Articolo taggato “Francesco Demuro”

Riccardo Frizza © Joan Tomás - Fidelio Artist

I Puritani, in scena a Budapest diretta da Riccardo Frizza

Dopo aver diretto Lucia di Lammermoor a Venezia, Rigoletto a Barcellona e Norma a Chicago, il maestro italiano viaggerà a Budapest con il

foto@LeoneFacoetti

capolavoro di Bellini, I Puritani

Si può dire che il repertorio di Riccardo Frizza sia tanto ampio quanto eclettico, ma è anche vero che in tutto il mondo è riconosciuto soprattutto per essere uno specialista del bel canto e di tutta la produzione operistica italiana. E dopo aver condotto Norma, di Bellini, alla Lyric Opera di Chicago; Rigoletto, di Verdi, al Gran Teatre del Liceu di Barcellona  ??e Lucia di Lammermoor, di Donizetti, al Gran Teatro La Fenice di Venezia, il maestro italiano torna a Bellini con I Puritani, uno dei picchi dello stile del bel canto romantico, questa volta nella Bela Bartók National Concer Hall di Budapest, Ungheria.

Il maestro Frizza dirigerà il Kolozsvár Opera Choir, la Pannon Philharmonic e un cast guidato dal soprano australiano Jessica Pratt, uno dei riconosciuti difensori dello stile, e dal tenore italiano in ascesa Francesco Demuro, entrambi protagonisti di una produzione firmata da Csaba Némedi. Ci saranno due funzioni, i giorni 18 e 21 maggio.

Info: http://riccardofrizza.com/

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Donato Renzetti - foto P.Tolu

La Traviata di Giuseppe Verdi dal Teatro Lirico di Cagliari a “Il Settimanale Sardegna” di Rai Tre

 Sabato 15 novembre 2014 alle 12.25, a Rai Tre, durante la trasmissione “Il Settimanale Sardegna”, realizzata dal TGR, redazione giornalistica della sede Rai di Cagliari, andrà in onda un ampio servizio, a cura di Elena Sorci, dedicato al recente allestimento, al Teatro Lirico di Cagliari, di La Traviata di Giuseppe Verdi.

 Il servizio al Teatro Lirico di Cagliari è stato realizzato attraverso il montaggio di immagini tratte dalla prima rappresentazione dell’opera e da interviste al direttore d’orchestra Donato Renzetti, al tenore Francesco Demuro (Alfredo Germont), al suo debutto a Cagliari, e al baritono Nicola Ebau (Barone Douphol).

 Cagliari, 14 novembre 2014

stampa@teatroliricodicagliari.it

Intanto è doveroso far sapere che le scolaresche in arrivo da tutta la Sardegna (anche da Olbia!) hanno assistito alla Prima e alla seconda recita nella versione ridotta de “La Traviata” con Massimiliano Medda nelle vesti di narratore. Teatro esaurito, entusiasmo alle stelle. 1700 ragazzi a recita.

ragazzi a teatro - foto P.Tolu

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto di Priamo Tolu - Le prove di regia

Di Maria Grazia Marilotti

Si aprono le porte del Metropolitan di New York per Francesco Demuro. Il tenore di Porto Torres sarà Alfredo nella Traviata di Verdi in scena dal 30 dicembre e per altre 6 recite in uno dei più prestigiosi palcoscenici della lirica. Ha conquistato questa ribalta dopo soli sette anni di carriera e dopo aver strappato applausi anche a scena aperta in tutti i teatri più importanti del mondo: La Scala, Covent Garden di Londra, la Staatsoper di Berlino, Vienna e Parigi.
Un percorso di crescita professionale costellato di successi al fianco di grandi cantanti della scena operistica. Intanto venerdì 7 novembre si apre per lui il sipario del Teatro lirico di Cagliari nel sempre più consolidato ruolo del protagonista maschile nell’immortale capolavoro di Verdi. L’allestimento che va in scena al Lirico fino al 16 novembre é firmato dai coniugi Herrmann. Un debutto atteso dal cantante d’opera, un sogno accarezzato da tempo. “Trovarmi davanti al pubblico della mia regione mi darà una emozione grandissima – sottolinea il cantante – Sette anni fa la mia carriera è cominciata a Parma proprio quando il teatro era sotto la guida del maestro Mauro Meli”. L’esordio musicale di Francesco Demuro, 36 anni, è stato con le canzoni in limba e il canto a chitarra. Era appena un bambino quando si esibiva nel bar di famiglia sopra un palchetto ricavato dalle cassette di birra. A 10 anni era già in giro per le piazze sarde a proporre con i mini cantadores i canti della tradizione logudorese.
Poi il grande salto nella lirica, ore e ore dedicate a studiare, perfezionarsi, al conservatorio di Sassari prima e di Cagliari dopo sotto la guida di Elisabetta Scano. Tanta dedizione e impegno coronati da….l’articolo continua qui  su  ANSA Sardegna

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto di Priamo Tolu - Le prove di regia

Ed ecco si parte con le recite dell’opera verdiana La Traviata, al Teatro Lirico di Cagliari. Ieri c’è stata la prima delle due prove generali che , come previsto ha fatto il tutto esaurito. Un’opera che in questa edizione vede protagonisti diversi artisti sardi, a partire dal ruolo di Alfredo,il tenore Francesco Demuro (vedi post) che  è di Portotorres. Nei ruoli secondari però troviamo anche Vittoria Lai che interpreta Annina; Nicola Ebau è il Barone Douphol; Gianluca Lentini è il dottor di Grenvil;  Mauro Secci nel ruolo di Giuseppe; Francesco Leone è un domestico; . Tutte giovani voci che si stanno affacciando da poco nel mondo dell’Opera lirica, chi da qualche anno e chi da qualche mese. Un grande in bocca al lupo a tutti e l’augurio per una carriera luminosa come quella che sta accompagnando il protagonista Demuro.

Donato Renzetti, direttore abruzzese ed apprezzato interprete della tradizione musicale italiana, in particolare verdiana, che ritorna a Cagliari dopo il “suo” recente Nabucco di due anni fa, spetta il compito di dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari nel capolavoro del massimo operista italiano. Il maestro del coro è Marco Faelli.

Ecco tutti i protagonisti : due cast di straordinario spessore, formati da giovani ed affermati cantanti che si alternano nelle recite quali: Irina Lungu (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Jessica Nuccio (8, 11, 13, 14 ore 11) (Violetta Valéry); Anastasia Boldyreva (Flora Bervoix);Vittoria Lai (Annina); Francesco Demuro (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16), al suo debutto in un’opera lirica a Cagliari/Danilo Formaggia (8, 11, 13, 14 ore 11) (Alfredo Germont)Vittorio Vitelli (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Dario Solari (8, 11, 13, 14 ore 11) (Giorgio Germont); Gustavo De Gennaro(Gastone); Nicola Ebau (Barone Douphol); Claudio Levantino (Marchese d’Obigny); Gianluca Lentini (Dottor Grenvil); Mauro Secci (Giuseppe); Francesco Leone (Domestico di Flora/Commissionario).

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

foto di Priamo Tolu per il Teatro Lirico di Cagliari

Il soprano Irina Lungu ricoprirà il ruolo di Violetta Valery nella edizione cagliaritana de La Traviata di Giuseppe Verdi. Durante le prove è stato impossibile non rimanere incantanti dalla sua vocalità. Mi si accusa di essere sempre troppo buona nei giudizi , soprattutto per quelli che riguardano voci dall’impostazione classica. Diciamoci la verità: è difficile che io parli di una voce che non mi piace. Piuttosto che essere pesante preferisco non parlarne. Quando ne parlo è perchè voglio complimentarmi o fare una critica costruttiva laddove c’è del talento.

La voce di Irina Lungu però è davvero bella e vale la pena farlo sapere. Il ruolo di Violetta le sta divinamente e forse Verdi, quando ha scritto questa parte, ha pensato ad una vocalità come la sua: ampia, estesa, mai volgare ma sempre piena di gusto, colori e sfumature. Ha una padronanza tecnica impressionante perchè, se così non fosse, non riuscirebbe certo a cantare  la famosa aria E’strano -Follie Follie, in posizione orizzontale così come le ha richiesto la regista  Ursel Herrmann . Che dire… fortunati gli abbonati che riusciranno a sentirla. Lei è giovanissima ma ha già un curriculum di tutto rispetto. Con l’ Alfredo Germont di Francesco Demuro compongono una coppia di lusso, molto affiatata e già sperimentata in altre occasioni.

Irina Lungu, dopo aver compiuto gli studi di pianoforte e direzione corale, si  è laureata in canto nel 2003 al Conservatorio di Stato di Voronež, in Russia.
E’ risultata vincitrice di numerosi concorsi internazionali, tra i quali il ?ajkovskij  di Mosca, Maria Callas di Atene, Elena Obraztsova di San Pietroburgo,  Montserrat Caballé di Andorra, Belvedere di Vienna, Voci Verdiane di Busseto,  Operalia di Los Angeles, la Competizione dell’opera di Dresda. Dal 2003 al  2005 ha frequentato l’Accademia del Teatro alla Scala di Milano sotto la guida  di Leyla Gencer.

In Italia ha interpretato Parisina a Bergamo, Ugo, Conte di Parigi al Teatro  Bellini di Catania e Moïse et Pharaon per la direzione di Riccardo Muti al Teatro alla Scala, dove è  tornata per Gli stivaletti, Sancta Susanna di Hindemith e La Traviata diretta da Lorin Maazel. Tra
gli impegni successivi si segnalano: Maria Stuarda al Teatro alla Scala e a Venezia; La Traviata al  Teatro alla Scala, al Teatro Filarmonico di Verona e al Teatro Regio di Torino; Carmen allo  Sferisterio di Macerata e all’Arena di Verona; La Bohème per le Settimane Musicali di Stresa; Il
corsaro al Festival Verdi di Parma; Il Turco in Italia al Teatro Carlo Felice di Genova.  Recentemente ha interpretato La Traviata a Vienna, alla Deutsche Oper di Berlino, a Wiesbaden, ad  Aix-en-Provence, Digione, Caen, al Teatro San Carlo di Napoli e al Regio di Torino, Faust al
Teatro alla Scala e ad Amsterdam, L’elisir d’amore al Teatro alla Scala, a Pechino, La Coruña e  Verona, Carmen a Salerno e all’Arena di Verona, Un giorno di regno a Bilbao, Rigoletto al Regio  di Torino, ad Aix-en-Provence, all’Hollywood Bowl in forma di concerto per la direzione di
Gustavo Dudamel ed al Metropolitan di New York, Falstaff per il Teatro alla Scala, sia a Milano  che in tournée in Giappone, Don Pasquale a Verona, La Bohème al Metropolitan e al Covent  Garden di Londra.

melodramma in tre atti
libretto Francesco Maria Piave, dal dramma La Dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio
musica Giuseppe Verdi

personaggi e interpreti
Violetta Valéry Irina Lungu (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Jessica Nuccio (8, 11, 13, 14 ore 11)
Flora Bervoix Anastasia Boldyreva
Annina Vittoria Lai
Alfredo Germont 
Francesco Demuro (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Danilo Formaggia(8, 11, 13, 14 ore 11)
Giorgio Germont Vittorio Vitelli(7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Dario Solari (8, 11, 13, 14 ore 11)
Gastone Gustavo De Gennaro
Barone Douphol Nicola Ebau
Marchese d’Obigny Claudio Levantino
Dottor Grenvil Gianluca Lentini
Giuseppe Mauro Secci
Domestico di Flora/Commissionario Francesco Leone

maestro concertatore e direttore Donato Renzetti
Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari
maestro del coro Marco Faelli

regia Karl-Ernst e Ursel Herrmann
scene e costumi Karl-Ernst Herrmann
luci Karl-Ernst HerrmannRobert Brasseur
coreografia Wolfgang Enck

allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, in comproprietà con la Deutsche Oper am Rhein di Düsseldorf-Duisburg

Solo per i lettori di Musicamore  ecco un piccolo video rubato alle prove di scena.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ursel Herrmann e Francesco Demuro - foto di P.Tolu

Ed eccoci ancora una volta con una produzione dell’opera Traviata di Giuseppe Verdi al Teatro Lirico di Cagliari. Un allestimento, questo,  che non era mai giunto  nella mia città nonostante sia accompagnato da una grande fama .

Si tratta di un coinvolgente, celebrato ed affascinante allestimento del 1987, proveniente dalla Deutsche Oper am Rhein di Düsseldorf-Duisburg ed ora acquistato, in comproprietà, dal Teatro Lirico di Cagliari , e che si avvale della più famosa coppia di registi della scena internazionale, Karl-Ernst e Ursel Herrmann

Il protagonista, nel ruolo di Alfredo Germont, è il tenore sardo Francesco Demuro il quale per la prima volta,  canta  in questa famosa produzione . Quello di Alfredo è un ruolo che gli sta a pennello sia vocalmente che fisicamente.  Durante questo 2014 lo ha eseguito tantissime volte nei più importanti palcoscenici del mondo, dal Covent Garden di Londra allo Staatsoper di Vienna,  dal Teatro Real di Madrid al Gran Teatre del Liceu di Barcellona o all’Opera di Parigi.  Fra tutti questi teatri mancava però il teatro della sua terra di Sardegna.

Nel 2010 Demuro canta al Lirico di Cagliari  solo di passaggio, nella Lucia di Lamermoore  che però era destinata al festival tedesco di  Wiesbaden. Il pubblico cagliaritano è rimasto col desiderio di ascoltare il tenore di Portotorres.

Nel  2012 , può essere l’occasione, ma lui è sempre  di sfuggita. L’impegno era nel  concerto d’inaugurazione del Parco della musica.

Francesco , come ho detto in altre occasioni, si è visto catapultare nel mondo della lirica un po’ per caso.

Francesco Demuro è nato a Porto Torres il 6 gennaio 1978 e fin da bambino ha subito mostrato dote e passione per il canto. A quattordici anni incomincia ad esibirsi occasionalmente con i professionisti.  La voce, di una limpidezza rara, dalla grande estensione ed ottima intonazione, gli ha consentito di acquisire una conoscenza del canto sardo fuori dal comune, spaziando dagli interpreti antichi a quelli più moderni.
Dal 2003 ha deciso di dare ufficialità a questa passione studiando e affinando la tecnica e la musica al Conservatorio di Sassari, prima e poi come privatista al Conservatorio di Cagliari, dove ha avuto come insegnante di canto il soprano Elisabetta Scano. Il passo verso la carriera lirica è stato breve. Un talento vocale accomunato ad un grande istinto interpretativo lo ha portato nei più importanti palcoscenici del mondo.

In questi giorni è impegnato appunto nelle prove della Traviata cagliaritana e tra una pausa e l’altra abbiamo scambiato quattro chiacchiere.

Francesco, quale è stata la tua emozione più grande da quando hai intrapreso la carriera di cantante lirico?

Emozioni ne ho avuto tantissime , ma sicuramente quella che mi è rimasta nel cuore è stata all’Arena di Verona nel 2011. Cantavo il ruolo di Alfredo nella Traviata  alla presenza del Presidente della Repubblica Napolitano. Tantissimi gli applausi in un’Arena gremita,  quando  vedo  lontano sventolare la bandiera dei 4 mori. Emozione indimenticabile!

Tu hai 3 figlie che ti seguono sempre. Qualcuna di loro ha mostrato interesse a voler seguire i tuoi passi?

Sicuramente a tutte piace cantare ma non la lirica. Forse la giovane età le porta a seguire i gruppi e i cantanti di musica leggera del momento. Loro hanno 8, 15 e 17 anni. I miei tesori.

Finalmente a Cagliari, sei emozionato?

Certo, aspettavo da tempo questo momento.  Ho girato il mondo ma cantare nella mia terra è tutta un’altra emozione.

Quale sarà il tuo  prossimo impegno?

E’ Il Metropolitan di New York e lo raggiungerò appena finirò l’impegno con Cagliari.

Che dire. Un grande in bocca al lupo per Cagliari e per il prossimo impegno nel grande teatro americano.

Di seguito tutte le date e gli interpreti di Cagliari

Violetta Valéry Irina Lungu (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Jessica Nuccio (8, 11, 13, 14 ore 11)
Flora Bervoix Anastasia Boldyreva
Annina Vittoria Lai 
Alfredo Germont Francesco Demuro (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Danilo Formaggia (8, 11, 13, 14 ore 11)
Giorgio Germont Vittorio Vitelli (7, 9, 12, 14 ore 20.30, 16)/Dario Solari (8, 11, 13, 14 ore 11)
Gastone Gustavo De Gennaro
Barone Douphol Nicola Ebau
Marchese d’Obigny Claudio Levantino
Dottor Grenvil Gianluca Lentini
Giuseppe Mauro Secci 
Domestico di Flora/Commissionario Francesco Leone

maestro concertatore e direttore Donato Renzetti
Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari
maestro del coro Marco Faelli

regia Karl-Ernst e Ursel Herrmann
scene e costumi Karl-Ernst Herrmann
luci Karl-Ernst HerrmannRobert Brasseur
coreografia Wolfgang Enck

allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, in comproprietà con la Deutsche Oper am Rhein di Düsseldorf-Duisburg

Nella foto in alto la regista e il tenore durante le prove 


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Rossella Ragatzu Anna Pirozzi

Capita sempre più spesso di avere notizie di artisti italiani che ottengono successo all’estero. In Italia sta diventando sempre più difficile riuscire a cantare. I cartelloni delle stagioni liriche pullulano di artisti stranieri mentre le nostre belle voci regalano le loro perle  al pubblico estero. Succede poi che nei loro viaggi incontrino altri artisti italiani .

Ieri il soprano napoletano Anna Pirozzi,(che il pubblico cagliaritano ha avuto modo di apprezzare sia in una bellissima edizione di Nabucco che in un più recente Macbeth ), ha debuttato con grande successo al teatro di Kiel, cittadina tedesca, dove è di casa una mia conterranea ed ex allieva : il soprano Rossella Ragatzu che ormai ha lasciato l’Italia da diversi anni per regalare la sua voce al pubblico dei teatri di tutta la Germania.  Si sono incontrate ed hanno stretto amicizia e ieri, alla fine dello spettacolo hanno voluto siglare quell’incontro con una bellissima foto. La serata è stato un successo annunciato. Anna Pirozzi ha una voce bellissima oltre che essere una brava interprete. Dopo il debutto nella Tosca torinese, ieri ha consolidato un nuovo  ruolo: Maddalena dell’Andrea Chenier. L’attendevamo a Cagliari per la Norma, ma  una serie di impegni che si sono accavallati glielo hanno impedito.  Speriamo di poterla riascoltare presto, magari proprio nel ruolo di Maddalena.

Francesco De Muro, Luca Sannai, Diana Damrau

Qualche settimana fa poi c’è stato un alto incontro fra artisti italiani e questa volta   tra due tenori sardi, precisamente di Portotorres: Francesco Demuro e Luca Sannai . A Parigi, (dove Luca Sannai ha stabilito la sua residenza definitiva in quanto vincitore di concorso all’Opera), è prevista la Traviata di Giuseppe Verdi i cui protagonisti sono Diana Damrau e Francesco Demuro,il tenore sardo che ha successo in tutto il mondo ma che non ha potuto ancora esibirsi nel capoluogo sardo. Ma i Cagliaritani lo conosceranno presto proprio nel ruolo di Alfredo Germont , in cartellone al Teatro Lirico di Cagliari a novembre. Francesco ha incontrato Luca   ed anche loro hanno immortalato il momento con questa bella foto. Oggi a Parigi ci sarà la prova generale.

Francesco scrive così nel suo profilo Facebook:

“Ed oggi all’ Opera National de Paris – Bastille, finalmente la prova generale di questa TRAVIATA! In bocca al lupo a tutti noi, a questo meraviglioso cast al quale sono fiero di far parte: Diana Damrau, Ludovic Tezièr, Fabio PreviatiAnna Pennisi. Con il mio amico Luca Sannai, insieme ai superbi musicisti del coro e dell’orchestra dell’Opera National. Con la regia di Benoit Jacquot e il grande maestro Daniel Oren.
(Essendoci due Portotorresi questa sera, sul palco del prestigioso teatro parigino, vorrei dedicare questa Prova generale alla mia Sardegna in particolare alla mia città: Porto Torres”

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Ancora un grande successo per il tenore sardo Francesco Demuro che allo Statsoper di Vienna è stato protagonista di una bella Traviata nel ruolo di Alfredo Germont. Con lui tanti validi interpreti dietro la direzione di Bertrand de Billy e la regia di Jean-Francois Sivadier, Ermonela Jaho nella parte di Violetta Valéry e Carlos Alvarez nel ruolo di George Germont.
Ieri sera, alla fine della recita, Francesco ha avuto in camerino una bella sorpresa: la visita del grande tenore Placido Domingo che si è voluto complimentare con lui.
“…Ho riscontrato in lui  una bellissima persona, ,umile, gentile, con sempre un occhio di riguardo verso i giovani, e ovviamente con un grande carisma! ..Il nostro arrivederci al Met dove potro’ condividere per la prima volta il palcoscenico con lui, nella Traviata…ha detto Francesco.

Infatti, proprio nel grande teatro americano, il Metropolitan di New York, Francesco sarà ancora Alfredo, mentre Placido Domingo ricoprirà il ruolo (per lui insolito) di Giorgio Germont.

Ancora un In bocca al lupo per tutti i suoi impegni futuri da parte di Musicamore.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

E’ un continuo crescendo di successi la carriera del tenore di Portotorres Francesco Demuro. E fra i tanti impegni riesce a trovare anche il tempo per dedicarsi al sociale.

Vi invito a guardare il video qui sotto che lo vede fra i protagonisti di un grande Galà contro l’AIDS, svoltosi a Berlino qualche giorno fa.

Auguri Francesco, e ancora tanti in bocca al lupo per i tuoi prossimi impegni . Il popolo sardo è orgoglioso di te!


 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

teatro-lirico-cagliariFinalmente! Poter vedere platea e galleria completamente esaurite è una grandissima soddisfazione. Da più di un anno nel nostro teatro desideravamo questo. Un artista senza il suo pubblico non è un artista completo.

Un mio collega spiritoso ieri ha esordito dicendo: “mi stavo stufando di vedere il pubblico che riempiva il teatro, sempre vestito di rosso!” Naturalmente si riferiva al colore delle poltrone.

Ieri il pubblico era multicolore e soprattutto molto caloroso e per noi artisti è una carica e una soddisfazione enorme.

Peccato per quei politici che continuano a dire che la lirica non ha seguito. Mi spiace solo che non potranno mai provare la gioia che proviamo noi nel vedere dal palcoscenico un teatro “Tutto esaurito” proprio per un’opera lirica!

E che dire dell’Arena di Verona? Esaurita in tutti i suoi spettacoli  con prenotazioni che arrivano da tutto il mondo e in particolare dall’oriente.

In questi giorni,  il presidente Napolitano ha assistito ed applaudito l’apertura della stagione areniana con una Traviata firmata 4 mori. Il nostro tenore Francesco Demuro, astro nascente della lirica mondiale, era il protagonista nella parte di Alfredo, e a fine opera ha potuto stringergli la mano .

256875_2028826793814_1038406011_2399044_7257490_o

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

183478_1649968602508_1035753986_31441250_4957362_nNon si placano le polemiche legate al Parco della Musica che si sta per inaugurare a Cagliari.

Chi lo gestirà? Chi sarà colui che il giorno 8 maggio aprirà al pubblico questa grande area?

Intanto si pensa all’Inaugurazione e , nonostante ufficialmente non sia ancora comparso nulla sulla stampa, sappiamo per certo che la mattina del 7 Maggio, verso le 11, il sindaco Floris taglierà il nastro.

Ci sarà poi ( probabilmente all’interno del teatro) un bel concerto col coro e l’orchestra del Teatro Lirico, di famosissimi brani d’opera diretti dal grande direttore Donato Renzetti; due le voci solistiche d’eccellenza, naturalmente sarde : il tenore Francesco Demuro ed il soprano Elisabetta Scano, (per la cronaca maestra ed allievo), già famosissimi in tutti i teatri del mondo. 209428_116349418444469_100002082356152_136759_4317625_o

E’ di qualche giorno la notizia che il tenore Francesco Demuro sarà in cartellone al Metropolitan di New York nel 2013.

Questi artisti sardi tengono alto l’onore della nostra terra nel mondo. Fra questi grandi non dobbiamo dimenticarci della cagliaritana Giusy Devinu, scomparsa prematuramente nel 2007, e che nel 1993 inaugurò proprio il Teatro Comunale.

Si spera che i dirigenti cittadini non si dimentichino di lei dedicandole uno spazio permanente in questo grande parco.

62869_136066706439250_125190814193506_174263_3106622_n

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

75695_1527219773864_1035753986_31218620_596634_nRimasto solo, Rodolfo sente bussare alla porta. Una voce femminile chiede di poter entrare. È Mimì, giovine vicina di casa: le si è spento il lume e cerca una candela per poterlo riaccendere. Una volta riacceso il lume, la ragazza si sente male: è il primo sintomo della tisi. Quindi fa per andarsene, quando si accorge di aver perso la chiave della stanza: inginocchiati sul pavimento, al buio (entrambi i lumi si sono spenti), i due iniziano a cercarla. Rodolfo la trova per primo e la nasconde in una tasca. Quando la sua mano incontra quella di Mimì (“Che gelida manina”), il poeta chiede alla fanciulla di parlargli di lei. Mimì gli confida d’essere una giovane ricamatrice e di vivere sola, facendo fiori finti.

Gli amici dalla strada vengono a reclamare Rodolfo. Mimì accetta di accompagnarlo e i due lasciano insieme la soffitta alla volta del caffè Momus.

Da “la Boheme”, opera lirica di Giacomo Puccini

Il 31  gennaio, nel prestigioso teatro  dell’Opera di Vienna il tenore sardo Francesco Demuro debutterà nel ruolo di Rodolfo nella storica edizione di Franco Zeffirelli ma al suo fianco ci sarà un’altro giovane cantante sardo: il baritono Marco Caria.

Gli altri interpreti saranno Elisabeta Marin (Soprano); Inva Mula (Soprano). Dirige Louis Langrée.

Ascoltate Francesco in  questo video


YouTube Video

Tag:, , , , , ,

Comments 2 Commenti »

demuroHo conosciuto  Francesco Demuro  la prima volta, attraverso le TV locali sarde. Francesco cantava il canto logudorese, quello antico della mia terra di Sardegna, e lo faceva benissimo (quando può lo fa ancora). Ma un giorno, alla sua porta, ha bussato la cosi’ detta musica colta (anche se per me la musica sarda “è colta” allo stesso livello).
Il mondo della lirica era pronto ad accoglierlo grazie a incontri determinanti con le persone giuste al momento giusto. Quando c’è un talento (e Francesco ne ha da vendere), la fortuna non si fa attendere e si mette a disposizione come una serva fedele.
Ho vissuto in prima persona quel successo speciale che il teatro di Wiesbaden ci ha riservato durante una torunèè del Teatro Lirico di Cagliari e di cui Francesco era protagonista.
In brevissimo tempo, però Francesco ha raggiunto anche quel teatro che è il sogno di tutti i cantanti lirici ,soprattutto quelli in erba: il Teatro alla Scala di Milano.
Si , proprio il teatro che ha ospitato mostri sacri come Arturo Toscanini, Karajan,Caruso, Gigli, Pavarotti,Callas, Tebaldi, Del Monaco, solo per citarne alcuni.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Teatro Wiesbaden

Ma non voglio aggiungere altro perchè  questo sogno che diventa realtà ce lo racconta in prima persona il tenore Francesco Demuro in esclusiva per il mio blog Musicamore
Il 5 febbraio di quest’anno…mi trovavo Lucca, a casa, appena rientrato da una produzione all’estero. Era un pomeriggio e mi accingevo a sistemare un decoder, quando ricevo la telefonata del mio  agente che mi chiede in modo piuttosto agitato cosa stessi facendo .
Io gli ho risposto dicendo che stavo appunto tentando di piazzare un decoder!
Ma lui mi dice:
“…sei pronto?” Ed io:” pronto per cosa?” Pensavo di essermi dimenticato di qualche importante impegno.
Ma lui prosegue:
“per debuttare alla Scala?!
Non capivo, ma allo stesso tempo  cominciavo a sentire una certa agitazione.
“Ma che dici??” Certo che sono pronto, ma ad ottobre , c’è ancora tempo!!
“No, no, oggi, adesso, fra quattro ore…Un collega è indisposto ed è urgente  rimpiazzarlo molto in fretta”.
“Ma come faccio ? Senza un minimo di prove musicali, di regia! E poi, come ci arrivo a Milano  in cosi’ poco tempo??
“Forza, puoi farcela!!”..disse, e riaggancio’.
Cosi’ inizia la mia avventura scaligera.
Mi vestii con la prima cosa che trovai, salutai mia moglie ( non dimentichero’ mai la sua espressione perplessa e preoccupata), chiamai un taxi che mi porto’ alla stazione di Firenze in tempo per prendere un treno perchè tutte le strade erano bloccate dalla neve e di conseguenza con l’auto non sarei arrivato in tempo utile.
Feci tutto il viaggio in piedi (il treno era colmo di gente), ripassando lo sparito e cercando di trovare la giusta concentrazione.
Arrivai in stazione alle 19.45, mandarono un’auto a prendermi..e in un batter d’occhio mi ritrovai all’interno del Teatro Lirico più famoso del mondo!
Corsi subito verso il camerino ma nel frattempo la recita era già iniziata.Le sarte mi vestirono alla velocità della luce e, alla stessa velocità ero dietro le quinte pronto per il mio ingresso in scena.
L’altoparlante annuncio’ che il Duca di Mantova sarebbe stato sostituito dal tenore Francesco Demuro al suo debutto alla Scala.
Ero li, in piedi, e un forte brivido pervase il mio corpo: stavo per calcare il palcoscenico dove si erano esibiti i più grandi artisti del mondo della lirica.
In quei pochi minuti presi coscienza di chi fossero gli altri colleghi del cast.Intravvidi subito il grande Leo Nucci, Rigoletto. Pensai che la vita era proprio strana..il mio debutto nella lirica fu’ proprio con lui,a Parma, in una recita di Luisa Miller. Mi si  avvicino’, mi abbracciò tranquillizzandomi e dandomi dei consigli preziosi e di lì a poco fui scaraventato in scena nel duetto con Gilda, che scivolò via accompagnato da calorosi applausi. Insomma la recita fu’ un grande successo.
Questo e’ stato il mio debutto alla Scala un po’ folle,rocambolesco, ma sicuramente indimenticabile…..

Fine della prima parte.

Francesco mi ha promesso che a breve ci racconterà invece il suo debutto pieno, quello appena trascorso nell’Elisir d’Amore , sempre al Teatro alla Scala.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »