Articolo taggato “concerto”

Nella magnifica Sala Settecentesca di Via Università 32 di Cagliari, sabato 27 gennaio 2018 si svolgerà l’evento di beneficenza “Concerto per Sant’Efisio“.

Lo scopo principale è quello di raccogliere fondi per il restauro della statua del santo amato dai cagliaritani. In questa occasione verranno messi in vendita libri d’arte resi disponibili dal Comune di Cagliari e dall’Associazione Argonautilus, stampe fine-art del fotografo Alessandro Spiga e le opere d’arte donate dalla Fondazione Bartoli – Felter

Il Concerto vedrà la partecipazione del Duo Giuliani – violino e chitarra – composto da Francesco Pilia e Matteo Cau che eseguiranno la celebre Sonata Concertata di Niccolò Paganini e una riduzione del Concerto in Re Maggiore di Antonio Vivaldi dall’Estro Armonico.

Sabato 27 gennai ore 10:30

Biblioteca Universitaria di Cagliari

Via Università, 32, 09124 Cagliari

Ingresso minimo di 5 Euro 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Rotary Club è sempre in prima linea per gli aiuti umanitari  e lo è sempre con eventi speciali come quello di ieri al quale ho assistito con molto piacere.

Presso l’Auditorium del Seminario Arcivescovile di Cagliari, i club Rotary Cagliari Nord e Cagliari Sud., hanno organizzato un concerto per raccogliere fondi che andranno ad un progetto interessantissimo: la creazione di orti sinergici per i detenuti del carcere di Uta (CA).

Dopo le varie esposizione dei progetti ecco presentarsi sul palco un ragazzo dalla  voce meravigliosa che intona il primo canto mentre dal fondo della sala, in mezzo al pubblico, sfilano coristi in tunica azzurra (abbigliamento tipico delle formazioni corali gospel americane) che , unendosi al solista si sviluppa in un meraviglioso canto nero. Sono i componenti  della  formazione corale Black Soul Gospel Choir  che quest’anno festeggerà il  20esimo anniversario dalla sua fondazione.

Avevo assistito ad un loro concerto molti anni orsono, mi entusiasmarono allora come oggi. Un ensamble vocale di altissimo livello, con un repertorio di  Gospel ( canti del Vangelo), mix di Spiritual, Blues, Jazz e Soul .

Si capisce da subito che dietro questa formazione c’è un bel lavoro musicale e vocale  del direttore Francesco Mocci . Il coro è accompagnato da una piccola orchestra formata dalle chitarre di Andrea Morrone  , Michele Pilia  ; dal  Basso di Antonio Madeddu; da una sezione ritmica di
Francesco Bellisai (Batteria), Nicola Ladu   (Percussioni); dalle  tastiere di  Luca Manca  (Tastiere, Organo Hammond) e dal pianoforte dello stesso Francesco Mocci.

Il loro impegno è sempre a scopo benefico e i loro progetti sono finanziati dal ricavato dalla vendita dei biglietti e del loro CD.


YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Oggi 6 gennaio 2018 ore 18.30 il coro gospel CGS Black Soul si esibirà in un concerto organizzato dal  Rotary Club Cagliari Nord & Rotary Club Cagliari Sud,  a favore dei progetti umanitari Rotary.

Sarà una serata all’insegna della musica nera, quella musica che fa cantare l’anima,  che scuote, che coinvolge e che fa ballare .

Cagliari, Auditorium Seminario Arcivescovile, via Mons. Cogoni ore 18,30

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

 

(Leggi qui la prima parte)

Intanto giunge anche il contralto Federica Moi che insieme al tenore proseguono la prova dell’acustica continuando così ad attirare l’attenzione delle persone di passaggio. Interessante vedere le persone incuriosite da queste voci diverse per il  genere di canto sconosciuto ai molti.  Il tenore  è sempre identificato come Pavarotti. La voce di Francesco attira un gruppetto di ragazzini che ridacchiando  commentano l’evento fuori dal comune: “Ma ittà cesti una festa?”- “Boh!” risponde l’altro – “deu intendu unu Pavarotti cantendi” (Ma cosa c’è una festa? Io sento un Pavarotti che canta). Sorrido avvicinandomi e li invito al concerto della sera.

ORE 17

Arrivo alla metro con un po’ di anticipo per assicurarmi che tutto sia sistemato come previsto. La porta principale è bloccata affinchè non vi siano correnti e passaggi di persone verso i treni. Ottimista chiedo di lasciare invece aperta quella in fondo. Spero infatti che la saletta si riempia in modo tale da sfruttare anche lo spazio esterno vicino ai treni. Informo poi lil personale della biglietteria che sarà necessario utilizzare il loro spazio per una piccola scenetta legata ad un’aria del soprano Chiara Loi. L’impiegato, con molta gentilezza accondiscende.. Cominciano ad arrivare persone di ogni genere, in particolare una famigliola di zingari che forse spera di riempirsi le tasche in una serata più movimentata del solito ma stranamente si spaventa  davanti alla mia telecamera e  preferisce darsela a gambe.

I curiosi pian piano capiscono che se vogliono vedere qualche cosa comodamente è meglio occupare le poche panche del posto  . Alcuni domandano   se il concerto comincerà puntuale. Rassicuro che saremo puntualissimi.

Mi accorgo che la saletta è quasi piena e che forse l’ho pensata bene di far aprire anche le porte in fondo.

Come per incanto da lì a poco  tutto lo spazio circostante  è pieno di un pubblico variegato e non solo quello dei teatri per intenderci . Intravvedo da dietro un vetro, il viso di un giovane che mi osserva. Riconosco il ragazzo della mattina, quello che aveva voluto provare il pianoforte appena accordato, e con lui altri ragazzi che avevo invitato. Erano intimiditi forse arrivati troppo tardi per poter entrare o forse si sentivano fuori luogo per quell’evento così particolare.

In tanti hanno ammesso di aver letto la notizia sui social e quotidiani online e di essere stati attratti dalla novità e l’originalità del posto.

Chi riesce ad entrare sceglie anche di sedersi in terra. Una giornalista della Web TV  youtg.net con videocamera al seguito, ci domanda se può fare riprese in diretta, acconsento pur sapendo che poteva essere un’arma a doppio taglio come d’altronde il cantare a pochi metri dal pubblico. L’emozione dei giovanissimi artisti si sarebbe vista tutta,  cosa che non succede quando si sta sul palcoscenico a qualche decina di metri . ma il bello di questa situazione è comunque il calore che il pubblico trasmtte a chi si esibisce.

Apre la serata il pianista Francesco Adamo che ci delizia con un brano di Lszt per poi attaccare subito il simpaticissimo Fox della Luna esseguito da tutto il gruppoMusicamore’s Artist.

La serata prosegue con arie e duetti di Verdi, Bellini, Rossini ,Tosti, Offembach, Delibes, con la squillante voce del tenore Francesco Scalas, quella scura e brunita  del contralto Federica Moi e la voce pirotecnica e incisiva  del soprano Chiara Loi che ci ha divertito vocalmente e scenicamente  con acuti e sopracuti  nell’aria della bambola Bambola di Hoffman   .

Il concerto si è concluso con uno Spiritual intonato dal contralto Federica Moi accompagnata da  tutti gli altri , compreso il giovane baritono Roberto Dettori e la sottoscritta. Applausi affettuosi per tutti con richiesta di poter replicare il concerto in altra location.

I ragazzi hanno poi brindato per la bella riuscita della serata pur consapevoli che l’emozione in alcuni momenti ha giocato brutti scherzi.  L’artista studia principalmente per donare l’arte agli altri . Le lezioni in un’aula possono essere perfette ma se non si sperimenta davanti al pubblico non si potrà mai capire quali possano essere i punti in cui si presentano le difficoltà  da risolvere per poter poi riaffrontarlo con sicurezza .

Si ringrazia l’ARST per aver messo a disposizione gli spazi, e lo sponsor della scuola di canto Vi.U.Music Academy.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Stazione metropolitana leggera di Cagliari Piazza Repubblica.

Erano circa le 8,30 quando sono arrivata, l’accordatore era già  lì con un po’ di anticipo rispetto al nostro appuntamento. Aveva appena aperto la cassa del pianoforte mettendo  in bella mostra  la meccanica, armeggiando con ”  chiavi”  di diverse misure. Ascoltava  con attenzione i suoni delle singole corde tirandole con molta delicatezza.

Quel pianoforte, donato solo due anni fa, era stato vandalizzato brutalmente mettendolo fuori  uso quasi  subito. Graffi dappertutto, tasti e leggio divelti.  Fino a ieri mattina era chiuso con un lucchetto.

La guardia giurata, custode della chiave, avvisava  chiunque ne facesse richiesta, che lo strumento era talmente scordato   da non permettere di suonare neppure la più semplice melodia.

Durante l’operazione di accordatura c’era un via vai di  persone che  buttavano l’occhio per capire cosa stesse succedendo. Qualche curioso si avvicinava  chiedendo notizie del perchè di questa operazione. Mi prodigavo subito a dire che la sera ci sarebbe stato un concerto con dei cantanti lirici e che di lì a poco avremo fatto qualche prova.

C’era il tizio che osservando l’accordatore,  evidenziava che quel mestiere  oggi è molto più facile di un tempo raccontando che suo nonno faceva tutto ad orecchio e non aveva certo bisogno di “macchinette” . Insomma chiunque passasse aveva da dire la sua incurante del fatto che l’accordatore aveva bisogno di estremo silenzio e che parlando gli avrebbero rallentato il lavoro superando le tre ore previste  .

Dopo una mezz’oretta ecco arrivare un treno dal quale scende un bel gruppo di ragazzi, inizialmente di corsa, e poi , una volta davanti al pianoforte aperto   rallentando e fermandosi ad osservare. Ho viso nei loro volti stupore , come i bambini che vedono  per la prima volta un giocattolo sempre e solo sognato.

Fra un pendolare e un viandante ecco giungere un ragazzo di circa 25 anni, dall’aspetto evidente di uno che soffre di qualche dipendenza . Barcollando osserva in silenzio  il completamento del lavoro  e senza perdere tempo, a lavoro terminato,  si siede subito davanti alla tastiera cominciando a strimpellare a caso e tentando di imitare i grandi pianisti  dondolandosi senza una logica.

Non sapevo come fargli capire che doveva lasciare il pianoforte perchè era arrivato il pianista Francesco Adamo che avrebbe dovuto accompagnare i cantanti del concerto della sera. Gli dico  che almeno per tutta la giornata quel pianoforte sarebbe stato di nostra proprietà dal momento che avevamo finanziato l’accordatura. Non ha fatto storie, si è alzato ma non ha tolto gli occhi dalla tastiera  e si è messo ad osservare  le dita del pianista che sfioravano i tasti con grande agilità. Chissà, magari da bambino avrebbe desiderato poter studiare il pianoforte  ma il destino aveva deciso diversamente per lui.

Nel frattempo il personale della stazione, gentilissimo, si è messo a disposizione per sistemare   la saletta affinchè fosse tutto pronto  per il concerto della sera  . Dentro di noi c’era la speranza che quello spazio si potesse riempire, ma avevamo dei dubbi. Il tempo non ci stava aiutando, vento e pioggia avevano preso il sopravvento dalla mattina presto.

Arriva poi una signora con  buste della spesa.  Guardandosi in giro capisce che c’è qualche novità in corso . Appena le dico del concerto subito si illumina riferendomi che da giovane era un soprano .  Mi guarda negli occhi  e comincia a cantare. Sento in lei una voce intonata e molto curata, avevo capito che non mentiva. Si siede sulla panca accanto al pianoforte e mi racconta un po’ della sua vita, era una rumena trasferitasi in un paese del cagliaritano ormai da più di 25 anni.

Finalmente  arriva il tenore Francesco Scalas che non perde tempo ed intona un brano di quelli che eseguirà nel concerto della sera, utile per provare l’acustica. La signora si incanta e per un attimo mi pare di leggere nel suo pensiero il desiderio di poter essere in palcoscenico con lui.

Un altro signore di mezza età dall’aspetto eccentrico con la barba lunga e bianca si ferma invece ad osservare il pianista.  Si  capisce che vuole domandargli qualche cosa ma non vuole interrompere le prove.  Approffitta di una pausa  per domandare se era disponibile per lezioni private.

Fine prima parte (leggi qui la seconda parte)


YouTube Video

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

DOMENICA 12 Novembre  il quintetto Sardò terrà un concerto  alle ore 19 al Teatro di Serrenti (CA) per l’Associazione Giacomo Medas
LUNEDI 13 novembre  al Teatro di Carbonia
Quintetto SardòPrimo violino
Luca Soru

Secondo violino
Mario Pani

Viola
Martino Piroddi

Violoncello
Oscar Piastrelloni

Contrabbasso
Andrea Piras

Programma concerto
- John Lennon- Paul McCartney  When I’m sixty- four
Fermo Dante Marchetti Fashination
- George Gershwin Summertime
- Walter Donaldson Makin’ Whoopee
- Astor Piazzolla Milonga del Angel
- Consuelo Velazquez Besame mucho
- John Lennon- Paul McCartney Eleonor Rigby
-George Gershwin The man I love
-John Williams Schindler’s List
-Carlos Gardel Volver
-Astor Piazzolla Meditango
-Errol Garner Misty
-Astor Piazzolla Oblivion
-Jabob Gade Jalousie
Nasce nel 2013 dall’idea di alcuni tra i migliori componenti dell’organico orchestrale del Teatro Lirico di Cagliari di dar vita a un ensemble classico ma estremamente versatile, in grado di armonizzare generi musicali differenti. Virtuosismi, precisione tecnica e ricercatezza interpretativa diventano elementi caratterizzanti delle loro performance, che spaziano da autori classici quali Mozart, Schubert, Brahms, ai tanghi di ispirazione argentina di Piazzolla e Gardel, passando per accattivanti trascrizioni del repertorio jazz e pop, e per questo mirate al coinvolgimento di un pubblico, espressione dei più svariati gusti musicali.
Il Quintetto ha debuttato nell’estate 2013, riscuotendo un grande successo nell’ambito della rassegna estiva “Un’Isola di musica” promossa dal Teatro Lirico di Cagliari. Ha tenuto concerti in diverse località della Sardegna, al Parco della Musica di Cagliari e in varie rassegne cameristiche, tra le quali “Mercoledì a Palazzo Regio”, promossa dalla Provincia di Cagliari. Ha preso parte a diversi concerti organizzati per fini umanitari assieme all’associazione Emergency, riscontrando sempre un elevato gradimento da parte del pubblico, e ha collaborato con artisti di fama nazionale come l’attrice Simona Cavallari. Ha inciso il suo primo disco live nel 2013 ed è di prossima uscita un secondo cd, entrambi sponsorizzati dall’azienza Secauto.
Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ieri sera a Cagliari, nella monumentale chiesa di San Michele,  si è tenuto un concerto-spettacolo dedicato ad Handel e Scarlatti e le loro”sfide tra spade e cembali”. Lo spettacolo è nato in collaborazione col Dipartimento di strumenti antichi del Conservatorio G.P.Da Palestrina

Fautore di questo originalissimo programma è stato Fernando de Luca , clavicembalista e compositore, che ha proposto un interessante “viaggio” tra i maggiori luoghi di scrittura musicale per Clavicembalo al tempo di Handel e Domenico Scarlatti dividendo il concerto in tre sezioni, dai luoghi in cui queste musiche videro la luce o furono portate: Amburgo, Venezia e Roma.

Durante la serata sono state eseguite anche musiche  di autori di grande successo di allora ( 1700), oggi praticamente del tutto dimenticati.

Ad aiutare il “pubblico viaggiatore , c’era anche un testo  (scritto da De Luca), recitato magistralmente dall’attrice-soprano Tiziana Pani , in cui il suo alter ego, Cavaliere di Saingianò, si immagina nei tre contesti, in giornate e momenti precisi, che ne hanno segnato la storia.  Il pubblico aveva un nutrito e particolareggiato  programma di sala che di per sé potrebbe essere parte di un trattato storico e di musicologia altamente specialistica.

In questa occasione il maestro De Luca ha presentato anche una parte degli inediti appena rinvenuti, di Handel – Babel scoperti dal Musicologo australiano  Graham Pont e a lui proposti, che sono stati  integralmente eseguiti a Venezia in un evento del 21 ottobre scorso.
Un programma di alta qualità che ha visto la chiesa gremita di un pubblico attento che ha sottolineato il finale con applausi, ovazione e richiesta di bis.
Maria Rosaria Grisorio
Di seguito il programma eseguito.

Handel e Scarlatti e le loro sfide tra spade e cembali
Concerto di Fernando De Luca
Chiesa di San Michele a Cagliari ore 21 esatte
Per il Dipartimento di strumenti antichi del Conservatorio di Cagliari

organizzato da Organizzato da Fernando De Luca e Michela Toso

Parte I

Amburgo

Johann Mattheson (1681-1764)
Suite XII in Fa minore [Douzieme]
Ouverture, Allemande, Courante, Sarabande, Double I/II/III, Gique, Menuet I/II

Georg Friedrich Händel (1685-1759)
Suite VIII in Fa minore (HWV 433)
Prélude: Adagio, Allegro [Fuga], Allemande, Courante, Gigue

Parte II

Venezia

THOMAS Roseingrave (1690-1766)
Fifth Sett in F minor
Allemande, Courante, Sarabande, Air (Vivace), Gavotte

Lesson V in Fa minore

Domenico Scarlatti (1685-1757)
Sonate K 238/239 in Fa minore

Parte III 

Roma

Domenico Scarlatti (1685-1757)
Sonate K 183/184 in Fa minore

Georg Friedrich Händel (1685-1759)
Toccata VIII

Suite in Do minore
Allemande, Courante, Aria con doubles, Gigue

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

“Sono cieco, non definitemi non vedente”.  Ivan è un pianista e concertista eclettico, cieco dalla nascita.

E’ diventato una delle rivelazioni della musica jazz degli ultimi anni, con le sue composizioni jazz originali destrutturate, la sua ironia e un talento fuori dal comune.

Insieme ad ABC Sardegna , Ivan si esibirà in un concerto di raccolta fondi all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari sabato 11 novembre alle 18,30, a sostegno dei ragazzi dell’Officina per la vita indipendente. Con la sua performance ci racconterà come la musica possa essere fonte di riscatto sociale, soprattutto per i più giovani.

Secondo me l’arte deve fare bene. E’ qualcosa che ti apre un mondo, che ti scuote! Ti dice ‘guarda che sta succedendo qualcosa’ e questo ti fa bene”.

Ma cosa è l’Officina per la vita indipendente?

Lo spazio dell’Officina è dedicato ai ragazzi con disabilità che hanno concluso il percorso scolastico e che vogliono portare avanti un loro progetto di vita.
Si propone la piena attuazione dei principi espressi nell’art.19 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, già Legge Italiana n.8/2009.

Il gruppo è composto da ragazzi e da operatori/educatori che si incontrano assiduamente, con cadenza settimanale per svolgere diverse attivita? di confronto, discussione, progettazione, brainstorming, sperimentazione di indipendenza, e riflessione sulle attività stesse.

Altri ragazzi partecipano “a distanza” seguendo le attività e partecipando agli scambi comunicazione ne gruppo.

L’Officina favorisce l’ampliamento degli interessi, della socializzazione e dell’autodeterminazione dei singoli per garantire una efficace integrazione sociale, familiare e lavorativa.

  • Sostiene e rafforza le risorse creative.
  • Facilita l’espressione di sè.
  • Rafforza la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità.
  • Favorisce la capacità di entrare in relazione con gli altri.
  • Facilita la condivisione delle esperienze e della socializzazione.
  • Offre uno spazio di riflessione e di elaborazione delle esperienze.

Per tutte le info e prenotazioni telefonare al 342 1575189 o via mail eventi@abcsardegna.org

Il pianista Ivan Dalia ha uno sponsor d’eccezione e vi invito a guardare il video sottostante


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Roberto Abbado dirige l’Orchestra del Teatro Lirico,

il 6-7 ottobre, per la Stagione concertistica 2017

 La Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, venerdì 6 ottobre alle 20.30 (turno A) e sabato 7 ottobre alle 19 (turno B), con il quattordicesimo appuntamento: il milanese Roberto Abbado ritorna a Cagliari, dopo sette anni di assenza (ultimo concerto dicembre 2010), e dirige l’Orchestra del Teatro Lirico in una locandina che propone, all’ascolto del pubblico, due veri e propri monumenti del repertorio sinfonico: la Quarta di Schumann e la Quarta di Mendelssohn-Bartholdy.

 

Foto priamo Tolu

Il programma delle due serate presenta: Ouvertüre in do minore per Genoveva op. 81 e Quarta Sinfonia in re minore op. 120 di Robert Schumann; Quarta Sinfonia in La maggiore “Italiana” op. 90 di Felix Mendelssohn-Bartholdy.

L’Ouvertüre in do minore per Genoveva op. 81 fa parte della produzione teatrale di Robert Schumann (Zwickau, 1810 – Endenich, Bonn, 1856) che la compone nel 1847 e trae spunto dalla leggenda medievale della sfortunata Genoveva di Brabante, accusata ingiustamente di infedeltà coniugale, per farla diventare una pagina di raffinata musica romantica. La Sinfonia in re minore viene composta, invece, tra maggio e settembre 1841, ma, visto lo scarso successo, viene accantonata per dieci anni e nel 1851, dopo che Schumann rivide soprattutto l’orchestrazione, nasce la versione definitiva.

Nella celeberrima Quarta Sinfonia in La maggiore “Italiana” di Felix Mendelssohn-Bartholdy (Amburgo, 1809 – Lipsia, 1847), composta nel 1833 durante il soggiorno in Italia dell’autore, traspaiono, appunto, tutti i colori, le musiche popolari, la natura e le peculiarità della nostra penisola che si fondono e danno vita ad una composizione di classica bellezza e di romantica spiritualità interiore.

 

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

 

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 6 ottobre alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Roberto Abbado – Insignito del prestigioso “Premio Franco Abbiati” dall’Associazione Critici Musicali italiani, «per la compiuta maturità interpretativa, l’ampiezza e la curiosità del repertorio nel quale ha offerto esiti rimarchevoli attraverso un’intensa attività stagionale», Roberto Abbado è Direttore Musicale del Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia e, dal 2018, del Festival Verdi di Parma. Ha studiato direzione d’orchestra con Franco Ferrara al Teatro La Fenice di Venezia ed all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, dove è stato invitato – unico studente nella storia dell’Accademia – a dirigere l’Orchestra di Santa Cecilia. Ha debuttato nel 1991 a New York, sul podio dell’Orchestra di St. Luke’s. Da allora è tornato regolarmente negli Stati Uniti a dirigere le orchestre sinfoniche di Boston, Philadelphia, Chicago, Cleveland, San Francisco, nonché la Los Angeles Philharmonic, la Saint Paul Chamber Orchestra – di cui è uno degli “Artistic Partners” – collaborando con solisti come Yo-Yo Ma, Midori, Nigel Kennedy, Gil Shaham, Joshua Bell, Hilary Hahn, Vadim Repin, Sarah Chang, Yefim Bronfman, Mitsuko Uchida, Alfred Brendel, Radu Lupu, André Watts, Andras Schiff, Lang-Lang, Katia e Marielle Labèque. Dal 1991 al 1998 è stato Direttore Musicale della Münchner Rundfunkorchester, con cui ha inciso sette registrazioni. Ha lavorato, fra le altre, con: Concertgebouworkest di Amsterdam, Wiener Symphoniker, Orchestre National de France, Orchestre de Paris, Staatskapelle Dresden, Gewandhausorchester di Lipsia, NDR Sinfonieorchester di Amburgo, Sveriges Radios Symfoniorkester di Stoccolma, Orchestra Filarmonica di Israele, Orchestra di Santa Cecilia, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Filarmonica della Scala, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Atlanta Symphony Orchestra, Cincinnati Symphony Orchestra, New World Symphony Orchestra, Minnesota Orchestra, Orchestra Filarmonica Malese, Orchestra Sinfonica di Taipei. Roberto Abbado ha diretto numerose prime mondiali e nuove produzioni di opere liriche, tra le quali si ricordano: Fedora ed Ernani al Metropolitan di New York; I vespri siciliani alla Wiener Staatsoper; La Gioconda, Lucia di Lammermoor, La donna del lago e la prima assoluta di Teneke di Fabio Vacchi alla Scala; L’amour des trois oranges, Aida e La Traviata alla Bayerische Staatsoper; Le comte Ory, Attila, I lombardi alla prima crociata, Il Barbiere di Siviglia, Phaedra di Henze – in prima italiana – e Anna Bolena al Maggio Musicale Fiorentino; Don Giovanni alla Deutsche Oper di Berlino; Simon Boccanegra e La clemenza di Tito al Regio di Torino; La donna del lago all’Opéra di Parigi; Ermione, Zelmira e Mosè in Egitto al Rossini Opera Festival; la prima italiana di Der Vampyr di Marschner al Comunale di Bologna. Appassionato interprete di musica contemporanea, il suo repertorio abbraccia compositori quali: Luciano Berio, Bruno Maderna, Goffredo Petrassi, Sylvano Bussotti, Niccolò Castiglioni, Azio Corghi, Ivan Fedele, Luca Francesconi, Giorgio Battistelli, Michele dall’Ongaro, Giacomo Manzoni, Salvatore Sciarrino, Fabio Vacchi, Pascal Dusapin, Henri Dutilleux, Olivier Messiaen, Alfred Schnittke, Hans Werner Henze, Helmut Lachenmann, John Adams, Ned Rorem, Christopher Rouse, Steven Stucky e Charles Wuorinen. Tra le sue registrazioni figurano: I Capuleti e i Montecchi di Bellini (nominato “Miglior cd dell’anno” da BBC Magazine, 1999), Tancredi di Rossini (vincitore del premio “Echo Klassik Deutscher Schallplattenpreis”, 1997), Don Pasquale con Eva Mei e Renato Bruson, Turandot con Eva Marton, Ben Heppner e Margaret Price. Per Decca ha registrato Verismo Arias con Mirella Freni, L’amour e Arias for Rubini con Juan Diego Flórez. Per Deutsche Grammophon ha pubblicato Bel Canto (“Echo Klassik Deutscher Schallplattenpreis”, 2009), Revive - entrambi con Elina Garan?a – e il dvd di Fedora con Mirella Freni e Placido Domingo dal Metropolitan di New York. Primo direttore italiano, Roberto Abbado ha diretto l’ormai tradizionale Concerto di Capodanno al Teatro La Fenice di Venezia il 1° gennaio del 2008 (in dvd per Hardy Classic Video). Sono stati pubblicati anche tre dvd registrati al Rossini Opera Festival di Pesaro: Ermione per Dynamic; Zelmira con Juan Diego Flórez, Kate Aldrich e Gregory Kunde per Decca; Mosè in Egitto con Sonia Ganassi, Dmitry Korchak, Riccardo Zanellato e Alex Esposito per Opus Arte. Di particolare rilievo le tournée sinfoniche con: Orchestra Filarmonica di Israele (Spagna 2005), Chamber Orchestra of Europe (Europa 2006), Saint Paul Chamber Orchestra (Europa 2007), Maggio Musicale Fiorentino (Festival Enescu di Bucarest 2009), Orchestra Verdi di Milano (Svizzera 2009), Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo (Russia 2011), Boston Symphony Orchestra (East Coast, USA, 2011). Nelle ultime stagioni ha diretto La favorite al Festival di Salisburgo (con Juan Diego Flórez ed El?na Garan?a), Don Pasquale e Samson et Dalila al Palau de les Arts di Valencia, La Gioconda, Maometto II e Lucia di Lammermoor al Teatro dell’Opera di Roma, Norma al Teatro Regio di Torino, Macbeth (regia di Bob Wilson) e Parsifal al Teatro Comunale di Bologna, Rigoletto al Metropolitan di New York, La Traviata e Simon Boccanegra a Hong Kong. Più recentemente è salito sul podio del Teatro Real di Madrid con Norma, dell’Opera di Shanghai con La Traviata, dell’Opera di Roma con Benvenuto Cellini e Andrea Chénier, del Palau de les Arts di Valencia con A Midsummer Night’s Dream, I vespri siciliani e Tancredi, e del Rossini Opera Festival con Le siège de Corinthe. In ambito sinfonico dal 2015 ha diretto le orchestre di San Francisco, Dallas e Atlanta, del Minnesota, la New World Symphony, la MDR-Sinfonieorchester di Lipsia, la Saint Paul Chamber Orchestra e la Malaysian Philharmonic.

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Ho conosciuto il grande tenore Luciano Pavarotti, per la prima volta il 14 agosto 1985, quando fece il concerto per la sua città, Modena.

Con alcune amiche e colleghe ci trovavamo nelle vicinanze e sentito che Pavarotti regalava questa serata gratuitamente ci siamo messe in fila dalle 15 del pomeriggio (la serata era prevista per le 21) per poter guadagnare un posto che fosse il più vicino possibile . Passammo tutta la sera a cantare sedute in terra contente di poter assistere a questo grande evento.

Riuscimmo a trovare un posto in decima fila, nella Piazza Grande di Modena.

Il concerto, come lo furono tantissimi altri, era un collage di arie d’opera e canzoni da camera . Anche in quell’occasione come in altre si alternava al flautista Andrea Griminelli.

Ciò che mi impressionò fu la purezza della sua voce, la chiarezza nella dizione e la perfezione delle esecuzioni sempre nelle tonalità originali e sempre senza risparmio di acuti. Ero un po’ diffidente sulle tonalità e avevo appresso il diapason.

Insomma, sembrava di ascoltare un disco e vi garantisco che il dubbio mi è anche venuto ma ero abbastanza vicino per capirlo. Fu generoso nei bis accontentando i suoi concittadini fino a notte fonda.

La seconda volta che incontrai Pavarotti a distanza ancora più ravvicinata, fu a Pesaro in occasione del concorso a lui intestato.

Andai con un gruppetto di artisti sardi miei allievi che erano stati ammessi alla semifinale . Lui era seduto nella platea del teatro, circa a metà sala, con accanto la moglie Adua da un lato e una segretaria dall’altro, noi qualche fila più indietro.

Ciò che mi colpì della sua personalità era il suo sorriso e la disponibilità  proprio come eravamo abituati a vederlo in TV e nelle riviste .

Quando chiamò a voce alta uno del mio gruppo, si espresse con qualche frase in spagnolo per via del nome e cognome che potevano trarre in inganno: Ignazio Perra.

Quando Ignazio salì sul palco, lui gli si rivolse chiedendogli  da quale paese spagnolo provenisse e Ignazio sorridendo disse che il suo era un paesino italiano e per l’esattezza della Sardegna. Sorrise scusandosi per l’equivoco. Fu comunque prodigo di suggerimenti per la voce e per la tecnica.

Quando finirono le audizioni, si alzò e venne verso di noi che lo assalimmo per foto ed autografi.

Fu disponibilissimo ma mi impressionò la mole fisica.  Zoppicava camminando a fatica e teneva con la mano destra un secchiello pieno di  cubetti di ghiaccio che masticava in continuazione. Il caldo di quel 14 agosto era davvero afoso e lui probabilmente  lo faceva per mantenere bassa la sua temperatura corporea.

Oggi ricorre il decimo anniversario della sua scomparsa. Voglio ricordarlo con un servizio TV   della serata cui assistii quel lontano 1985


YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »


Nel Sulcis-Iglesiente questa estate, sono divampati diversi incendi dolosi, creando danni devastanti e riducendo in cenere ettari ed ettari di terreno. La popolazione, in ginocchio, si è rimboccata le maniche e di lì a breve si è unita in comitati che hanno creato diverse iniziative a sostegno delle vittime. Una di queste è il concerto che si è tenuto ieri sera a Gonnosfanadiga, uno dei centri che è stato particolarmente colpito.

Ieri sera, nella sede della banda del paese, la sala era gremita per ascoltare il tenore Alessandro Scano, il mezzosoprano Marina Figus, il soprano Maria Grazia Piccardi, il contralto Federica Moi e il tenore Francesco Scalas accompagnati al pianoforte dai maestri Anna Maria Dessì e Valerio Carta.  Arie , romanze e canzoni dalle più belle opere ed operette.

La serata è stata presentata  da Iride Pais che ha sottolineato l’importanza di quete iniziative.  Ha incoraggiato   i giovani artisti che si esibivano per la prima volta ,Federica Moi e Francesco Scalas, che con gli altri artisti hanno cantanto  davanti ad un pubblico esperto ed appassionato come quello di Gonnosfanadiga; pubblico che per tradizione segue con costanza le Stagioni Liriche e sinfoniche del Teatro lirico cagliaritano. A conclusione del concerto è intervenuto anche il sindaco  Fausto Orrù che ha  ringraziato  tutti coloro che hanno messo a disposizione il loro tempo e impegno ed in particolare  il tenore Alessandro Scanu, sensibile artista locale, che non ha perso tempo e nell’arco di un mese ha messo insieme diversi artisti realizzando così questo concerto di solidarietà.  La serata si è conclusa con un ricco buffet per tutti.

Per chi volesse contribuire alla raccolta fondi può rivolgersi al Comitato LA FENICE

Sotto, un breve video- documento della serata


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Domani pomeriggio, presso la struttura comunale della casa di Riposo Vittorio Emanuele II, a Cagliari, si terrà il terzo appuntamento della rassegna Artisti a Terramaini che vedrà per la prima volta il duo formato dalle giovanissime sorelle Anna e Chiara Irde.

ANNA IRDE è nata a Cagliari nel 1994, intraprende lo studio del pianoforte a partire dall’età di 10 anni presso il Conservatorio “G.P. da Palestrina” di Cagliari e si diploma con il massimo dei voti e la lode sotto la guida della Professoressa Francesca Giangrandi.

Nel 2011 ha preso parte come pianista accompagnatore del coro degli allievi del Conservatorio di Cagliari diretto dal maestro Giuseppe Erdas e dei cantanti solisti alla manifestazione musicale per i 150 anni dall’Unità d’Italia, svoltasi al Palazzo della Regione e all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari.

Nel 2013 prende parte alla manifestazione “Monumenti aperti”, nella quale ha occasione di suonare al Teatro Lirico di Cagliari. Nel 2014 e nel 2015 partecipa all’iniziativa “Giovani in concerto”, esibendosi nell’Auditorium del Convitto Nazionale di Cagliari. Nel Marzo 2015 suona in occasione della conferenza “Prospettive Educative” promossa dal Convitto Nazionale di Cagliari. Nel maggio 2015 si esibisce nel teatro Auditorium del Conservatorio nell’ambito della manifestazione “Monumenti aperti”, del progetto didattico “I Saggi del Conservatorio” e inoltre, come finalista, al “Concerto dei finalisti del XIII Concorso di Esecuzione Musicale Golfo degli Angeli ”. Nel giugno 2015 si esibisce nella rassegna di concerti “Solstizio d’estate” promossa dal Conservatorio di Cagliari in collaborazione con il Comune di Cagliari.

Nell’ottobre 2015 suona al Palazzo Siotto a Cagliari nella rassegna “Giovani pianisti del Conservatorio di Cagliari”, promossa dall’Associazione Culturale Ponticello, e partecipa alla rassegna di concerti al Palazzo Regio di Cagliari, in occasione del V Festival Pianistico del Conservatorio di Cagliari, dedicato alla figura di Alexis Weissemberg.

CHIARA IRDE

Nata a Cagliari nel 1996. Nel 2004 ho iniziato a studiare violino al Conservatorio di Cagliari, conseguendo  la licenza di solfeggio, il compimento inferiore,  la licenza di Canto corale ; la licenza di pianoforte complementare.

Tra il 2005 e il 2010 ho preso parte, come componente del coro delle voci bianche del Teatro Lirico di Cagliari, all’opera Carmen, di Bizet, ai  Concerti di Natale 2007 (come voce solista), Organ gala, Carmina Burana, Dama di picche, Pagliacci, Bohème, Psalmus Hungaricus, Schiaccianoci.  Attualmente studia canto lirico in qualità di soprano con l’insegnante Alessandra Atzori presso la Vi.U.Music Academy.

In questa veste Chiara si presenterà domani sera, accompagnata al pianoforte da sua sorella Anna, in un repertorio di brani da camera sacri e profani.

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Domani sera, col saggio-concerto degli allievi della Vi.U.Music Academy , si concluderà l’ anno della nostra accademia musicale cagliaritana. Tanti artisti motivati da un’unica passione per la musica e il canto si esibiranno con brani famosi tratti dal repertorio  popolare del canto moderno e della lirica. Ci sarà l’esibizione anche di alcuni ragazzi della classe di pianoforte.

Sarà una grande festa per tutti. La serata, che è stata inserita nei programmi della Estate Masese,  si terrà nel Teatro di Elmas con inizio alle ore 20.  L’ingresso è aperto a tutti.

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »


I musicologi  convengono tutti che per canzone si debba intendere un breve  componimento lirico destinato ad essere anche cantato con accompagnamento musicale”.

Anche la canzone algherese non sfugge a questa definizione, anzi possiamo affermare con certezza che è proprio grazie alla forza espressiva delle liriche e dei versi di poeti eccelsi come Ramon Clavellet, Rafel Catardi, Xiu Terrat, Gavi Ballero, Antoni Dalerci, Antoni Cao, Pino Piras e  Carlo Demartis, che la minoranza linguistica di Alghero può fregiarsi di un filone creativo di notevole qualità.

Molte di queste liriche sono state tradotte in musica da valenti musicisti tra i quali Joan Pais, Antoni Dalerci, Antoni Cao, Isabella Montanari, Vittorio Nannarelli, dando luogo alla specificità della canzone algherese che se per certi versi profuma di sapore napoletano, mantiene in definitiva delle caratteristiche uniche ed estranee ad altre culture musicali e poetiche.

L’ispirazione lirica della canzone algherese e l’operazione di pulizia dagli incrostamenti interpretativi succedutisi nel corso del tempo, viene compiuta e riproposta oggi con competenza e rigore stilistico dal M° Domenico Balzani.

Il baritono algherese si esibirà in un concerto in collaborazione con L’Obra Cultural di Alghero,  nella meravigliosa cornice all’aperto del chiostro di San Francesco il prossimo 26 Luglio. Il programma prevede :  nella prima parte l’esecuzione di arie d’opera tra le più amate del repertorio lirico e nella seconda una selezione di canzoni algheresi.

Sarà una rara occasione per ascoltare uno degli artisti lirici  più significativi che calcano oggi i palcoscenici dei teatri di tutto il mondo  e per gustare l’incomparabile bellezza dei versi e delle melodie della canzone algherese.

 Domenico Balzani, algherese, plurilaureato e diplomato in discipline economiche e musicali, vanta una carriera internazionale che dal 1990 lo vede esibirsi in teatri come Deutches Oper di Berlino, Massimo di Palermo, Maggio Musicale Fiorentino, Regio di Torino, Concertgebown di Amsterdam, Tokio National Theatre, Israeli Opera, Teatro dell’Opera di Roma, San Carlo di Napoli, Arena di Verona, Teatro Sao Carlo di Lisbona. Ha collaborato con prestigiosi direttori d’orchestra come Yuri Ahronovich, Claudio Abbado, Riccardo Chailly, e registi come Franco Zeffirelli, Luca Ronconi. Nell’ultima stagione ha inaugurato il Nuovo Teatro dell’Opera di Dubai, si è esibito allo StaadstOper di Amburgo, al Theatre des Champes Elysees a Parigi, al Teatro Verdi di Trieste, allo StaadstTheater di Basilea. E’ Project Manager dell’Associazione Opera Festival di Perugia, direttore della collana editoriale ProgettArte per Aracne Editrice con cui ha pubblicato il saggio “il project management nell’opera lirica”.

 Docente al conservatorio di Udine, Università Givat Ram di Gerusalemme, Wiener Master Course di Vienna, National Theatre di Oslo in Norvegia. Ha inciso opere liriche e album monografici per Decca, Bongiovanni e Phaedra. E’ Presidente di Assolirica ed è nel consiglio direttivo del Colap Nazionale. Dal 2014 è nel CDA del Conservatorio di Trieste su nomina ministeriale. Caterina Arzani, alessandrina, laureata in Pianoforte si è perfezionata con Sergio Perticaroli, conseguendo, con il massimo dei voti e la lode, il diploma all’Accademia Nazionale di Alto Perfezionamento S.Cecilia, a Roma, e con Andrea Lucchesini presso l’Accademia di Musica triennale di Pinerolo. Parallelamente agli studi musicali, si è laureata in Matematica presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università “A. Avogadro” di Alessandria. Vincitrice di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tiene concerti sia come solista sia in formazione da camera, in diverse Stagioni Concertistiche.

E’ stata insignita del titolo “Excelsius Musicae et Pacis nuntius” in occasione della manifestazione “Eurofestival, concertisti emergenti” svoltasi a Roma presso Palazzo Venezia sotto il patrocinio del Parlamento Europeo e dell’Unipax. E’ Presidente e Direttore Artistico dell’Associazione di Musica e Cultura “F. Chopin”. Lo spettacolo è promosso e organizzato dalle associazioni Obra Cultural de l’Alguer e Escola de alguerés “Pasqual Scanu” e il ricavato del concerto sarà devoluto ad una iniziativa editoriale che andrà a promuovere e divulgare la figura e le opere di autori algheresi. Informazioni: tel. 079 977228 tutti i giorni, domenica esclusa, dalle h.18.30 alle h.20.30. Prevendita biglietti (il costo è di 10 euro) presso la sede dell’ Obra Cultural de l’Alguer, via Arduino, 46.

Alghero

 

 

 

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Vi posto di seguito il programma che sarà eseguito domani sera al Bastione di Cagliari (vedi post)

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Non è la prima volta che il Coro e l’orchestra del Teatro Lirico di Cagliari si esibiscono nella monumentale terrazza del Bastione. Se la memoria non m’ inganna, l’ultima volta risale al 17 marzo del 2011, in occasione dell’anniversario dei 150 anni dell’unità  d’Italia. All’epoca il direttore d’orchestra era il giovanissimo Andrea Battistoni

Giovedì 6 luglio alle 21, sempre sulla Terrazza Umberto I del Bastione di Saint Remy a Cagliari, il Teatro Lirico di Cagliari offre una serata di musica lirica al pubblico ed alla cittadinanza tutta: celeberrime scene corali, arie, duetti e brani popolari tratti dalle più famose opere liriche di Verdi, Puccini, Donizetti e Rossini.

Questa volta però il direttore sarà  Gérard Korsten e, in qualità di solisti, Tiziana Caruso (soprano), Lavinia Bini (soprano), Agostina Smimmero (mezzosoprano), Angelo Villari (tenore), Devid Cecconi (baritono). Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Il programma musicale della serata prevede: Sinfonia da Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini; Noi siamo zingarelleDi Madride noi siam mattadori da La Traviata, Vedi! Le fosche notturne spoglieStride la vampa! da Il Trovatore, Di Provenza il mar, il suol da La Traviata di Giuseppe Verdi; Vissi d’arteE lucevan le stelle da Tosca di Giacomo Puccini; Bella figlia dell’amore da Rigoletto di Giuseppe Verdi; Benedette queste carte! da L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti; Va’, pensiero da Nabucco, Libiam ne’ lieti calici da La Traviata di Giuseppe Verdi.

L’ingresso alla manifestazione, della durata complessiva di un’ora circa, è libero.

 La serata è inserita nel progetto “CagliariPaesaggio”, a cura del Comune di Cagliari.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Villa Fanny e la Associazione Culturale “Millenote” sono liete di invitarvi a trascorrere una magica serata all’insegna del gusto e della buona musica. Nella verde cornice dei giardini della villa, lasciatevi incantare dai sapori del nostro buffet e dalla maestria dei musicisti.

Programma del Concerto / Buffet / 9 luglio 2017 – h 21.00

QUADRI D’OPERA
Intrighi e amori da Mozart a Puccini
Concerto per soprano, tenore, baritono, coro e pianoforte

Soprano, Tiziana Pani
Tenore, Damiano Caria
Baritono, Riccardo Spina
Coro, corale nostra signora di Bonaria
Pianoforte, Manuele Pinna
Direttore del coro, maestro Andrea Cossu

INGRESSO SU PRENOTAZIONE
BIGLIETTI DISPONIBILI SINO AD ESAURIMENTO

Per informazioni e prenotazioni, prevendite e pacchetti:
Tel. 070 8587300
booking@hotelvillafanny.it

Viale Merello 43

Cagliari

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Era tutto dedicato a Gioachino Rossini il concerto che si è tenuto ieri sera a Palazzo Siotto a Cagliari. I protagonisti erano due giovani cantanti lirici (ma già ottime promesse) e il pianista accompagnatore Giancarlo Salaris.

Sia il basso Alessandro Abis che il soprano Claudia Urru hanno  evidenziato grandi capacità tecniche di emissione di fiato e padronanza della voce: agilità, filati, smorzati, picchettati, intonazione ,acuti e gravi, tutto era sotto controllo in voci di prima qualità.

Le romanze eseguite, tra le più difficile del compositore pesarese, erano tratte da opere quali “Il signor Bruschino”, “Il barbiere di Siviglia”, “Il viaggio a Reims”, “La Semiramide”, “La Gazza Ladra”.

Dal canto suo il maestro Giancarlo Salaris è stato all’altezza della situazione accompagnando e respirando con gli artisti , dote non facile e non comune a tutti i pianisti accompagnatori. Ci ha poi regalato una perla pianistica: un brano raro che Rossini ha scritto a fine carriera come una sorta di testamento; una marcia funebre molto ironica  al cui interno emergevano piccole porzioni musicali delle sue opere più famose.

I due cantanti (che provengono dalla stessa scuola, quella del soprano Elisabetta Scano) hanno già affrontato il palcoscenico del professionismo. Tutti  e due infatti  hanno  debuttato in grandi teatri come il Lirico di Cagliari ,  Petruzzelli di Bari,  Filarmonico di Verona tanto per citarne alcuni.

Di seguito un videodocumento della serata


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

Ieri sera, al Teatro Comunale di Elmas, si è tenuto il primo dei concerti del tour degli Artisti Sardi per Amatrice.   L’inizio della serata è stato siglato dal brano Ripartiremo in live con l’accompagnamento strumentale della pianista Marinella Angiargia e del chitarrista Giuseppe Cocco.  Il brano, che è stato composto da Mattia Sanna, è diffuso via web e può essere acquistato in tutti gli store al costo di 99 centesimi. Il ricavato, (insieme a quello delle serate del tour) andrà alla ricostruzione del Teatro-cinema del comune di Amatrice pesantemente colpito dal terremoto.

La serata è stata condotta con sicurezza e professionalità da  Valeria Onnis, che ha saputo gestire lo spettacolo anche con piccole interviste e aneddoti. Sicuramente toccante la lettura della Lettera che il sindaco di Amatrice ha inviato al gruppo per congratularsi dell’iniziativa lodevole.

Gli ASPA (Mattia Sanna,Valeria Onnis, Marta Moricio, Alessia Casu, Alessandra Atzori, Francesco Scalas, Alessandro Orrù, Alessio Pizzoni, Alessandro Garau, Giuseppe Cocco, Marinella Angiargia) si sono esibiti sia con brani inediti che con cover popolari che spaziavano dagli anni 70 ai giorni nostri.  I generi erano tra i più svariati sia per impostazione vocale che per scelta artistica: classico sudamericano, pop, rock ma anche rap.Di particolare impatto emotivo è stata l’esibizione di Marta Moricio alle prese col difficilissimo  Still Loving You degli Skorpions .  Buona la risposta del pubblico che generosamente ha contribuito alla raccolta fondi per Amatrice.

La serata è stata sponsorizzata dal Comune di Elmas, dalla Pro Loco e dalla ditta  Pani e Casu. Un particolare ringraziamento va al tecnico del suono Claudio Gasperoni e alla Vi.U.Music Academy di Cagliari.

In attesa della prossima data del tour,  si può continuare a scaricare il brano Ripartiremo dai principali stores.

Questi i link

Tunes : https://itunes.apple.com/…/…/ripartiremo-single/id1179695725

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Preziose atmosfere moldave nel concerto diretto da Marco Guidarini,

il 3-4 marzo, per la Stagione concertistica 2017

 

Il quinto appuntamento della Stagione concertistica 2017 al Teatro Lirico di Cagliari prosegue, venerdì 3 marzo alle 20.30 (turno A) e sabato 4 marzo alle 19 (turno B), e prevede il ritorno del maestro  Marco Guidarini, che venne a Cagliari per dirigere un apprezzato Requiem di Giuseppe Verdi e che per l’occasione  rilasciò un’ intervista per il mio blog che vi posto di seguito .

Guiderà l’Orchestra del Teatro Lirico, e, in qualità di solisti, si esibiranno alcune prime parti del settore fiati della compagine cagliaritana: Riccardo Ghiani (flauto), Salvatore Chierchia (oboe), Lorenzo Panebianco (corno), Andrea Cellacchi (fagotto). Il concerto prevede anche la presenza del mezzosoprano ceco Ester Pavl?.

Il programma musicale delle due serate presenta: Il Demetrio: ouvertüre di Josef Myslive?ek; Sinfonia concertante in Mi bemolle maggiore per fiati e orchestra K. 297b di Wolfgang Amadeus Mozart; Canti biblici per mezzosoprano e orchestra op. 99 di Antonín Dvo?ák; Sinfonia in Re maggiore “Praga” K. 504 di Wolfgang Amadeus Mozart.

 Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 11 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (11 spettacoli) già in vendita da lunedì 16 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 3 marzo alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Andrea Cellacchi – Nato a Roma nel 1997 è figlio di genitori musicisti. A 10 anni inizia lo studio del fagotto ed a 16 si diploma con lode e menzione d’onore al Conservatorio di Musica “Ottorino Respighi” di Latina. Si impone a 18 anni all’attenzione internazionale vincendo il Primo Premio all’Aeolus International Competition di Düsseldorf e il Primo Premio al The Muri Competition 2016, primo italiano ad aggiudicarsi questi prestigiosi riconoscimenti. È inoltre vincitore del Premio Abbado 2015 e del Primo Premio nei concorsi internazionali di fagotto “AudiMozart 2016”, “Gioachino Rossini” di Pesaro e “Città di Chieri”. A 15 anni viene ammesso all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, dove frequenta il Corso di Perfezionamento di Fagotto tenuto da Francesco Bossone. Ha preso parte a numerose masterclass tenute da: Dag Jensen, Matthias Rácz, Giorgio Mandolesi, Ole Kristian Dahl, Giorgio Versiglia. Attualmente frequenta il Master Music Performance all’Hochschule der Künste di Zurigo nella classe di Matthias Rácz. A 19 anni vince il posto di Primo Fagotto Solista nell’Orchestra del Konzerthaus di Berlino diretta da Iván Fischer. Si è esibito come solista con orchestre quali: Münchner Symphoniker, Izmir State Symphony Orchestra, Meininger Hofkapelle, Düsseldorfer Symphoniker, Argovia Philharmonic, Bad Reichenhaller Philharmonie, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Ha collaborato con: Orchestra della Svizzera Italiana OSI, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Filarmonica del Teatro Regio, Orchestra Filarmonica di Torino sotto la direzione di John Axelrod, Antonio Pappano, Gianandrea Noseda, Daniele Rustioni. Ha partecipato ad importanti stagioni concertistiche ed a festival europei, tra cui: Rome Chamber Music Festival, Encuentro de Música di Santander, Campus RheinMein di Francoforte; esibendosi con musicisti quali: Alessandro Carbonare, Guglielmo Pellarin, Lawrence Dutton, Hans-Jörg Schellenberger, András Adorján, Eduard Brunner, Lorenza Borrani, Lucas Macías Navarro, Matthias Rácz, Radovan Vlatkovi?.

 

Salvatore Chierchia – Nato nel 1961 ha studiato oboe al Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli. Ha proseguito gli studi seguendo diversi corsi di perfezionamento, sia in Italia che all’estero, sotto la guida di musicisti di fama internazionale come Pietro Borgonovo e Pierre Pierlot. Durante il corso di studi ha svolto intensa attività cameristica per inportanti associazioni musicali. Nel 1984 inizia a collaborare con Roberto De Simone nelle rappresentazioni delle sue opere principali come La gatta Cenerentola, L’opera buffa del giovedì santo e Requiem in memoria di Pier Paolo Pasolini, svolgendo anche diverse tournée all’estero: Stati Uniti, Francia, Argentina Svizzera e Messico, dove ha suonato alla presenza di Leonard Bernstein. In seguito ha iniziato la sua attività di musicista nell’Orchestra “Alessandro Scarlatti” di Napoli ed al Teatro di San Carlo, collaborando con direttori di fama mondiale come Daniel Oren, Wolfgang Sawallisch, Riccardo Muti, Carlo Maria Giulini e collaborato con i solisti dell’Orchestra “Birch Run Funchen” eseguendo, al Conservatorio di Musica di Cagliari, le Serenate di Mozart per ottetto di fiati. Ha svolto attività in qualità di solista, eseguendo il Concerto K. 314 di Mozart, il Concerto in re minore di Vivaldi, il Concerto per oboe ed archi di Benedetto Marcello con l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, dove, dal 1989, ricopre il posto di primo oboe.

 

Riccardo Ghiani – Primo flauto dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari. Cagliaritano, nato nel 1961, si è formato sotto la guida di Salvatore Saddi, Raymond Guiot, Maxence Larrieu. Nel frattempo ha frequentato numerose masterclass tenute da Alain Marion e Robert Dick per il flauto e da Bruno Canino e Maurice Bourgue per la musica da camera. Ha fatto parte, per diversi anni, dell’Ensemble Spaziomusica di Cagliari, con il quale ha svolto un’intensa attività nel campo della musica contemporanea. Parallelamente all’attività di primo flauto dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, viene invitato a collaborare con: ORT Orchestra della Toscana (Firenze); Orchestra Sinfonica di Sanremo; Ensemble Instrumental de l’Ile de France (Paris); Pomeriggi Musicali di Milano; Orchestra Sinfonica Siciliana (Palermo); Orchestra del Teatro Nazionale dell’Opera Roma; Orchestra Haydn di Bolzano e Trento; Konzerthaus Orchester Berlin. Ha suonato sotto la direzione di: Gérard Korsten, Lorin Maazel, Carlo Maria Giulini, Pinchas Steinberg, Cristopher Hogwood, Roberto Abbado, Christopher Hogwood, Gennadi Rozhdestvensky, Raphael Frühbeck de Burgos, Emmanuel Krivine, Georges Prêtre, Iván Fischer, George Benjamin, Frans Bruggen, Ton Koopman, Trevor Pinnock, Peter Schreier, Luciano Berio, Serge Baudo. Ha insegnato nei conservatori di musica di Cagliari, Sassari, Reggio Calabria e Palermo. Dal 1996 al 2001 è stato docente assistente di Aurèle Nicolet all’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Dal 2001 al 2006 è stato docente, al fianco di Nicolet, all’Accademia Estiva di Hvar (Croazia). È stato docente dei corsi superiori dell’Accademia Flautistica Travesera Siglo XXI di Madrid. Viene regolarmante invitato a tenere masterclass flautistiche e come membro di giuria in Italia e all’estero. Da diversi anni è invitato come expert agli esami finali di master all’HEM – Haute Ecole de Musique de Geneve. È docente all’Accademia estiva Bosaantica, ai Cursos de Musica de Segovia e all’Accademia “Non solo Flauto” a Poggio Ubertini (Montespertoli). È stato membro fondatore dell’Hoffmansthal Ensemble e condirettore artistico del Festival “Le piace Richard Strauss?”, in collaborazione con il Richard Strauss Institut di Garmisch Partenkirchen.


YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

A Pula, questa sera, nella bella cornice di Casa Frau si è tenuto un concerto in occasione della “Festa della terza Età” . Ad organizzarlo è stato il Comune che già da qualche tempo si è mostrato sensibile alla musica e alla cultura organizzando serate culturali non solo nel periodo estivo per i turisti, ma anche durante tutto l’anno per i cittadini e gli abitanti dei paesi limitrofi.

Il programma di oggi prevedeva canzoni, romanze da camera, operetta, sia in duetto che in brani solistici. Insieme  al soprano Alessandra Mei e al tenore Mauro Secci, si è esibito anche il violinista Giovanni Nucciarelli che ha eseguito brani di Beethoven e Monti.

Gli artisti sono stati accompagnati al pianoforte dal maestro Valerio Carta.

Tanti anziani ma anche tanti giovani sono accorsi numerosi ed hanno applaudito gli artisti con richiesta di bis finale. Loro di rimando  hanno accontentato il pubblico esibendosi tutti e 4 nel popolarissimo O sole Mio.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ieri sera ho assistito al concerto di apertura della Stagione Sinfonica del Teatro Lirico di Cagliari. Il programma era tutto incentrato su MozartKyrie in re minore per coro e orchestra K. 341, la Sinfonia n. 25 in sol minore K. 183 e il celeberrimo Requiem in re minore per soli, coro e orchestra K. 626 .

Mentre ascoltavo quella musica che mi ha accompagnato da una vita, mi veniva istitivo, ad occhi chiusi, cercare il così detto “pelo nell’uovo“. I brani eseguiti,  soprattutto il Requiem, li conoscevo troppo bene per non accorgermi delle sbavature, ma ho pensato che per una volta volevo riuscire a godermi il concerto come se non lo avessi mai cantato e non avessi mai letto lo spartito. Volevo godermi insomma la serata in compagnia di amici senza dover per forza criticare gli attacchi imperfetti, le voci solistiche poco adatte o i volumi delle due masse artistiche poco equilibrte tra loro.

Avevo accanto a me un amico un amico che si sta avvicinando a teatro da poco tempo, e mi hanno incuriosito le sue considerazioni. Una delle prime cose che mi ha domandato è stata: “ma quando esce dal palcoscenico, il direttore, dove va? ” Ho riso davvero perchè è una delle prime cose che, da ragazzina, mi chiedevo sempre.

Gli ho risposto che  il direttore , alla fine dell’ esecuzione ringrazia per gli applausi del pubblico, esce dal palcoscenico e va  dietro le quinte a rilassarsi, a  scaricare la tensione . Quasi sempre però, torna sul podio perchè il pubblico lo richiede e in qualche occasione per eseguire un bis. Lui si era immaginato una scena, forse vista in qualche film, dove ad accogliere il direttore dietro le quinte c’era un inserviente che gli porgeva una tazza di te caldo, un asciugamano o una poltroncina, chissà..

Alla fine della prima parte ho salutato diversi amici fedelissimi del teatro da decenni. I super abbonati  che anche nei momenti peggiori, non hanno mai abbandonato la barca, anche quando faceva acqua da tutte le parti. Uno di loro ha fatto una considerazione riguardo la parte estetica del coro donne: ” Perchè le donne non hanno una loro divisa? Anche il più povero dei cori polifonici, la possiede. Vedere questi abiti tutti diversi disturba chi guarda e, sembrerà stano, ma in qualche momento mi ha distolto l’attenzione dall’ascolto.”

Gli ho spiegato che non è facile riuscire a trovare una soluzione in proposito perchè gli artisti del coro sono dei professionisti e fanno decine di concerti all’anno (diversamente da un coro amatoriale) e una sola divisa ben presto si logorerebbe.  E poi c’è chi ingrassa e chi dimagrisce velocemente, chi ha troppo caldo sul palcoscenico e chi invece soffre il freddo. Le situazioni ambientali in cui ci si esibisce, soprattutto durante i concerti decentrati, sono sempre diverse e quindi ognuno si arrangia in base alle proprie esigenze mantenendo comune almeno il colore.

Visto che il pubblico  ha fatto delle considerazioni sull’abbigliamento degli artisti, io ho fatto altrettanto riguardo quello  del pubblico.

Impossibile non tornare indietro nel tempo dove davvero chi veniva a teatro per una prima, non poteva fare a meno della pelliccia, magari prestata dalla zia anziana o avuta in regalo. Si sentiva in colpa chi non la possedeva o chi la possedeva “finta” .

Ero bambina quando mia nonna mi raccontava della sua adolescenza e di quando si recava a Teatro con tutta la famiglia in carrozza, trainata dai cavalli , e ci si vestiva sempre in abito da sera e stola di pelliccia. La famiglia aveva il palchetto di proprietà, al Teatro Civico, e quando ci si sedeva, sempre con una buona mezz’ora di anticipo, il primo vero spettacolo era quello di “crastulare” sull’abbigliamento delle persone sedute negli altri palchetti o in platea. Le logge non si prendevano in considerazione perchè lì ci andavano gli studenti squattrinati.

La prima cosa da osservare era appunto  l’abbigliamento ed i gioielli, (occasione, quella del teatro, di poterli sfoggiare): chi aveva la pelliccia finta, chi non aveva un bel vestito; chi frequentava davvero il teatro perchè era appassionato e indenditore e chi, come la figlia del macellaio, voleva elevarsi culturalmente ma dormiva alla grande durante tutto lo spettacolo.

Insomma, tanta superficialità che oggi, per fortuna, sembra non esistere più. Il teatro è aperto a tutti, a chi ha l’abito da sera e la pelliccia e a chi possiede un giaccone, un cappotto, una pelliccia ecologica. A Teatro si va per ascoltare della buona musica e migliorare la propria cultura.

La musica è per tutti senza distinzione di classe sociale.

Il video-documento sottostante riguarda alcuni momenti del concerto di ieri.


YouTube Video

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Sono tanti coloro che a Natale non festeggeranno col cenone e i loro cari, con lo scambio di regali, con la gioia. Tra questi sicuramente la popolazione di Aleppo, la città siriana martoriata dalla guerra iniziata 19 luglio 2012, e ritenuta molto importante dalle organizzazioni e gruppi armati nella guerra civile siriana.

Questa guerra ha portato alla divisione della città in due parti controllate rispettivamente dal governo (Aleppo Ovest) e dai ribelli (Aleppo Est), e si è trasformata sostanzialmente in una guerra di posizione con vari tentativi di avanzamento da ambo le parti. Nella seconda metà del 2016, le forze governative hanno posto sotto assedio la parte est, riconquistandola quasi interamente tra novembre e dicembre. Il 22 Dicembre 2016 il Comando Generale Siriano annuncia ufficialmente la conquista totale della città da parte dell’esercito.

Martedì 27 dicembre il coro Hit et Nunc vuole trasmettere un messaggio di pace,  di dialogo e di tolleranza per Aleppo, con un concerto, che si terrà a Cagliari nella Parrocchia Madonna della Strada.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Complesso Orchestrale del Teatro Lirico di Cagliari

si esibisce nella Cappella dell’Ospedale Brotzu

Giovedì 22 dicembre, alle 15.30, nella Cappella dell’Ospedale Brotzu di Cagliari, il Complesso Orchestrale del Teatro Lirico di Cagliari si esibisce in un concerto che prevede musiche di Franz Joseph Haydn e Johann Sebastian Bach. Solisti: Gianmaria Melis, Roberto Castellani (violini), Riccardo Ghiani (flauto).

L’ingresso al concerto è libero.

La manifestazione, nata dalla collaborazione tra Teatro Lirico di Cagliari, Azienda Ospedaliera Brotzu e Rotary Club di Cagliari, inaugura e promuove il progetto di favorire l’umanizzazione delle cure attraverso la musica.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

… Magari fosse! Ma la speranza è l’ultima a morire. Io lancio la proposta: c’è qualcuno disposto ad  investire in un suo concerto italiano?

Il chitarrista “di strada” conosciuto da tanti in questa veste, non è altro che un grande musicista  e lo si può capire ascoltandolo nei suoi video su youtube che contano milioni di visualizzazioni.  Moltissimi hanno avuto la fortuna di sentirlo dal vivo, per strada, senza sapere esattamente chi fosse.  Lui non ha mai messo paletti alla sua arte . Suonare è una grande passione senza limiti di nessun genere. Sua madre Elena ha aperto una pagina facebook nella speranza di riuscire a   farlo suonare anche in Italia.

Nel forum fatajasmine  trovo questa sua biografia

Nato in Ucraina il 24 aprile 1975, come molti bambini sovietici, ha studiato presso una Scuola di Musica, non immaginando che sarà proprio la musica a portargli fortuna.
Ha imparato a suonare la chitarra all’età di 8 anni. Negli anni novanta si trasferisce in Israele con i genitori, dove ha vissuto per circa 10 anni, non riuscendo a trovare se stesso.
Poi ci sono stati gli anni dei continui spostamenti da un paese all’altro, vivendo in varie parti del mondo, e dopo un lungo periodo durato 11 anni,senza suonare, ha deciso di avventurarsi negli Stati Uniti e iniziare una nuova vita.
Approda a New York dopo la tragedia dell’11 settembre, con l’intenzione di trovare il suo vero percorso di vita.
A New York, Estas, riceve in dono una chitarra che cambia completamente la sua vita.
Ed è proprio qui che è rinata la sua passione per la musica, suonando con il virtuoso Michael Schulman .
Il culmine lo ha raggiunto nella esibizione al concerto annuale dedicato alla tragedia dell’11 settembre, a Union Square.

Ha il virtuosismo di un artista classico con la tecnica del flamenco, radici latino gitane e caratteristiche elettroniche
del suono acustico.
Di lui si sa molto poco, solo che attualmente gira il mondo suonando la sua chitarra nelle piazze dove, molte persone lo prendono per un artista barbone e gli fanno l’elemosina.
Dal 2002, ha continuato a viaggiare e tenere concerti in tutto il mondo : Stati Uniti, Messico, Israele, India ed Europa, ottenendo consensi per il suo stile unico e diverso, che si è formato grazie all’esperienza acquisita durante i suoi viaggi.
Estas suona la chitarra acustica a 6 corde, utilizzando una tecnica eccezionale  .
Suona la chitarra come se fosse un ‘orchestra. I suoni esplodono con passione e vita, musica tzigana, classica, latina e rock, creando armonie di emozioni. A volte la sua musica ‘ allegra, altre volte triste e malinconica  ma sempre stimolante, inebriante e ipnotizzante.
Nel corso degli ultimi 7 anni ha fatto concerti all’aperto ma anche esibendosi in festival, club e altri eventi in tutto il mondo.
Dal 2003, ha venduto più di 50.000 CD. Le pagine Facebook a lui dedicate sono diverse.
E’ un musicista estremamente dotato ed è per questo che  la sua musica arriva in maniera diretta nel cuore e nell’anima delle persone.
Dall’intervista “Emaho Magazine” :“La musica mi ha dato nuova conoscenza, diventando un maestro e guida, io sono come un bambino, che finalmente ha trovato la sua strada. La musica è diventata la mia storia indipendente, ogni volta che sento il miglioramento e la creazione di un suono, ho ottenuto una vera trasformazione creativa. Ho viaggiato molto, ho suonato da solo per le strade, festival, teatri e cinema, ho sperimentato con altri musicisti, cantanti, ballerini dagli stili diversi, attori, e anche poeti. Attraverso questa musica, ho cambiato il mondo dentro di me e il mondo di coloro che erano vicini a me. Continuo la mia strada lontano dalla Russia da 20 anni, ma ogni giorno mi rendo conto dell’importanza delle radici, della lingua e della cultura russa.”

Di seguito uno dei suoi video che conta oggi più di 26 milioni di visualizzazioni


YouTube Video

 

Tag:, , ,

Comments 5 Commenti »

Ci sarà anche il mezzosoprano cagliaritano CristinaMelis tra gli artisti che domani sera  si esibiranno in un   Concerto straordinario di beneficenza, per le popolazioni colpite dal sisma,

venerdì 2 dicembre alle 20.30

al Teatro Lirico di Cagliari

 La serata prevede l’esibizione dell’Orchestra del Teatro Lirico, diretta dal maestro milanese Giampaolo Bisanti, tra i migliori interpreti del grande repertorio musicale che ritorna a Cagliari dopo il successo dei concerti dello scorso febbraio.

Nel ruolo di solisti si esibiscono: oltre a Cristina Melis (mezzosoprano), anche i  soprani Daniela Schillaci e Rachele Stanisci ,il tenore Massimiliano Pisapia e il baritono Roberto Frontali .

Presenta la serata il giornalista Paolo Matta.

Il programma musicale del concerto prevede l’esecuzione di: Sinfonia da Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini; Tacea la notte placida. Di tale amor e Condotta ell’era in ceppi da Il Trovatore di Giuseppe Verdi; Sì, mi chiamano Mimì da La Bohème di Giacomo Puccini; E lucevan le stelle da Tosca di Giacomo Puccini; Perfidi! Pietà, rispetto, amore da Macbeth di Giuseppe Verdi; Sinfonia da Guglielmo Tell di Gioachino Rossini.

L’ingresso al concerto è libero ed il ricavato sarà interamente devoluto al Commissario Straordinario per la ricostruzione di una scuola sicura.

I biglietti, numerati e gratuiti, si possono ritirare, da martedì 29 novembre fino alla sera dello spettacolo, alla Biglietteria del Teatro Lirico (massimo 5 biglietti a persona).

L’iniziativa è promossa dall’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco Onlus, Comitato di Cagliari, con la collaborazione del Comando Provinciale dei VVF di Cagliari e della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari, con il patrocinio del Comune di Cagliari, della Presidenza della Giunta Regionale, della Presidenza del Consiglio Regionale, del Comitato di Cagliari dell’UNICEF e dell’Ambito Territoriale Scolastico di Cagliari. Media Partner dell’iniziativa sono L’Unione Sarda, Videolina e Radiolina.

La Sezione provinciale di Cagliari, con la collaborazione del Comando dei Vigili del Fuoco e la Fondazione del Teatro Lirico di Cagliari, ha indetto la “giornata di solidarietà” per la raccolta di fondi da destinare alla ricostruzione di una “scuola sicura” in uno dei comuni colpiti dal recente terremoto nei territori dell’Italia centrale. L’evento è stato programmato per il 2 dicembre 2016 con il coinvolgimento e la partecipazione delle scuole Nella mattinata, con inizio alle ore 10, nella sede del Comando VV.F. si terrà una mostra espositiva ed una esercitazione di “pompieropoli dei mini vigili”, unitamente ad un gruppo di alunni di alcune scuole

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Cagliari, 28 novembre 2016

Teatro Lirico di Cagliari, via Efisio Cao di San Marco, 09128 Cagliari – Italia

telefono +39 0704082209 – stampa@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Concerto all’ospedale Botzu di Cagliari in occasione della settimana mondiale dei donatori di midollo osseo. Si chiama Match it now l’evento annuale di informazione sulla donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche.

Tra le principali novità di questa prima settimana dedicata al reclutamento di potenziali donatori c’è anche l’aumento delle città italiane coinvolte, oltre 150, e fra queste anche Cagliari. All’ospedale Brotzu saranno presenti i professori Licinio Contu e Carlo Carcassi.

Il concerto, che promuoverà l’evento sarà domani 24 settembre alle ore 10

Si esibiranno il soprano Sara Mizzanu, il tenore Marco Puggioni, il violinista Giovanni Nucciarelli, accompagnati al pianoforte dal maestro Valerio Carta.

Si esibirà inoltre  l’orchestra della classe 3 B/D Istituto Comprensivo “C.Colombo” di Cagliari.

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Comune di Carloforte in accordo con il governo albanese, che sarà presente con una delegazione, ha organizzato un concerto nell’ambito della settimana culturale.

  DOMENICA 11 SETTEMBRE   Ex Me ore 19

Il costo del biglietto è a offerta libera e l’incasso sarà devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto

Il Quintetto Sardò (Luca Soru, primo violino, Mario Pani, secondo violino, Martino Piroddi, viola, Oscar Piastrelloni, violoncello, SimoneGuarneri, contrabbasso), nasce dall’idea di alcuni tra i migliori componenti dell’organico orchestrale del Teatro Lirico di Cagliari di dar vita a un ensemble classico ma estremamente versatile, che pur non rinnegando la propria formazione, armonizzi nelle proprie esecuzioni elementi tratti da fonti e generi musicali differenti. Così talento, virtuosismi, precisione tecnica e ricercatezza interpretativa, diventano elementi caratterizzanti delle loro performance, capaci di spaziare da autori classici quali Mozart, Schubert, Brahms a tanghi di ispirazione argentina di Piazzolla e Gardel, passando per accattivanti trascrizioni del repertorio jazz e pop e per questo mirate al coinvolgimento di un pubblico espressione dei più svariati gusti musicali.

Il quintetto ha debuttato nell’estate 2013, riscuotendo un grande successo nell’ambito della rassegna estiva Un’Isola di musica del Teatro Lirico di Cagliari. Ha tenuto concerti in diverse località della Sardegna, al Parco della Musica di Cagliari, e nell’ambito di varie rassegne cameristiche tra le quali Mercoledì a Palazzo Regio, promossa dalla Provincia di Cagliari, e per fini umanitari in collaborazione con Emergency, riscontrando sempre un elevato gradimento da parte del pubblico.
Ha collaborato con artisti di fama nazionale tra i quali l’attrice Simona Cavallari


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

In occasione delle manifestazioni “Pula dimensione estate” organizzate dal comune di Pula, cittadina turistica della provincia di Cagliari, le Musicamore Singers (gruppo vocale di cui faccio parte) , ieri ,si è esibito in un concerto col programma sulle canzoni della radio.

Lo spettacolo si è tenuto nella bellissima Casa Frau, situata nel cuore della cittadina, un centro che , soprattutto in estate, è sempre vivo fino a notte fonda perchè i turisti  trovano, oltre alla vasta scelta di locali dove poter degustare anche specialità locali, pure una varietà di spettacoli di ogni genere : dalla musica classica al rock, dal jazz al folclore, dal teatro alla danza. Tante anche le iniziative   per i bambini. Una organizzazione, quella del Comune di Pula, che da anni riesce ad essere al top per l’ accoglienza turistica.

Le Musicamore Singers hanno presentato il programma completo. Il pubblico, accorso numeroso si è immerso per quasi un’ora e mezzo in un periodo storico abbastanza controverso, ( la seconda guerra mondiale)  ma anche importante per la comunicazione, perchè ha visto la nascita della radio e della televisione.

Hanno raccontato la Storia della canzone, intervallata da brani  famosi del periodo che va dagli anni’30 agli anni ‘50, brani resi celebri principalmente dal gruppo vocale del Trio Lescano, ma anche da Natalino Otto, Alberto Rabagliati, il Quartetto Cetra, tanto per citarne alcuni. Il genere swing che caratterizza il  gruppo, è sempre ben gradito, orecchiabile e soprattutto non passa mai di moda. E’ stato bello vedere che tante persone cantavano insieme al gruppo ,”Tulipan” “Bellezza in bicicletta”, “Un bacio a mezzanotte”,” Maramao perchè sei morto” “Non dimenticar le mie parole”, “Ma l’amore no”.

Alla fine del concerto le richieste di bis sono state molteplici.

Le Musicamore Singers sono nate nel 2009 da un gruppo di artiste del coro del Teatro Lirico di Cagliari, con l’intento di promuovere la prevenzione dei tumori femminili ed esibendosi principalmente in concerti   per il sociale. Tutti i loro brani sono arrangiati dal maestro Giuseppe Di Bianco

 

 

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ero troppo curiosa di vedere la reazione della gente davanti ad una rappresentazione inusuale come quella de La Traviata sulla rotonda del Lido di Cagliari, seppure in forma di concerto.

Non è la prima volta che un’Opera viene rappresentata in riva al mare. Indimenticabile  il decentramento del Teatro lirico , nei primi anni ’90, in Costa Smeralda dove, per diversi anni, si è cantato sulla spiaggia di  Porto Raphael  , con Raphael presente vestito di bianco.

Ieri il concerto è iniziato alle  le 20 precise. Sono arrivata con calma contando sul fatto che ci sarebbe stato un leggero ritardo sull’inizio dello spettacolo. Invece no, puntualissimi esattamente come in teatro. Giusto! Il pubblico deve sapere che a teatro si arriva puntuali.

Avevo appuntamento con una collega che mi aveva anticipato via SMS il pienone e anzi mi aveva riservato un piccolo spazio sulle scale per poter scattare qualche foto e fare la ripresa (vedi video sottostante). Ottima postazione per poter osservare il tutto dall’alto, ma allo stesso tempo essere in mezzo alla gente, quella comune che probabilmente della Traviata ne aveva solo sentito parlare. La platea (se così si poteva chiamare) era composta dai tavolini del bar situati davanti alla Rotonda, dove il pubblico, quello affezionato ed esperto, aveva preso posto da presto per poter consumare in santa pace un aperitivo prima dell’inizio.

Due signore parlottavano alla mia destra. Una sosteneva che la Traviata era quella famosa del “Brindiam gli allegri calici” , la seconda, meno esperta insisteva nel dire che era quella dell’Amami Alfredo. Diciamo che più o meno ci avevano azzeccato tutte e due.

Dopo una breve presentazione  di Anthony Muroni , direttore del quotidiano L’Unione Sarda, ha avuto inizio il concerto. Un susseguirsi di brani tra i più famosi dell’opera verdiana si sono alternati a brevi racconti della trama . Il dottor Muroni è uno stimato giornalista, ma in quest’occasione avrebbe dovuto studiarsi meglio  la storia di Violetta. E  vero che una svista può capitare a tutti !  :-)

Gli artisti hanno eseguito i loro brani nonostante la grande umidità che sappiamo essere un killer per le corde vocali. C’era una certa sofferenza, ma è comprensibile, non si può avere tutto. L’opera fuori dal suo ambiente è bella ma non si può certo cercare la perfezione dal punto di vista vocale. Gli artisti si  sono anche dovuti esibire con un ambiente circostante abbastanza rumoroso che pullulava di bambini gioiosi che continuavano a giocare nella spiaggia come in pieno giorno,  mentre gli addetti al bar  scaricavano rumorosamente  le bottiglie nei cassonettic ompletamente indifferenti  alle acrobazie vocali del soprano che necessitava della massima concentrazione.

Diversamente da come è scritta l’opera, il programma si è concluso col Brindisi che ha visto coinvolti tutti i cantanti (ma l’originale prevede il coro) .

Il pubblico ha accompagnato  col battito delle mani il finale del brindisi, senza rendersi conto che quella non era Vienna e neppure  la Marcia di Radetzky .

Esperimento comunque riuscito. Un plauso a chi ha avuto l’idea.


YouTube Video

Tag:, , , , ,

Comments 1 Commento »

Ieri pomeriggio, presso la casa di riposo Vittorio Emanuele II di Terramaini a Cagliari, si è tenuto un altro concerto dedicato agli ospiti della casa. Questa volta sono stati i bambini delle scuole elementari a regalare un sorriso e un’ora di svago a coloro che passano le giornate in questa struttura. Il  coro era quello delle voci bianche dell’associazione Studium Canticum diretto da Stefania Pineider e accompagnati al pianoforte da Tobia Tuveri.  Il coro dei bambini è uno dei 5 cori che Stefania cura con passione e dedizione giorno dopo giorno. I cori sono suddivisi per età e sono attivissimi con progetti e attività di ogni tipo: nel sociale, nelle scuole, per la città, partecipando inoltre a rassegne e concorsi internazionali in Italia e all’estero. Col suo carisma, Stefania, riesce a trasmettere ai suoi coristi l’entusiasmo alla musica corale, insegnando  la disciplina e il rispetto verso gli altri, elemento essenziale di chi fa musica insieme. Costruire insieme con sacrificio e poter raggiungere un obiettivo è una grande soddisfazione , in particolar modo nel donare il proprio lavoro agli “ultimi”che ovviamente ripagano con copiosi applausi.

Era bello ieri vedere le generazioni a confronto! Spero una prossima volta di poter dare la possibilità ai giovanissimi di interagire con gli anziani facendosi raccontare qualche storia e raccontando a loro il percorso di vita e artistico, che stanno intraprendendo.

Il video-documento della serata.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Concerto di Pasqua in Cattedrale, martedì 22 marzo alle 19.30, inaugura il protocollo d’intesa culturale fra Arcidiocesi e Teatro Lirico di Cagliari

 Martedì 22 marzo alle 19.30, nella sontuosa cornice della Cattedrale di Santa Maria Assunta di Cagliari, si esibisce il Coro del Teatro Lirico di Cagliari, diretto da Gaetano Mastroiaco, nel tradizionale Concerto di Pasqua. L’accompagnamento all’organo è di Luigi Botta.

 Il programma musicale prevede: Missa Tempore Quadragesimae di Johann Michael Haydn; Stabat Mater di Joseph Rheinberger; Benedictus di Edward Elgar.

 L’ingresso alla manifestazione, della durata di 40 minuti circa, è libero.

 Con il Concerto di Pasqua viene inaugurato il protocollo d’intesa culturale, stipulato fra Arcidiocesi e Teatro Lirico di Cagliari, che prevede l’attuazione di «un progetto culturale finalizzato all’esecuzione di vari concerti dell’Orchestra e del Coro della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari nelle varie Parrocchie della Diocesi di Cagliari».

 Prima dell’inizio del concerto, l’Arcivescovo di Cagliari S. E. Rev.ma mons. Arrigo Miglio e il Sovrintendente del Teatro Lirico di Cagliari dott. Claudio Orazi, presenteranno, in un breve incontro con la stampa, gli obiettivi, condivisi attraverso il protocollo d’intesa, di promozione della cultura musicale con particolare attenzione a quella sacra o di ispirazione religiosa.

 La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20. La domenica e i giorni festivi apre, solo in caso di spettacolo, un’ora prima l’inizio dello stesso.

 Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Disegno di Donatella Carta

di Donatella Carta

 È una sera speciale. Decido di uscire, anche se avrei solo voglia di stare nel mio divano col mio pelosetto in braccio. Ma è importante che io ci sia, lui era un fratello e, come mi piace pensare, “gli amici sono i fratelli che scegliamo in questa vita”.

Arrivo in teatro e la vedo, Licia, la sua compagna di vita, sua moglie. Con timidezza mi avvicino a salutarla, è bellissima come sempre. Un abbraccio carico di emozioni, una sorellina e il ricordo indelebile di ciò che Sandro diceva sempre “ma quanto è bella Licia…”.

Nelle prime tre file la sua tribù e tutta la sala con una folla di amici, riuniti per celebrare un grande uomo. Si spengono le luci, fiato sospeso. Parte una proiezione e mi emoziono. I ricordi si susseguono. Una carrellata di video che lo vedono protagonista, col contrabbasso e con la batteria, il suo primo amore.

Siamo tutti commossi e assistiamo alla celebrazione dell’arte. Un uomo che ha dedicato la sua vita alla musica, con una grande umiltà, senza mai montarsi la testa, sempre dubbioso sulle sue capacità, quasi inconsapevole del suo talento. Tanti dubbi, frutto di una bella intelligenza, gli permettevano di migliorarsi continuamente e di non arrendersi mai davanti agli ostacoli del nostro mestiere. Finisce la proiezione, si riaccendono le luci e appare il caro collega Giovanni Chiaramonte, visibilmente commosso parla col pubblico, come se conoscesse tutti. Il dolore della perdita ci fa sentire un tutt’uno. Presenta il concerto, incentrato sul contrabbasso. Ci sono tutti i colleghi della nostra orchestra: Sandro Fontoni, Simone Guarneri, Giovanni Chiaramonte, Andrea Piras, Omero Bandinu, Alessio Povolo, Francesco Sergi, Rinaldo Asuni. Al pianoforte la splendida Elisa Pais, cantante lirica nel nostro coro, che accompagna le esibizioni, destreggiandosi con naturalezza tra il classico, il moderno e il tango argentino. Un meraviglioso concerto, che ha visto un crescendo di performance, da brani per un contrabbasso e pianoforte, a duetti scherzosi, ensamble con il nostro amico e collega percussionista Emanuele Muroni e un piccolo sketch comico che ha portato una ventata di allegria e risate nel pubblico.

Il concerto si conclude con tutti i contrabbassisti sul palco, in un brano di Morricone. Alle loro spalle un video con foto di Sandro. L’emozione ci regala un nodo in gola e tanti non riescono a trattenere le lacrime. È un momento perfetto, tutto ci parla di lui e in silenzio lo stiamo salutando.

Lui è qui, ci guarda e sussurra “ma state scherzando? Davvero siete tutti qui per me? ” e lo vedo ridere mettendosi a posto i capelli, come faceva sempre quando sentiva timidezza.

Il concerto è finito, tanti applausi e sorrisi malinconici. Lo vedo, gira tra il pubblico e riconosce tutti i suoi vecchi amici. È felice, sa che ha lasciato un segno su questa terra. Era Sandro Mosino, per gli amici Sandrone, era mio amico da sempre, era mio fratello e sarà sempre nel mio cuore e in quello di tutti gli amici.

Ciao Sandro.

Donatella Carta Violrojo

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica

“La mia ricetta: la prevenzione”

Anche quest’anno, dal 13 al 21 marzo, si svolge la campagna della LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI dedicata alla “Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica” giunta alla XV edizione.

Col patrocinio della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari, domenica 13 marzo alle 10.30, nel foyer di platea del Teatro Lirico in via Sant’Alenixedda a Cagliari, si terrà il concerto dell’ensemble “Mixis Musica Etica”, interamente dedicato a musiche di Johann Sebastian Bach.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.

Istituito con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, la Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica ha come obiettivo la corretta informazione e sensibilizzazione in tema di Prevenzione che, come noto, rappresenta l’arma vincente contro i tumori.

La letteratura scientifica nazionale ed internazionale ha univocamente confermato che sane abitudini alimentari e corretti stili di vita sono un efficace strumento di prevenzione oncologica. Oltre un terzo dei tumori ed altre malattie croniche degenerative, infatti, non si svilupperebbero se riuscissimo a mettere al centro della nostra vita quotidiana una dieta salutare ed equilibrata, eliminando il fumo, riducendo il consumo di alcol e l’esposizione imprudente ai raggi solari.

Corretti stili di vita, unitamente ad azioni di diagnosi precoce, possono portare a guarigione oltre l’80 per cento delle persone che si ammalano di tumore. Non a caso alla dieta mediterranea – ricca di frutta fresca, di verdura e povera di grassi – viene riconosciuto il ruolo di “regina della prevenzione” e patrimonio UNESCO. Evidenze che da oltre 15 anni hanno indotto la LILT a celebrarne i valori nell’ambito di una specifica e dedicata campagna nazionale di sensibilizzazione alla prevenzione oncologica, individuando nell’olio extra vergine di oliva – noto per le sue qualità protettive nei confronti dei vari tipi di tumore – il simbolo più adatto ai fini della campagna stessa.

Insieme all’olio extra vergine di oliva italiano, ad accompagnare la LILT in questa XV edizione della Settimana Nazionale per la Prevenzione oncologica, Anna Tatangelo sarà testimonial d’eccezione che con generosa disponibilità ha accolto l’invito della LILT a diffondere l’importanza della prevenzione consigliando l’adozione delle semplici regole previste dai corretti stili di vita.

Anche quest’anno la Lega Calcio Serie A e le singole società calcistiche hanno aderito alla campagna e nelle giornate del campionato ospiteranno gli striscioni LILT a centro campo e sarà diffuso il messaggio della LILT attraverso gli speaker negli stadi. Inoltre, saranno migliaia i volontari della LILT impegnati nelle maggiori piazze italiane per diffondere questo invito alla salute, offrendo – in cambio di un modesto contributo a sostegno delle attività promosse dalla LILT – la bottiglia di olio extravergine di oliva unitamente ad un apposito opuscolo ricco di informazioni sui corretti stili di vita.

Moltissimi i punti Prevenzione (ambulatori) LILT che accoglieranno la popolazione su tutto il territorio nazionale, con medici, operatori sanitari, specialisti, volontari a disposizione per offrire quei servizi che, da oltre 90 anni, caratterizzano la LILT nella lotta ai tumori. La campagna è stata oggetto di riconoscimento dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, grazie al quale – nell’ambito di un Protocollo d’Intesa al riguardo stipulato – la LILT ha realizzato un “Ricettario Dietetico” di cui un estratto è stato pubblicato nell’opuscolo informativo della campagna. La Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2016 è altresì sostenuta e condivisa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero della Salute.

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

ATTENZIONE !!

La Direzione del Teatro Lirico di  Cagliari  ha informato che il pianista Krystian  Zimerman , in data odierna, ha comunicato la sua defezione ai concerti previsti nei giorni 11 e 12 marzo, nell’ambito della Stagione concertistica 2016, per “gravi motivi strettamente personali”.
La Direzione del Teatro Lirico di Cagliari, nell’esprimere grande rammarico e sorpresa per l’improvvisa cancellazione, si è attivata per garantire una qualificata sostituzione con un altro interprete.

Si comunica, inoltre, che i biglietti serali acquistati per il concerto con la prevista presenza di Krystian Zimerman potranno essere, se richiesto, rimborsati presso la Biglietteria del Teatro Lirico dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 tel: 0704082230

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

La grande cantante americana e i suoi Halleluiah Gospel Singers canteranno per una causa sociale  a Vicenza in occasione della Giornata Mondiale della Prematurità. La serata è stata organizzata anche grazie alla collaborazione con La Centrale del Latte di Vicenza, la Direzione Generale dell’Ospedale San Bortolo e l’Unità di Terapia Intensiva Neonatale, la: Banca del Latte Umano Donato

Vi aspettiamo quindi martedì 17 novembre alle ore 20.45 presso il Teatro Comunale di Vicenza.

Per l’acquisto del biglietto, di € 12,00, potete rivolgervi a noi telefonando al 345 6233464 oppure direttamente sul sito del Teatro www.tcvi.it oppure presso gli sportelli della Banca Popolare Vicentina.


YouTube Video

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Il talento è un investimento compiuto dalla vita, per questo va dato indietro dopo averlo fatto fruttare.
L’arte va messa a servizio delle anime. L’amore va messo in circolo.

Stasera ho avuto l’onore e la fortuna di suonare in una casa di riposo con uno dei musicisti e degli uomini che stimo di più al mondo.
Ho il cuore gonfio di gratitudine verso quelle persone sedute intorno a me che hanno fatto molto più che ascoltare: hanno dato, hanno goduto, hanno ricordato le loro anime giovani dentro un corpo che invecchia. 
Io, stasera, ho imparato da questo. 
Ringrazio Alessandra di cuore, e auguro a chiunque di poter fare esperienza della stessa meraviglia che mi ha avvolto oggi. 
La meraviglia.. Solo quella ci può spingere avanti.”

Queste sono le parole, che Ilaria Vanacore, pianista di talento ha scritto ieri a caldo, nella sua pagina FB, dopo aver tenuto un concerto col violinista Gianmaria Melis, nella Casa di riposo comunale di Terramaini a Pirri-Cagliari.

Una serata molto diversa probabilmente, da quelle cui erano abituati i due artisti. Ieri sera non c’era lo smoking, non c’era abito da sera, non c’era un palco. C’erano loro: la pianista , il violinista, egli ospiti. Lui, Gianmaria,  è voluto uscire dall’involucro standard di primo violino per passare una serata diversa, dialogando con gli ospiti della casa di riposo come se fossero  amici di vecchia data che non incontrava da un po’ di tempo. Ha interagito con loro parlando di cibo e di calcio oltre che di musica naturalmente. Ha fatto conoscere il suo violino e il grande violinista Paganini raccontando un po’ della sua storia, per poi eseguirne un brano, e così per tutti gli altri autori e brani.

Fra i due musicisti c’era grande affiatamento  e lo si è visto ancora di più a fine serata quando  un’ospite della casa ha chiesto timidamente se fosse possibile ascoltare l’Ave Maria di Shubert. E’ stato un momento toccante. I due artisti non avevano spartito appresso ma è bastata un’occhiata per accontentare la signora che ha avuto il piacere, di sentire ancora quella musica, eseguita accanto a lei dal musicista commosso come tutti noi che eravamo lì.

 


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments 1 Commento »

Eravamo in tanti ieri mattina, ad onorare la memoria del soprano cagliaritano Giusy Devinu, per la cerimonia d’inaugurazione dell’Arena con la scopertura della targa a suo nome.

Era presente il Sindaco   e Presidente della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari Massimo Zedda, Il Sovrintendente del Teatro Lirico Angela Spocci, l’assessore alla cultura Enrica Puggioni, il Presidente della Commissione Cultura Francesca Ghirra, il Presidente degli Affari Generali Filippo Petrucci,l’assessore Mauro Coni,   il Presidente delle Pari opportunità Elisabetta Dettori, AnnaRosa Zedda membro della commissione Pari opportunità, la rappresentante della toponomastica femminile, i parenti dell’artista e tantissimi cittadini  e abbonati del teatro.

A tutte queste persone va il mio grazie per aver permesso di realizzare il mio sogno iniziato nel 2007  anno in cui Giusy lasciava la vita terrena.

Io, sono una sognatrice, è vero, ma l’esperienza mi ha insegnato che i sogni sono desideri che si possono realizzare  quando si mira ad una giusta causa. Ricordare la mia compagna di studi con una zona di Cagliari  vicina al Teatro Comunale (da lei inaugurato), era doveroso. Lei non si è mai dimenticata della sua città nei suoi spostamenti durante la sua prestigiosa carriera e la città non doveva dimenticarsi di lei.

Quando  alcune componenti delle  Pari Opportunità mi hanno comunicato che le era stata assegnata l‘Arena sita nel Parco della Musica, ho gioito e mi sono subito adoperata per organizzare un evento cui potessero partecipare tanti cittadini.  Ma non volevo che il tutto si fermasse solo alla scopertura della targa, volevo che i cittadini potessero conoscere  l’artista in maniera più approfondita, magari attraverso una mostra. Ma io non avevo mai organizzato una mostra! Come  iniziare?

Con le colleghe Giuliana Carone ed Elisabetta Sanna, del comitato Giusy Devinu da me presieduto, ci siamo rivolte ad alcuni colleghi del Teatro  Lirico per capire  da dove cominciare: il geometra Salvatore Campus dell’Ufficio tecnico, di grande esperienza in questo genere di operazioni, ha gettato le fondamenta del progetto fornendoci preziosi consigli e nozioni  . Una volta che la sovrintendente Angela Spocci e il direttore degli allestimenti scenici  Marco Maimeri hanno dato l’OK, siamo partite come un treno alla realizzazione del sogno. Il tempo era davvero poco e i soldi pure.

Per prima cosa quindi bisognava procurare qualche sponsor e in questo è stata bravissima la collega Giuliana Carone che ha contattato varie aziende e trovato subito un riscontro. Poi c’era da reperire i materiali da esporre: fotografie ed abiti. Diverse foto sono state messe a disposizione dal marito di Giusy, Francesco Musinu, col quale abbiamo fatto una cernita tra quelle più significative che però, essendo tutte in cartaceo, andavano digitalizzate. Il fotografo Priamo Tolu, che da qualche decennio  firma la storia del teatro attraverso i suoi scatti, ha pensato a tutto ciò, oltre ad aver messo a disposizione anche il suo materiale. Gli abiti da sera sono stati facilmente reperiti grazie alla disponibilità della sorella Franca Devinu.

Alla mostra però mancavano ancora i simboli del palcoscenico: gli abiti di scena, quegli abiti che Giusy aveva indossato in importanti produzioni, come ad esempio  quelle del Teatro alla Scala di Milano.  Ma  Carola Ciani, preziosa collaboratrice dell’Ufficio degli allestimenti scenici(che non smetterò di ringraziare), non ha perso tempo ed ha contattato subito il teatro milanese il quale ci ha dato la speranza che la cosa era fattibile e soprattutto totalmente gratuita: i due abiti , quello di Violetta della Traviata (l’opera con la quale ha debuttato e che ha interpretato maggiormente) e quello di donna Elvira del Don Giovanni, (l’ultima opera che ha cantato al Teatro Comunale nel 2000)  erano la nostra mira.   Dopo mille peripezie e difficoltà burocratiche, Carola finalmente è riuscita a far arrivare in tempo utile  i preziosi pezzi . Ecco ancora quindi che nasce un’ ulteriore collaborazione per l’allestimento espositivo degli abiti, il settore Sartoria ed in particolare  Ottavia Esu e Annalisa Barbieri.

Contemporaneamente c’era da realizzare il testo d’apertura della mostra, le didascalie , i comunicati stampa, le locandine e i volantini e la diffusione e qui non posso non ringraziare Pierluigi Corona dell’ufficio stampa  e la redazione del teatro con Barbara Eltrudis per la realizzazione dei manifesti e di tutto ciò che serviva alla diffusione dell’evento.

Le difficoltà certo non  sono mancate. I quadri non volevano stare al loro posto e dopo averli sistemati, anche con l’aiuto di alcuni tecnici, ogni tanto cadevano. La paura che ciò potesse succedere anche ieri mattina, prima dell’inaugurazione, ha cominciato a tormentarmi. Per fortuna tutto è filato liscio .

Ho voluto poi montare un video con alcune testimonianze di colleghi che hanno conosciuto Giusy e registrazioni  live , gentilmente concesse dalla famiglia.   I fonici e gli elettricisti ci hanno dato una mano per questo , facendo in modo che il video potesse essere visibile per tutta la durata della mostra. Ci hanno fornito inoltre   l’amplificazione necessaria  per la presentazione .

La parte musicale, quella che avrebbe aperto la mostra, la sentivo come un momento di preghiera. Il coro dei giovanissimi, quello del Pacinotti diretto dalla sorella Franca era ciò che ci voleva, con l’aggiunta di una perla: un brano di Bach eseguito dalla violinista Giulia Greco, nipote di Giusy.

Un piccolo aperitivo gestito da altre colleghe e compagne di studi di Giusi, ha completato il lavoro.

Tutto ha funzionato a meraviglia ieri mattina, dall’inaugurazione della targa a quella della mostra Divina Devinu. Commovente in ogni  suo momento.

Un grande grazie quindi al Teatro Lirico di Cagliari per la disponibilità, al Teatro alla Scala di Milano per la preziosa concessione degli abiti, al Comune di Cagliari, alla Commissione delle Pari opportunità ed in particolare ad Elisabetta Dettori ed Anna Rosa Zedda e agli assessori . A tutti  quelli che per la realizzazione di questo sogno mi  hanno dedicato anche solo un minuto del loro tempo. Grazie a Marco Espa, al consigliere Fabrizio Rodin, a tutti gli sponsor che per anni mi hanno affiancato in questo progetto promuovendolo nei loro spettacoli come le scuole di danza Arabesque di Roberto Magnabosco e Benedetta Bucceri, alla trasmissione “Di che danza 6” di Claudia Tronci, alla scuola di danza di Assunta Pittaluga, a Lanfranco Visconti per la ricerca e la diffusione in rete di materiale multimediale.

Grazie alle ditte di Dolianova: la Cantina sociale, la ditta Argiolas formaggi, la ditta Cannavera. Un paese, quello di Dolianova che da sempre si è mostrato molto sensibile al sostegno della cultura e della musica.


YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Sono rimasta piacevolmente colpita dalla notizia appresa ieri riguardo un concerto per i poveri della città di Roma. Mi è venuto subito in mente chi , nei giorni scorsi , affermava che la musica classica è un lusso per pochi. Papa Bergoglio ha pensato bene invece, di rivoluzionare questo pensiero, organizzando una serata solo per loro, gli ultimi, quelli che nella società sono scartati da tutti, e per loro ha voluto il meglio come un  grande direttore quale è Daniel Oren, con l’ Orchestra Filarmonica Salernitana . Saranno  eseguite musiche di Mons. Marco Frisina: arie tratte da l’opera musicale “La Divina Commedia” per celebrare i 750 anni dalla nascita del Sommo Poeta, ricordato anche dal Beato Paolo VI nella Lettera Apostolica “Altissimi cantus” pubblicata nel 1965 il giorno prima della chiusura del Concilio Vaticano II, e brani dedicati al Tempo Pasquale, alla speranza e alla gioia.

Speriamo sia l’inizio di una lunga serie perchè, la musica, deve essere un mezzo culturale e di piacere  alla portata di tutti indistintamente.

Articolo correlato

Tiscali notizie

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Le grandi stars del Gospel e del Jazz arrivano dall’America per una serata unica a Bologna che si terrà il 15 settembre 2015. Lo scopo principale è quello di raccogliere fondi a favore della fondazione Hospice  Seragnoli Onlus. Per chi non lo sapesse, l’hospice è la struttura residenziale in cui il malato inguaribile e la sua famiglia possono trovare sollievo per vivere in conforto gli ultimi giorni di vita .

Per questo motivo dobbiamo far si che questo evento abbia un grande seguito. Gli artisti che si esibiranno saranno di un valore unico:

DONNIE MCCLURKIN, WILLIAM MCDOWELL, ANN NESBY, DAVID PHELPS, PETER ERSKINE , DRUMS OLIVER JONES , PIANO KIRK WHALUM - SAX FABRIZIO BOSSO , TRUMPET KATAKLO‘ GIUSEPPE PICONE, ALEX MONTAQUE, DELL’ACM, GOSPELCHOIR OF LONDON, MASSIMO MORGANTI E G.B.MARTINI BIG BAND , B.G. GOSPEL CHOIR,, JAZZ E DANZA
Intanto mettete “MI PIACE” sulla  PAGINA FACEBOOK “GOD THE MUSIC AND ME” , avrete così tutte le informazioni sull’evento. Intanto i biglietti sono in vendita dal 15 aprile col circuito VIVATICKET GOD, THE MUSIC AND ME.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »