Articolo taggato “bucarest”

Ancora un successo per la giovanissima cantante di Assemini (CA) Laura Aramu, che ha trionfato  in  Romania. Lei ha solo 12 anni ma un grande talento vocale e scenico. Ascoltarla e vederla è sempre uno spettacolo . Ora commovente, ora divertente, riesce ad interpretare ogni parola di ciò che canta.

Ho avuto il piacere di sentirla dal vivo durante un concorso in cui ero membro di giuria  e vi garantisco che anche in quella occasione   il suo primo premio è stato strameritato.

Laura , qualche giorno fa, ha partecipato all’ Euro Pop Music Vision a Bucarest, trionfando nella sezione composizione inedita con la canzone “Tu ci sei”, dedicata al papà. Il brano ideato da Gianna Melis ‘è stato scritto da Ivan Meli, Mauro Nacci e Gianna Melis, e gli arrangiamenti curati da Meli, Nacci e Sandro Savarese e i cori  di Max Sabetta.

Ha solo 12 anni ma ha già al suo attivo un curriculum di tutto rispetto.

Laura Aramu ha iniziato a cantare già dalla scuola materna.  Ha amato da subito la musica classica. I genitori , vedendola danzare sulle note delle più belle sinfonie,  la iscrivono in una scuola di danza classica.  A 5 anni e mezzo entra nell’oratorio  della parrocchia  dove oltre al catechismo si svolgono anche attivita’ teatrali.   Le educatrici  che si sono subito accorte  che oltre al talento teatrale c’era anche quello del canto consigliano bene  i famigliari di iscriverla ad una scuola di canto .

Comincia così a breve a partecipare a varie rassegne e concorsi , sempre con successo.
Fra quelli più importanti si ricorda il Primo concorso nazionale in Sardegna ” Punto in alto” con giuria composta da Anastasi, Franchi e presieduta da Mogol, arrivando in finale vincendo nella categoria Junior.
Successivamente ha partecipato a Sanremo junior arrivando tra i primi 5 con menzione speciale. Poi Sbaragliando Show, presentato da Max Sabetta, vincendo il primo premio che le ha garantito la semifinale Nazionale al Cantagiro con il brano inedito “ Tu ci sei”,  brano dedicato al papa’ e scritto da Gianna Melis, Ivan Meli e Mauro Nacci, con arrangiamenti di Meli, Nacci e Savarese, cori di Max Sabetta.
Nel tour del Cantagiro, è stata vincitrice Regionale.

Laura ha poi partecipato ad altri due importanti concorsi canori: Il Festival internazionale della Citta’ di Uta, dove ha vinto il premio più ambito ” Premio Maria Giovanna Mallei”, e il Festival Citta’ di Elmas  vincendo per la sua categoria.
Grazie al Festival Internazionale Citta’ di Uta, ideato da Susanna Mallei e condotto da Max Sabetta, Laura ha potuto partecipare al Festival internazionale di Bucarest in Romania  trionfando ancora.
Frequenta la terza media che porta avanti con ottimo profitto.

Questa foto è stata scattata dopo l’intervista che  Anna Crecco ( madrina del festival della Citta’ di Uta), ha realizzato al rientro  dal Festival di Bucarest.
Laura è con  Max SabettaGianna MelisAnna Crecco e Susanna Mallei e i genitori

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Un’altra grande artista onora ancora il mio blog rilasciandomi questa intervista: è Valentina Farcas, il soprano rumeno che interpreterà l’Usignolo nell’opera “ Le Rossignol” di Igor Stravinsky, in programma nei prossimi giorni al Teatro Lirico di Cagliari, accoppiata all’opera pucciniana Gianni Schicchi.

La sua sua voce, estesissima e di qualità superlativa, dovrà barcamenarsi fra acrobazie vocali e dissonanze musicali tipiche della musica del ’900 ed in particolare della scrittura di Igor Stravinsky , impegnativa sia per chi canta che per chi suona.

Guardate lo stralcio dello spartito in cui si può intravvedere una delle tante cadenze dell’Usignolo”, con un Fa sopracuto  .

Ebbene, il soprano Valentina Farcas affronta   gli ostacoli senza alcuna difficoltà.

Ma questa voce non nasce per caso perchè tu sei figlia d’arte.

“Si, i miei genitori erano cantanti lirici. Mio padre, tenore, Florin Farcas,era una colonna del teatro di Bucarest.

I miei ricordi d’infanzia sono legati all’ascolto  di dischi in vinile di opere liriche famose e di tante serate passate in platea ad ascoltare i miei genitori. Ho ancora vivo quell’odore del teatro che col tempo è riemerso sempre più forte facendomi desiderare di poterlo risentire non più dalla platea ma dal palcoscenico.”

I tuoi genitori ti hanno incoraggiato ad intraprendere la carriera di cantante?

“No, loro non volevano. Hanno sempre messo in evidenza che per fare questo mestiere era necessario avere oltre che la voce e la musicalità, anche un carattere forte che, a loro avviso, io  non possedevo. Mi vedevano sempre la loro  bambina fragile.”

Ma poi evidentemente si sono ricreduti.

“Beh, diciamo che è stato il pianoforte ad aiutarmi a trovare il modo per cominciare lo studio del canto. Frequentavo il conservatorio di Bucarest come pianista ed un giorno ho chiesto loro di mandarmi in Germania per proseguire gli studi e raggiungere mio fratello, anch’egli pianista .Una volta giunta  ad Essen, quasi a insaputa dei miei genitori, mi sono iscritta al Musikhochschule.

Quale è stata  la tua prima insegnante?

Ho avuto un’ unica maestra. Si tratta del soprano di originie ungherese Csilla Zeuntai che ancora oggi mi segue ovunque io vada. Mi raggiunge quando preparo un nuovo ruolo, seguendo le prove e dandomi consigli prima della recita. Ho frequentato con lei il corso regolare, avevo 18 anni, e mi sentivo già grande per iniziare lo studio del canto. Ma è bastato poco perchè cominciassi a presentarmi ai concorsi internazionali vincendo  diversi premi. Appena conclusa l’Accademia  sono entrata subito al Teatro di Komische Oper Berlin,   come artista stabile, cantando ininterrottamente ruoli quali La Regina della notte, Olimpia, Titania e tutti quei  personaggi che richiedevano una voce di soprano-coloratura. Ma la mia maestra ha pensato che fosse meglio non fossilizzarmi in questi ruoli perchè ancora troppo giovane.  Così mi sono staccata da quel teatro ed ho ampliato il repertorio dedicandomi   anche al barocco e all’opera italiana come  Rigoletto, Elisir d’Amore o ruoli come Pamina o Zerlina.

E’ la prima volta che canti Le Rossignol?

Si, questo è il mio debutto  ed è anche la prima volta che vengo a Cagliari.

Conoscerai bene i problemi che tutti i teatri italiani stanno attraversando in questo momento, e il nostro teatro in particolar modo. Nonostante tutto hai accettato  ugualmente di venire a debuttare qui il difficile ruolo dell’Usignolo.

“Si, purtroppo è un problema generale, ma di questo teatro conoscevo bene la tradizione ed i grandi nomi che sono passati. Un  teatro che nonostante tutto, ha comunque una grande fama. Mi aspettavo di trovare tristezza nei volti e difficoltà durante le prove e invece mi ha colpito il vostro entusiasmo ,  la gioia e il sorriso nell’affrontare il lavoro giornaliero .”

Noi amiamo il nostro  lavoro cerchiamo di farlo al meglio e con la stessa passione cerchiamo di difenderlo da tutte le avversità.  Abbiamo il desiderio e la certezza che ci sarà una rinascita.

Quale è il ricordo più emozionante che hai della tua carriera?

“Beh, ne ho uno che ancora oggi mi commuove raccontarlo (ci commuove).

Mio padre ormai da 17 anni ha dabbandonato la carriera per motivi di salute. Il teatro della mia città non aveva mai pensato di dedicargli una serata di gala nonostante lui avesse dato ad esso la maggior parte degli anni della sua professione.

Un giorno ho ricevuto una telefonata che mi comunicava  l’intenzione di dedicagli una Serata , con la rappresentazione del Rigoletto in cui io sarei stata Gilda. Doveva essere una sorpresa. Però, per che la grande emozione potesse  fargli  male, ho chiesto che gli venisse comunicato un po’ di tempo prima in modo da poterlo preparare.

E’ stata  davvero una grande serata speciale ed emozionante per tutti.

Quali saranno i tuoi prossimi impegni?

Sarò in Finlandia per un’opera moderna di un compositore Finlandese il cui libretto è la storia dell’incendio del Teatro La Fenice di Venezia.

Andrò poi a Sofia, Vienna, Dresda…

Avrei continuato ad ascoltarla per ore, ma il suo bambino la sta aspettando  e giustamente lei non vuole lasciarlo solo per troppo tempo.

Dalle pagine del  blog Musicamore le giunga il mio in bocca al lupo per questo nuovo ruolo che si aggiunge al suo già vasto repertorio,   con la speranza di poterla riascoltare presto a Cagliari anche in un ruolo tutto italiano.

Vi regalo  questo piccolo- video  rubato alle prove.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »