Articolo taggato “Rock”

Dopo la notizia della partecipazione a SANREMO ROCK, i D-STORTA continuano a far parlare di loro, sono nuovamente sul pezzo con un singolo che si intitola “IN COMA”.

Pubblicato il 4 Marzo 2018, il nuovo pezzo della band è prodotto in collaborazione con i produttori Milanesi Davide Bosio e Nicolò Fragile (Il chiosco produzioni).

Rock e pop si fondono insieme per creare una canzone dal significato molto profondo; Il singolo “IN COMA” cita infatti nel ritornello “Se l’avessi saputo prima, ora non sarei qui in coma”, una frase che chiunque almeno una volta nella vita ha probabilmente detto o pensato, una frase molto soggettiva che può rispecchiare molte realtà tutte diverse tra loro.

I D-STORTA sono un quartetto IndieRock con un disco all’attivo: Un colpo di pistola. Il singolo Cerchi, entra nella Indie Music Like, e rimane in classifica per 13 settimane. Tra i premi vinti della band ricordiamo : L’UNIONE SARDA & ICHNUSA SPECIAL CONTEST (Premio della critica) PREMIO DONIDA (premio LA COMPAGNIA BMG; consistente in un contratto editoriale con la Major), ROCK TARGATO ITALIA (premio compilation). Dal 2012 a oggi hanno suonato in open act per artisti nazionali come Subsonica, Salmo, Malika Ayane, Velvet, Jon Spencer blues explosion, Pino Scotto.

GUARDA IL VIDEO DI “IN COMA” IL NUOVO SINGOLO DEI D-STORTA
Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Era il pianista più veloce del rock progressive.

Keith Emerson è scomparso a 71 anni, sembra togliendosi la vita nella sua villa di Santa Monica in California. Un altro gigante della stagione d’oro degli anni Settanta abbandona bruscamente il palcoscenico dopo aver scritto decine di capolavori sonori entrati nell’immaginario collettivo. Soprattutto con Greg Lake e Carl Palmer, con cui il tastierista aveva fondato gli EL&P. Un trio, anzi un supergruppo – visto che tutti e tre i musicisti provenivano da band già piuttosto affermate – che ha lasciato il segno con inni generazionali come “Lucky Man”, inciso nell’omonimo album di debutto “Emerson Lake & Palmer” targato 1970. E ancora come “Tarkus”, title-track del successivo disco, o magari come il terzo album “Pictures at an Exhibition”.

leggi qui tutto l’articolo

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Gravity Sixty , è un sestetto rocker  di giovanissimi ragazzi di Nuoro: Stefano Puggioni alla chitarra, Michele Carta anche lui

chitarrista e bravissimo anche alla batteria, Paolino Fois chitarra ritmica, il giovanissimo cantante Simone Puggioni , (che con piglio da rockettaro scafato ha fatto innamorare le ragazzine di mezza Italia), e poi il bassista Mauro Tore e il batterista Stefano Delussu. Tutti di età compresa tra

i 12 e i 16 anni, appena usciti dalle aule della Scuola civica di Nuoro. Si erano presentati alle selezioni della celebre trasmissione  di Antonella Clerici “Ti lascio una canzone“, forse neanche tanto convinti di arrivare e invece hanno sbaragliato tutti e questa sera, alla finalissima, cercheranno la vittoria.
La Sardegna appassionata di canto oggi sarà con loro.
In bocca al lupo!
Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

wildsEcco il secondo video della baby band WILD semifinalisti del concorso di Canto online Musicamore 2011.

Ci perviene anche il loro curriculum. Si ricorda che possono essere votati fino al 22 settembre, giorno della pubblicazione della graduatoria finale, sempre attraverso la email ottottobre@tiscali.it .

Questa band concorre anche per il premio “speciale Band” che sarà assegnato dal cantautore cagliaritano Alberto Sanna

IL GRUPPO

I WILDs (scritto con le prime quattro lettere maiuscole e la “s” in minuscolo) sono una band salentina, composta da ragazzi under 13, nata nel novembre del 2009 dalla voglia di confrontarsi e aggregarsi dei quattro giovanissimi artisti.

Il loro repertorio, forse anche a causa della personalità non ancora “matura”, spazia su più generi: dal rock del brano “Zack song”, di Jack Black, tratto dal film “School of rock”, all’intramontabile melodia di “Se bruciasse la città”, di Massimo Ranieri.

La prima apparizione in pubblico risale al 23 dicembre 2009 quando, nell’ambito di uno spettacolo natalizio, portano sul palco il brano “Parlami d’amore” dei corregionali Negramaro.

Da allora si esibiscono insieme ogni volta che ne hanno occasione tant’è che nell’aprile 2010, con poca esperienza alle spalle, decidono di partecipare alla IV edizione del “Festival di Primavera” di Gallipoli (LE) con il brano “Se bruciasse la città”, riuscendo a conquistare il 2° posto.

Nell’estate 2010 la voce del gruppo, a causa della difficoltà a trovare concorsi cui partecipare con la band, prende parte alla gara canora itinerante Salentincanto conquistando il 1° posto nella serata di Casalabate (LE).

Ritornati al festival di Primavera per l’edizione del 2011, si aggiudicano il trofeo del 1° classificato ed il diritto di accedere alla finale nazionale del concorso “Stelle del Mediterraneo”, con il brano “Diventerai una star” dei Finley.

A settembre 2011 si presentano al concorso canoro “La Voce delle stelle” di Taurisano (LE), unica band in gara, e si aggiudicano il 3° posto con il brano “Zach’s Song”, di Jack Black, tratta dal film “School of Rock”.

Tra le loro esperienze vanno annoverate le esibizioni alla prima rassegna dei “Talenti Sancesariani” di San Cesario (LE), al “Salento Voices” di Surbo (LE) e al Teatro Paisiello di Lecce in occasione di numerosi saggi, nonché la partecipazione al programma radiofonico “Bastardi dentro”, in onda su radio Rete8, dove il vocalist si è esibito dal vivo su alcuni brani del loro repertorio.

La band, fin dalla sua formazione, è coordinata dal M° Giuseppe MAGAGNINO.

Il logo del gruppo è un ambigramma della parola WILDs scritto in caratteri gotici.


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments 4 Commenti »

musicamore blog  concorso di canto 2011308935_2331148727264_1506132373_32555760_188387_n[1]

Ed ecco ancora una band,devo dire davvero anomala e simpatica che partecipa al concorso di canto online Musicamore 2011. Si chiamano i RATTI MATTI.

Il capo band si chiama Stefano Floris ed e’ di Furtei, sono tutti diplomati al Conservatorio di Cagliari , suonano tra le piazze dell’isola e per le TV locali .

Ricordiamo che possono essere votati inviando una mail ad ottottobre@tiscali.it.

Da quest’anno è stato istituito un premio Speciale Band che sarà proclamato dal cantautore  Alberto Sanna. Si invitano pertanto tutte le band a partecipare al concorso inviando il link di un loro video segnalando se il brano eseguito è inedito.

Vi ricordo che potete consultare la classifica con le preferenze del pubblico dell’web, sotto la testata del blog


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments 7 Commenti »


sanna1Girando per Youtube alla ricerca di video originali mi sono imbattuta in un bellissimo e commovente brano del cantautore cagliaritano Alberto Sanna.

Nell’infinito”, è la dedica che l’artista fa al padre scomparso, ed è stato arricchito in questo video da foto della sua infanzia e della famiglia montate ad arte dalla sorella Elisabetta.

Ho conosciuto Alberto ai tempi del conservatorio, lui studiava il contrabbasso per completare la sua già vasta cultura nel campo della musica rock, ma per i giovani sardi era già un mito.

I giovani degli anni 80, sicuramente almeno una volta, hanno avuto modo di incontrarlo e di ascoltarlo in qualche locale alternativo ma anche nei festival o in qualche evento nelle piazze isolane.

Per  i pochi che ancora non lo conoscono ho pensato di dedicargli uno spazio in questo mio blog porgendogli qualche domanda.

Alberto, quando è iniziata questa tua avventura musicale?sanna3

A undici anni ho iniziato a suonare l’armonica ispirandomi a Neil Young, Bennato, Bob Dylan. Due anni dopo mi sono fatto regalare una batteria e una chitarra Eko a sei corde acustica. Erano i primi anni ’70 e la musica cominciava ad entrarmi nell’anima.

Quali sono stati i musicisti che hanno in qualche modo influenzato il tuo genere musicale?

Sono diversi i grandi artisti che mi hanno ”segnato”: sicuramente Elvis, ma anche Muddy Waters, Bob Dylan, i Rolling Stones, Patty Smith, Lou Reed, Bruce Springsteen, i Clash, i Ramones, o gli italiani De Gregori, Bennato, De Andrè, Guccini, musicisti che con una chitarra e un’armonica parlavano di cose vere ai ragazzi come me. Poi gli anni ’90 con Pearl Jam, Soundgarden, Nirvana … e tanti altri, ancora oggi qualsiasi nuovo artista che scopro e apprezzo influenza poi la mia musica.

sanna3Ma la tua musica ha molte sfaccettature. Il timbro della musica nera mischiata al rock a volte duro.

Le mie radici affondano nel blues, nel rock e nella canzone italiana dei ’70. Questo non mi impedisce però di apprezzare anche musiche in teoria lontane dalle mie fonti principali. Per esempio lo swing degli anni 40 e 50, che è a suo modo figlio del blues e che ha molto in comune col rock ‘n’ roll delle origini. In tutti questi generi c’è un comune denominatore che è la forma canzone. Ecco qual’è veramente la mia cifra, la canzone. Scrivo canzoni, canto canzoni, ascolto e amo canzoni, sono un cantautore.

Vuoi ricordare i nomi delle tue principali formazioni?

Ho contribuito a creare diversi gruppi rock isolani. Come Masoko Tanga, con i quali ho suonato brani originali in chiave rock (allora si diceva “rock italiano”, qu’est-ce que c’est?), poi gli High Voltage/TNT, in bilico tra hard rock e hard core, una reazione al pop melenso degli anni ’80. Nei primi anni ’90 i Sanna R’n’R Breakers, un esperimento di ricostruzione di un’identità partendo dal leggendario rock degli anni ’50, passando attraverso le mie canzoni e le mie grandi passioni musicali.
E poi soprattutto gli  Animanera, il cui nome rivela palesemente il mio modo di “sentire”….

Ormai da molti anni però uso semplicemente il mio nome, in particolare quando si tratta di cantare le mie canzoni. Per il resto ho da tempo altri altri due progetti.

RADIOCLASH (tributo a Joe Strummer e ai Clash), quartetto con il quale rileggo il repertorio dei Clash con tutto l’amore e il rispetto che mi è possibile. ALL SUN ROCKIN’ JIVE (progetto all’ insegna del rockabilly, dello shake, del twist e del r’n’r old style), in scaletta i padri del rock’n’roll, da Elvis a Chuck Berry, da Little Richard a Eddie Cochran, fino agli Stray Cats.sanna2

Vorrei anche citare un sodalizio tanto recente quanto intenso: ALBERTO SANNA feat FRY MONETI (Modena City Ramblers) un incontro di corde e di anime tra me e il violinista dei M.C.R., basato sulla comune voglia di mettersi in gioco, di vivere la musica come occasione di scambio e di scoperta.

Mi parli del tuo ultimo album?

La mia ultima creazione, nata un anno fa, è intitolata Canzoni per (R)esistere, lo trovo un album “vero”, senza complessi. Un lavoro nel quale l’urgenza di comunicare, unita al piacere puro di fare musica, vincono su qualsiasi tentazione di voler dimostrare chissà cosa a chicchesia.

Chi ha lavorato con te alla riuscita di questo album?

Ho avuto la preziosa collaborazione di SILVANO LOBINA (Basso, Chitarre, Campioni, nonché la maggior parte degli arrangiamenti), PACO MARTUCCI (Chitarre elettriche), CLAUDIO CORONA (Hammond, Fender, Rhodes, Wurlitzer, Pianoforte), LORENZO FALZOI (batteria), e di alcuni ospiti tra i quali  DIABLO che ha cantato con me due brani. Il CD è prodotto da MICHELE PALMAS per S’ARD MUSIC.

So che ci sarà presto un regalo per tutti coloro che ti seguono da sempre , in cosa consiste?

… a breve uscirà un mio disco, una sorta di “Best of…” contenente anche un inedito dedicato alla nostra terra, al quale tengo particolarmente, “Spiagge bianche”. L’album farà parte di un lotto di 12 monografie dedicate ad altrettanti artisti sardi. L’opera si chiamerà “Special Collection”, e sarà distribuita dal quotidiano L’UNIONE SARDA, per la collana La Biblioteca dell’Identità.

A questo proposito mi fa piacere segnalare un evento al quale parteciperò con la mia live band: oltre me alla voce, alla chitarra acustica e alle armoniche, Silvano Lobina al basso, Vittorio Pitzalis alla chitarra elettrica, Daniele Russo alla batteria.

SPECIAL COLLECTION LIVE SHOW

Il 30 Aprile 2011, a Cagliari in Piazza dei Centomila dalle 19.00,
Presenteranno Francesca Figus e Carlo Pastore.

• Alberto Sanna
• Almamediterranea
• Dorian Gray
• Joe Perrino
• Katsudoji
• Maloscantores (Sa Razza)
• Ratapignata
• Sikitikis
• Tamurita
• Tazenda
• Train To Roots

Allora attendiamo, ma nel frattempo regaliamo ai lettori di Musicamore il bellissimo brano dedicato a tuo padre estratto appunto dal tuo ultimo album.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments 6 Commenti »

Ieri, seconda serata della trasmissione Mettiamoci all’Opera presentata da Fabrizio Frizzi, dove giovani cantanti lirici si sono sfidati in diverse prove vocali.
Come già detto in precedenza, ritengo l’esperimento positivo e spero che vada avanti. La lirica affiancata alla musica leggera, così come è presentata in questa trasmissione, invoglia gli amanti del canto e della musica in generale ad avvicinarsi ad un genere che, ahimè, per tanti motivi è considerato solo per un pubblico d’elite.
Ieri il livello era decisamente più alto ed infatti ho notato che la giuria, in diverse occasioni si è trovata in difficoltà nella scelta dei vincitori.

(continua…)

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Un esperimento con la lirica per le due voci rock .

(continua…)

Tag:, , , , ,

Comments 3 Commenti »