Archivio della categoria “Spettacoli”

IL 30 SETTEMBRE E 1 OTTOBRE ALL’INTERNO DEL MEI 2017

CONTINUANO LE ADESIONI

Il futuro del giornalismo musicale passa da Faenza. Sarà infatti una grande occasione di incontro e confronto la seconda edizione del Forum del giornalismo musicale, che si terrà il 30 settembre e 1° ottobre nell’ambito del Mei (che inizierà già il 29 settembre).

La due giorni sarà di nuovo diretta da Enrico Deregibus e prenderà forma anche in base agli stimoli dei giornalisti stessi, che potranno offrire idee e spunti da qui a settembre.

Un evento mai realizzato in Italia, che da subito lo scorso anno ha suscitato grande interesse, con la presenza di tantissimi giornalisti, da quelli delle grandi testate a quelli delle webzine, delle radio e tv e di tutti i new media. Più di 100 i giornalisti e critici musicali che hanno affrontato i problemi del settore.

Dalle riflessioni scaturite in quella occasione nasce l’intenso programma di quest’anno.

Sabato 30 settembre a partire dal primo pomeriggio i giornalisti aderenti potranno partecipare a incontri con varie figure professionali del mondo musicale. Nella prima parte si tratterà di due ospiti internazionali, ovvero i rappresentanti di WIN, l’associazione mondiale dei discografici indipendenti, e del distributore digitale Jamendo. A seguire ci saranno incontri con un ufficio stampa, un manager e un artista, che saranno comunicati prossimamente.

La domenica mattina, 1° ottobre, ci sarà spazio per un corso per la formazione professionale continua dei giornalisti iscritti all’albo. Potranno partecipare come uditori anche i non iscritti. I relatori saranno Federico Guglielmi (su “Giornalismo musicale: professione, o solo hobby?”), Luca Dondoni (“La comunicazione nella musica”), Fabrizio Galassi “Il giornalismo musicale nell’era digitale”), Vincenzo Martorella (“Elementi di scrittura critica”).

Nel pomeriggio della domenica si svolgerà una assemblea di tutti i partecipanti sulla creazione di una associazione di giornalisti musicali e su altri temi scaturiti dalla scorsa edizione.

Sono invitati a parteciparvi tutti i giornalisti interessati a portare il loro contributo, suggerimento o suggestione. Per aderire basta inviare una semplice mail a:

enrico.deregibus@gmail.com e in copia a mei@materialimusicali.it .

Per info: segreteria 0546.646012 . Sito: www.meiweb.it

Quest’anno gli aderenti possono anche partecipare come giurati all’assegnazione della Targa Mei Musicletter, premio dedicato al giornalismo musicale sul web, giunto alla quinta edizione.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Con il concerto di mercoledì 5 luglio 2017, presso il Centro Culturale Casa Frau in Pula (Piazza del Popolo), è iniziata la Rassegna Musicale “Armonie sotto le stelle”, organizzata dagli Amici della Musica di Cagliari in collaborazione con il Comune di Pula e giunta quest’anno alla quarta edizione.

Il primo appuntamento ha visto protagonisti Guido Dorascenzi (voce recitante), Cristina Scalas (flauto traverso) e Davide Mocci (chitarra).

Mercoledì 19 luglio si prosegue con il soprano Elena Schirru, la voce recitante di Eleonora Giua accompagnate dal pianista Valerio Carta, un viaggio tra canzoni, arie d’opera, romanze da camera e le parole di Pasolini, Bennet, NicolaJ, Valentine, Abate, un viaggio tra musica e parole assai variegato.

Si proseguirà il 23 agosto con il duo formato da Massimiliano Loi al flauto e Manuele Pinna al pianoforte che proporranno musiche di: P. Gaubert, C. M. Widor, F. Doppler, T. Boehm.

Il 30 agosto saranno di scena il soprano Silvia Arnone, il tenore Mauro Secci accompagnati dal pianista

Valerio Carta in un programma che comprenderà musiche di: W. A. Mozart, G. Donizetti, G. Verdi, G. Puccini, F. P. Tosti, E. De Curtis.

Il mese di settembre si concluderà con gli ultimi due concerti.

Coordinatore della rassegna è il maestro Valerio Carta.

Programma del 19 Luglio

soprano Elena Schirru

Pianista Valerio Carta

1) Summertime
2) Me vojo fa na casa
3) Il bacio
4) Apres un reve
5) Il bel sogno di Doretta
6) Ma rendi pur contento
7) Traviata

Voce recitante Eleonora Giua

 

1: la buona madre di Nicolaj. 2: Monologo di Francesco Abate. 3: Supplica a mia madre di Pasolini. 4: giorgio Gaber uno spazio vuoto che va ancora popolato.

Programma del 23 agosto

con il duo formato da Massimiliano Loi al flauto e Manuele Pinna al pianoforte

- Taktakishvili, sonata per fl e pf
- Gaubert, notturno e allegro scherzando
- Widor, suite op. 34
- Doppler, fantasia pastorale ungherese
- Boehm, gran polonaise

 

 

Programma del 30 Agosto

col tenore Mauro Secci e il soprano Silvia Arnone accompagnati dal maestro Valerio Carta

Le più belle arie, duetti e romanze tratti da opere di W. A. Mozart, G. Donizetti, G. Verdi, G. Puccini, F. P. Tosti, E. De Curtis.

Elena Schirru e Valerio Carta

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Chi non ricorda con piacere il film Mary Poppins?  Io sicuramente! Prima di tutto è stato il mio primo film al cinema, e come dimenticarlo! Poi è stato il film che ha accompagnato l’infanzia  delle mie figlie. Giornalmente era un vero rito guardare almeno una volta il celebre film della Disney.

Oggi, da insegnante di canto,  cerco ditrasmettere alle nuove generazioni le canzoni che hanno fatto da colonna sonora.

Della celebre protagonista Julie Andrews sappiamo  tutto. Lei è davvero una bravissima attrice entrata nel cuore di molti , ha continuato nel suo lavoro sempre con successo vincendo tutti i premi e i titoli possibili. Una vera leggenda vivente. Ma i due bambini  Jane e Micheal Banks (Karen Dotrice e Matthew Garber) che fine hanno fatto? Come sono diventati oggi?

Di lui purtroppo non possiamo dire molto. E’ infatti deceduto a soli 21 anni a causa di una brutta infezione.  Jane invece, dopo il grande successo di Mary Poppins, ha proseguito come attrice ma in piccoli ruoli quasi tutti di telefilm.

Ecco di seguito una loro foto attuale .

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Al via l’ottava edizione del festival e delle masterclass estive dei Musici di Parma,

la seconda a Salsomaggiore Terme

 Salso Summer Class & Festival

All’opera!

La musica, un tema senza fine 

24 giugno – 6 agosto, Salsomaggiore Terme (PR)

 23 eventi lungo 6 weekend dedicati alla grande musica classica  Protagonista di quest’anno, l’opera lirica, 15 masterclass internazionali tenute dalle prime parti delle più celebri orchestre Berliner Philarmoniker, Scala, Santa Cecilia, OSI. 200 allievi provenienti da tutto il mondo

Si parte sabato 24 giugno con

Il Barbiere di Siviglia diretto da Daniele Agiman partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni,

di Adriano Engelbrecht
e dei cantanti Mauro Bonfanti e Annamaria Dell’Oste

Salsomaggiore Terme, 21 giugno – All’opera! è il titolo scelto per l’VIII edizione del festival dei Musici di Parma, che quest’anno ha eletto la musica lirica a propria regina: opere, arie, sinfonie, trascrizioni strumentali faranno da filo conduttore all’intera rassegna.

A partire da sabato 24 giugno la musica animerà le terme, le piazze, i palazzi, i teatri e i castelli di Salsomaggiore Terme. Una dedica speciale per un evento che si svolge nelle terre natie del grande compositore Giuseppe Verdi, tra le bellezze naturali e architettoniche del territorio salsese. Un evento organizzato dall’Associazione I Musici di Parma, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, il Consorzio Terme Berzieri e i castelli del territorio, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Parma e reso possibile grazie al contributo della Fondazione Cariparma.

Un sodalizio figlio dell’intensa vocazione musicale della città, luogo del primo concerto dei Musici di Parma, 15 anni fa, e sede ormai stabile della loro Accademia.

23 gli eventi in cartellone, tutti a ingresso gratuito, distribuiti lungo l’arco di 6 weekend, tra il venerdì e la domenica. 18 concerti suddivisi in tre categorie: Concerti classici, Concerti lirici e Concerti degli allievi (Young People Together), dove i protagonisti saranno i giovani musicisti impegnati nelle masterclass dei giorni precedenti. Ai concerti si aggiungeranno 5 aperitivi in musica, i Concertlifes, per scoprire da vicino i segreti delle partiture, la storia delle opere e per entrare in contatto diretto con i grandi artisti presenti alla manifestazione.

Si parte in anteprima sabato 24 giugno, alle ore 21.15, al Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme, con la messa in scena di Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini, in una versione pensata e riadattata specificatamente per il festival. Un evento impreziosito dalla partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni e del poeta, musicista e attore Adriano Engelbrecht.

Sotto la direzione esperta di Daniele Agiman, giovani cantanti di grande talento come la talentuosa Incoronata Maria Buttino, ex allieva dell’Accademia dei Musici di Parma, si esibiranno spalla a spalla con artisti affermati ed esperti come Mauro Bonfanti (Figaro), il baritono trentino Giulio Mastrototaro (Don Bartolo), Massimiliano Catellani (Don Basilio), Francesco Tuppo (Conte d’Almaviva) e l’affermata soprano Annamaria Dell’Oste (Rosina), prossima al suo debutto nei panni di Donna Anna nel Don Giovanni al Teatro Bellini di Catania. La regia è affidata a Roberto Catalano. Orchestra de I Musici di Parma. Coro dell’Opera di Parma diretto da Emiliano Esposito. Ideazione scenica e costumi: Ilaria Ariemme. Mimo: Fausto Lo Verde

Artisti di fama internazionale animeranno non solo le masterclass e i concerti ma anche gli incontri sotto forma di aperitivo in musica: Andrea Lucchi, prima tromba dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’oboe dei Berliner Philarmoniker Christoph Hartmann, il violista scaligero Simonide Braconi, la violinista Yulia Berinskaya, solisti e virtuosi come il sassofonista Mario Marzi o il violinista albanese Klaidi SahatÇi, il direttore d’orchestra Daniele Agiman, il violoncellista e fondatore del Quartetto di Cremona Giovanni Gnocchi, i clavicembalisti Giovanna Fornari e Francesco Tasini, Enrico Fagone, primo contrabbasso dell’OSI (Orchestra della Svizzera italiana), Marco Zoni, primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala e il violinista Marco Ferri. Nonché gli altri docenti delle masterclass estive, cuore della manifestazione: Cinzia Forte, Carmelo Gullotto, Stefano Conzatti e Giuseppe Miglioli.

“L’attesa è quella delle grandi occasioni”, afferma Daniela Isetti, Assessore alla Cultura del Comune di Salsomaggiore Terme. La fiducia dell’amministrazione nei confronti dei Musici di Parma è ampiamente ripagata. Consideriamo i Musici la nostra orchestra e i doni musicali che ogni anni ci propongono valorizzano il nostro territorio e la nostra bellissima città, eccellenze anche in ambito culturale. In questo festival si riassumono gli aspetti che caratterizzano l’offerta turistica di Salsomaggiore e Tabiano Terme: il territorio con i suoi castelli e le pievi, la cultura, l’enogastronomia, la musica, le terme, la qualità della vita attraverso un turismo per il benessere sweet & slow.

Cosa altrettanto e forse ancor più unica e straordinaria è l’incontro tra giovani talenti e affermati musicisti. In un momento in cui i talent rappresentano una parte importante di ogni palinsesto televisivo, questo Festival racconta l’infinito talento delle nuove generazioni nel campo della musica classica. Un patrimonio che siamo onorati di mostrare al mondo. Così come, orgogliosamente, ci identifichiamo nelle splendide Terme Berzieri – che ospitano la Salso Musici Academy – altrettanto orgogliosamente vogliamo pensare che Salsomaggiore rappresenti la culla di tanti futuri artisti”.

All’opera! è una esclamazione che raccoglie in sé il frutto di un lungo lavoro portato avanti con entusiasmo dai Musici di Parma e dall’Accademia”, spiega il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, alla guida della rassegna dal 2010, quando il festival nacque sulle sponde del Lago d’Iseo. “L’obiettivo, oggi come ieri, è quello di creare un bacino di giovani, di cultura e di musica. Un lavoro di anni, che prosegue le intenzioni e le motivazioni del Sebino Summer Class & Festival, che del SSC&F costituisce le prime 6 edizioni.

Un impegno fatto di scambi culturali fra giovani italiani e stranieri, fra musicisti di livello internazionale e studenti che si affacciano alla ribalta dei più grandi palcoscenici italiani ed europei. I frutti sono sotto gli occhi di tutti: ragazzi formatisi qui e oggi parti stabili in orchestre prestigiose – RAI, ORT, Maggio Musicale, Teatro Regio di Torino – vincitori di premi in competizioni liriche e strumentali e solisti apprezzati. All’opera! vuole essere anche un monito a trovare soluzioni sempre nuove, a reperire risorse in grado di garantire la crescita e lo sviluppo di un’accademia di grande valore, che ha la fortuna di risiedere in uno dei palazzi più belli d’Italia”.

I concerti del SSC&F sono il naturale punto d’arrivo delle numerose masterclass estive, così come degli apprezzati corsi annuali tenuti dall’Accademia dei Musici di Parma, la Salso Musici Academy, che ormai da quattro anni ha sede proprio nel cuore di Salsomaggiore Terme, a Palazzo Berzieri. 80 gli allievi divisi su 6 classi: oboe, tromba, direzione d’orchestra, violino, clarinetto e flauto. Il binomio artisti affermati e studenti, miscela unica in Italia e caratteristica del festival fin dalle sue origini, si rinnova anche quest’anno e si intensifica. Dalle 6 masterclass organizzate durante la prima edizione, si è passati a 15, in programma dal 3 luglio al 6 agosto. 200 gli allievi iscritti quest’anno provenienti da Europa, Asia e America. I migliori allievi dei corsi estivi avranno l’opportunità di esibirsi, in qualità di solisti, con l’Orchestra dei Musici di Parma. Cuore dell’intera manifestazione resta, infatti, l’intenzione di fornire ai giovani talenti musicali la possibilità di affinare le proprie doti e di acquisire competenze tecniche e caratteriali in grado di garantire loro un futuro professionale.

Il Salso Summer Class & Festival propone dunque per il secondo anno consecutivo un’estate ricca di concerti e di masterclass internazionali. Un evento molto apprezzato nelle edizioni passate e di grande stimolo per le giovani promesse in campo musicale, in linea con l’esperienza positiva del 2016, che ha fatto registrare un sold out quasi totale, e di cui riprende lo slogan “La musica, un tema senza fine”. Una riflessione, sottolinea il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, che ricorda come “senza la musica e senza comprendere il profondo nesso tra musica e universo, i nostri giorni sul pianeta sarebbero tristi e scontati”.

Da fine giungo a inizio agosto, Salsomaggiore Terme sarà inondata dalle note dei grandi compositori che hanno fatto la storia dell’opera lirica italiana: Giuseppe Verdi, Gioacchino Rossini, e Vincenzo Bellini. La lirica farà da filo conduttore anche nelle esecuzioni strumentali: brani tratti dalla Carmen di G. Bizet, fantasie e trascrizioni originali di temi operistici, composte da Rossini, Pasculli e Bassi. Senza dimenticare giganti come J.S. Bach, W.A. Mozart, L. Van Beethoven e R. Schumann. Spazio anche alla musica sinfonica, con la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92 di Beethoven e alla musica moderna, con esecuzioni di brani firmati da Frank Martin, dal genio del tango Astor Piazzolla, fino ad arrivare alle suadenti note della bossa nova di A.C. Jobim.

Evento speciale sabato 22 luglio, con Musica Maestro!, un’intera giornata musicale che animerà le vie, le piazze, i giardini e i palazzi di Salsomaggiore Terme. Si conclude domenica 6 agosto nel Duomo di San Vitale, con musiche di G. Rossini, W.A. Mozart, L. Bassi, C. Saint Saens e M. Ravel.

La promozione musicale e l’attenzione per la formazione dei giovani talenti si intrecciano ancora una volta con la valorizzazione del territorio. I concerti si terranno, infatti, in luoghi d’eccezione, scelti tra i più prestigiosi e incantevoli della zona, coinvolgendo anche i tre castelli del territorio: il Castello di Contignaco, il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino e il Castello di Tabiano. Luoghi dalla forte valenza storica e artistica che sarà possibile scoprire, in occasione degli eventi musicali, con percorsi e visite guidate: il Palazzo delle Terme Berzieri, esempio unico di art déco termale, il Palazzo dei Congressi, con le sue eleganti decorazioni in stile liberty (visite guidate a cura dell’agenzia Verd&Acque – Per orari e prenotazioni: tel. +39.052483377 / info@verdeacque.it): il Castello di Contignaco (visite guidate alle ore 20. Prenotazione obbligatoria. Info e costi: +39.0524573287 / 3206066721 – castello.contignaco@gmail.com; il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (visite guidate alle ore 20.30. per costi e prenotazioni +39.0524572381, info@castellodiscipione.it); e il Castello di Tabiano.   Visite guidate alle ore 20.30. per costi e prenotazioni: +39.3488955378 / info@portalesalsomaggiore.it

http://www.imusicidiparma.it

http://www.comune.salsomaggiore-terme.pr.it/

Per Info: IAT Salsomaggiore Terme Tel. +39 0524 580211 E-mail: info@portalesalsomaggiore.it

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Una cartolina rossa, un giovane in partenza per il fronte russo, quelli “de sos laris biancos”, il campanaro del paese e ogni anno l’appello dei giovani mai più tornati a casa.

Arasolè è l’ultimo altrove di Cultura Popolare III, casa del giovane Culubiancu che partito con altri giovani compaesani per laSeconda Guerra Mondiale torna al suo paese solo. 


Unico superstite, diventa lui stesso memoria e ricordo vivente di coloro che 
sono morti insensatamente e senza sapere quasi il perché.
La narrazione di Gianluca Medas è tratta dal libro di poesie “Poesias in duas limbas” di Francesco Masala e da “Memorias” uno spettacolo degli anni ‘80 dei Figli d’Arte Medas. 



Lo spettacolo si svolgerà venerdì 
23 giugno a Guasilaalle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.
L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Ancora un riconoscimento alla memoria del soprano cagliaritano Giusy Devinu, deceduta a soli 47 anni nel pieno di una luminosa carriera. La città di di Cagliari ha mostrato riconoscenza a colei che ha portato alta la bandiera della nostra terra nei palcoscenici più importanti del mondo, dedicandole nel 2015, l’Arena sita nel Parco della Musica e che sta a metà strada tra il Conservatorio G.P. Da Palestrina, (scuola che l’ha vista nascere artisticamente) e il Teatro Lirico sede di tanti  successi. Dopo l’Arena , il Teatro le ha voluto dedicare un Concorso per giovani promesse.

In questi giorni ho avuto la bella notizia che la Direzione di una scuola media  ad indirizzo musicale, ha deciso di titolare l’Istituto proprio a nome di Giusy Devinu.   L’Istituto comprensivo (ex Mulinu Becciu, Mameli, Ciusa)  diventerà quindi Istituto “Giusy Devinu” ,

il 29 giugno alle ore 18 nell’Auditorium della scuola di  Via Meilogu 18 a Cagliari.

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ecco il VI° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove dell’Associazione Figli d’Arte Medas che avrà luogo venerdì 9 giugno.

Con “C’era una volta il Far West” rivivremo le magiche atmosfere del Far West con i suoi balli scatenati; ascolteremo i grandi del country classico come Johnny Cash, Waylon Jennings, Buffalo Springfield, The Band, Carl Perkins; e brani più attuali come quellidi Alan Jackson, George Strait e Josh Turner.
Alla chitarra Roberto NonnisTexardi il corpo di ballo, con le note di Gianluca Medas.

Lo spettacolo si svolgerà venerdì 
9 giugno a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.
L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Avviso di selezione figuranti
Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi

In occasione della messinscena dell’opera Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, regia Lorenzo Mariani, ripresa da Elisabetta Marini, il Teatro Lirico di Cagliari ricerca le seguenti figure:

n. 8 figuranti uomini, altezza minima cm. 175, attitudine al palcoscenico, buona presenza scenica;
n. 2 figuranti donne, altezza minima cm. 165, corporatura snella, bella presenza.

La Direzione si riserva di valutare eventuali altre caratteristiche e competenze in possesso dei candidati, nonché variare il numero dei figuranti scelti.

Il periodo di impegno (prove e spettacoli) è programmato, indicativamente, dall’8 giugno al 9 luglio, con ulteriori repliche il 12, 15 e 19 luglio 2017.

Gli interessati dovranno inviare la propria candidatura all’indirizzo di posta elettronica produzione@teatroliricodicagliari.it entro e non oltre lunedì 5 giugno 2017 indicando i propri dati anagrafici (luogo e data di nascita, indirizzo, codice fiscale), nonché un recapito telefonico e un breve curriculum, allegando una fotografia a figura intera.

La selezione si tiene
MARTEDÌ 6 GIUGNO alle ore 14 
nella Sala Regia del Teatro Lirico di Cagliari (IV piano).

n.b.: non è prevista mail di conferma per l’avvenuta ricezione della candidatura.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere alla Direzione di Produzione: telefoni 0704082208-0704082257.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Da qualche parte nello spazio il poeta latino Virgilio e il poeta italiano Dante si sono incontrati nuovamente dopo quasi settecento anni, per iniziare un nuovo viaggio nell’universo dei vizi e delle virtù umane…

Ci sono persone che amano la lettura in inglese per poter migliorare la conoscenza della lingua, ma ci sono anche coloro che hanno una vera e propria passione sia per il Cinema che per il Teatro sempre nella lingua anglosassone. Per questo motivo, propongo a tutti coloro che amano questo genere di lettura, l’ultimo lavoro teatrale scritto da Ignazio Salvatore Basile,  il quale partecipa ad un concorso con questo lavoro.

Cliccando nel link sottostante potrete accedere al sito dove poter acquistare il suo libro e allo stesso tempo votarlo.

Si può scegliere  sia la versione online che quella cartacea.

https://www.amazon.co.uk/Travelling-space-time-Virgil-drama-prologue-ebook/dp/B071FB9SGV/ref=sr_1_1590?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1495466078&sr=1-1590

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il III° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove” dell’Associazione Figli d’Arte Medas  avrà luogo il 26 maggio.
Questo viaggio nella letteratura è dedicato a Giulio Angioni, recentemente scomparso, un grande antropologo e scrittore sardo che ha esplorato sia da studioso che da scrittore le sfaccettature dell’Altrove.

Lo spettacolo/progetto/concerto “preTesti, tra il serio e il faceto”, ad opera di Art’In, ha la peculiarità di mutare contenuto per ogni sua rappresentazione, questo rende davvero unico ogni spettacolo.
Il tema però ci è noto, sarà un modo originale e diverso di esplorare alcuni tra gli Altrove più famosi della letteratura italiana.

Lo spettacolo si svolgerà venerdì 26 maggio a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.

L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Art’In – Breve Storico – origini formative e sviluppo 1977 nasce come Teatro del Borgo a Bologna dove lavora fino all’84 nell’ ’84 si trasforma in Teatro Ridotto e si trasferisce a Lovere dove opera fino al ’99 nell’ ’99 amplia il proprio organico integrandosi con liberi musicisti professionisti dando vita al Teatro “Art’In Scena” al Ridotto ;

nel 2005 in seguito alla confluenza di nuove esperienze artistiche si costituisce Art’In , come diretta emanazione di Art’InScena. Art’In, un ensemble che con le sue due sedi operative (Sardegna e Lombardia), vuole proporsi come luogo/punto di riferimento per una comunità di spettatori, studenti, operatori del settore, associazioni, enti; con la nostra sempre più viva progettualità che, come agli inizi, continua a mirare ad un lavoro multidisciplinare, interculturale con chiari valori sociali e irrinunciabile prerogativa artistica. Quindi non solo come luogo di visione, bensì spazio d’incontro, di confronto, “zona vitale” di scambio di culture e di saperi.

E teatro … musica … cinema… spettacolo…come fenomeno totale come lavoro, luogo di emozioni foresta di segni, paesaggi creativi come unità d’intenti e azioni suoni, luci, immagini, parole, movimenti inscritti in un’unica partitura teatro … musica … cinema… spettacolo…come pubblico, chi lo guarda e lo ascolta chi gli permette di essere tale….…percorso poetico e artistico…

Durante tutti questi anni abbiamo lavorato seguendo una linea di ricerca di contaminazione/integrazione tra le varie forme della comunicazione artistica, teatro-musicacinematografia- danza , sviluppando una personale modalità di relazione tra attore-musicista e spazio-immagine-musica-movimento favorendo una peculiare metodologia di lavoro che ha trovato una felice collaborazione con vari musicisti ed artisti internazionali in importanti progetti/spettacolo ( ricordiamo “viola e apoteosi”, “improvvisamente”, “ritratt…i/o”, “Obra”, “Ucronie”,” giocando a scacchi con la luna” “Santi Briganti”, “dissolvenze” , “inVento”, “al buio”, “Approdi”, “apparenze .. serenate in bianco e nero”,”Sospiri Sospesi”, ”Triple Time” “ …), rappresentati in importanti festival/rassegne europee (Festival Radio France du Montpellier e Languedoc Roussillon, Frankfurt International Theatre Festival, Volterrateatro, Glastonbury Festival of Contemporary Performing ArtsFestival, London Jazz Festival, Festival Internazionale di Lavrion- Greek,El Grec Barcellona, Italienischer Theaterherbst Berlino, International “floraisons musicales” Marsiglia, Edinburgh International Festival, Les Italiens saison Lion, Festival Internazionale Theater Plze? , Lunatica Festival ecc…) .

Accanto allo studio di nuove forme espressive abbiamo sempre affiancato un profondo lavoro sulle problematiche sociali, cercando di mantenere ben viva una delle più importanti funzioni dello spettacolo. E’ da questo intento che sono scaturiti progetti e eventi di impegno civile “dedicati e donati” alla pace, alla lotta contro la mafia, all’ambiente, al ricordo del passato per una memoria del presente. Particolare importanza riveste l’attività di ricerca e divulgazione, nel settore didattico/pedagogico articolata secondo varie modalità di intervento “su misura”, che si sostanzia in proposte progettuali in vari ambiti, nelle collaborazioni e consulenze richieste da Enti ed Istituzioni operanti nel campo della ricerca, della Scuola, nel settore bibliotecario, dell’informazione e della formazione di operatori a vario livello.

Organizziamo nelle nostre sedi e presso altri soggetti culturali, stage di aggiornamento per professionisti e corsi di conoscenza ed avviamento al teatro, alla musica e al cinema, nonché rassegne e festival. Tra i tanti maestri che hanno segnato il nostro percorso formativo incontrati nelle scuole e nei numerosi corsi di formazione/perfezionamento ricordiamo : K. Azuma, I. Miura, E. Barba, J. Beck, C. Bene, E. De Filippo, M. Fabbri, P. Brook, O. C. Giovangigli, M. Marceau, C. Rick, J. Grotowski , J. Xenakis, T. Fiordefalk ….. per le collaborazioni ai nostri progetti, tra i tanti ricordiamo e ringraziamo: D. Lumini, S. Essaian, P. Cowald, G. Ferris, S. Sciarrino, G. Luporini, G. Guccini, L. Agudo, P. Fresu, G.L. Trovesi, F. D’Andrea, G. Coscia, S. Bonafede, M. Serra, P. Ciliberto, G. Murgia, D. Makris, M.R. Omaggio, M. Zanot, A . Grimaldi, R. Denti, G. Petter, G. Canova, C. Lastrego, G. Manfredi, M. Bernardi, D. Savio, M. Nichetti, G. Rimondi, F. Rotondo, F. Testa, E. Zamponi, D. Bisutti, rivista Focus /M. Gaffo/ M. Casareto, V. Melegari, G. Quarenghi, M. Baliani, G. Pallotti, E. Scarsella Mazzocchi, I. Moscati, D. Evola, C. Valendino, M. De Aloe, B. Bozzetto ecc… Dall’76’ ad oggi abbiamo complessivamente dato vita a 87 produzioni tra concerti, spettacoli in allestimenti per un pubblico adulto e per ragazzi. Dall’78’, dopo aver acquisito competenze ai corsi perfezionamento di cinematografia sperimentale di regia e di sceneggiatura, operiamo nel settore cinematografico e video, dall’ 82’ abbiamo: collaborato con varie emittenti televisive regionali e nazionali; prodotto 5 lungometraggi, 19 cortometraggi, 22 film documentari, 16 spot, 9 spettacoli/film/concerto. Dal 2008 per le attività nel territorio regionale Art’In gode dei contributi della Regione Autonoma Sardegna Art.n.56 L.R. n.1/90 Tra le manifestazioni/festival/rassegne a carattere nazionale ed internazionale ideate e organizzate ricordiamo: Voce e teatro; Teatro e musica; InContro; La Carovana, The voice of the body – the body of the voice; “ Maestri e Margherite- forum internazionale di pedagogia teatrale; LagoRà – intorno al comico; L’Improvvisazione; Effetto esterni; Umori contemporanei; Festa Granda; le Notti dell’Orco, MareeMiniere, Asuni Film Festival, Festival Concorso Internazionale Itinerante Cinematografico PuntodiVistaFilmFestival, DivagAzioni tra teatro, musica, cinema, danza e ….; Tra i vari riconoscimenti: – I° premio per: sceneggiatura, soggetto, miglior film comico “ Oscarino 99 “ con “Tempi Moderni” , – Finalista Visioni Italiane BO ‘02 con “in Giro” – I° premio con “il tempo di una…“ Oscarino 05 “- Premio Miglior Attrice a Manuela Loddo Campobasso 05’ – Grado 07’; I° premio Film Festival 03’ TO con “si..ma..no..forse…no….” – “ faccende di cuore” I° premio conc. Naz.“ tutti diversi tutti uguali 05 ” Roma, Minist. Pari Opportunità, Minist. Pubblica istruzione, UNAR – 1° premio spot “e Tu” Agenzia delle Entrate 06 – I° premio per film “respiri … sospesi” festival ANCR TO – ecc ….. Nel settore della formazione/informazione, in collaborazione con organismi provinciali, regionali, Universitari e interbibliotecari, ricordiamo tra i tanti progetti realizzati: Donna e cinema; Risate a grande schermo; Di cose risibili; Seminario di improvvisazione teatrale e musicale; Invito a Calvino; Donna e animazione; Il filo di Arianna; Il meraviglioso paese di Oz; Incontri in penombra tra scritti e versi… tra parole, fatti… storia… e un po’ di musica; Il castello della paura; Invito al libro; Silenzi d’amore; Biblioteca in Rosa ; “pirati, birbe, maghi e bugiardi..letture animate senz’età”, “ Narrando narrando” Fiabulando; Librocando; io non ho mani – dedicato a Turoldo; Per conoscere … ; Tracce: percorsi di fine millennio; Ritorno a Babele; e per dono … il suono di parole scritte , Risate tra le mura – Castelli della Toscana ecc…

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Progetto Händel, è una nuova creazione di Mauro Bigonzetti forgiata sui ballerini scaligeri e sulle étoiles Svetlana Zakharova e Roberto Bolle. Una prima assoluta cui si potrà assistere al Teatro alla Scala nelle recite serali del 20, 23 e 24 maggio e nella recita pomeridiana di domenica 21 maggio.

Per la prima volta scopriremo, in un progetto moderno, questa grande coppia, acclamata nei titoli classici e romantici.

Per il celebre coreografo italiano è un ritorno alle note di Georg Friedrich Händel e alla fantasia illusionistica del teatro barocco, da sempre suo grande amore (InCantoCome un respiroFesta barocca).

Nella prima parte, soli e passi a due si alterneranno sulle note delle Suites händeliane, fra gighe, courante, allemande e sarabande in una dimensione intimistica, asciutta e geometrica.

La seconda parte si arricchisce con diversi timbri strumentali, con una esplosione di colori e un senso di leggerezza e divertimento.

Biglietti da 11 a 127 euro più prevendita (da 5,50 a 63,50 euro per la recita di ScalAperta del 1 giugno).

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Un grande antropologo e scrittore sardo, che ha esplorato sia da studioso che da scrittore le sfaccettature dell’Altrove, Questo viaggio nella letteratura è dedicato a Giulio Angioni, recentemente scomparso, che sarà protagonista del 2° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove” dell’Associazione Figli d’Arte Medas che avrà luogo il 12 maggio.

L’appuntamento di venerdì sarà dedicato ad un libro di Giulio Angioni, “Pane e Formaggio”.
Un libro di antropologia scritto quasi come se fosse un racconto, un professore universitario, Duilio Caocci, come voce narrante e il jazz di Riccardo Pittau renderanno la serata del 12 maggio davvero originale.
Sarà un viaggio dentro l’anima della Sardegna. Un’immersione nei due mondi, quello pastorale e quello contadino, che si incontrano e si scontrano nel corso del tempo mai separandosi veramente.
Di quale pane e di quale formaggio ci nutriamo ancora oggi? E quali sono le storie di cui ci nutriamo?

Lo spettacolo come già detto si svolgerà venerdì 12 maggio a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.

L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

foto Alessandro Cani

Sabato, 13 Maggio, 2017 – 15:00  e Domenica, 14 Maggio, 2017 – 15:00 , in collaborazione col  Sardegna Teatro, si  terrà una installazione interattiva progettata dagli allievi del corso “Visual Show, verso il videomapping e oltre” sulle produzioni appunto  di Sardegna Teatro.
ll corso “VisualShow, verso il videomapping è oltre” è stato  organizzato da Open Campus e tenuto da AM Artist.
Rivolto a video maker, VJ, artisti multimediali e agli operatori dello spettacolo e dell’arte in genere, ha posto le basi per l’utilizzo del software TouchDesigner, analizzando gli aspetti di progettazione e realizzazione di installazioni e spettacoli visuali.

L’applicazione pHoToSpHeRiC è stata realizzata come esempio pratico di utilizzo del software e come sviluppo degli argomenti trattati durante il corso e sarà fruibile tramite un installazone interattiva il 13 e il 14 maggio al Teatro Massimo in occasione della manifestazione Monumenti Aperti.

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Cultura Popolare III – I luoghi dell’Altrove” dell’Associazione Figli d’Arte Medas inizierà il 7 maggio e si concluderà il 23 giugno.

La rassegna vuole esplorare gli Altrove che nella letteratura sono stati necessari per poter raccontare storie violente, dure e difficili.
Ma parleremo anche di Altrove che servono a “tornare a casa”, in luoghi che sono esistiti ma non sono esistiti, in parte frutto di ricordi idealizzati e in parte di esperienze reali.  Sarà un itinerario che percorrerà diversi luoghi/non-luoghi letterari.
Sono tanti gli scrittori sardi che si sono serviti di un Altrove per raccontare la Sardegna, terra riservata ma ricca di segreti, ed è proprio ad uno di loro che abbiamo dedicato questo percorso.
Questo viaggio nella letteratura è dedicato a Giulio Angioni, recentemente scomparso.
Un grande antropologo e scrittore sardo, che ha esplorato sia da studioso che da scrittore le sfaccettature dell’Altrove.

La rassegna si apre con «Sentinelle del mare» che grazie ad un Altrove onirico e metaforico racconta la vicenda che nel 1996 scosse le coscienze degli italiani: la tragedia di Portopalo.
«Sentinelle del mare» è frutto di un laboratorio teatrale realizzato con i minori provenienti dal mare, ospitati ad Aritzo.

Lo spettacolo si svolgerà domenica 7 maggio a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.
L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Cristina Melis Elisabetta Scano

Un successo annunciato quello di ieri, per l’evento dedicato al maestro Gustavo Melis a 30 anni dalla sua scomparsa. La chiesa di Sant’Anna a Cagliari, era gremita e molte persone pur di assistere  hanno trovato posto in terra ai lati della navata centrale. Il concerto comprendeva Lo Stabat Mater di Pergolesi e il Requem di Faurè . Ad eseguirlo sono stati due cori storici cagliaritani: il Collegium Kalaritanum e la Polifonica Karalitana preparati rispettivamente dai maestri Carmine dell’Orfano e Gianfranco Deiosso.

Elena Schirru Nicola Ebau

Le voci solistiche erano quelle di due artiste cagliaritane: il soprano Elisabetta Scano e il mezzosoprano Cristina Melis, per lo Stabat Mater ,invece per il Requiem ,il soprano Elena Schirru e il baritono Nicola Ebau.  Ad accompagnare i complessi vocali c’era l’Orchestra Kamerata Karalis   diretta dal maestro Sandro Sanna.

Per l’occasione il Requiem di Faurè è stato eseguito in una emozionante versione per Arpa e Organo con Paloma Tironi e Francesca Ajossa.

Fra un brano e l’altro, il vescovo Arrigo Miglio è intervenuto per una breve riflessione sulla Pasqua.

La serata è stata presentata dal giornalista Giacomo Serreli

L’EVENTO è stato organizzato anche grazie alla preziosa collaborazione del LIONS CLUB CAGLIARI SAINT REMY per raccogliere fondi  da destinarsi  alla nuova Casa di accoglienza della Caritas in via Santa Croce.

La  cronaca fotografica è di Stefano Anedda.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ieri sera ho assistito ad uno spettacolo di beneficenza, organizzato dal Rotary club Cagliari sud, che mirava a raccogliere fondi per il restauro di una preziosa opera d’arte: il Crocifisso del 1700 sito nella antica chiesa di Sant’Efisio a Cagliari.

Il Teatro era quello delle Saline che per l’occasione ha fatto il tutto esaurito. Il teatro è un piccolo gioiello nato negli anni 30 che serviva come dopolavoro ai dipendenti delle saline appunto. Dopo un lungo periodo è stato restaurato e preso in gestione. Purtroppo però le autorità comunali competenti non hanno curato abbastanza l’illuminazione esterna. In tanti abbiamo avuto difficoltà a raggiungere l’ingresso dopo aver parcheggiato.

Lo spettacolo, che ha visto attori non professionisti sul palco (quasi tutti avvocati), aveva lo stile della “Rivista”. Un succedersi di battute,  e gags hanno divertito il pubblico dall’inizio alla fine. Tanti gli sketch che  mi hanno colpita, in particolare il numero del Mago Thomas e  la parodia della mitica trasmissione di Maria De Filippi  ”C’è posta per te“, i cui protagonisti interpretavano  tre “gaggi”cagliaritani.  La piccola performance oltre che ben strutturata, (comprendeva anche un video girato in esterno) ha messo in evidenza la verve e la predisposizione artistica degli attori.  A fare da collante tra un quadretto e l’altro è stato il simpaticissimo Luca De Angelis affiancato dall’avvenente Monica Bardi.

Fiore all’occhiello della serata è stata l’attrice professionista  Marta Proietti Orzella che non ci ha fatto rimpiangere due mostri sacri della risata: Ettore Petrolini  e Anna Marchesini  nei rispettivi monologhi di Gastone e della Sessuologa. Bravissima!

Degno di nota il gruppo musicale Trio Matic che ha fatto da colonna sonora alla serata. Il gruppo era formato da tre vocalist (Maura Olla, Daniela Casu, Laura Spano) che si sono esibite in maniera impeccabile con l’accompagnamento dei musicisti Riccardo Zinzula, Roberto Melis e Alan Calabrò,  in diversi brani resi famosi dal Trio Lescano, il tutto sotto la direzione del maestro Lorenzo Zonca.

Un plauso generale a tutti gli attori ed in particolare a Lalla De Angelis che ha avuto l’idea di creare questo evento  grazie al quale ha potuto realizzare il contributo necessario per la ristrutturazione dell’opera d’arte.

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Assunta Pittaluga , la maestra di danza cagliaritana scomparsa prematuramente, sarà ricordata domani  durante una serata di danza che si terrà  ad Oristano. Saranno presenti ben 7 scuole e  fra queste anche la scuola cagliaritana Arabesque diretta da Benedetta Bucceri e Roberto Magnabosco. Quest’ultimo era per Assunta Pittaluga un allievo prediletto. Mi racconta che quando  era stato scritturato da Raffaella Carrà per un tour, lei ci rimase male perchè vedeva per lui un futuro nella danza classica. Ma appena rientrò  da  quel lungo periodo, non lo fece più fuggire. Assunta lo considerava un punto di riferimento ed è stato l’unico partner con cui ha condiviso il  palcoscenico negli ultimi tempi .

La nuova generazione di ballerini ha avuto modo di conoscere Assunta come presidente di Giuria nella gara televisiva ideata e presentata dalla ballerina Claudia Tronci, “Di che danza 6” .   In questa occasione, supportata dai diversi maestri della danza isolana con lei in giuria  , Assunta dispensava  proprio ai giovani, consigli e segreti di questa arte meravigliosa.

La sua è stata una vita intensa sempre pronta a mettersi in gioco con nuove esperienze. Ricordiamo gli spettacoli di burlesque o ancora la sua partecipazione ad un film con la regia di Jo Coda che tra gli altri sarà presente alla serata come ospite.

 

 

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Rotary Club Cagliari sud ha organizzato uno spettacolo di beneficenza con lo scopo di raccogliere fondi per il  restauro del preziosissimo Crocefisso del 1700 che si trova esposto nella chiesa di Sant’Efisio a Cagliari. Si tratta del Cristo “snodato” che duranti i riti della “Settimana Santa” viene portato in processione.

Lo spettacolo è intitolato Gran Varietà e la compagnia è composta da diversi avvocati di Cagliari. La regia e la conduzione è a cura di  Luca De Angelis. 

Sabato 8 Aprile alle ore 21 presso il Teatro delle saline a Cagliari

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Poco tempo fa ho ricevuto un incarico dal Comune di Cagliari relativo alle mie competenze musicali. L’incarico mi è stato affidato grazie ad una Manifestazione d’interesse bandita dallo stesso Comune, cui ho partecipato inviando la mia domanda con relativo curriculum.

In tanti mi hanno fatto domande soprattutto chiedendomi come è stata fatta la scelta. C’è stato anche chi ha messo in evidenza che poteva essere dato a qualche disoccupato facendo illazioni sul fatto che io avessi già il mio introito di pensionata.  Ho premesso subito che chiunque poteva partecipare alla manifestazione pubblicata nel sito del Comune di Cagliari. Certamente il tipo di incarico non poteva essere affidato ad un giovane che non ha esperienza dal momento che erano richiesti titoli e competenza.  Alcuni mi hanno domandato se fossi diventata dipendente comunale. Nulla di tutto ciò. L’incarico è un incarico limitato al tempo in cui darò la mia valutazione ai progetti presentati dalle Associaziani culturali ad indirizzo musicale, che hanno fatto richiesta di finanziamento rispettando le norme del bando. Non percepirò nessuno stipendio ma solo un rimborso spese legato alla valutazione di ogni singolo progetto.

Detto questo , posso rispondere anche alle persone che mi hanno domandato se passerà molto tempo da qui alla erogazione dei contributi.  I progetti sono tanti e tutti molto particolareggiati ed interessantissimi. Sarà mia cura valutarli attentamente uno per uno. Si spera di riuscire a completare il lavoro entro la prima quindicina di Maggio.

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Rossana Patricelli organizza casting e ricerca, seleziona e propone attori e comparse. Casting Sardegna è una piattaforma on line aperta a tutti coloro che vogliono iscriversi e creare un profilo artistico da mostrare alle produzioni. Rossana Patricelli ha nel suo archivio artisti del mondo del teatro, del cinema, della danza, della televisione, della moda, dello sport, della musica, artisti di strada, giovani attori, figurazioni speciali e comparse, da proporre ai propri clienti.
http://www.castingsardegna.it

Sei un attore professionista? Desideri fare l’attore o la comparsa? Iscriviti gratuitamente alla banca dati di attori e comparse CASTING SARDEGNA di Rossana Patricelli. Per confermarci la tua adesione ed iscriverti al portale Casting Sardegna devi cliccare sul link e seguire le istruzioni in homepage.
http://www.castingsardegna.it

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Di questi tempi cucinare non è solo preparare i pasti per il sostentamento ma anche elaborare piatti che soddisfino sia il corpo ma anche gli occhi e  lo spirito. Ci si dedica con passione alla creazione di ricette originali sempre nuove e visivamente belle proprio come l’ artista che crea  un’opera d’arte. Tutto questo è il frutto rilasciato dalle tante trasmissioni e gare televisive dedicate al cibo. In queste trasmissioni i guru dell’arte culinaria, oltre ad inventare,  fanno rivivere vecchie ricette dei nostri avi in chiave moderna, un modo, questo, affinchè non vadano perdute.

Fra le tante trasmissioni dedicate a questa nuova arte ce n’è una in particolare che ogni tanto mi capita di seguire . E’ trasmessa giornalmente dalla TV locale Sardegna UNO e a condurla, guarda caso, è un’artista poliedrica: Claudia Tronci,  ballerina e insegnante di danza oltre che attrice.L’abbiamo vista per anni condurre la bella trasmissione  “Di che danza 6″ da lei ideata , nella TV locale Videolina ed ora, con lo stesso garbo, conduce  ”Cucina Claudia” anche questa di sua creazione.

I suoi sono ospiti di vario genere, non solo specialisti ma anche persone semplici, professionisti e soprattutto artisti  . La sua è una striscia quotidiana che, come è ormai in uso, viene diffusa poi nei Social. Tutti, a qualunque ora, possono approffittare della sua trasmissione per avere nuove idee in cucina.

Potrete seguire “Cucina Claudia” tutti i giorni su Sardegna UNO TV  cliccando in questo link, oppure sul canale Youtube.


YouTube Video

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Passio Christi è il monologo di Gianluca Medas che ripercorre le tappe della Passione di Gesù, dalla cena alla crocifissione. Lo spettacolo attraversa il percorso che porta Gesù dal calore della famiglia alla violenza della sua crocifissione e lo fa attraverso uno sguardo umano, intimo.

PASSIO CHRISTI

Questa storia è conosciuta, se ne parla da secoli. Sono stati scritti poemi, saggi, preghiere, canzoni. Sono stati fatti quadri, opere cinematografiche e ogni genere di rappresentazione.

Questo perché, cristiani o non cristiani, il racconto della Passione di Gesù è una storia affascinante nella quale è semplice immedesimarsi.

Immaginiamo un uomo qualunque, stimato e rispettato, considerato una persona spiritualmente elevata tanto da essere chiamato Maestro. Gesù viveva e predicava la povertà e non ambiva ad alcun tipo di potere. L’unico messaggio che portava era quello dell’Amore e lo predicava con decisione e fermezza per città e villaggi. Si definiva figlio di Dio e invitava tutti quanti a sentirsi tali.

Quest’uomo, fastidioso per il clero ebraico, viene arrestato nonostante sia di fatto innocente.

I suoi nemici non sopportavano ciò che diceva, non tolleravano la sua persona e i dubbi che la sua predicazione insinuava.

L’unica soluzione era eliminarlo, umiliare la sua immagine, cancellare le speranze di coloro che pensavano fosse arrivato finalmente il Messia e ripristinare lo status quo.

Sembrava che Gesù sapesse già cosa volevano fare di lui e non solo non fuggì ma non provò neanche a difendersi, provocando ancor di più la loro ira.

Questo è il contesto, i fatti.

Ma come visse Gesù questo crescendo di eventi?

Era un uomo e soffriva come un uomo.

Il tradimento di un amico, un fratello, che lo portò all’arresto con un bacio.

Tutti i suoi a cui aveva dedicato anima e corpo erano dispersi, impauriti e confusi.

La folla inferocita, in preda al delirio della violenza che si accaniva contro di lui.

Pietro, che aveva affermato di essere disposto a fare qualsiasi cosa per lui, l’aveva rinnegato per ben tre volte durante il suo arresto.

La maggioranza di coloro che aveva amato e con cui aveva vissuto i suoi ultimi anni l’avevano lasciato solo, appeso ad una croce col corpo martoriato.

Ai suoi piedi, prima di morire, c’erano solamente la madre, alcune donne che lo seguivano e il discepolo a cui era fortemente legato.

Cosa avrà pensato Gesù in quei momenti?

 Questa è la PASSIO CHRISTI, la storia di un uomo innocente che predicava l’Amore

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Artaruga è lieta di ospitare il nuovo Corso di Dizione e Lettura Espressiva tenuto da Michela Atzeni con inizio a metà Aprile e conclusione a Giugno con lettura degli allievi aperta al pubblico.

STRUTTURA IN SINTESI
Il corso è articolato in un ciclo di 10 incontri da due ore ciascuno a cadenza settimanale ogni mercoledì (orientativamente dalle 18 alle 20, orario preciso da definire con gli iscritti) l’ultimo dei quali ospiterà la lettura finale aperta al pubblico in una magica e calda sera di giugno.
La classe è composta da un minimo di 6 a un massimo di 8/10 partecipanti. L’inizio del corso è fissato per mercoledì 19 Aprile.

CONTRIBUTI
Il contributo dell’intero corso è di euro 110. Per iscrizioni entro il 31 marzo: 90 euro. Per info sulle modalità di iscrizione (e per usufruire del contributo ridotto) contattare info.artaruga@gmail.com

UN APPROCCIO INTEGRATO ALLO STUDIO DELLA DIZIONE
L’insegnamento della dizione (la corretta pronuncia della lingua italiana) non consiste solo in un pacchetto di regole
(ortoepia) ed esercizi “miracolosi” per trasformare la propria pronuncia, piena di inflessioni regionali e di difetti di articolazione, in una perfetta pronuncia da speaker radiofonico delle reti nazionali. Essa riguarda più profondamente un’attenzione allo strumento voce nella sua interezza, strumento unico e inimitabile per ciascuno, a prescindere dalla professione e dalle finalità personali per le quali ci si avvicina allo studio della stessa. Tutti dovremmo conoscere non solo la giusta pronuncia della lingua che parliamo quotidianamente, poiché tale conoscenza dovrebbe far parte del nostro bagaglio culturale, ma soprattutto conoscere l’unicità della nostra voce, le sue caratteristiche, i pregi, i vizi di emissione, i limiti di estensione, i difetti, le sonorità, le esigenze, le potenzialità. Migliorare la propria pronuncia, migliorare la propria emissione vocale, rendere più chiari i concetti esposti attraverso una padronanza della propria espressività, raggiungere sicurezza nel parlare davanti a un pubblico, significa migliorare la propria capacità di comunicare.

LA LETTURA AD ALTA VOCE
Il corso si pone dunque non solo l’obiettivo di fornire le basi essenziali per lo studio della dizione, ma anche quello di riappropriarsi della lettura a voce alta come ancestrale strumento di comunicazione, svincolandola da esigenze performative come ormai sembra essere relegata.
Leggere davanti a un pubblico non è infatti un’attività strettamente circoscritta ad attori o personaggi pubblici (pensiamo ad esempio agli insegnanti e a tutti coloro che per ragioni di lavoro si ritrovano spesso a parlare davanti a un auditorio): tuttavia è necessario appropriarsi di alcune regole basilari affinchè la pagina che ci ha emozionato, riesca poi a toccare le stesse corde nelle persone che ci ascoltano. Per questo il corso è aperto non solo ad allievi attori, per i quali è imprescindibile lo studio della dizione all’interno del proprio percorso formativo, ma a chiunque sia interessato a migliorare le proprie capacità espositive.

ARGOMENTI TRATTATI: RESPIRAZIONE ED EMISSIONE VOCALE
esercizi di respirazione, riscaldamento, emissione, articolazione

ORTOEPIA
accento tonico e accento fonico
regole per la è aperta
regole per la é chiusa
regole per la ò aperta
regole per la o chiusa
omonimi
i verbi
gruppi consonantici gn, gl, sc
rafforzamento
pronuncia della s: sorda e sonora
pronuncia della z: sorda e sonora
le altre consonanti

LETTURA ESPRESSIVA
tempo, ritmo, pause, volume
espressività vocale: timbro, toni, mordente, colore
comprensione del testo
esercizi di lettura: lettura istituzionale e lettura espressiva?lettura interpretata

OBIETTIVI E FINALITA’
Miglioramento della dizione, miglioramento della esposizione in pubblico e della comprensibilità nella lettura a prima vista, maggiore sicurezza e soddisfazione nella lettura a voce alta, ampliamento degli stili di lettura da quella istituzionale a quella espressiva e autonomia nella scelta dello stile.

DESTINATARI
Il progetto (in lingua italiana) è rivolto a tutti senza limiti di età: unico requisito…saper leggere in lingua italiana! Il gruppo di lavoro ideale è composto da un minimo di 6 a un massimo di 10 partecipanti. Possibilità di organizzare più gruppi.

MICHELA ATZENI
Attrice, doppiatrice, performer, ha collaborato con numerosi artisti e compagnie teatrali in spettacoli che spaziano dalla prosa al teatro danza, dal teatro musicale al radiodramma, esibendosi in Teatri e Festival in Italia e all’estero.
Studia recitazione, espressività vocale, danza contemporanea, maschera con maestri di fama internazionale. Studia canto jazz al Centro di Formazione Musicale di Torino, e Tip Tap all’Atelier Teatro Fisico Philiphe Radice.
Dal 2007 al 2010 è attrice interna della compagnia Teatro Actores Alidos. Selezionata per Crediti d’Attore nel 2012 (in diretta su RaiRadio3 dal Teatro dei Filodrammatici di Milano) è poi attrice di radiodrammi per la regia di Sergio Ferrentino (Fonderia Mercury, Milano) e di Alberto Gozzi (RadioSpazioTeatro, Torino).
Nel biennio 2012/2014 si diploma alla Scuola di Doppiaggio del centro O.D.S. di Torino con cui inizia una collaborazione come doppiatrice e insegnante.
Attualmente collabora col Teatro di Sardegna (viene diretta da Guido de Monticelli, Veronica Cruciani, Franco Graziosi, Roberto Rustioni, Davide Iodice) e col Riverrun Performing Arts.
Tiene il seminario “Il corpo dell’attore – principi di biomeccanica teatrale e movimento scenico”, insegna Dizione e Lettura Espressiva, esegue doppiaggi e voice over per cortometraggi e spot pubblicitari.
https://www.facebook.com/michelatzeni

foto Fiorella Sanna

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Una delle forme più complete del teatro musicale è sicuramente il Musical, spettacolo composto oltre che dal canto anche dalla recitazione e dalla danza. Il musical è nato e si è sviluppato negli USA tra l’800 ed il ’900 e in Italia lo abbiamo conosciuto attraverso il cinema americano degli anni 30-40-50.  Come non ricordare i film meravigliosi dalle spettacolari coreografie di  Esther Jane Williams!

Ebbene, in questi giorni a Cagliari ci sarà un piccolo festival tutto dedicato ai musical e che vede come protagoniste le migliori compagnie teatrali specializzate nel genere. Compagnie che si sono formate negli anni e che hanno raggiunto livelli quasi professionistici.

Il festival si intitola MUSICALARIS  e si svolgerà dal 22 al 25 marzo 2017 al Piccolo Auditorium Comunale di Cagliari

 Giovedì 16 marzo 2017 alle ore 11 presso il Palazzo Siotto di Cagliari (via dei Genovesi 114 - mappa), verrà presentata alla stampa la prima edizione della rassegna Musicalaris” il primo festival isolano interamente dedicato all’arte del musical, che andrà in scena.

Saranno presenti all’incontro Filippo Piliu e Emanuele Diana (Gemini Club Animazione e Spettacolo), Romina Pusceddu e Camilla Scameroni (Compagnia CBS Elmas), Manuel Cossu (Compagnia Teatrale Modulare), Cristina Melis Alessia Melis (Compagnia EllioT).

L’evento è organizzato dall’Associazione Gemini Club Animazione e Spettacolo di Cagliari.

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

foto  Sardinia Fashion

Si intitola“Pinuccio Sciola. Genesi della Turandot la mostra che il Teatro Lirico dedicherà al grande artista di San Sperate (scomparso lo scorso anno) in occasione della messa in scena dell’opera Pucciniana Turandot. L’omaggio all’artista sarà allestito nel foyer di platea da mercoledì 15 marzo fino a lunedì 15 maggio 2017.

L’ occasione sarà appunto quella della messinscena dell’ultimo capolavoro di Giacomo Puccini che viene rappresentato, nell’ambito della Stagione lirica e di balletto 2017, nel celebre allestimento dell’estate 2014 con lo straordinario impianto scenico che resta la prima ed unica esperienza di Pinuccio Sciola nel teatro musicale.

L’allestimento di questa Turandot mostra una Cina atemporale ed una Pechino di pietra dalle tonalità chiare (si passa dal bianco al grigio, attraverso le varie sfumature del beige), dove si “muovono” 220 costumi dai colori puri, lontani dal decorativismo cinese, ma strettamente legati alle forme e fogge orientali dei primi del ‘900.

Il monumentale impianto scenico di Pinuccio Sciola supera l’area tradizionale a lui designata, quella appunto del palcoscenico, per proseguire idealmente negli altri spazi del Teatro, in particolare l’ingresso principale ed il foyer di platea, dove è stata collocata una gigantesca riproduzione di 9 metri di altezza di una sua scultura che riconduce alle architetture futuristiche della Pechino pietrificata immaginata dall’artista-scenografo per il capolavoro pucciniano. Ad incorniciare il tutto una serie di segni grafici, realizzati con l’uso di canne, dell’artista di San Sperate che riportano ad atmosfere orientali ed a suggestioni legate agli ideogrammi cinesi, oltre alle affascinanti maschere in basalto e granito, alle possenti “Città sonore” ed ai bozzetti originali delle diverse scene che appariranno agli occhi del pubblico in una filologica ricostruzione del “tavolo dell’artista”, sul quale nacque anche una poesia autografa, dedicata a Giacomo Puccini, che, per la prima volta, viene esposta.

Idee, fatica, passione, emozioni, genio, umanità che, ancora oggi come già nella magica estate del 2014, consegnano all’eternità questa straordinaria opera d’arte scenografica che rende il capolavoro pucciniano ancora di più unico ed indimenticabile.

L’esposizione è ideata e curata da Maria Sciola e Rossella Atzori e le fotografie esposte sono di Ivan Capra e Attila Kleb.

L’inaugurazione della mostra, con ingresso libero, si tiene martedì 14 marzo 2017 alle 18, alla presenza di Claudio Orazi (sovrintendente Teatro Lirico di Cagliari), Mauro Meli (direttore artistico Teatro Lirico di Cagliari), Tomaso Sciola (presidente Fondazione Pinuccio Sciola), Chiara Sciola (vice presidente Fondazione Pinuccio Sciola), Maria Sciola (direttore generale Fondazione Pinuccio Sciola).

La mostra, con ingresso libero, è aperta, oltre che durante gli spettacoli, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13.

Il foyer di platea del Teatro si conferma quale importante punto di incontro cittadino e spazio per la fruizione dell’arte: gli ambienti più ampi nel rispetto dell’originario progetto architettonico, l’illuminazione conformata alle pareti ridipinte e perfettamente sgombre, consentono un respiro maggiore ed un uso più appropriato delle volumetrie del Teatro.

Di seguito un video realizzato al Teatro Lirico in occasione della messa in scena del 2014


YouTube Video

La mostra “Pinuccio Sciola. Genesi della Turandot” si avvale del contributo ed è realizzata in collaborazione con la Fondazione di Sardegna e la Fondazione Pinuccio Sciola.

Turandot di Giacomo Puccini viene rappresentata: venerdì 17 marzo alle 20.30 (turno A), sabato 18 marzo alle 19 (turno G); domenica 19 marzo alle 17 (turno D); martedì 21 marzo alle 20.30 (turno F); mercoledì 22 marzo alle 20.30 (turno B); domenica 9 aprile alle 17 (turno E); martedì 11 aprile alle 20.30 (turno C). Le recite per le scuole, edizione “ridotta” dell’opera della durata complessiva di 75 minuti circa, sono: martedì 21 marzo e martedì 11 aprilesempre alle 11.

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto P.Tolu

Mauro Balestrazzi presenta Turandot di Giacomo Puccini,

al Teatro Lirico di Cagliari

 Venerdì 10 marzo, alle 17, nel foyer di platea del Teatro Lirico di Cagliari, il giornalista Mauro Balestrazzi presenta l’opera Turandot di Giacomo Puccini, in un incontro con il pubblico. Il celeberrimo dramma lirico in tre atti va in scena, venerdì 17 marzo alle 20.30 (turno A), per la Stagione lirica e di balletto 2017 del Teatro Lirico di Cagliari.

L’ingresso alla presentazione è libero.

 Mauro Balestrazzi – È nato a Parma nel 1953. Appassionato di giornalismo fin da bambino, ha cominciato a scrivere sulla “Gazzetta di Parma” a 14 anni. Giornalista professionista dal 1978, è stato redattore, per 35 anni, della “Gazzetta dello Sport”, occupandosi sempre di calcio ma trovando anche il modo di pubblicare, sulle sue celebri pagine rosa, articoli su Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Arturo Toscanini, Claudio Abbado, Riccardo Chailly e altri campioni della musica. Da anni collabora con il mensile “Classic Voice”, per cui ha realizzato inchieste su vari argomenti: dalla produttività delle fondazioni liriche all’attività delle orchestre sinfoniche, dagli stipendi dei musicisti alle quotazioni dei cantanti. La denuncia dell’inaccessibilità agli studiosi dell’archivio privato di Verdi ha avuto risonanza su buona parte della stampa nazionale ed è stata ripresa anche da “The Times”. Ha scritto tre libri: “Toscanini secondo me. Il più celebre direttore d’orchestra in un secolo di testimonianze”, “Carlos Kleiber. Angelo o demone?” e “Pavarotti dossier”, tutti pubblicati da L’Epos.

Turandot viene replicata: sabato 18 marzo alle 19 (turno G); domenica 19 marzo alle 17 (turno D); martedì 21 marzo alle 20.30 (turno F); mercoledì 22 marzo alle 20.30 (turno B); domenica 9 aprile alle 17 (turno E); martedì 11 aprile alle 20.30 (turno C). Le recite per le scuole, edizione “ridotta” dell’opera della durata complessiva di 75 minuti circa, sono: martedì 21 marzo e martedì 11 aprile, sempre alle 11.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Cagliari, 8 marzo 2017

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Mercoledi 8 Marzo dalle ore 21.30 nella suggestiva cornice  del locale Sei Ottavi Bistrot (Corso Vittorio Emanuele II 82), l’A.S.D.La Via di Oz” , in occasione della festa della Donna,  presenta una serata all’insegna della Femminilità che esprime la sua essenza in un percorso sensoriale intriso di arte ed eleganza. La Settima arte ne esaltera’ la sensibilità, l’indipendenza e la vanità;  il tango metterà in scena passione e sensualità mentre il contest fotografico farà da cornice alla bellezza!
L’evento sarà accompagnato da un ricco buffet con degustazione dei migliori vini delle tenute Smeralda.

Ogni sponsor metterà in palio dei premi!

Con la prima consumazione verranno consegnati i biglietti per partecipare all’estrazione dei premi .

Apericena con degustazione vini Tenute Smeralda 15€ 

Per prenotazioni telefonare a  3479721656 – 3401715814


Installazioni artistiche
Dj set Luma

Si ringraziano per la collaborazione:
- Tenute Smeralda
- Akademia della Salute
- Vanità intimo e oltre
- A.S.D. El Abrazo Tango Argentino

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Nel mese di Febbraio, presso il teatro comunale di Serrenti (CA) , è cominciata un’ interessante rassegna dedicata al ricordo di grandi artisti della musica leggera e rock che hanno lasciato il segno.

Dopo il Tributo di apertura della rassegna dedicato ai Queen, e quello del prossimo 28 febbraio ai Beatles, il 10 marzo potremo assistere al tributo dedicato al cantante italiano Lucio Dalla.

A rendere omaggio all’artista bolognese sara il cantautore Flavio Secchi e la sua Tribute Band. Filmati, storie e molta musica racconteranno il grande ed unico Lucio.

Apriranno il concerto i giovanissimi Michele Melis ed il duo Shardan & Bass.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Paolo Fresu, il celebre trombettista Jazz, nato in Sardegna, a Berchidda in provincia di Sassari,  e conosciuto in tutto il mondo, è stato oggetto di studio  e protagonista della Tesi di laurea di Arianna Sechi laureatasi qualche giorno fa in psicologia all’Università di Cagliari. Sicuramente viene da chiedersi quale possa essere il legame fra il musicista e l’argomento psicologia.

L’interesse nasce dal Jazz (ci dice Arianna che tra l’altro è a sua volta una cantante jazz), perchè questa forma musicale ha come sua formula principale l’improvvisazione.  Improvvisare su un palco è come un gioco di squadra e necessita grande collaborazione. Il jazz incarna una lezione preziosa: nessuno può diventare qualcuno senza la complicità del prossimo e nessuno può fare goal da solo.  Ed in quest’ ottica di creazione continua di fluidità e collaborazione che Paolo Fresu ha portato avanti la sua arte, la sua musica.

Il mio lavoro di tesi  (scrive Arianna Sechi),  si pone come obbiettivo primario quello di analizzare il cambiamento sociale e culturale operato grazie all’ attività artistica e musicale di Paolo Fresu. Nello specifico, trattando, dell’opera di Paolo Fresu, e del suo essere sollecitatore culturale e sociale mi soffermerò e analizzerò la struttura di uno degli stili che ha maggiormente coinvolto l artista e di cui si è fatto portavoce nella nostra terra di Sardegna: Il jazz . Uno degli aspetti che maggiormente caratterizza ed è rinvenibile nel jazz, è l’improvvisazione. Questo aspetto permette di creare un ponte tra la il concetto di leadership e gestione delle risorse e la musica e di metter in rilievo come tali caratteristiche siano elementi fondanti del processo di cambiamento, nello specifico operato e agito attraverso l’opera di Paolo Fresu.

Lavorare in un’ orchestra per quanto complesso, richiede delle energie e delle competenze diverse, legate sicuramente alla conoscenza dello spartito e alla capacità di seguire con attenzione il direttore di orchestra, guida e punto di rifermento dell’intero ensamble musicale. Fare jazz implica una creazione continua delle proprie risorse e la capacità di reinventare ogni volta se stessi, in musica, chi improvvisa, subentra in un flusso continuo di creatività.

La tesi prosegue con tanti riferimenti biografici dell’artista jazz, del time in jazz e di cosa ha fatto per la cultura musicale sarda. Arianna ha pubblicato un’ampia bibliografia, compresa un’  intervista allo stesso Fresu .

“Più che una tesi è un lavoro che parla di lui ma parla anche di me – dice Arianna – e dei tanti   giovani che nella musica credono. Parlo di vita, e soprattutto nella possibilità   di credere fermamente in ciò che si fa.”

E’ la storia di tanti..ed è anche la sua, di Arianna che con questa tesi si è laureata con 110 e lode.(Professor Marcello Nonnis, Professoressa Clementina Casula)

Musicamore le invia le sue congratulazioni per il bellissimo lavoro svolto.

Quando la musica riesce ad emozionare, quando riesce a mettere insieme gli altri, quando la musica riesce a suggerire delle cose che muovono le corde, allora la musica può effettivamente cambiare il mondo. Ovviamente non  credo che la musica sia in grado di modificare totalmente il mondo, ma può contribuire a renderlo migliore, questo sì, perché mette insieme gli altri , perché la musica è un linguaggio che mette insieme le differenti razze, i linguaggi differenti, in questo momento così difficile la musica è uno degli strumenti migliori per aiutare il miglioramento e trovo che questo sia molto molto importante, la musica come solidarietà come comunione, come convergenza, come scambio, come scoperta come poesia; ha modo di arrivare ad ognuno di noi a seconda di come noi la recepiamo, dove la recepiamo; la musica può colpire nello stomaco, nel cuore, nella mente, ed a seconda di come ognuno la recepisce mette in moto delle cose che comunque servono a vedere il mondo in un modo diverso, in genere migliore, rispetto a come lo si vedeva prima. Quindi penso che la musica sia uno straordinario strumento di miglioramento del mondo. Paolo Fresu

Stralcio dell’intervista presente nella tesi.

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Quando ho visto questo spot la prima volta ho pensato ci fossero dei trucchi cinematografici. Quel modo di ballare così veloce, così particolare sembrava artificiale, creato con effetti speciali. Lui, il ballerino, ha conquistato tutti. Uno spot martellante che anche chi segue poco la TV, ne è rimasto conquistato. Questo ragazzo è sicuramente geniale e di grande talento. Ma chi è? Come nasce? Quale è il suo stile?

Si chiama Sven Otten, ha 29 anni ed è tedesco. Ma gli utenti di YouTube lo conoscono come JustSomeMotion, il nome con cui ha battezzato il suo canale video nel 2012.

Nasce proprio sui social la sua danza così particolare. Non è uno stile ben definito ma un insieme di stili. Nelle chat ho letto tanti pareri contrastanti sul nome da dare a questo modo di danzare.

Uno stile che Otten descrive “come un mix tra Melbourne Shuffle, Tettonica, Rebolation e Charleston. Che si adatta perfettamente alla musica swing elettronica di artisti come Parov Stelar o Jamie Berry”.

Dopo un anno di pratica – racconta l’artista – ho caricato il mio primo video su YouTube, solo per mostrare alla mia famiglia e agli amici quello che avevo in mente. A loro piaceva così tanto che il mio amico l’ha postato su Reddit, dando inizio alla mia carriera“.

Intanto vi posto il video da cui è nato lo spot, quello di Lui che prova e riprova nella sua stanza .


YouTube Video

 


 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Arena di Verona, struttura magnifica che risale, approssimativamente, fra l’impero di Augusto e quello di Claudio.  Il teatro  che da secoli ospita le più grandi manifestazioni all’aperto. Fra le tante  meraviglie il Festival lirico estivo che ospita i  grandi artisti internazionali in opere quali Aida, Nabucco, Turandot, Carmen, tanto per citarne alcune.  Per ammirare questo Festival giungono turisti da tutto il mondo prenotandosi anche un anno prima. Un teatro che conta  un corpo di ballo stabile, un’ orchestra e un coro grandiosi perchè i grandi spettacoli necessitano  di stabilità e di professionisti di alto livello per produrre spettacoli di qualità.

E’ notizia di questi giorni che il corpo di ballo è stato licenziato in tronco!

Dopo le dure parole del Sovrintendente del Teatro alla Scala di Milano, Alexander Pereira, che, in occasione della presentazione della serata di balletto dedicata a Stravinskij, aveva dichiarato come fosse “gravissimo e molto stupido togliere il balletto” per attuare risparmi nei teatri quando esista un’importante sinergia tra balletto ed opera, utile a favorire ed aumentare le alzate di sipario, ed ancora che, quando “si rompe la sinergia, si attacca il teatro nel suo profondo”, a distanza di pochi giorni giungono anche le parole di condanna da parte dei ballerini del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala che, in un loro comunicato, contestano fermamente la decisione della dirigenza di Fondazione Arena di licenziare l’intero proprio Corpo di Ballo.

Nello stesso comunicato i ballerini del Teatro alla Scala denunciano il fatto di come, nel paese dove il balletto ha visto la sua nascita per poi diffondersi nel resto del mondo, i teatri quando si trovino difronte a difficoltà economiche e conseguenti commissariamenti, non trovino altra soluzione per tentar di far quadrare i conti se non quella di tagliare tale settore artistico

Genova, Bologna, Venezia, Catania, Torino, Firenze e oggi Verona, sono il lungo elenco dei corpi di ballo che si sono persi, “pezzi di storia della Danza“, come leggiamo nel comunicato, “spazzati via per far quadrare i conti ignorando volutamente una parte importante del nostro patrimonio artistico italiano”.

I ballerini nel comunicato si chiedono quando mai finirà tutto questo.

Rivolgendosi agli amministratori della Fondazione Arena i ballerini della Scala chiedono perché non investire su di un Corpo di Ballo invece di progettare tendoni per coprire l’Arena, invitandoli a riconsiderare le proprie decisioni sui licenziamenti. Il balletto, oltre a garantire introiti, dona prestigio ai teatri che li posseggono.

Alla politica e forze governative invece l’appello è quello di cominciare a considerare il loro settore, quello del balletto, affinché possa essergli restituita l’importanza che meriti, per esempio, attraverso leggi che valorizzino i talenti italiani costretti altrimenti ad emigrare all’estero per trovare la giusta considerazione, e che non penalizzino la peculiarità specifica legata alla professionalità del ballerino.

Mano a mano che la notizia si diffonda, le contestazioni alla decisione della Fondazione Arena di Verona di sopprimere il proprio corpo di ballo divengono ogni giorno sempre più numerose e autorevoli.

fonte: https://sosfondazionearenaverona.blogspot.it/

 

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Mi ero riproposta di non scrivere nulla sul Festival di  Sanremo, ma poi è stato più forte di me. Chi mi conosce sa che non avrei potuto rinunciare ad un evento che mi ha accompagnato fin da bambina,  io che ho mosso i primi passi nella musica con le canzoni del festival. Ciò non significa che  condivida tutto ciò che è stata la kermesse musicale più popolare d’Italia. D’altronde se parliamo di cifre dovremo dare  una controllatina anche al mondo del calcio che nessuno però osa toccare.

C’è chi aveva giurato che non lo avrebbe guardato, eppure una sbirciatina l’ha data. Non si spiegherebbero gli ascolti stellari. Ma questo non è importante. Per fortuna siamo ancora liberi di scegliere ciò che vogliamo(e speriamo ancora per molto) con il rispetto di chi non la pensa come noi.

I grandi esclusi: Al Bano, Ron, Gigi D’Alessio. Solo per Al Bano mi sento di esprimere un parere. Poteva rimanere a casa viste le sue condizioni di salute che ovviamente si sono sentite tutte nella  voce.  Ciò che non concepisco è questo suo ostinarsi a presentarsi al Festival. Lui come altri doveva essere un ospite . Ha fatto (e continua a fare) una bella carriera. Non mi pare avesse bisogno di popolarità per campare. Il suo punto di forza è sempre stata la voce. Quest’anno è mancata e forse è ciò che ha spinto chi giudicava a farlo fuori.

Al di là di questo, i primi tre classificati: 1) Francesco Gabbani, 2)Fiorella Mannoia, 3)Ermal Meta  potevano essere,  tutti e tre ex equo soprattutto per i testi. Ha vinto la canzone dal testo impegnativo . Personalmente avrei dato il primo premio alla Mannoia col suo bellissimo inno alla vita Sia Benedetta.

Grande interpretazione e voce, quella voce molto particolare dal timbro contraltile che l’ha resa unica. Mi sa che solo la De Filippi le ha fatto concorrenza. Una  Barry White in gonnella?

Tornando al vincitore e alla sua esibizione molto spettacolare (guarda video  ), devo dire che inizialmente non mi aveva convinto, lo avevo visto un po’ troppo buffone e questo mi ha distolto dal testo. Il terzo classificato, che  musicalmente era abbastanza monotono ha espresso bene il suo testo autobiografico. Eccolo di seguito: Vietato Morire. Un testo che ha toccato l’impegnativo tema della violenza femminile e infantile.

Per quanto riguarda la mia conterranea Bianca Atzei  e la sua Ora esisti solo tu , classificatasi al 9 posto, posso dire che è stata una bella esibizione , accompagnata da un bel look al profumo di Sardegna, che non guasta mai (di chi era il vestito?). Ciò che mi ha distratto però è stata la voce. Per deformazione professionale mi sento di consigliarle una visita otorino. Chi fa questo lavoro non può rischiare di fermarsi perchè un nodulo arriva inaspettato  compromettendo tutto il potenziale vocale.

 

 

Grande Rita Pavone, alla quale è stato consegnato il premio alla carriera; si è esibita nel suo famosissimo successo “Cuore” sfoderando una grinta da 20enne nonostante i suoi 72 anni.

La coppia dei presentatori Conti-De Filippi ha funzionato. Lui sicuro ed esperto in campo, lei discreta senza essere invadente.

Classifica completa finale :

1) Francesco Gabbani
2) Fiorella Mannoia
3) Ermal Meta

4) Michele Bravi

5) Paola Turci
6) Sergio Sylvestre
7) Fabrizio Moro
8) Elodie
9) Bianca Atzei
10) Samuel
11) Michele Zarrillo
12) Lodovica Comello
13) Marco Masini
14) Chiara
15) Alessio Bernabei
16) Clementino

 

foto: Tiscali

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Quella di Karen è una storia vera, registrata come in un nastro magnetico dalla prosa neorealista e tragica dello scrittore Sandro Mascia che offre all’adattamento scenico solidi basamenti metrici per l’orchestraggio dell’azione.

Noi scegliamo il vortice e compiamo una scelta. Per questo non possiamo più fare a meno della musica.

Il 14 febbraio alle ore 19.00 e in replica alle ore 21 va in scena al Teatro Sant’Eulalia di Cagliari in prima nazionale “IO SONO KAREN – pura e senza paura”, uno spettacolo prodotto da Afrori Distilleria Guitta in collaborazione con Sandro Mascia, autore del racconto “Karen” da cui questo lavoro è stato tratto.

Adattamento, drammaturgia e performance di Mixa Fortuna, in scena con Mario Massa, tromba ed elettronica, autore delle musiche originali che abitano la struttura dell’opera (#terzosegnale)

L’allestimento scenico è un’installazione dell’artista e ricercatrice tessile Pietrina Atzori, che recupera, sul discorso intorno al corpo e al ciclo femminile, una collezione di biancheria appartenuta a corredi di donne che agli inizi del secolo scorso si votarono alla vita monacale.

Amsterdam, 9 febbraio 2011, centro storico. Una vetrina. Una donna esercita il mestiere, si espone al vetro, ogni giorno verso un nuovo futuro. È il primo momento della sua vita in cui può formulare un progetto. Quella posizione è finalmente adatta alla conoscenza, alla vita. Il primo passo della Maddalena dopo il risveglio. È a questo punto che una persona può fare i conti e raccontare la storia del proprio passato senza dovere più rimescolarne le sorti.

Afrori Distilleria Guitta
è uno spazio mobile condiviso reso possibile dall’intervento performativo, autorale, editoriale degli elementi fondatori Mixa Fortuna e Giuseppe Carta e di tutti gli artisti che convergono nelle operazioni. Nucleo in azione nel territorio sardo dal 2015 con attività teatrali, ermeneutiche, laboratori, musica e promozione dell’arte contemporanea sarda.
L’incontro con Mascia e Pietrina Atzori è una risultante naturale dell’interazione con il territorio, dal quale emergono spontaneamente le forze creative.

INGRESSO 8 EURO – rivendita Caffè Barcellona, Piazza Dettori Cagliari la biglietteria del teatro apre alle 18

per informazioni e biglietti mischa_fortuna@live.it

Tragica è drammaturgia, cadenza, cerchio che si chiude, forma concettuale, distillazione dell’atto performativo come vortice di tutte le possibilità di quell’azione che producono una scelta.

 

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 Il quarto e ultimo appuntamento della rassegna ”L’epopea del Cinema Muto”, “Fine di un sogno”, avrà luogo il

 10 Febbraio aCagliari presso i locali dell’Associazione Ex Art alle ore 21:00.

Gianluca Medas racconterà gli anni tra il 1915 e il 1925, gli anni di maggior splendore per il cinema muto: capitali, investimenti, lusso sfrenato, droga e gossip.

In quel periodo gli attori del Cinema Muto sono divi, osannati come divinità. Tra la stampa scandalistica che rincorreva segreti pruriginosi e il Codice Hays che imponeva una ferrea morale il mondo del Cinema Muto viveva gli ultimi anni di gloria.
Alla fine degli anni ’20 infatti l‘avvento dell‘audio miete numerosissime vittime. Pochi tra i divi del Cinema Muto resistono ad una velocissima e improvvisa caduta verso l’oblio, molti di loro finiscono in miseria o si tolgono la vita.
Sono tante le storie di quegli anni che si dovrebbero raccontare, storie di artisti importanti, di pellicole dimenticate e di vite sgretolate sotto il peso della fama e del repentino declino.
Gianluca Medas racconterà la nascita del gossip e i suoi protagonisti, gli scandali, i misteri e i segreti scabrosi che hanno dominato gli anni d’oro del Cinema Muto con l’ausilio di foto e video.

 

Sono disponibili solamente 100 posti è dunque necessaria la prenotazione.  Biglietto [7€]

 

 

Riduzione per soci Notorius e FICC

 

Biglietto [5€] 

 

Per info e prenotazioni

 

Mattia 340 93 03 617 - pubblisponsor@gmail.com

 

 

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

a cura di Roberto Magnabosco

Le radici del Balletto classico risalgono a più di 500 anni fa.
Iniziò alle corti dei nobili italiani e presto si diffuse alle corti Francesi. I ballerini danzavamo, cantavano e recitavano poesie per intrattenere gli ospiti alle feste.
Il primo vero balletto, che riuniva mimo, danza e musica in uno spettacolo, fu il “Ballet Comique de la Reyne“, rappresentato nel 1581 presso la Corte francese.

Luigi XIV di Francia fondò la prima scuola di balletto, detta “Reale Accademia di Danza“, nel 1661. Un maestro di ballo dell’Accademia, di nome Beauchamps, stabilì 5 posizioni dei piedi, su cui ancora si basano tutti i passi del Balletto.
Altri passi vennero dalle danze popolari del periodo elisabettiano. Altri ancora, più acrobatici, si svilupparono dalle buffonerie dei  saltimbanchi e dal teatro italiano, chiamato “La Commedia dell’Arte.”

Nei primi balletti gli uomini interpretavano i ruoli femminili travestendosi con maschere e parrucche.
Dopo il 1861 venne permesso anche alle donne di danzare in pubblico, ma con pesanti costumi che rendevano difficili i movimenti.
Movimenti spettacolari dei piedi furono introdotti dopo il 1720 da “Marie Camargo“, la prima ballerina che accorciò il vestito sopra le caviglie.

Ma che cosa è il balletto?

È un modo di raccontare una storia usando la musica e la danza invece delle parole. Consiste in modelli di movimento che si sono sviluppati nei secoli. La parola “Classico” descrive il suo stile. I ballerini che danzano su un palcoscenico sono molto ricchi di tecnica  e super allenati, ma molte persone imparano le tecniche di balletto per rilassarsi, divertirsi e condividere a livello “amatoriale” questa bellissima Arte ( e non sport ).
La Danza è … Cultura!

Roberto Magnabosco insegnante di danza presso Centro Coreografico Arabesque

 

 

Fine prima parte

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Alla 74ma edizione dei Golden Globes La La Land ha conquistato il nuovo primato per il maggior numero di premi vinti, ben sette, oltrepassando il precedente record di Qualcuno volò sul nido del cuculo (1975) e Midnight Express(1978), entrambi a quota sei. E poi tante nominatio al premio Oscar, insomma tanti buoni motivi che mi hanno convinto ad andare a vederlo.

L’apertura del film ricorda un po’ quella di alcuni film musicali  stile anni 50-60. Un buon corpo di ballo ed una simpatica coreografia sulle macchine. Questo ballo però nasce e muore qua nel senso che non ce ne saranno altri. Ci sarà invece qui e la qualche accenno di tip tap alla Ginger e Fred e qualche valzer .

Per qusto motivo penso che il film più che musical lo si possa classificare come  commedia musicale. Una bella commedia romantica. Bella per me, perchè dopo tanto tempo sono uscita dal cinema contenta. Contenta di aver visto un film con due bravissimi attori protagonisti Emma Stone e Ryan Gosling che mi hanno emozionato senza volgarità, turpiloquio o scene di violenza. Un film così si può ancora fare.

Una delle prime inquadrature su Emma Stone , mi ha portato a capire che questa giovane attrice non impiegherà molto a collocarsi fra le grandi che non si dimenticheranno facilmente. Un viso bello con due occhi enormi (forse anche troppo) che in pochi secondi trasmette la gioia e la delusione senza proferire parola.

La storia non è così lontana dalla realtà. Durante tutto il film ho rivissuto momenti che hanno fatto parte della mia vita sia in prima persona che di quella di tante amiche e amici, cantanti, attori e ballerini. E’ una bella fiaba ma molto veritiera.

La musica, in stile  jazz, è semplice ed orecchiabile . Certamente non la si può definire capolavoro, ma è gradevole.

Il messaggio poi è ben chiaro: non fermarsi mai davanti ai primi ostacoli quando si insegue una passione . Crederci fino in fondo pur consapevoli che nella vita non si può avere tutto.

Film consigliatissimo!

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Da bambina mi affascinava tantissimo la storia della “Lampada di Aladino” e di quel genio che usciva dalla lampada, pronto a realizzare tre desideri. Ogni volta che la leggevo però entravo in crisi perchè, dicevo tra me: “tre sono troppo pochi”!   Allora trovavo sempre la soluzione che era quella di esprimere il desiderio di diventare un mago, dove con un solo desiderio  avrei potuto realizzare tutti gli altri. In questo modo   mi sentivo appagata.

Ieri sera, alla casa di riposo “Casa della Mercede” di Sant’Elia a Cagliari, si è tenuto uno spettacolo di “Magia” dove 5 giovani maghi  hanno portato indietro nel tempo  il pubblico formato dagli ospiti della casa di riposo i loro parenti. Si è potuto godere di uno spettacolo vario fatto da semplici ma efficaci giochi di prestigio. C’era il mentalista, il mago comico, il baro, il mago delle carte, l’illusionista; ognuno ha dato del suo lasciando il pubblico veramente a bocca aperta.

Un’ora di spettacolo scivolata velocemente che ha fatto si che gli ospiti della casa potessero dimenticarsi, almeno per un po’, della triste realtà e della monotonia delle loro giornate.

I cinque maghi, che con tanta generosità si sono messi a disposizione , provengono dalla scuola di Magia “Oudini” del maestro Alfredo Barrago.

Lo spettacolo di ieri sera rientra nel progetto “Artisti per il sociale“,  gruppo di artisti che dedicano volontariamente un po’ del loro tempo libero agli ultimi.

Il prossimo appuntamento (sempre nella casa di riposo “Casa della Mercede” di Sant’Elia), sarà con i maestri e allievi della scuola di danza “Arabesque” di Benedetta Bucceri e Roberto Magnabosco, in occasione del carnevale.

 


YouTube Video

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Questa volta saranno ben sei i prestigiatori o “maghi“(chiamategli come desiderate,) che si esibiranno per gli ospiti della casa di riposo della Mercede di Sant’Elia a Cagliari. Sei artisti che regaleranno la loro arte per interrompere quelle giornate monotone che cadenzano la vita delle persone sole che vivono in attesa ,ahimè, della fine della loro esistenza. Portare un sorriso, una carezza, una novità a questi amici è gioioso non solo per chi riceve ma anche per chi dona. Gli Artisti per il Sociale, appena hanno un’ora disponbibile del loro prezioso tempo, la dedicano agli ultimi.

Ma chi sono i prestigiatori? Sei giovani artisti sardi che provengono dalla scuola del Mago Alfredo Barrago conosciuto come uno dei più titolati  artisti di quest’ arte, sia in Italia che all’estero.

Loro sono:  Alessandro Frongia in arte Mago Lupin , Michele Cabras in arte Mycras, Mauro Mura in arte  Crazymind il baro, Emilio Maxia in arte Mago Emilio, Vincenzo Ligia in arte CENEK, Luca Erta il Mago brillante.

I sei artisti ci regaleranno momenti di grande abilità e spettacolo che lasceranno tutti senza fiato. La serata, anche se dedicata agli anziani è aperta a tutti. Inizierà puntualmente alle 16,15 domani sabato 28 Gennaio all’Istituto delle suore della Mercede nel quartiere Sant’Elia. Di seguito la mappa. Vi aspettiamo numerosi!

 



					Tag:, , , , , , , , , , 				

Comments Nessun commento »

Il Teatro Lirico di Cagliari aderisce alle iniziative 18app e Carta del Docente

 18app è un bonus cultura per i diciottenni. La Legge di Stabilità 2016 (Legge del 28 dicembre 2015, n. 208) assegna a tutti i giovani classe 1998, che hanno compiuto diciotto anni nell’anno 2016, un Bonus Cultura di € 500 da spendere in cultura. Lo scopo è quello di promuovere lo sviluppo della cultura e la conoscenza del patrimonio culturale. Il programma permette di spendere il bonus in: opere liriche, concerti, spettacoli di prosa e di danza, cinema, manifestazioni culturali varie, libri, musei, monumenti, parchi.

La Carta del Docente è un’iniziativa (bonus) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, prevista dalla Legge 107, art. 1, comma 121, del 13 luglio 2016 (Buona Scuola), che istituisce la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche.

Entrambi i bonus possono essere utilizzati per l’acquisto di abbonamenti e/o biglietti per la Stagione concertistica e la Stagione lirica e di balletto 2017 del Teatro Lirico di Cagliari, rivolgendosi direttamente alla Biglietteria del Teatro Lirico entro il 31 dicembre 2017.

Per ottenere i bonus occorre accedere alle app dedicate dal Ministero e scaricare i buoni che potranno esser salvati su smartphone oppure stampati su carta. Per ogni informazione è possibile consultare i siti www.18app.it, www.cartadeldocente.istruzione.it.

Sei un docente di ruolo? Accedi al sito www.cartadeldocente.istruzione.it per poter utilizzare € 500 per l’aggiornamento professionale.

 

È possibile utilizzare il bonus cultura per acquistare biglietti e abbonamenti degli spettacoli del Teatro Lirico di Cagliari direttamente alla Biglietteria entro il 31 dicembre 2017.

 

Per utilizzare il tuo bonus crea un buono sul sito www.cartadeldocente.istruzione.it. Al momento dell’acquisto di uno dei nostri biglietti e/o abbonamenti, l’intero importo del buono verrà dedotto dal tuo saldo. Per conoscere tutti gli spettacoli in programma consulta le pagine della Stagione lirica e di balletto e della Stagione concertistica 2017 sul sito www.teatroliricodicagliari.it.

Che cos’è la Carta del Docente?

È un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, prevista dalla Legge 107, art. 1, comma 121, del 13 luglio 2016 (Buona Scuola), che istituisce la Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche.

Chi sono i beneficiari?

La Carta è assegnata ai docenti di ruolo a tempo indeterminato delle Istituzioni scolastiche statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale, compresi i docenti che sono in periodo di formazione e prova, i docenti dichiarati inidonei per motivi di salute di cui all’art. 514 del Dlgs.16/04/94, n. 297, e successive modificazioni, i docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti utilizzati, i docenti nelle scuole all’estero e quelli delle scuole militari.

Qual è l’importo della carta?

L’importo nominale della carta è di € 500 annui per ciascun anno scolastico.

Cosa si può acquistare con la carta?

La carta può essere utilizzata per l’acquisto di:

- libri e testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale;

- hardware e software;

- iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca;

- iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale;

- titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche;

- titoli per l’ingresso a musei, mostre, manifestazioni culturali e spettacoli dal vivo;

- iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione, di cui all’articolo 1, comma 124, della Legge n. 107 del 2015 (Buona Scuola).

Che cos’è cartadeldocente.istruzione.it?

È l’applicazione web che permette ai docenti di spendere l’importo assegnato utilizzando annualmente buoni di spesa elettronici per i beni o i servizi previsti.

Inizia a usare cartadeldocente.istruzione.it e crea il tuo primo buono:

- vai alla pagina “crea buono” accessibile dal Menu;

- scegli se acquistare di persona o online presso un esercente o un ente di formazione aderente all’iniziativa e il bene/servizio che desideri acquistare;

- inserisci l’importo del buono corrispondente al prezzo del bene o servizio che vuoi acquistare;

- il buono creato sarà accompagnato da un codice identificativo (QR code, codice a barre e codice alfanumerico) che potrai salvare sul tuo dispositivo o stampare per utilizzarlo online o presentarlo all’esercente o ente aderente all’iniziativa e ottenere così il buono/servizio desiderato.

 

Carta del Docente ti permette di:

- creare uno o più buoni dell’importo che vuoi fino a un massimo complessivo del tuo portafoglio;

- vedere i buoni creati e pronti da spendere;

- vedere i buoni già spesi;

- verificare quanto ancora puoi spendere.

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Cagliari, 26 gennaio 2017

 

Teatro Lirico di Cagliari, via Efisio Cao di San Marco, 09128 Cagliari – Italia

telefono +39 0704082209 – stampa@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »