Articolo taggato “operetta”

Le associazioni culturali hanno uno scopo ben preciso che è quello di diffondere la cultura in maniera capillare. Generalmente abbracciano vari settori: musica, letteratura, arte,  teatro, ballo, cinema,canto corale ecc. I giovani trovano nelle associazioni  un ambiente sano dove passare il tempo libero con un interesse comune. Spesso poi è proprio nelle associazioni che emergono i talenti. Pensate al grande Luciano Pavarotti che ha iniziato a cantare nel coro dell’associazione culturale della sua città.

L’associazione culturale Vi.U.Music Academy, diretta da Elide Uchesu, la scuola di canto dove insegno,  è aperta a tutti senza limiti di età, perchè la cultura e la gioia del canto non hanno età. Quando individuiamo qualche talento, facciamo in modo che questo cresca pian piano esibendosi nei luoghi più adatti. L’esibizione è molto importante per un artista perchè  impara a capire che ciò che si esegue in classe non sempre è quello che vien fuori davanti ad un pubblico, l’emozione gioca brutti scherzi! E allora bisogna imparare a gestire  nel tempo con studio ed esperienza.

Con alcuni artisti di canto classico della nostra associazione abbiamo formato un gruppo che ha preso il nome di questo blog: Musicamore’s Artist. Il gruppo è aperto agli allievi dell’associazione che, appena pronti per il pubblico, si aggiungono per intraprendere il cammino verso il professionismo.  Per adesso i Musicamore’s Artist son quattro, tre cantanti lirici ed un pianista: il soprano Chiara Loi, il contralto Federica Moi, il tenore Francesco Scalas e il pianista Francesco Adamo. Insieme hanno già affrontato il pubblico per due volte: sabato scorso nella casa di riposo Vittorio Emanuele II di “Terramaini” dove tra gli ospiti della casa c’erano dei veri intenditori che hanno saputo apprezzare e dare saggi consigli ai giovani artisti , e ieri sera presso l’Associazione Musicale “Operettopera” di Guspini.

Rinofoto

Oltre ai Musicamore’sArtist ieri si sono esibiti anche il tenore Alessandro Scano presidente dell’associazione, il soprano Maria Grazia Piccardi, il mezzosoprano Marina Figus,  accompagnati al pianoforte da Annamaria Dessì. A fare da cornice alla serata  anche il coro “L’Accademia” diretto da Marina Pinna che ha eseguito un collage delle più belle pagine d’operetta.

La serata, oltre che far conoscere i giovani talenti,  aveva lo scopo di raccogliere nuovi iscritti per l’associazione “OPERETTOPERA” sita in via Togliatti a Guspini. In questa occasione è stato presentato amnche il libro autobiografico del tenore Alessandro Scano “Oltre un sogno”.

Chiunque volesse organizzare una serata con i Musicamore’s Artist  (Opera, operetta, canzoni d’epoca ecc) può contattarmi attraverso questa mail ottottobre@tiscali.it

Il video sottostante si riferisce alla serata nella casa di riposo di Terramaini


YouTube Video

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Martedì 17 novembre, alla casa di Riposo Vittorio Emanuele II di Terramaini a Cagliari, si terrà un nuovo appuntamento della rassegna “Artisti a Terramaini”. A farla da padrona, questa volta sarà l’Operetta.

Protagonisti della serata saranno il soprano Cinzia Todde con il coro “Accademia” diretto da  Marina Pinna.

Ingresso libero aperto a tutti

Programma

 Aria della Rificolona da “L’acqua cheta”

Come è bello guidare i cavalli da “L’acqua cheta

O Cin-ci-la da ” Cin-ci-la “

L’aria della bambola da “Cin-ci-la

Luna tu da “il paese dei campanelli

Tace il labbro da ” La vedova allegra No,

Ninnolo mio d’or da ” Il paese dei campanelli

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

«Da sempre nel sangue dei triestini, nel 1950 la prima edizione del Festival al Castello di San Giusto, ripresa nel 1970 per opera del Teatro Verdi con le rappresentazioni al Teatro Rossetti, andato in scena per l’ultima volta nel 2011, sospesa causa la crisi in cui vertono Teatri.
Ora un gruppo di amanti della Grande “piccola” lirica sta promuovendo una raccolta di firme per riportare a Trieste il nostro prestigioso Festival.

Un genere teatrale che ci ha resi famosi in tutto il mondo al pari del Festival Verdi a Parma, al Festival Rossini a Pesaro e che con un impegno maggiore avrebbe potuto raggiungere i fasti del Festival Mozart a Salisburgo.

La firma di qualità triestina unica nel rendere il genere dell’operetta ai massimi livelli di professionalità grazie agli artisti e alle maestranze artistiche e tecniche dei nostri teatri. Assolutamente unici in Italia dopo la chiusura in tempi lontani della stagione di Parco Verdura a Palermo.

Ripristinare il Festival dell’Operetta in un progetto importante di promozione turistica e culturale sarebbe un importante veicolo di traino per l’arrivo in città di turisti e di conseguenza un introito in termini di lavoro e occupazione per alberghi, ristoranti e il commercio in genere in questo momento quanto mai sofferente e in serie difficoltà.

Certo un lavoro impegnativo in termini di denaro, fatiche e tempistiche, ma perché non pensarci, non ritentare i fasti vissuti, perché decidere di morire in partenza?
L’iniziativa si terrà a Trieste nei giorni 11 e 12 luglio 2015 dalle ore 9.30 alle ore 18.30 in Via delle Torri (difronte all’ex Vetri di Murano).»

Fonte:

http://www.triesteprima.it/

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

No, tranquilli, non è una nuova categoria di tenore, bensì un ruolo ben preciso che si trova nel  genere di spettacolo come l’Operetta. Nell’Operetta ci sono quattro ruoli ben definiti : la coppia protagonista, la soubrette e il buffo. Nello spettacolo” Operetta Eterno Amore” che stiamo portando in giro per la Sardegna e che sabato giungerà a Cagliari, la coppia è rappresentata dai mitici Daniella Mazzucato e Max René Cosotti, la subrette da Miriam Cosotti (figlia d’arte) e il buffo da Andrea Binetti, tenore che mi ha concesso questa bella video-intervista .  Una carriera strepitosa cominciata a 19 anni nella compagnia del Re dell’operetta Sandro Massimini, (scomparso prematuramente), e con al fianco artisti del calibro di Marcello Mastroianni, Paola Borboni, Elio Pandolfi , Daniela Mazzucato e Max René Cosotti tanto per citarne alcuni. Lui è un vero show man, canta, balla e recita in maniera disinvolta e la sua bravura è sperimentata ogni sera davanti al pubblico che si diverte alle sue battute. Ma non voglio anticiparvi di più ascoltatelo perchè ha una vita artistica davvero  ricca e affascinante. (nella foto sopra un giovanissimo Andrea Binetti, a destra )


YouTube Video

L’Orchestra e Coro del Teatro Lirico sono guidati da Romolo Gessi, direttore triestino specialista del repertorio lirico-leggero, mentre il maestro del coro è Marco Faelli.

Lo spettacolo è realizzato da: Alessandro Gilleri (regia), Antonio Giacomin (video proiezioni), Manuela Peresutti (costumi), Claudio Schmid (luci), Luciano Pasini (coreografie).

La serata inaugurale della tournée, giovedì 18 luglio alle 21, è prevista al Teatro Eliseo di Nuoro, per poi proseguire: venerdì 19 luglio alle 21 all’Ex Convento dei Cappuccini di Bosa; martedì 23 luglio alle 21 all’Arena Mirastelle di Carbonia; mercoledì 24 luglio alle 21 nel Sagrato della Cattedrale di San Pantaleo di Dolianova; venerdì 26 luglio alle 21 nella Piazza del Comune di Pula; sabato 27 luglio alle 21.30 al Parco della Musica di Cagliari.

La rassegna si avvale del contributo della Fondazione Banco di Sardegna ed è realizzato in collaborazione con la Regione Autonoma della Sardegna e le Amministrazioni Comunali di Nuoro, Bosa, Carbonia, Dolianova, Pula, Cagliari.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, il sabato dalle 10 alle 13 e, nelle singole località, un’ora prima dello spettacolo; telefono 0704082230 – 0704082249, fax 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube.

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Daniela Mazzucato e Max Renè Cosotti sono i due cantanti protagonisti di Operetta Eterno amore, lo spettacolo che sta girando la Sardegna e che sabato debutterà a Cagliari. Ieri sera li ho incontrati e per quasi due ore ho ascoltato il racconto della loro vita insieme sul palcoscenico che nel privato. Ero estasiata dalla miriade di aneddoti e personaggi famosi che hanno incontrato nel loro cammino artistico. Mi pareva di essere al cinema davanti ad un bel film . Da buona raccoglitrice di memoria,( cosi’ nominata dal sito “Memoro, la banca della memoria), non ho lasciato che tutti questi ricordi si perdessero al vento e li ho documentati con la mia telecamera. Farò in modo che ogni giorno, attraverso questo mio blog, possiate anche voi conoscere da vicino questi grandi artisti che hanno fatto la storia dell’Operetta, con le mie videointerviste che ovviamente troveranno posto anche all’interno della grande enciclopedia vivente del Web, Memoro.

Intanto oggi vipresento il primo di una lunga serie di video, quella relativo alla vita privata della coppia. Vi garantisco che una volta conosciuti così da vicino, la curiosità di andarli a sentire nei prossimi giorni crescerà maggiormente.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Conclusa la prima parte della Stagione lirica ecco  che le masse artistiche si dividono per poter arrivare ad un pubblico sempre più numeroso  in giro per la Sardegna.

E’ un appuntamento estivo che il pubblico affezionato (quello che durante l’anno viene a teatro con Pulmann e comitive organizzate) attende ansioso.  I due programmi prevedono La Traviata di Giuseppe Verdi in forma semiscenica, i cui protagonisti sono per la maggior parte artisti sardi, e uno spettacolo in forma scenica realizzazto con famosi brani d’Operetta . In questo caso fra i protagonisti ci saranno due cantanti  d’eccezione veri specialisti del genere: il soprano Daniela Mazzucato e il tenore Max Renée Cosotti.

Spero prossimamente di potervi regalare delle video interviste a questi due grandi artisti.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

giusy-evaEVA è un’operetta estremamente piacevole: lo spartito è considerato uno dei più belli di Lehár e da molti è giudicato più elegante della stessa Vedova Allegra. Tanti i temi ancora oggi popolari: dalla famosissima marcia “Oh Parigina bella ed elegante” al Can Can, alla bellissima melodia “La Cenerentola sei tu per me”, al valzer “Sia pur chimera felicità”.

Poiché l’operetta è una simpatica lezione di felicità, alla sincerità e al lirismo della protagonista si contrappone l’impertinenza della coppia comica qui allargata ad una serie di altri simpatici personaggi che assicurano il buonumore con numeri musicali sempre allegri e spettacolari. Ovviamente non manca il lieto fine: come in una ennesima variante di Cenerentola, Eva riscatterà la sua marginalità sociale grazie all’amore.
Eva è, infatti, una giovane operaia che lavora nelle vetrerie di Montailleux in Belgio ed è la “mascotte” del personale. E’ stata abbandonata da piccola, ed il buon Larousse, operaio anch’egli, l’ha adottata e non le fa mancare il suo affetto. Nel giorno del suo ventesimo compleanno Eva conosce il nuovo proprietario delle vetrerie, Ottavio Flaubert: bello, ricco, gran viveur. Eva ne rimane colpita: il mondo di Ottavio, con i suoi amici allegri e spensierati, le ricorda quello del teatro che tanto l’attrae. D’altra parte, pur non sapendolo, è figlia di una famosa cantante.

Essa viene invitata da Ottavio nella sua villa, lui la corteggia, la incanta, la seduce, ma giungono gli operai, guidati da papà Larousse, decisi a difenderne l’onore. Il giovane vedendosi in difficoltà, annuncia che Eva sarà la sua sposa ma, appena gli operai se ne sono andati, ride divertito. Eva è disperata: Ottavio l’ha presa in giro. Per Eva un altro abbandono è troppo, fugge! Sola, sfiduciata e delusa va a Parigi, dove, dopo una serie di peripezie, riesca a diventare una famosa cantate. Una sera, durante uno spettacolo, Eva ed Ottavio si incontrano. Eva è cambiata: non è più l’ ingenua e sognatrice ragazza che Ottavio ha conosciuto a Bruxelles, ma è una donna sicura ed affermata.

Le lusinghe di Ottavio non fanno più breccia nel suo cuore o almeno così crede. Anzi, per fargli dispetto Eva dice di essere fidanzata con un Duca. Ottavio si sente mancare. E’ sincero: ha sempre amato Eva, ma di fronte alla sincerità di questo sentimento, anche Eva ammette di aver amato solo lui. La felicità non è più una chimera e come nella fiaba di Cenerentola, Eva e Ottavio… vissero per sempre felici e contenti.
Fonte: http://www.teatrocasalecchio.it

Vi propongo questo video dove Eva è interpretata dal soprano cagliaritano Giusy Devinu al Teatro San Carlo di Napoli nel 1998.

(Facebook :Un parco per Giusy - Clicca MI PIACE e condividi).


YouTube Video

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »