cantato con una dizione italiana pefetta . Anche gli altri  solisti anche cantato in italiano ma- contrariamente a Balzani- si capiva che per loro non era la lingua madre.

La vocalità e la chiara dizione di Domenico Balzani è emersa fin dalle prime note, ed è stato l’unico,   mentre per la maggior parte degli interpreti c’è voluto un po’ ‘di tempo affinchè prendessero confidenza con i ruoli. 

In questa edizione dell’opera rossiniana la regia, scene, luci e costumi era firmata da Cécile Roussat & Julien Lubeck  . La direzione affidata al giovane direttore Daniel Cohen.

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il nostro Governo ce la sta mettendo davvero tutta per affossare la lirica e i teatri. Le considerazioni che questo genere teatrale non interessa più a nessuno sono spesso sulla bocca di tanti di loro: “Con la cultura non si mangia; la lirica è uno spettacoli per vecchi ecc. ecc. ” Ebbene, al di là delle polemiche legate al fatto che i lavoratori della fondazione milanese lavoreranno anche il primo maggio, la Turandot in programma al Teatro alla Scala, prevista appunto per il giorno della festa dei lavoratori, ha già fatto il tutto esaurito. E non stiamo  parlando di costi dei biglietti ad un euro! Guardate di seguito questo articolo del quotidiano “Corriere della sera”.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Tutto esaurito per La Traviata di Verdi: spettacolo record per presenze e incassi

Con 17 mila spettatori paganti e un incasso al botteghino di 285 mila euro, l’allestimento di La Traviata, in scena sino a domenica 16 novembre al Teatro Lirico di Cagliari, conferma il successo dell’intera Stagione lirica e balletto 2014 e l’interesse crescente del pubblico per la programmazione teatrale e concertistica proposta della prima istituzione culturale della Sardegna.

Dopo gli eccezionali risultati della Turandot estiva con le scene di Pinuccio Sciola, che, con una programmazione di 15 recite, ha fatto conoscere il teatro cagliaritano a migliaia di turisti e, grazie al connubio con la tecnologia dei Google Glass, ha portato il Lirico sui media di tutto il mondo (tra gli altri, hanno parlato del primo esperimento di “opera interattiva” il New York Times, il Wall Street Journal, il londinese Guardian, oltre a decine di telegiornali, portali, riviste e siti specializzati), la ripresa autunnale della stagione ha visto pienamente confermato il calore e il forte interesse del pubblico per le attività del teatro.

Con 7365 abbonati alla Stagione lirica e di balletto (pari a un incremento del 46% nel solo 2014) che vanno a sommarsi ai 1985 della Stagione concertistica, il Teatro Lirico di Cagliari ha conquistato la terza posizione per numero di abbonati tra le fondazioni lirico-sinfoniche italiane (dopo il Regio di Torino e la Scala di Milano). E il forte interesse del pubblico per le attività del teatro cagliaritano sembra confermato anche sul web, dove la pagina Facebook del Lirico è di gran lunga in testa per numero di interazioni (2900), di contenuti postati e condivisi (67) e per l’incremento settimanale degli utenti iscritti (+2,3% contro lo 0,1% dell’Arena di Verona, lo 0,2% del Piccolo di Milano, lo 0,6% della Scala).

A confermare un trend decisamente positivo è, in questi giorni, lo spettacolare allestimento di La Traviata di Giuseppe Verdi, firmato per regia, scene e costumi dai coniugi Karl-Ernst e Ursel Herrmann, (in programmazione dallo scorso 7 novembre e sino a domenica prossima) che ha consentito al teatro cagliaritano di raggiungere la quota record di 17 mila spettatori paganti: teatro al completo in ogni ordine di posti, sia per le 7 recite in abbonamento che per le 2 anteprime aperte al pubblico e i 2 matinée in forma ridotta riservati alle scolaresche provenienti da tutta la Sardegna.

Un tutto esaurito che premia il lavoro di coro, orchestra, tecnici e artisti impegnati nelle diverse attività del Teatro e che sembra destinato a ripetersi anche per gli ultimi due appuntamenti della stagione: il balletto Lo schiaccianoci di ?ajkovskij (in scena dal 22 al 30 novembre) e il fantasmagorico allestimento dell’opera Gli stivaletti, sempre del grande compositore russo, in programmazione dal 19 al 30 dicembre.

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

La terza e ultima rappresentazione del ‘Nabucco’ di Giuseppe Verdi, messa in scena a Tokyo dal Teatro dell’Opera di Roma Capitale si è conclusa con un applauso lungo quasi venti minuti.

L’Opera verdiana diretta da Riccardo Muti ha siglato un altro successo della musica italiana nel mondo.
La fine della tournée della fondazione lirica romana, ha segnato il tutto esaurito nelle sei serate allestite in Giappone, incluse le tre del ‘Simon Boccanegra‘, mentre sul palcoscenico spuntavano le scritte ‘sayonara’(arrivederci) e ‘grazie’.

Quanto nel resto del mondo sia apprezzata la nostra musica e la nostra arte lo si sperimenta sempre in queste occasione e ci si domanda se  nella nostra terra  tutti capiscano davvero il grande valore di questo tesoro immenso.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

E’ incredibile quanto fosse amato Little Tony! I messaggi su FB sono stati tantissimi e tutti lo hanno ricordato con simpatia e affetto, anche le persone che apparentemente potevano sembrare lontane dal suo genere musicale. Little Tony è stato sicuramente uno dei protagonisti maggiori della canzone italiana degli anni 60. Le sue canzoni avevano un successo immediato e tutti noi bambini di allora le conoscevamo e le cantavamo.  Una bella voce estesa e pulita gli hanno garantito una lunghissima carriera interrotta solo dalla sua malattia.

Fra i tanti messaggi sono rimasta colpita  da quello che gli ha dedicato l’amico e collega Gianni Morandi nella sua pagina Facebook. Un messaggio commovente che in breve racconta la carriera che li ha visti insieme protagonisti di un’epoca.

28 maggio. Caro Tony, te ne sei andato troppo in fretta e ci hai lasciato qui a ripensare a quei tempi, a quei giorni splendenti, a quegli anni quando noi tutti eravamo ragazzi e credevamo di poter cambiare il mondo e tutto sembrava facile, possibile…il tuo entusiasmo per il Rock and Roll, per la vita… Ma ti ricordi quante ne abbiamo passate insieme… quella tournée in Canada dove tu eri la vera Star, le varie partecipazioni e le battaglie a Canzonissima, i tanti Festival di Sanremo, poi d’estate a girare l’Italia con il Cantagiro e quella volta che meritavi di stravincere con RIDERA’…e la tua fissazione per Elvis e l’America, noi che ti prendevamo in giro…e quando ti presentavi in TV con i tuoi look eccentrici e ci dicevi, con la tua solita sfacciata ironia “domani parleranno solo di me”…e le feste a casa tua quando zio Nullo gestiva tutto… E’ vero, oggi, Bobby, Rita, Patty, Al Bano, Gigliola, Massimo, Orietta, Michele, io…siamo tutti ragazzi invecchiati, ma tu te ne sei andato troppo presto e noi siamo qui con una grande tristezza e con il groppo in gola…

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Il successo, per un artista, è una parola grandiosa. Ha successo chi, nella sua professione, riesce a farsi apprezzare da un pubblico sempre più  numeroso. Parlo soprattutto del mondo dello spettacolo e dello sport: attori, cantanti, musicisti, calciatori, ciclisti.
Ma mi domando perchè , il successo a volte è  accompagnato da un degrado fisico e  morale.
Si, è vero che molto di ciò che ci arriva è montatura pubblicitaria per tenere sempre viva l’immagine del personaggio. Ma quanti artisti hanno perso la vita a causa della droga! Quanti ,davvero grandi, che avrebbero potuto deliziarci ancora con la loro voce, con le loro interpretazioni, con le loro vittorie sportive, hanno finito i loro giorni in una camera d’albergo distrutti dagli stupefacenti!
Purtroppo sappiamo che dietro i grandi personaggi si aggirano loschi figuri che sfruttano la ” preda” fino all’osso, mettendola in condizioni di produrre più di quello che il loro fisico possa dare, costringendola a dover ricorrere alle droghe ( compresi alcool e psicofarmaci) perchè lo stato psicologico non riesce a stare al passo con la mole di lavoro.

Qualche giorno fa ho sentito la vincitrice di un  reality televisivo musicale. Quando vinse mi piacque subito  per la grande voce e per l’interpretazione. Riascoltandola in questi giorni, mi ha impressionato. Le sue corde vocali probabilmente sono minate da noduli o polipi difficilmente curabili. La brillantezza e la pulizia vocale di un tempo hanno lasciato spazio ad una voce afona e a tratti spezzata, risultato generato da un eccessivo uso della voce senza studio tecnico.

E allora, sento di dover dare un consiglio, e in questo caso ai giovani artisti del mio campo, quello del teatro lirico.
Non lasciatevi prendere la mano dal facile guadagno, accettate sempre contratti per opere adatte alla vostra voce. Abbiate la forza di dire no a personaggi d’opera fuori dalle vostre possibilità. Rimanete nel vostro repertorio e soprattutto prendetevi sempre periodi di pausa per lo studio e il riposo vocale, senza trascurare gli affetti, altro elemento fondamentale per un sano successo.
Ci sono cantanti, ( faccio l’esempio del soprano   Mirella Freni) che sono diventati grandi perchè hanno saputo scegliere ruoli adatti alla propria voce ,  alternando il lavoro sempre al riposo e allo studio.


YouTube Video

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

 La maggior parte dei musicisti e cantanti muove i primi passi nei cori della propria città ed in particolare della propria parrocchia e generalmente in occasione della preparazione alla prima Comunione. Poi, chi ha il talento, prosegue perchè la strada si presenta in discesa. Si incontrano gli amici con interessi comuni e spesso si comincia a cantare o suonare insieme.
Ed’ proprio insieme che si hanno le prime soddisfazioni.

Quando si forma un piccolo gruppo strumentale e vocale  il piacere di fare musica si moltiplica. Il risultato delle armonie prodotte è bellissimo. Si proseguono poi gli studi specifici al conservatorio e chi veramente è fuori dalla norma, riesce a sfondare anche a livello internazionale.
Mi è capitato però di sentire ragazzi che si vergognano nel ricordare che è proprio con la musica sacra che sono emersi i loro talenti. Spesso è un particolare che nei curriculum viene omesso. Ma questo succede a noi italiani perchè quando leggiamo che i grandi artisti americani, soprattutto quelli di colore, hanno cominciato a cantare con i canti bibblici durante le funzioni religiose, rimaniamo a bocca aperta.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il concorso di Canto online Musicamore 2011, che quest’anno ha appena concluso la sua 2^ edizione ha avuto veramente una grande risonanza soprattutto in quei paesi  in cui risiedono i vincitori. Uno fra questi è la Polonia, paese della bravissima Milena Walosik, allieva del soprano Krystyna Tyburowska ,vincitrice del 1° premio assegnato dalla giuria tecnica.

La Polonia l’ha festeggiata in lungo e in largo. Infatti le preferenze non sono arrivate solo dalla capitale, Varsavia, ma da tutta la nazione. I suoi voti sono arrivati perfino da associazioni e ambasciate, scuole e società di ogni genere. La notizia poi è stata data anche attraverso dei siti. Ecco di seguito la notizia della vittoria di Milena pubblicata sul sito

http://www.pieniny24.pl/artykuly/czytaj/237/milena-walosik-zwyciezczynia-canto-musicamore-2011

pieniny 24 Polonia

 pieniny 24 polonia

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

IMG_0002Finalmente in ferie, anche se da un lato sono contenta perchè il riposo è necessario, dall’altro ho un velo di malinconia: i colleghi del teatro Carlo Felice di Genova entreranno in cassa integrazione, ma anche altri teatri al rientro avranno problemi con le programmazioni, compreso il nostro.

Che dire: noi continueremo a lottare per difendere il nostro posto di lavoro e soprattutto la nostra produzione culturale (alternativa alla massificazione televisiva) chiedendo al pubblico che ci segue da sempre, di sostenerci.

Noi ringrazieremo continuando a donare i nostri talenti artistici.

Nella foto di Priamo Tolu, il grande successo ottenuto nel maggio scorso, dal teatro Lirico di Cagliari a Wiesbaden in Germania.

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

treninoSono passati solo 3 giorni dal rientro della trasferta a Wiesbaden che già siamo attanagliati dalla nostalgia. Un’esperienza unica che il nostro teatro  ricorderà ancora per molto tempo. Tutti, veramente tutti, hanno gioito uniti di questo successo ottenuto in Germania con la rappresentazione della Lucia di Lammermoor di produzione interamente del teatro Lirico di Cagliari soprattutto in questo momento che la cultura nella nostra italia  è relegata in cantina.
Ieri alla ripresa delle prove per la preparazione della prossima opera in cartellone (I Puritani), i commenti erano comuni: soddisfazione, nostalgia, ricordi.
Su questi mi vorrei soffermare.
In altri tempi, ci sarebbe stato lo scambio delle foto e la raccolta dei nomi e dei soldi per le riproduzioni fotografiche. Oggi tutto è cambiato: con la tecnologia lo scambio avviene tramite mail o facebook. Nuove persone si sono iscritte per poter condividere le tantissime foto digitali scattate nel luogo di trasferta, ma anche video di ogni genere. Le foto e i video del ricevimento col governatore tedesco sono sicuramente al primo posto ma anche quelle che riguardano la città, le sue caratteristiche, i momenti allegri e quelli faticosi soprattutto durante il lavoro. Tutti in rete mettono ciò che hanno fatto nel loro campo.
Ho apprezzato molto un bellissimo video realizzato dai colleghi tecnici durante l’allestimento della Lucia nel bellissimo teatro di Wiesbaden, e ve lo voglio proporre.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

(continua…)

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Avete mai pensato  cosa vi spinga verso la lettura di questo o quell’articolo in un giornale? Oppure a cliccare su un blog piuttosto che un altro?

(continua…)

Tag:, , , , , , , ,

Comments 3 Commenti »


La campagna abbonamenti della Stagione concertistica 2008/2009 del Teatro Lirico di Cagliari ha registrato ancora una volta un significativo successo di vendite, attestandosi ben oltre le 1.300 sottoscrizioni per ciascuno dei due turni in cartellone.

(continua…)

Tag:, , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Lo so che molti di voi diranno che i soldi non fanno la felicità ma se ci sono danno gioia.

(continua…)

Tag:, , , , , ,

Comments 2 Commenti »


E’ stato un successo senza precedenti il concerto che si è tenuto in questi giorni a Cagliari al Teatro Comunale.
Il grande coro (90 elementi) e la grande orchestra cagliaritana hanno eseguito il Requien di G. Verdi con una magistrale professionalità.
Il pubblico, che ha esaurito il teatro, ha riservato, a tutti gli artisti ben 10 minuti di applausi.
Il coro è stato superlativo, le voci sempre intonatissime hanno superato magistralmente la grande orchestra ricca di ottoni e percussioni, senza mai perdere colore e smalto.
L’orchestra dal suo canto è stata all’altezza della situazione e in particolare le percussioni e i fiati hanno dato il meglio di se stessi
Di particolare pregio le voci solistiche del mezzosoprano e del soprano già note al pubblico cagliaritano per la loro presenza in diverse opere . Con qualche riserva le voci maschili.
Il direttore inglese Anthony Bramall, col suo gesto sempre preciso ha saputo dare a tutta l’opera di Verdi i colori giusti passando da sonorità quasi impalpabili a volumi grandiosi.

Il maestro del coro è Andrea Faidutti.
Solisti d?eccezione: Norma Fantini (soprano), Ildiko Komlosi (contralto), Massimo Giordano (tenore), Giacomo Prestia (basso).

www.teatroliricodicagliari.it

Tag:, ,

Comments 3 Commenti »