Archivio della categoria “medicina e scienza”

Sino a due anni fa non sapevo cosa fossero i gruppi A.M.A. . Poi, lo scorso anno mi è stato proposto di creare un coro con  un gruppo di ragazzi appartenenti ad uno di questi gruppi (Gruppo AMA Cagliari). Mi hanno spiegato che si trattava di ragazzi con problemi  legati alla  depressione, alle dipendenze di vario genere e a deficit intellettivi.  Ho accettato la sfida senza pensarci due volte. Conosco bene gli effetti benefici della musica ed ero certa che questo impegno mi avrebbe dato molta soddisfazione.

Certamente avendo lavorando tutta una vita in teatro dove la mira principale era la ricerca della perfezione, non è stato facile lavorare senza pensare a questa. La perfezione in questo caso non era di tipo tecnico-musicale,  ma era quella di regalare benessere , far cantare con piacere qualunque cosa pur di tenere  lontano pensieri e ossessioni che purtroppo accompagnano le persone con questo tipo di problemi.

Inizialmente pensavo di impostare il lavoro insegnando un po’ di tecnica del canto per poi  mettere su qualche brano polifonico, ma quasi  subito  ho capito che questo non era ciò che serviva. Sono passata quindi al canto moderno col Karaoke. Anche se la cosa può far inorridire molti colleghi professionisti, l’ho trovato uno strumento utilissimo in tante situazioni e in particolare in questa,  rivelandosi un vero e proprio strumento didattico . Quasi tutti hanno problemi di memoria e di pronuncia e poter leggere il testo di una canzone accompagnato  dalla musica, dava loro sicurezza. Così siamo partiti in quarta con canzoni orecchiabili prima a piccoli gruppi e poi tutti insieme. La gioia è stata immensa, ho visto ragazzi trasformarsi. Se qualcuno inizialmente rimaneva muto, seduto in un angolo dell’aula,  ora prendeva l’iniziativa anche di un cenno ritmico col corpo. C’è  chi mi ha confessato che contava i giorni della settimana aspettando la lezione, ripassando le canzoni per poter essere più sicuro alla lezione successiva. Tra le varie canzoni ha riscosso grande successo il brano di Edoardo Bennato “IL gatto e la volpe” ed è per questo motivo che abbiamo pensato di dare questo nome al nostro gruppo.

Venerdì 16 giugno alle 17,30 a Cagliari, salone della chiesa di San Paolo in Piazza Giovanni XXIII, si terrà la Festa dei Gruppi A.M.A. organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale ASSL 8 dove ogni gruppo presenterà il proprio lavoro. Noi ci saremo con il lavoro svolto durante questi 6 mesi e,  comunque andrà, è stata un’esperienza bellissima per me e spero anche per i ragazzi. L’ingresso è aperto a tutti. 

Lo scopo principale di questa festa è far conoscere l’importanza dei gruppi A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto) e raccogliere fondi per portare avanti gli scopi di questa associazione. Il Gruppo AMA Cagliari ha organizzato inoltre delle Pesche miracolose ed una lotteria con premi molto importanti: al primo posto un anello d’oro con pietre preziose,  orologi e pezzi da scrivania in pelle e radica e argento.

L’ingresso è aperto a tutti.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Si è concluso ieri a Cagliari il 5 livello del corso di Musicoterapia modello Benenzon. Quando ho iniziato a frequentarlo non conoscevo esattamento a cosa andavo incontro, pensavo ad un corso in cui ci avrebbero insegnato ad usare le musica, quella tradizionale, con persone affette da disabilità o comunque che avessero problemi di salute in generale. Alla conclusione del primo livello ho capito invece che mi trovavo davanti ad una cosa completamente diversa. Inizialmente ero abbastanza perplessa ma  proseguendo con gli altri  livelli , ho capito tantissime cose che me lo hanno fatto apprezzare, soprattutto nella sua caratteristica del “non verbale“.

Ho avuto la fortuna di  frequentare questo 5 livello proprio con colui che lo ha messo a punto: Rolando Omar Benenzon. Questo  livello ha evidenziato  l’utilizzo del modello con pazienti affetti da Autismo, Coma, Alzheimer  e come Terapia del dolore.

A fine corso ho voluto intervistare il prof. Benenzon per capire meglio cosa lo ha portato a creare questa forma di Musicoterapia. Mi ha raccontato della sua infanzia e della passione per la musica che avrebbe voluto  diventasse la sua prima professione ma le cose sono andate diversamente…


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Sarà per me una grande emozione seguire il 5 livello del corso di Musicoterapia didattica non verbale,  direttamente da colui che lo ha inventato: il grande psichiatra – musicista  argentino Rolando Benenzon, che tornerà in Sardegna (dopo 20 anni), martedì e mercoledì prossimi.

Il suo è un metodo che esce un po’ dagli schemi classici della musicoterapia perchè si distingue dagli altri per il “non verbale”. Parlano solo i suoni e non le parole. Un metodo creato pensando a coloro che hanno problemi di disabilità come l’ autismo, la sindrome di Down, alcune forme gravi di depressione, Alzheimer e fattori annessi.

A coordinare anche il 5 livello (penultimo) ci sarà come sempre la magister Emanuela Milia.

Il corso si terrà a Cagliari presso l’Acquarium Gallery.

Rolando Benenzon , dopo la tappa in  Sardegna proseguirà  verso la Campania e poi la Lombardia.

Chi volesse approfondire il metodo di Musicoterapia modello Benenzon può trovare in rete diversi trattati.

Il corso è organizzato come ogni anno dall’Associazione University Natura Naturopatia e Musicoterapia Cagliari.

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

E’ una composizione musicale basata su dati numerici che esprimono fenomeni geologici del passato registrati nelle rocce.

Alessandro Montanari è un geologo, direttore dell’Osservatorio Geologico di Coldigioco (Marche) che con l’aiuto  di un fonico della RAI, Gabriele Rossetti,( tecnico informatico/fonico della rai), attraverso l’utilizzo di un software che permette di trasformare differenze numeriche in segnali MIDI, ha analizzato un enorme quantitativo di dati stratigrafici relativi a strati di flysh, di un banco d’arenaria.
Il risultato è stato la traduzione musicale delle variazioni del carbonato di calcio presente nelle rocce. 
Scrive Montanari: “Coreograficamente parlando, il movimento della terra è come una danza intorno al Sole con un ritmo quotidiano che si compie nel ciclo di un anno. […] Oltre alla sua danza annuale, la Terra compie dei movimenti ciclici su periodi molto più lunghi, dell’ordine di decine di migliaia di anni [ precessione, obliquità ed eccentricità ]

Se la cosa può sembrare non molto entusiasmante così a parole, l’ascolto  dei brani è davvero affascinante:  rocce che registrano centinaia di milioni di anni di rotazioni e rivoluzioni trasformate in musica!

Non posso non pensare al nostro grande artista Pinuccio Sciola che ha sempre detto che le sue pietre “cantavano”.  Il primo al mondo a farle risuonare anche senza nessuna apparecchiatura eletronica, ma soltanto con un particolare taglio, che ha permesso  loro di emettere suoni celestiali.

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

ROLANDO BENENZON, psichiatra argentino, sarà a Cagliari il 6-7 giugno per condurre personalmente il quinto livello del corso di musicoterapia  Benenzon, che fu decretato a Washington nel ’99 il secondo modello musicoterapico più importante a livello mondiale.

Benenzon rappresenta una delle massime autorità nel panorama musicoterapico; l’evento ? organizzato dalla magister Emanuela Milia attraverso l’Associazione University natura Naturopatia Musicoterapia Cagliari e si svolgerà presso l’Aquarium Gallery a Cagliari.

Possono partecipare solo coloro che abbiano conseguito almeno il primo livello di suddetta formazione.

Per tutte le informazioni rivolgersi a  infouninatura@libero.it

ROLANDO BENENZON

Nato a Buenos Aires nell’anno 1939, rappresenta la massima autorità mondiale nel campo della musicoterapia e della sua applicazione all’autismo, pazienti in coma, Alzheimer e nella formazione professionale.

Direttore della Benenzon International Academy, Medico-Psichiatra, Facoltà di Medicina – Università di Buenos Aires. 1962 Medico Consulente, Servizio di Psichiatria – Ospedale Municipale J. Penna. 1966 – ad oggi. Formazione in psicoanalisi e in tecniche psicodrammatiche.

Musicista e Compositore. Fonda nel 1966 il corso di Musicoterapeuta presso la Facoltà di Medicina dell’Universidad del Salvador de Buenos Aires.

Cofondatore delle Associazioni di Musicoterapia di Brasile, Uruguay, Perù, Messico, Ecuador, Spagna, Venezuela. Supervisore delle scuole di Formazione di Musicoterapisti in:

  • Conservatorio Brasiliano di Musica di Rio de Janeiro (Rio de Janeiro, Basile)
  • Facultà Marcelo Tupinamba de Sao Pablo (San Paolo, Brasile)
  • Atelier MBDX (Bordeaux, Francia)
  • CRM (Napoli, Italia)
  • CIM (Bilbao, Spagna)
  • Scuola di Musicoterapia di Neuchatel (Neuchatel, Svizzera)
  • Associazione Anni Verdi (Roma, Italia)

Direttore della Scuola di Formazione in Musicoterapia di Anni Verdi – Roma – Italia.
Ha realizzato 1250 seminari in più di 150 città e 25 paesi del mondo.
Ha presieduto il secondo Congresso Mondiale di Musicoterapia.
Cofondatore della World Federation of Musictherapy, della quale fu il primo presidente. Attualmente ne è Membro (Socio) Onorario.
Nel campo della Disfunzionalità, ha fondato la fattoria pilota per la convivenza di disfunzioni gravi (ASANA), (Asociazione di Aiuto al Bambino Isolato). Escobar (Prov, Buenos Aires).
Ha presieduto tre Congressi Mondiali sul “Bambino Isolato”, e “l’Isolamento respettivamente…”(1982-1987-1995).
Professore Titolare della Facoltá di Umanistica; Corso di Psicologia della Università di Belgrano – Buenos Aires.
Professore di corsi di Postlaurea della Università John F.Kennedy.
Professore di corsi di Postlaurea Università del Salvador.
Supervisore delle Comunità terapeutiche per gravi disturbi comportamentali e della Condotta:

  • Governatorato di La Pampa (Ruca-Antun)
  • Comunità Terapeutica, Naranjito, Mendoza
  • Istituto di livellazione (livello) Psicopedagogica de Buenos Aires
  • Quinta El Alba (associazione di genitori)

Ricerche

L’applicazione della Musicoterapia in pazienti in coma. Argentina – Brasile – Italia (Università di Torino)
Applicazione della musicoterapia in pazienti con psicosi e deficienze mentali gravi e Alzheimer.
Istituto del Sospiro (Cremona) – Italia
Miglioramento della qualità della vita nella sale d’attesa dei consultori esterni degli ospedali generali.
(Ospedale J. Penna)
Musicoterapia e prevenzione primaria

Premi

Professore Onorario – Università del Salvatore di Buenos Aires
Dottore Honoris Causa – Facoltà Marcelo Tupinamba – Repubblica Federal del Brasil
Ha ricevuto la “Croix de la Charite” dell’Ordre Militaire et Hospitalier de Saint Lazare di Gerusalemme

Coordinatore della Assemblea permanente di Studio e Ricerca dell’Isolamento.

Co-presidente del VI Congresso Mondiale dell’Isolamento – Roma – Italia – Università Cattolica del Sacro Cuore-15/18 Ottobre 1998

Premio “Dr. Pedro Chutro” della Associazione Professionale Universitari della Salute (Ospedale Jose Maria Penna) per il suo lavoro “Isolamento e Calcolo”

Si è anche distinto come pittore, ottenendo vari premi per le sue sculture Fondatore della Scuola Argentina di Musicoterapia (EAM)

Ha prodotto tre film documentari:
“Quella immensa solitudine” (ha ottenuto il premio menzione al migliore film scientifico – Congresso Mondiale del bambino isolato).
“Puoi farcela; proviamoci insieme” (ha ottenuto il premio menzione al miglior film per genitori) e “Autismo, la memoria del no – verbale” (presentato al primo salone internazionale della musica a Torino Italia; 1996).
Ha ricevuto il premio “Excellence” come pionere della musicoterapia nel mondo durante il IX World congress of Music Therapy – Washington – 1999 – aggiudicatogli dal The World Federation of Music therapy and The American Music Ttherapy Association.
Membro del Comité Científico de la Fundación Hadassah Argentina.
Supervisore ufficiale in Musicoterapia della Confederazione Italiana di Associazioni di Musicoterapia.
Presidente della Fondazione di Musicoterapia Prof. Dr. Benenzon – Per la Salute Comunitaria.

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

L’associazione” university natura, naturopatia e musicoterapia Cagliari”   annuncia il primo dei 6 livelli della formazione di musicoterapia didattica secondo il modello Benenzon , che si terrà a Cagliari il 29-30 aprile 2017 con scadenza prevista per il 10 marzo,cui seguirà il secondo livello a maggio nelle date 20-21 maggio con scadenza prevista per 2 maggio.
E’ previsto un quinto livello per tutti coloro che abbiamo almeno iniziato la formazione nelle date 6-7 giugno, condotto direttamente dal dott.Benenzon.

Il suddetto modello fu decretato nel convegno di Washington del 1999, il secondo modello più importante a livello mondiale. E’ una formazione rivolta a chiunque operi nel campo della relazione, anche al di fuori del contesto medico-assistenziale, a tutti coloro che auspicano ad approfondire l’utilizzo della comunicazione non verbale, sia a livello professionale che a livello personale. I corsi sono tenuti dalla magiste Emanuela Milia.

Per info scrivere a:infouninatura@libero.it

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Rolando Benenzon con la migister Emanuela Milia

 

Domenica , presso l’Aquarium Gallery a Cagliari, , si è concluso il 4 livello del corso   di  terapia non verbale secondo il modello Benenzon musicoterapico condotto dalla magister cagliaritana Emanuela Milia.

I corsisti provenivano da diverse parti della Sardegna ,ognuno con la propria formazione culturale, perchè, per  questo tipo di corso non è necessario essere musicisti.  In questo livello si è evinto  un maggiore affiatamento tra i partecipanti e ciò si è evidenziato soprattutto durante le varie sedute, che si ricorda, non contemplano l’utilizzo  della parola, caratteristica principale del modello Benenzon.

Come per i livelli precedenti, anche il 4 ha regalato tante sorprese e novità.

Nel mese di Giugno , nelle date  6-7 si terrà il 5 livello e a tenerlo sarà direttamente lo psichiatra  argentino Rolando Benenzon  di nuovo a  Cagliari dopo tanti anni di assenza.

Per l’occasione saranno ammessi  tutti i corsisti che abbiano almeno  iniziato la formazione.

La scadenza per le iscrizioni è prevista per il 3 dicembre

Per info:infouninatura@libero .it

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Benedetta Bucceri, Assunta Pittaluga, Roberto Magnabosco,

Che la musica, la danza, il teatro, siano terapeutici questo è ormai appurato. Tutte le forme d’arte aiutano a star bene e , donarle a chi soffre,  è un grande regalo. Da diverso tempo ormai negli ospedali, ci sono gli spazi adatti ad accogliere  spettacoli che possano dare speranza a chi si trova in terapia. Per esperienza diretta posso dire che ogni giorno che si passa all’interno di queste strutture , soprattutto quando si sta lottando per la propria esistenza,   è un continuo pensare a quello che potrebbe essere il proprio futuro che spesso si vede molto  nero.

Si ha come  l’impressione che da lì non se ne debba più uscire. Un po’ di conforto lo si riceve dalla preghiera per chi ci crede, e poi dalla TV che è collegata ad un  circuito interno. Questo permette a tutti quei malati che non possono uscire dalle stanze, di godere degli spettacoli che si svolgono all’interno dell’ospedale.  Una vera e propria manna dal cielo perchè , almeno in quello spazio temporale, si riesce a staccare la spina che alimenta i cattivi pensieri.

Domani pomeriggio alle 16,30 , all’ospedale Businco (Oncologico) di Cagliari , la scuola di danza di Assunta Pittaluga rappresentata da tutti i maestri,  regalerà uno spettacolo ai malati.

Ci saranno I maestri della scuola ARABESQUE,  Benedetta Bucceri e Roberto Magnabosco  che presenteranno un pezzo classico: la Danza Napoletana tratta da Il Lago dei Cigni. Con loro  anche Carla Sanna che ha vinto un Talent ove lo stesso Magnabosco era giudice; Luisa Uneddu maestra di danze medio orientali  coinvolta  nella coreografia di Danza Russa sempre tratta dallo Schiaccianoci.

Ci sarà inoltre il maestro di Tango Piergavino Meridda, la maestra di danze orientali Fatima Dakik, la maestra di flamenco  Laura Nioi ,il ballo classico di Giuliana Corrias; Laura Scaia e la coreografia di Tip Tap.

L’ingresso è gratuito e libero a tutti.

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Concerto all’ospedale Botzu di Cagliari in occasione della settimana mondiale dei donatori di midollo osseo. Si chiama Match it now l’evento annuale di informazione sulla donazione del midollo osseo e delle cellule staminali emopoietiche.

Tra le principali novità di questa prima settimana dedicata al reclutamento di potenziali donatori c’è anche l’aumento delle città italiane coinvolte, oltre 150, e fra queste anche Cagliari. All’ospedale Brotzu saranno presenti i professori Licinio Contu e Carlo Carcassi.

Il concerto, che promuoverà l’evento sarà domani 24 settembre alle ore 10

Si esibiranno il soprano Sara Mizzanu, il tenore Marco Puggioni, il violinista Giovanni Nucciarelli, accompagnati al pianoforte dal maestro Valerio Carta.

Si esibirà inoltre  l’orchestra della classe 3 B/D Istituto Comprensivo “C.Colombo” di Cagliari.

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Sarà la popolare conduttrice televisiva Claudia Tronci a presentare lo spettacolo di beneficenza che si terrà il 3 luglio ad Iglesias.

COSI’ GIOCO ANCH’IO” è il titolo della manifestazione, un concerto benefico in favore di 2500 bambini sardi che hanno forti problemi di salute e malattie molto gravi.

L’idea nasce dai nonni e da un gruppo di Medici che insieme hanno dato vita al concerto. Lo scopo è quello di  raccogliere fondi che permettano ai bambini di avere qualche giocattolo e qualche posto letto in più e poter restare al CTO a curarsi.

 I medici , in prima linea si esibiranno insieme ad altri artisti proprio Domenica 3 luglio in concerto a pagamento .

Il costo del biglietto è 10 euro.  Per tutte le informazioni telefonare al 331 264 4734

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

foto di Priamo Tolu

Con La Traviata di Giuseppe Verdi si è concluso oggi il ciclo di conferenze dedicato agli spettacoli della Stagione  del Teatro Lirico di Cagliari del 2015-2016, che ho tenuto alla ASL 8 nella Cittadella della salute.

Una bellissima esperienza che mi ha tanto arricchito.Ho visto  le persone presenti ,  operatori sanitari e pazienti, seguirmi con attenzione. Ho cercato di suscitare loro l’interesse per l’ Opera Lirica andando a fondo nei particolari degli spettacoli, soprattutto quelli  in cui ho preso parte.

Ad esempio oggi, analizzando La Traviata , opera che ho cantato tante volte, ho potuto approfondire e trasmettere l’importanza del personaggio di Violetta, inserito in un’epoca dove tutto era tabu. Lei era una prostituta a cui non era permesso di innamorarsi. Una donna vista solo come  oggetto del desiderio di uomini ricchi, senza possibilità di avere dei sentimenti. Ma questo naturalmente era il pensiero comune. Diversamente, lei s’ innamora, e per amore cambia totalmente vita.

Impossibile non parlare della particolarità che deve avere la voce di Violetta. Verdi ha scritto per lei come se stesse scrivendo per tre voci diverse,   con tre caratteristiche importanti: l’estensione, il colore, l’interpretazione. Si è sempre detto che per cantare La Traviata ci vorrebbero tre soprani .

Nella prima parte Violetta è briosa e canta su una tessitura molto acuta fino a raggiungere vette altissime proprio come un soprano leggero, perchè leggera è lei come personaggio, leggera dai pensieri e da qualunque tipo di impegno, (E’ strano, sempre libera degg’io).

Nella seconda parte , quella in cui lei ha già cambiato vita e vive l’amore inteso col suo Afredo (amami Alfredo), la voce  diventa più lirica,  con  un colore più scuro, e nella terza parte, la scena che precede la sua fine, la voce acquista un colore molto scuro e  drammatico (Addio del Passato)

Col supporto di una registrazione ambientata alla fine degli anni 60, ho potuto prendere spunto per fare   un confronto con le varie regie con cui ho lavorato: da quelle classiche con costumi e trucchi dell’epoca a quelle appunto degli anni ’60 con atteggiamenti e costumi che nulla avevano a che vedere con quello richiesto dal librettista dell’opera verdiana.

Alla fine della conferenza, il gruppo ha dato la propria adesione per poter assistere alla prova generale della Traviata .

Questa edizione sarà particolare perchè comprende moltissime repliche che si protrarranno fino ad Agosto, dando così la possibilità ai tanti turisti presenti in città di poter assistervi.

Protagonisti dell’opera sono due cast di straordinario spessore, formati da giovani ed affermati cantanti che si alternano nelle recite quali: Zuzana Marková/Maria Teresa Leva/Lana Kos (Violetta Valéry); Elena Belfiore/Veta Pilipenko (Flora Bervoix); Vittoria Lai(Annina); Antonio Gandia/Emanuele D’Aguanno/Ivan Magrì (Alfredo Germont); Ernesto Petti/Sergio Vitale/Vittorio Vitelli (Giorgio Germont); Enrico Zara (Gastone); Nicola Ebau(Barone Douphol); Claudio Levantino (Marchese d’Obigny); Francesco Musinu (Dottor Grenvil);Marco Puggioni (Giuseppe); Francesco Leone (Domestico di Flora/Commissionario).

La regia di Karl-Ernst e Ursel Herrmann è ripresa da Joël Lauwers, le luci sono di Robert Brasseur, mentre la coreografia è di Wolfgang Enck, ripresa da Luigia Frattaroli.

Il direttore è Gérard Korsten e il maestro del coro Gaetano Mastroiaco

La Traviata, la cui ultima rappresentazione al Teatro Lirico di Cagliari risale al novembre 2014, viene replicata, con inizio sempre alle 21: sabato 9 luglio (turno G), martedì 12 luglio (turno F), mercoledì 13 luglio (turno B), giovedì 14 luglio (turno C), venerdì 15 luglio (turno E), sabato 16 luglio (turno D), mercoledì 20 luglio (fuori abbonamento), sabato 23 luglio (fuori abbonamento), mercoledì 27 luglio (fuori abbonamento), sabato 30 luglio (fuori abbonamento), mercoledì 3 agosto (fuori abbonamento), sabato 6 agosto (fuori abbonamento), mercoledì 10 agosto (fuori abbonamento), sabato 13 agosto (fuori abbonamento).

 

Prezzi abbonamenti (4 spettacoli): platea da € 160,00 a € 130,00 (settore giallo), da € 140,00 a € 115,00 (settore rosso), da € 125,00 a € 95,00 (settore blu); I loggia da € 130,00 a € 100,00 (settore giallo), da € 110,00 a € 85,00 (settore rosso), da € 100,00 a € 70,00 (settore blu); II loggia da € 85,00 a € 65,00 (settore giallo), da € 70,00 a € 55,00 (settore rosso), da € 50,00 a € 40,00 (settore blu).

 

Prezzi biglietti: platea da € 75,00 a € 50,00 (settore giallo), da € 60,00 a € 40,00 (settore rosso), da € 50,00 a € 30,00 (settore blu); I loggia da € 55,00 a € 40,00 (settore giallo), da € 45,00 a € 30,00 (settore rosso), da € 40,00 a € 25,00 (settore blu); II loggia da € 35,00 a € 25,00 (settore giallo), da € 25,00 a € 20,00 (settore rosso), da € 20,00 a € 15,00 (settore blu).

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it,www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Chi nella propria vita non ha avuto a che fare con problemi di depressione, dipendenza di qualunque tipo, anche se non personalmente, anche attraverso  un amico, un familiare, un conoscente. Purtroppo questo genere di problemi sta  aumentando di giorno in  giorno e a volte le famiglie non sanno come affrontarli e soprattutto a chi rivolgersi. Per questo motivo sono nati i  gruppi di auto- mutuo- aiuto, A.M.A

Questi  sono delle Reti Sociali formate da persone che condividono gli stessi problemi, per questi problemi cercano aiuto e, in modo reciproco, ricevono aiuto e lo forniscono agli altriAuto- mutuo- aiuto significa che si dà agli altri e si riceve per sé.

Le persone attraverso il reciproco aiuto rompono l’isolamento sociale, condividono esperienze, si riscoprono risorsa per sé  e per gli altri, e possono realizzare obiettivi di crescita individuale.

I gruppi di auto- mutuo- aiuto nascono nei diversi campi delle difficoltà umane, specie in campo socio –sanitario, in particolare nel settore della salute mentale e delle dipendenze (da alcool e sostanze).

Nel Dipartimento di Salute Mentale (D.S.M.) della Asl di Cagliari tali gruppi sono sorti all’inizio del 2008 e   al momento si contano una ventina di gruppi attivi.

Dopo diversi anni i componenti dei gruppi hanno deciso di associarsi per dar voce ai loro bisogni e alle loro necessità, diventando così parte attiva di un processo terapeutico, che potesse migliorare la loro qualità della vita.

La musica, la danza, il teatro e tutto ciò che è arte, sono strumenti di grande valore per coloro che iniziano  un cammino di ripresa psichica e psicologica.

Per far conoscere meglio i gruppi A.M.A. ,ogni anno viene proposta una serata di spettacolo con vari artisti. In tale occasione chi lo desidera potrà aderire all’associazione.

Al Teatro dell’Oratorio Salesiano di piazza Giovanni XXIII a Cagliari,

il 17 giugno , dalle ore 17,30 

dopo la proiezione di un breve video, si potrà assistere all’esibizione del coro diretto da Daniela Porru, all’ascolto della musica di Andrea Schinardi, all’esibizione delle vocalist Musicamore Singer che proporranno brani tratti dal loro repertorio di canzoni degli anni ’30-40-50.

L’ingresso è libero

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Domenica 8 maggio si è concluso con successo, presso lo spazio Acquarium Gallery, il terzo livello Benenzon attivato dall’Associazione University, natura, naturopatia e musicoterapia Cagliari, e condotto dalla magister Emanuela Milia.

La suddetta formazione consta di sei livelli di due giorni ciascuno.

Il suddetto modello fu decretato nel convegno di Washington del 1999 il secondo modello più importante a livello mondiale; è una formazione rivolta a chiunque operi nel campo della relazione, anche al di fuori del contesto medico-assistenziale, e a tutti coloro che auspicano ad approfondire l’utilizzo della comunicazione non verbale, sia a livello professionale che a livello personale.

Il quarto livello è previsto per il 5-6 novembre 2016 mentre un altro primo livello verrà attivato il 7-8 ottobre.

Per tutte le info scrivere a   infouninatura@libero.it

Le foto riguardano alcuni momenti del terzo livello.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il canto? Migliora le difese immunitarie e le capacità cognitive e solleva l’umore

Cantare anche solo per un’ora ha degli effetti visibili sul nostro sistema immunitario, come ha mostrato uno studio dei ricercatori del britannico Tenovus Cancer Care e del Royal College of Music. L’analisi dei campioni di saliva di 193 coristi dopo un’esecuzione canora ha rilevato una diminuzione dei livelli di cortisolo e grandi quantità di citochine infiammatorie. I bassi livelli di infiammazione nell’organismo potrebbero spiegare anche il miglioramento dell’umore determinato dalla pratica del canto e riferito dai coristi.

Tutti i soggetti coinvolti nello studio, pubblicato sulla rivista ECancer, erano tuttavia già amanti della musica e impegnati in attività corali. Ciononostante, scrivono gli autori, «questo studio fornisce delle evidenze preliminari che il canto migliora lo stato d’animo e modula i componenti del sistema immunitario». In particolare, in presenza di patologie oncologiche. Infatti, i coristi studiati erano malati oncologici o loro parenti e amici impegnati in attività di assistenza, i cosiddetti caregivers. Secondo i ricercatori, i risultati sono quindi alquanto promettenti e suggeriscono che cantare possa rivelarsi utile per tali pazienti, potenziando il sistema immunitario, riducendo notevolmente lo stress e migliorando l’umore.

Leggi qui tutto l’articolo

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Chi nella propria vita non ha avuto a che fare con problemi di questo tipo? Anche se non personalmente, sicuramente  un amico, un familiare, un conoscente. Purtroppo questo genere di problemi stanno aumentando di giorno in  giorno e a volte le famiglie non sanno come affrontarli e soprattutto chi rivolgersi. Per questo motivo sono nati i  gruppi di auto- mutuo- aiuto

Questi  sono delle Reti Sociali formate da persone che condividono gli stessi problemi, per questi problemi cercano aiuto e, in modo reciproco, ricevono aiuto e lo forniscono agli altri. Auto- mutuo- aiuto significa che si dà agli altri e si riceve per sé.

Le persone attraverso il reciproco aiuto rompono l’isolamento sociale, condividono esperienze, si riscoprono risorsa per sé  e per gli altri, e possono realizzare obiettivi di crescita individuale.

I gruppi di auto- mutuo- aiuto nascono nei diversi campi delle difficoltà umane, specie in campo socio –sanitario, in particolare nel settore della salute mentale e delle dipendenze (da alcool e sostanze).

Nel Dipartimento di Salute Mentale (D.S.M.) della Asl di Cagliari tali gruppi sono sorti all’inizio del 2008 e   al momento si contano una ventina di gruppi attivi.

Dopo diversi anni i componenti dei gruppi hanno deciso di associarsi per dar voce ai loro bisogni e alle loro necessità, diventando così parte attiva di un processo terapeutico, che potesse migliorare la loro qualità della vita.

Che cosa è  l’Associazione “A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto)  Cagliari

e che cosa fa

 L’ Associazione “A.M.A Cagliari”, nata nel 2013, è attualmente un’associazione di volontariato O.N.L.U.S. con l’esclusiva finalità di solidarietà sociale.

I suoi scopi principali sono: la valorizzazione e la diffusione dei gruppi  A.M.A., la sensibilizzazione  sociale ai principi ed al valore preventivo dell’Auto- Mutuo- Aiuto e contemporaneamente all’eliminazione dello stigma, l’educazione ad una cultura dell’integrazione e delle pari opportunità attraverso progetti ed attività sociali centrate sull’aiuto concreto.

Il 17 del mese di Giugno  il Dipartimento di salute Mentale organizza con l’Associazione A.M.A. ,un grande evento che raccoglie centinaia di persone. In quest’occasione , oltre che parlare dello scopo dell’associazione ci sono anche dei momenti artistici dove musicisti e artisti di ogni genere danno il loro personale contributo volontario.

Generalmente la giornata si svolge all’interno della Cittadella della salute in Via Romagna a Cagliari. Gli spazi però sono troppo piccoli , si cerca perciò un ambiente più ampio che possa accogliere un numero ancora maggiore di cittadini. Sono  ben accette tutte le proposte che riguardano spazi all’aperto o teatri che possano accogliere un minimo di 400 persone. Potete contattare privatamente questo blog attraverso questa mail ottottobre@tiscali.it

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ho accettato di nuovo l’ invito da parte di alcuni operatori della ASL 8 a tenere delle conferenze sulle opere  della Stagione lirica 2016 delTeatro lirico di Cagliari. Oggi in particolare ho illustrato l’opera d’apertura della stagione “La campana sommersa“, del musicista italiano Ottorino Respighi, il più importante compositore italiano del secolo scorso.

Le mie non sono delle vere conferenze, io non sono una musicologa. Le mie sono delle conversazioni legate anche ai miei ricordi di artista del Teatro lirico e naturalmente alla mia esperienza di blogger. Grazie proprio al blog, ho avuto l’opportunità di documentare anche con foto e video, gli ultimi dieci anni del mio lavoro in teatro. Nel realizzare poi diverse interviste, molti artisti, registi e direttori hanno raccontato la loro vita con tanto di aneddoti che in occasione appunto di queste “conferenze” posso trasmettere a questo “pubblico in erba”.  Un pubblico che si sta avvicinando al teatro soltanto da pochi mesi e per invogliarlo a proseguire in questo interesse culturale  cerco di   incuriosirlo con i miei ricordi e con i racconti di ciò che succede dietro le quinte di ogni spettacolo.

Il desiderio di operatori e pazienti è sicuramente anche quello di poter avere in sede dei concerti in modo che anche coloro che non hanno la possibilità di andare a teatro per svariati motivi personali, possano conoscere  l’attività della nostra più importante realtà culturale sarda.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

CORSO MUSICOTERAPIA CAGLIARI

L’associazione University Natura, Naturopatia e Musicoterapia Cagliari vi ricorda l’attivazione di un primo livello nelle date 30-31 gennaio 2016,con scadenza prevista per il 28 dicembre.
Inoltre vi ricorda l’attivazione del terzo livello nelle date 7-8 maggio 2016.

La suddetta formazione consta di sei livelli di due giorni ciascuno, al fine di acquisire la qualifica di tecnico del modello; fu decretato al convegno di Wahsington del 1999 il secondo modello musicoterapico più importante a livello mondiale; è rivolto a

- chiunque operi nel campo della relazione, anche al di fuori del contesto medico-assistenziale;

- a tutti coloro che auspicano ad approfondire l’utilizzo della comunicazione non verbale, sia a livello professionale che a livello personale.

Per info scrivere a:  infouninatura@libero.it


Passaparola!

Tag:, , , , ,

Comments 2 Commenti »

Questo pomeriggio sono stata invitata nuovamente alla ASL 8 per un’incontro-dibattito sulla Carmen, lo spettacolo di danza andata in scena nei giorni scorsi al Teatro Lirico di Cagliari.

Gli operatori e i pazienti di un settore della ASL , qualche giorno fa hanno assistito ad una delle repliche di questo spettacolo ,sentendo poi l’esigenza di un confronto per poter esprimere le proprie opinione. Ho accettato con molto piacere e devo dire che , come per le scorse volte, ho visto molta partecipazione soprattutto nell’ascolto. Alcuni sono riusciti ad esternare le proprie impressioni  e questo è stato molto costruttivo. Si è parlato dei simboli e delle azioni della danza Carmen, e di come questi sono stati interpretati; dei costumi essenziali ma efficaci; delle scene  e della  sincronia dei movimenti. Ho spiegato che nulla  in palcoscenico  si muove a caso.  Tutto avviene in momenti musicali precisi e  da dietro le quinte i maestri collaboratori danno ordini affinchè tutto funzioni a dovere

Ho dato poi qualche piccolo anticipo di quello che sarà il prossimo spettacolo: la Jura di Gavino Gabriel.  Per questo ci sarà comunque un incontro specifico. Infine è emerso il desiderio di poter avere dei concerti in sede  cioè negli spazi esterni alla Cittadella della salute (un tempo manicomio). Sarebbe una bella opportunità se il Teatro Lirico inserisse nel circuito degli spettacoli per le scuole anche la ASL 8 di via Romagna.

Ma se ciò non fosse possibile, si spera che anche alla ASL  (dopo a stazione) possa giungere un pianoforte, magari donato da chi ce l’ha in casa inutilizzato.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

E’ un desiderio di tanti quello di migliorare la propria voce che per vari motivi ha subito delle alterazioni sia per motivi clinici o per usura. Ciò  succede soprattutto a chi la voce la usa per lavorare: cantanti, attori, insegnanti, professionisti ecc.

Nel corso degli anni le corde vocali cominciano a cedere, a perdere tono e la voce diventa roca nella migliore delle ipotesi, e afona nella peggiore soprattutto se poi si aggiungono patologie quali noduli o polipi. Per tutti questi problemi la microchirurgia ha fatto progressi.

Una scoperta interessante  è quella dell’iniezione di grasso autologo per la correzione dei disturbi della voce: una sorta di filling rigenerativo

Negli ultimi anni è stato scoperto che il grasso contiene cellule staminali pluripotenti, che hanno la potenzialità di dividersi e trasformarsi in  cellule figlie specializzate con le caratteristiche di vari tessuti presenti nel nostro organismo. Si ritiene attualmente che la presenza di cellule staminali mesenchimali nel tessuto adiposo possa avere un ruolo chiave nella rigenerazione dei tessuti nei quali il grasso viene trapiantato.

Presso la Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Ospedale Policlinico di Milano è in corso uno studio clinico sulla valutazione dell’efficacia del trapianto di grasso autologo nelle corde vocali per la correzione  dei difetti dei tessuti molli cordali, dovuti a cause congenite o ad esiti cicatriziali di pregressi interventi. Il grasso, prelevato in modo mini-invasivo mediante lipoaspirazione viene trattato e purificato per garantire la sopravvivenza del maggior numero possibile di cellule iniettate.

Gli studi tuttora in corso confermano che il grasso iniettato non svolge solo l’effetto di un filler ma svolge un’importante funzione rigenerativa garantendo un significativo e stabile miglioramento della qualità della voce negli anni successivi al trattamento.

Le immagini sono tratte dal sito http://www.orecchio-naso-gola.it

State cercando una scuola di canto a Cagliari?

Vi.U.Music Academy

Via San Giorgio 10 Cagliari

Per info Tel.338 9973 103

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Si è conclusa ieri a Cagliari la replica del primo livello Benenzon di musicoterapia didattica,organizzato dall’associazione”University Natura, Naturopatia e Musicoterapia Cagliari, presso l’ ”Aquarium gallery ” di Cagliari a cui seguirà il secondo livello nelle date 10-11 ottobre.

La Magister che ha tenuto il corso, la cagliaritana Emanuela Milia, in queste due giornate intensive ha messo  in evidenza la natura dell’uomo che comincia a percepire il ritmo e i suoni fin dal  grembo materno.

L’obiettivo di questo modello,  decretato al convegno di Whashington del 1999 il secondo modello più importante a livello mondiale,  è quello innanzitutto di migliorare la qualità della vita dei pazienti..

Il corso consta di sei  livelli, ieri si è  conclusa la terza replica del primo.

Chi fosse interessato può iscriversi al secondo livello entro il 3 ottobre,naturalmente il requisito è di aver svolto il primo.

Questi corsi arricchiscono il nostro bagaglio culturale che ha bisogno sempre di nuovi elementi  .

Il corso, della durata di 16 ore circa si è articolato in varie fasi: la fase teorica, dove la Magister ha illustrato le caratteristiche del modello, a cui sono seguite le parti pratiche ,i dibattiti,analisi e  condivisioni .

Importante sapere che il corso in questione non prevede l’obbligo di essere dei  musicisti.

Per info scrivere a: infouninatura@libero.it

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Questa notizia ha davvero dell’incredibile. Il tenore Ambroz Bajec-Lapajne del teatro dell’Opera sloveno, lo scorso anno è stato operato per un glioblastoma  al cervello. I medici, che hanno eseguito l’intervento  in anestesia locale , gli hanno chiesto di cantare durante l’intervento per capire se il tutto potesse procedere in maniera regolare .  Ambroz Bajec-Lapajne  eseguito un lied di Franz Shubert e il tutto questo è stato filmato.

Oggi, a distanza di un’anno, è lo stesso tenore a diffondere il suo video. L’intervento è stato sicuramente un successo e ci auguriamo di poterlo sentire cantare presto in palcoscenico e magari anche nel nostro teatro Lirico.


YouTube Video

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ha fatto molto discutere il messaggio lasciato nella sua pagina Facebook dalla cantante Alessandra Amoroso.

“”Sono qui per dirvi che sarei dovuta stare due settimane in Messico, ne ho fatta una sola perché avevo un po’ di problemi con la voce. Sono andata a fare dei controlli lì e mi hanno detto che era meglio operarsi… ma non è niente di che!…”

I noduli alle corde vocali per un cantante non sono “niente di che”, perchè compromettono l’organo vocale in maniera determinante impedendo all’artista di svolgere correttamente la sua professione.

Non vorrei che questo messaggio passasse ai giovani che vogliono intraprendere la carriera, come una cosa di poca importanza che si può anche  sottovalutare.

Io non sono una foniatra, ma sono una cantante e insegnante di canto ed è sempre stata mia cura fare attenzione sia con la mia, ma soprattutto con la voce dei miei allievi  , affinchè non  si trovassero  nella condizione di Alessandra Amoroso. Davanti a qualche dubbio, ho sempre invitato i giovani artisti a fare un controllo da un otorinolaringoiatra.

Considero l’Amoroso una brava artista ma forse un po’ vittima di un circuito obbligato. Di quei circuiti che ti mettono in condizioni di non dire mai di no anche quando le condizioni fisiche non sono al top. Già da un po’ di tempo, ascoltando le sue performance, mi ero resa conto che la sua voce aveva qualche problema, momenti in cui le sue corde, in alcuni punti non facevano passare il suono ma solo fiato, una sorta di afonia a tratti. Questi campanelli d’allarme non possono essere trascurati  perchè, continuando a cantarci sopra la situazione può solo  peggiorare.

Un nodulo allo stato iniziale può essere risolto col riposo vocale e magari con un ciclo di cure termali, ma se peggiora  è necessario l’intervento chirurgico e questo ha bisogno di un riposo maggiore. Forse un anno non basta per poter riprendere una carriera a pieno ritmo come quella dell’Amoroso.

Dico questo soprattutto per chi sta iniziando a cantare, magari senza una guida, e soprattutto per chi pensa che la voce non abbia limiti. La voce è prodotta da uno   strumento (laringe) molto delicato che va allenato giorno dopo giorno con molta cura sempre in simbiosi con l’uso corretto della respirazione.  Per chi vuole fare del canto il proprio mestiere, la tecnica è indispensabile .

Se un violinista,   durante un’ esecuzione rompe una corda, può sostituirla, il cantante no.

Faccio il mio in bocca al lupo  ad Alessandra Amoroso augurandole di poterla rivedere presto sulla scena, magari con un repertorio meno aggressivo.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

L’associazione “University natura, naturopatia e musicoterapia Cagliari “è  lieta di annunciarvi la data del secondo livello Benenzon di musicoterapia didattica, che verrà attivato a Cagliari il 10-11ottobre ,potranno partecipare solo coloro che hanno frequentato il primo livello. La scadenza per l’iscrizione ê prevista per il 30 agosto.

Ricordiamo inoltre l’attivazione di un primo livello nelle date 26-27 settembre, con scadenza iscrizione prevista per il 5 agosto.

Per info scrivere a:infouninatura@libero.it.

Il suddetto modello è stato decretato a Whashington nel 1999 il secondo modello musicoterapico più importante a livello mondiale.

Conduce la formazione la magister cagliaritana Emanuela Milia

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Qualche volta ci capita di fare delle considerazioni sulla nostra  vita , in un momento così detto “buono”  dove tutto sommato ci sentiamo fortunati, perchè tutto sembra che giri per il verso giusto. Ma  ecco che, improvvisamente, appare lui, il mare inCURABILE. Chi c’è passato, (come la sottoscritta) capisce il dramma. La vita cambia radicalmente. Sembra che nulla abbia più senso. L’unico pensiero fisso è lì, all’ospedale, ai medici e agli infermieri che durante la prima fase, quella dell’intervento e delle terapie, ti sono stati vicino e continuano a farlo. Esistono loro e tutto ciò che li circonda, il resto scivola accanto a te quasi senza accorgertene. Sono que momenti in cui la disperazione prende il sopravvento e ti viene da domandarti perchè sia successo proprio a te. Fino a quel momento eri convinto che ciò potesse succedere solo agli altri, a quelli che parlano in TV oppure nelle interviste delle riviste specializzate. No, purtroppo non è così, e allora due sono i casi: o dai senso a tutto questo, oppure è finita. Nella maggior parte dei  casi si cerca di dare un senso buttandosi nella fede, nella preghiera, nella spiritualità in generale, e pensando ai propri affetti come  meta da raggiungere: “Voglio farcela perchè Tizio e Caio hanno ancora bisogno di me”. Eppure in qualche caso neppure questo funziona, e qui cominciano i guai: la disperazione e la depressione. Ma ecco un’altra fase, quella in cui cominci ad  incontrare i così detti “angeli custodi” che non sempre riusciamo a riconoscere, forse perchè siamo abituati a vederli con le ali. Loro sono quelle persone che s’incontrano al posto giusto nel momento giusto. Possono essere  amici, conoscenti, sconosciuti che ti invitano ad eventi, incontri, a prendere un aperitivo per una chiacchierata e magari ti propongono di fare arte insieme, canto, danza, disegno,musica ecc.  Personalmente la mia arte, il canto, il disegno, e soprattutto il mio blog, sono stati determinanti per la  rinascita. Quando sei costretta a lasciare il lavoro per un lungo periodo, ti accorgi che dopo le terapie hai ancora tanto tempo a disposizione (troppo perchè questo non sia pieno di pensieri negativi) ma se ti capita d’ incontrare l’amico pittore che ti propone un corso di disegno non gli dici di no; così  pure alla collega con la quale tempo  prima si era buttato giù un progetto proponendoti di provare a realizzarlo con la speranza che questo ti distolga da ogni pensiero negativo. Oppure ti riaffiora quel desiderio d’infanzia di voler fare la ballerina, un sogno che per svariati motivi non si è mai realizzato, ma che , grazie all’incontro casuale con un maestro di danza che ti propone un corso che non ha limiti di età , decidi di provare . Non ci pensi due volte perchè in questo momento di disagio psicologico ogni cosa è importante per non pensare a lui, al male inCURABILE.

Ed ecco che dall’interno del tunnel comincia a vedersi la luce.  Comincia così a crescere la voglia di gridare al mondo che ci sei ancora e che ce l’hai fatta . E’ notizia di questi giorni che la signora Emma Bonino  ha raccontato alla stampa che il suo tumore polmonare è stato sconfitto e che i suoi esami non mostrano più segni di cellule malate. Quanto chiacchiericcio intorno a questo, io l’ammiro e la comprendo in pieno perchè è capitato anche a me. Ma c’è chi parla a sproposito dicendo che l’ha fatto per mettersi in mostra.  Meglio non soffermarsi su questo aspetto vergognoso. Chi ha un tumore e lo sconfigge ha forte questo desiderio, gridare a tutti che il mare è curabile!

Qualche giorno fa ho intervistato una signora che ha trovato proprio nella danza, la sua forza  e la sua terapia più efficace per affrontare e superare il problema tumorale. Anche lei ha incontrato degli angeli, in maniera del tutto casuale, il ballerino Roberto Magnabosco e la maestra di ballo Benedetta Bucceri . Ebbene, questo incontro è stato importantissimo per lei. Ascoltate voi direttamente dalla signora “Pink Lady”


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Le grandi stars del Gospel e del Jazz arrivano dall’America per una serata unica a Bologna che si terrà il 15 settembre 2015. Lo scopo principale è quello di raccogliere fondi a favore della fondazione Hospice  Seragnoli Onlus. Per chi non lo sapesse, l’hospice è la struttura residenziale in cui il malato inguaribile e la sua famiglia possono trovare sollievo per vivere in conforto gli ultimi giorni di vita .

Per questo motivo dobbiamo far si che questo evento abbia un grande seguito. Gli artisti che si esibiranno saranno di un valore unico:

DONNIE MCCLURKIN, WILLIAM MCDOWELL, ANN NESBY, DAVID PHELPS, PETER ERSKINE , DRUMS OLIVER JONES , PIANO KIRK WHALUM - SAX FABRIZIO BOSSO , TRUMPET KATAKLO‘ GIUSEPPE PICONE, ALEX MONTAQUE, DELL’ACM, GOSPELCHOIR OF LONDON, MASSIMO MORGANTI E G.B.MARTINI BIG BAND , B.G. GOSPEL CHOIR,, JAZZ E DANZA
Intanto mettete “MI PIACE” sulla  PAGINA FACEBOOK “GOD THE MUSIC AND ME” , avrete così tutte le informazioni sull’evento. Intanto i biglietti sono in vendita dal 15 aprile col circuito VIVATICKET GOD, THE MUSIC AND ME.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Domenica 22 marzo alle 11,00, presso la Sala Kubrick del cinema Spazio Odissea, viale Trieste 84 a Cagliari, verrà presentato DISABILLKILL, una sorta di dizionario semi-serio, realizzato dai vignettisti PIETRO VANESSI e TULLIO BOI. Oltre a quest’ultimo, interverranno ANTHONY MURONI (Direttore dell’Unione Sarda), ANDREA FRAILIS (Giornalista di Videolina) e MASSIMILIANO MEDDA (Comico della Compagnia Teatrale LA POLA).

Il 50% del ricavato dalla vendita del libro, realizzato con i contributi di famosi vignettisti (Vincino, Bozzetto, Biani, ecc.) e con la prefazione illustrata di Sergio Staino, servirà a finanziare un progetto della FISH, Federazione Italiana Superamento Handicap.


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il 29-30 novembre verrà attivato per la prima volta a Cagliari il primo livello di musicoterapia didattica secondo il modello Benenzon ,presso l’associazione “Natura, Naturopatia e Musicoarteterapia

Si replicherà a Torino il 6-7 dicembre e a Novara il 10-11 gennaio 2015.
SONO APERTE LE ISCRIZIONI!

Per info scrivere a :infouninatura@libero.it
o telefonare ai seguenti numeri:
3336593386 o 3937076960

Il prof. Rolando Omar Benenzon è nato a Buenos Aires (Argentina) il 24 settembre 1939.

Medico-Psichiatra, medico consulente, Servizio di Psichiatria, formazione in psicoanalisi e in tecniche psicodrammatiche, Musicista e Compositore.

Studia musica presso il Collegium Musicum di Buenos Aires, successivamente assieme ad altri professionisti che collaborano con il Collugium si interessa all’uso dellamusicoterapia sia ricettiva sia espressiva, intendendo dimostrare il valore della formazione musicale nell’istruzione iniziando assieme agli altri ad introdurre le idee di Dalcroze,Martentot, Orff, Kodály e altri. Il suo contributo personale si ravvisa nel cercare di unire i suoi due grandi interessi la musica e la psichiatria.

Ne individuò, infatti, i risultati positivi nel trattamento di gravi malattie psichiatriche e iniziò a ricercarne l’applicazione per bambini autistici e psicotici. Ha fondato nel 1966 la “Scuola di Musicoterapia” nella Facoltà di medicina dell’Università del Salvador in Buenos Aires.

Nel 1976 organizza e presiede il secondo congresso mondiale di musicoterapia tenutosi a Buenos Aires. Viene nominato coordinatore del gruppo di lavoro per la creazione di una federazione mondiale per la musicoterapia

Nel 1985 a Genova durante il quinto congresso mondiale di musicoterapia questo gruppo si trasforma in una commissione di cui Benezon viene eletto presidente; durante i lavori della commissione viene fondata la World Federation of Music Therapy. Da quel momento ne diventa, inoltre, membro onorario. Oggi la WFMT è l’unica organizzazione dedicata allo sviluppo e alla promozione della musicoterapia a livello mondiale.

Nel congresso di Washington del 1999 vengono individuati dalla World Federation of Music Therapy modelli teorici di riferimento per la pratica e l’applicazione della MT tra i quali la “Musicoterapia Benenzoniana” figura tra i cinque modelli eletti. Benenzon ha influenzato e continua ad influenzare lo sviluppo della musicoterapia in Argentina e nel mondo rivoluzionando i concetti che erano esistiti fino agli anni settanta del secolo scorso riguardanti il senso, l’importanza e il posto che il materiale sonoro non verbale ricopre e trova sede nella struttura della psiche.

Il suo concetto di ISO (Identità Sonora) è considerato il punto di partenza per la comprensione della complessità dei processi coinvolti nella percezione e nell’espressione sonoro-musicale, vocale e strumentale come pure della relazione degli esseri umani con gli strumenti musicali. È oggi una delle massime autorità della musicoterapia nel mondo.

Tag:, , , , , ,

Comments 12 Commenti »

Si intitola “Un Amore Così Grande 2014″ la canzone dei Negramaro che farà da colonna sonora alle prossime partite della Nazionale Italiana di Calcio. Il progetto, nato da un’idea di Radio Italia (da anni partner ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio), in collaborazione con Sugar e con la band è stato accolto con entusiasmo dalla FIGC, e vuole essere un grande omaggio alla squadra azzurra, impegnata a breve nella Coppa del Mondo FIFA 2014 in Brasile.

UN AMORE COSì GRANDE su I-Tuneshttp://smarturl.it/unamorecosigrande14

Il brano “Un Amore Così Grande 2014“, scelto dai Negramaro, sarà accompagnato da un videoclip, pensato dalla stessa band con l’attenta regia di Giovanni Veronesi. Alle riprese dei Negramaro, si alterneranno immagini di repertorio che ritraggono momenti significativi della Nazionale azzurra.

L’iniziativa si pone un obiettivo di solidarietà: il ricavato dell’acquisto del brano sarà interamente devoluto ad AISLA, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica e AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla. “Un Amore Così Grande 2014″ è già da oggi disponibile su iTunes.


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Domenica 8 giugno Stefano Bollani si esibirà al Teatro alla Scala per la prima volta in un recital di pianoforte.

L’occasione è benefica, nel ventesimo anniversario dalla nascita di Fondazione Progetto Arca, onlus nata con lo scopo di fornire un aiuto concreto a quanti versano in stato di grave povertà ed emarginazione e favorirne l’integrazione sociale.

Nel suo concerto in “Piano Solo”, Bollani non si atterrà a una scaletta prestabilita, ma le darà vita sul momento seguendo la linea-guida dell’improvvisazione, muovendosi liberamente all’interno dei molti ambiti musicali nei quali ha sperimentato nel corso degli anni.

Affermatosi nel jazz, Bollani si è dedicato a diverse collaborazioni spaziando dal pop-rock italiano alla musica brasiliana, da quelle di matrice cinematografica e teatrale fino alla musica classica. Nel 2012 si è esibito al Teatro alla Scala, insieme alla Filarmonica, in un programma per pianoforte e orchestra, con brani di Gershwin e Ravel, diretto da Riccardo Chailly.

Il ricavato del concerto finanzierà il progetto “Bambini e povertà in Italia: un aiuto subito!” che sarà avviato da Progetto Arca a settembre 2014 e avrà la durata di un anno. Il progetto nasce con l’obiettivo di proteggere bambini e bambine dalla povertà e dalle privazioni materiali e psicologiche attraverso azioni di risposta ai bisogni primari e interventi di reintegrazione sociale. Focalizzato sulle aree di Milano e Napoli, il progetto mira a sostenere i bambini e le loro famiglie tramite servizi di housing sociale, sostegno alimentare con pacchi viveri, distribuzione di indumenti e giochi per bambini, assistenza durante il percorso di reintegrazione sociale e monitoraggio costante della situazione.

Informazioni e prevendita telefonica al n° 02 465.467.467 (da lunedì a venerdì – ore 10/13 e 14/17).

Biglietti da 15 a 100 euro – esclusi i diritti di prevendita.
Altre prevendite:
www.vivaticket.it
www.progettoarca.org
www.stefanobollani.com

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

“Pierino e il lupo: note ed emozioni da favola” a Cagliari

Dal 2 all’11 aprile, in prima mondiale, una nuova e accattivante versione di “Pierino e il lupo”, nell’ambito di un progetto per la cura dell’autismo

«Le favole, con i loro stati d’animo elementari – felicità, paura, rabbia – sono utilissime per chi non riesce a vivere e percepire le emozioni; Pierino e il lupo è una favola che ha anche la musica: ogni personaggio è rappresentato da un genere di strumenti musicali, il che stimola ulteriormente l’emotività». Giuseppe Doneddu, direttoreCentro per lo studio dei disturbi pervasivi dell’Azienda Ospedaliera Brotzu, Cagliari

È ideato e organizzato dalla Onlus Human Arts (direttore artisticoDaniele Sanna, musicista e musico-terapista), dal Centro per lo studio dei disturbi pervasivi dell’Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari e dal Teatro Lirico di Cagliari, “Pierino e il lupo: note ed emozioni da favola”. Un progetto sperimentale, per la cura dell’autisimo, che verrà presentato in prima mondialenella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari mercoledì 2 aprile alle 11.00, Giornata Mondiale per l’autismo, e replicato poi fino all’11 aprile. Obiettivo dell’interessante e lodevole iniziativa è quello di “sviluppare le autonomie dei bimbi autistici attraverso un progetto di ricerca scientifica e artistica”.

A eseguire, in una nuova e originale versione, Pierino e il lupo, celeberrima favola sinfonica per bambini di Sergej Prokof’ev, saranno l’Orchestra del Teatro Lirico, diretta da Alessandro D’AgostiniMauro Sarzi  discendente da una famiglia di burattinai da cinque generazioni – in qualità di narratore/burattinaio e otto bambini colpiti dalla Sindrome di autismo.

Di questa versione sono previste due repliche: giovedì 3 aprile alle 11.00, sempre nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari, e venerdì 4 aprile alle 16.00 nell’Atrio del Reparto di Pediatria dell’Ospedale Brotzu di Cagliari; sono previste, invece, quattro repliche della versione con i soli burattini in scena:lunedì 7 aprile alle 12.00 al Teatro Comunale di Elmas (Ca), martedì 8 aprile alle 16 al Teatro Comunale di Elmas (Ca), giovedì 10 aprile alle 11.00 nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari,venerdì 11 aprile alle 11.00 nella Sala Prove del Teatro Lirico di Cagliari.

Pierino e il lupo viene rappresentata, per la prima volta, a Mosca nel 1936 e racconta la storia di un bimbo, Pierino, che con l’aiuto di un uccellino cattura un temibile lupo. Ogni personaggio è rappresentato da un tema musicale, affidato ad un particolare strumento. La voce recitante, al Teatro Lirico di Cagliari quella del narratore Mauro Sarzi, racconta la favola mentre la musica di Prokof’ev commenta ogni scena illustrando il carattere, i sentimenti e descrivendo le azioni di ciascun personaggio. Questi ultimi sono interpretati dai seguenti strumenti: flauto traverso, clarinetto, timpani, archi (violino, viola, violoncello, contrabbasso), fagotto, oboe, corni.

Il progetto cagliaritano prevede la costruzione, davanti ai piccoli spettatori, dei due protagonisti della storia, il Nonno e Pierino, attraverso i quali far esprimere le emozioni, dare vita alle espressioni del viso e lasciare libera interpretazione ai bambini. La durata complessiva della rappresentazione è di 50 minuti circa, per una platea di 80 bambini circa a recita, eterogenei per sesso e integrati con i bimbi diversamente abili.

Per informazioni:

Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it. Il TeatroLirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube.

 

Il progetto è stato insignito, il 30 dicembre 2013, dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana.

 

Adriana Benignetti

http://www.musicaprogetto.org/

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Quando si lavora con la voce, come nel mio caso, l’incubo ricorrente è quello di perderla. Allora si cercano tutti i rimedi possibili affinchè questo non accada. Quando qualcuno scopre un nuovo ed efficace rimedio naturale eccolo circolare subito  fra i colleghi.

Ultimamente è la volta dello zenzero potente antinfiammatorio dalle mille proprietà.

In sala coro circola nella forma più facile da consumare e cioè in bastoncini o tocchetti canditi. Ma sappiamo che lo zensero però è una radice, pianta erbacea originaria dell’Estremo Oriente ma già nota ai romani non solo per le sue proprietà aromatiche, bensì per le sue innumerevoli virtù terapeutiche.

Abbiamo mal di gola? Procuriamoci della radice di zenzero anche fresca, tagliamone una piccola fetta e teniamola in bocca per qualche minuto. Il sollievo non sarà immediato ma non desistiamo: lo zenzero, infatti, è un potente antinfiammatorio che gradualmente guarirà la nostra gola malandata!

Se vi capita di trovare i biscotti allo zenzero sappiate che sono buonissimi così pure il succo di frutta.

Avviso. Lo zenzero è particolarmente piccante, quindi chi non ama questo tipo di gusto è meglio che lasci perdere (ricorda un po’ il peperoncino) .

 

Tag:, , , , , , ,

Comments 3 Commenti »

Un violoncellista professionista di 68 anni, a seguito di un’ infezione ha sviluppato una encefalite. L’infiammazione ha causato un’amnesia molto grave, sia riguardo al passato, alla famiglia o agli amici, sia per la possibilità di acquisire e ricordare nuove informazioni. Nonostante ciò l’ uomo era ancora capace di suonare il violoncello, e non solo di ricordare pezzi già suonati prima della malattia ma anche di impararne di nuovi: «Questo dimostra che la memoria musicale è almeno parzialmente indipendente dall’ippocampo, la struttura del cervello che elabora i ricordi – scrivono gli autori dell’università di Berlino – è possibile che l’enorme significato della musica in tutte le culture abbia contribuito alla formazione di una memoria indipendente»

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Rita levi Montalcini, la grande scienziata scomparsa ieri alla bella età di 103 anni, era anche una grande appassionata di musica.

Pensate che nel 2006 scrisse una canzone per i Jalisse, per il festival di Sanremo, ma ahimè, non ebbe un seguito.

Nel febbraio 2007, orami quindi alla soglia dei 100 anni, il premio Nobel italiano vola a Dubai, negli Emirati Arabi, dove assiste ad un concerto di Placido Domingo. Questo viaggio suscita  preoccupazione nelle file del centrosinistra perche’ la scienziata, in quanto senatrice a vita, avrebbe dovuto partecipare all’udienza in Senato per la fiducia al governo Prodi. Ma lei rientro’ in tempo per la votazione del 28 febbraio.

La Montalcini non amava guardare la TV ma “ascoltava la musica, i classici, Bach e Beethoven“, come raccontavano i vicini di casa.

Non tutti sanno che la scienziata aveva una sorella gemella, Paola, pittrice, morta anche lei in età avanzata, e la casa era tappezzata dei suoi quadri. In particolare, uno, situato nell’ anticamera ,ritratto fatto subito dopo la seconda guerra mondiale alla sorella Rita.

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ho conosciuto Matteo Bacchetti tempo fa come chitarrista e studente universitario,  quando l’astrofisica e la musica erano i suoi passatempi preferiti  . Ricordo che in diverse occasioni ho avuto l’onore di essere accompagnata da lui in alcuni spirituals.

Oggi Matteo è astrofisico in uno dei laboratori più grandi d’Europa: l’ IRAP (Institut de Recherche en Astrophysique et Planétologie) di Tolosa.

Matteo è nato a Cagliari e cresciuto a Selargius,ha una sorella di diciotto anni. Suo padre è marchigiano grande appassionato di musica jazz ma la  mamma  è sarda.  Dopo la maturità scientifica al Pitagora si laureato in Fisica all’Università di Cagliari, ma nel 2010 ha lasciato l’isola. Prima di arrivare a Tolosa, Matteo ha trascorso otto mesi negli Stati Uniti, all’Università di Cornell .

Che dire, un’altro grande talento sardo costretto a lasciare la nostra terra!

” Andare via dalla Sardegna è stata una scelta obbligata” – racconta Matteo – perché chiunque faccia il mio lavoro deve fare esperienza all’estero o, comunque, in più laboratori differenti prima di poter essere considerato per un posto da ricercatore a tempo indeterminato. Questo percorso vale sia in Italia sia nel resto del mondo occidentale. Muoversi è essenziale per la crescita scientifica e, da quanto ho vissuto, posso confermarlo».

Ma lui della Sardegna e della sua famiglia ha grande nostalgia e spera un domani di poterci tornare definitivamente anche per far conoscere alla sua bimba che presto vedrà la luce, la sua terra e le sue radici.

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Sono tantissime le iniziative culturali-artistiche che mirano alla raccolta fondi per sconfiggere questa malattia: dalla musica alla danza e al teatro.

Il giorno 21 dicembre, ad Oristano, è stato organizzato un concerto con cena annessa.

UNA SERATA DAL FASCINO IRRESISTIBILE IL CUI RICAVATO FINANZIERA’ appunto  LA RICERCA SCIENTIFICA PER SCONFIGGERE L’ATASSIA DI FRIEDREICH.
Per una sera le magnifiche melodie dei Cori ci trasporteranno nel magico mondo del Natale.- Concerto-Lezione con percorso storico sui canti della tradizione natalizia della Sardegna.

“CORO DI VIDDALBA”
“TENORE SANTU FRANTZISCU” – Alà dei Sardi
“SU CUNCORDU ISCANESU” – Scano Montiferro
“SU CUNCORDU GLI SHARDANA DI ICHNUSA” – Oristano
…ingresso a contributo libero…- seguirà una cena diversa dal solito preparata ad hoc da MACELLERIA 2000 -Oristano.

… biglietto e menù da definire…
INFO e PRENOTAZIONI presso “Macelleria 2000” via Figoli, Oristano – cell. 328 8140648 – 348 8822532 oppure Titti Cappai qui su fb.

L’Atassia di Friedreich è una malattia genetica neurodegenerativa caratterizzata da una progressiva perdita delle funzioni neuro-motorie. Causa di grave disabilità fisica, per lo più associata a gravi complicanze, lascia completamente intatte le facoltà intellettive. Esordisce in genere nell’infanzia o nell’adolescenza.
Finora è incurabile.
Nel marzo 2012, fortemente sostenuta dal fondo GOFAR, è stata avviata a Torino la prima sperimentazione clinica sull’uomo con un farmaco specifico per la patologia, verso cui è rivolto l’interesse della comunità scientifica internazionale. GoFAR intende supportare tutte le tre fasi della sperimentazione che precedono l’immissione in commercio del farmaco, per cui è indispensabile una costante acquisizione di fondi fino al raggiungimento dello scopo.
Malattia rara sì, ma genetica: tutti siamo fatti di geni, sia sani che difettosi, che ereditiamo dai nostri genitori e dai nostri più lontani antenati e trasmettiamo ai nostri figli e alle generazioni future. C’è di più: nell’Atassia di Friedreich, come accade per tutte le patologie recessive, i geni difettosi si nascondono anche per generazioni per poi ricomparire all’improvviso colpendo anche più fratelli nella stessa famiglia.
I portatori sani di AF sono tantissimi (una persona su 100).
Individuare una terapia significherebbe pertanto raggiungere un risultato di livello incommensurabile per l’umanità intera.
Info su www.fagofar.org

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Voglio consigliare vivamente ai miei lettori la lettura di un libro che si intitola “Porta di speranza” . L’autrice si chiama Maria Cristina Manca ed è cagliaritana. Vi posto di seguito la recensione del giornalista Mariano Cuccu.

 

 

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

  Cagliari la 1ª Festa dell’Oncologia  

 

  Sala Polifunzionale del Parco di Monte Claro.

 

sabato 30 giugno 2012 15.30 fino a 22.00

 

L’idea nasce dal desiderio e dalla volontà di un gruppo di pazienti, di operatori sanitari e volontari, che vogliono condividere vissuti sull’esperienza della malattia.

Programma

Ore 15,30: Saluti di benvenuto e presentazione dell’evento.
Ore 16,00: Inaugurazione della mostra e presentazione del video “Il nostro tempo”. Percorso espositivo di testimonianze dei pazienti oncologici.
Ore 16,30: Intrattenimento con il cabaret delle “Giovani Marmitte”
Ore 17,00: “Parola all’esperto” incontro e dialogo con gli specialisti sul tema Prevenzione e Salute.
Interverranno:
dott Daniele Farci, presidente AIOM della regione Sardegna;
d.ssa Maria Ignazia Sotgiu, oncologa;
i volontari di Uniti per la Vita
Ore 18,30: Reading musicato sul tema “Il senso tempo”.
Letture di Daniela Deidda.
Ore 19,30: Momenti di convivialità.
Ore 20,30: Spettacolo teatrale della compagnia La Tre Cani dell’Amore.
Ore 21,30: Saluti e ringraziamenti finali in musica.

La serata sarà accompagnata e animata dall’associazione di Clown Vip Sardegna.

In collaborazione con l’associazione di volontariato Uniti Per la Vita.

Si ringrazia l’Assessorato alle attività Produttive, Sviluppo Economico, Turismo e Politiche Comunitarie della Provincia di Cagliari per aver concesso gli spazi della Sala Polifunzionale di Monte Claro.

Con il patrocinio di:
Regione Sardegna, Provincia di Cagliari, Comune di Cagliari, Asl, SIPO e Aiom.

Si ringrazia Sardegna IT per il sostegno e l’amicizia e le sorelle povere di Santa Chiara del Monastero di Iglesias.

http://sardegna.marenostrum.it

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ho trovato su facebook questo post in cui la Polizia Postale elargisce alcuni consigli per i giovanissimi navigatori d’internet. Consiglierei di farlo girare.

Polizia Postale Official Web Site Fan

Per i genitori
Insegnate ai bambini più piccoli l´importanza di non rivelare in Rete la loro identità.

Spiegategli che è importante per la loro sicurezza e per quella di tutta la famiglia non fornire dati personali (nome, cognome, età, indirizzo, numero di telefono, nome e orari della scuola, nome degli amici).

Spiegate ai vostri figli come navigare sicuri anche se sapete che vostro figlio non sembra interessato a Internet.

A scuola, a casa dell´amico del cuore, in un internet café potrebbe comunque avere voglia di navigare sulla Rete ed è bene che sia al corrente di quali semplici e importanti regole deve seguire per essere sicuro e protetto mentre si diverte.

Controllate i più piccoli affiancandoli nella navigazione in modo da capire quali sono i loro interessi e dando consigli sui siti da evitare e su quelli da visitare.

Collocate il computer in una stanza centrale della casa piuttosto che nella camera dei ragazzi. Vi consentirà di dare anche solo una fugace occhiata ai siti visitati senza che vostro figlio si senta “sotto controllo”.

Impostate la “cronologia” in modo che mantenga traccia per qualche giorno dei siti visitati. Controllate periodicamente il contenuto dell´hard disk del computer.

Insegnate ai vostri figli preadolescenti e adolescenti a non accettare mai di incontrarsi personalmente con chi hanno conosciuto in Rete. Spiegate come un computer collegato a Internet sia per alcune persone male intenzionate il modo migliore per nascondere propositi criminali dietro bugie e false identità, a volte molto attraenti.

Leggete le e-mail con i bambini più piccoli controllando ogni allegato al messaggio. Se non conoscete il mittente non aprite l´e-mail, nè eventuali allegati: possono contenere virus, troiani o spyware in grado di alterare il funzionamento del vostro computer. Date le stesse indicazioni ai ragazzi più grandi.

Tenete aggiornato un buon antivirus e un firewall che proteggano continuamente il vostro pc e chi lo utilizza.

Dite ai bambini di non rispondere quando ricevono messaggi di posta elettronica di tipo volgare, offensivo e, allo stesso tempo, invitarli a non usare un linguaggio scurrile o inappropriato e a comportarsi correttamente in rete.

Spiegate ai bambini che può essere pericoloso compilare moduli online e dite loro di farlo solo dopo avervi consultato.

Cercate di stare vicino ai bambini quando creano profili legati ad un nickname per usare programmi di chat.

Non lasciate troppe ore i bambini e i ragazzi da soli in Rete. Stabilite quanto tempo possono passare navigando su Internet: limitare il tempo che possono trascorrere online significa limitare di fatto l´esposizione ai rischi della Rete.

Usate software “filtri” con un elenco predefinito di siti da evitare. É opportuno però verificare periodicamente che funzionino in modo corretto e tenere segreta la parola chiave.

disegno estratto da

http://www.trool.it/

Tag:, , , ,

Comments 1 Commento »

Copiate e incollate nei vostri blog, nelle vostre bacheche di facebook, fate girare! mettete la sua foto nei vostri profili. Non dimentichiamoci di lei!

Rossella Urru è la giovane cooperante italiana rapita, sono ormai quasi quattro mesi, in una zona desertica del sud dell’Algeria, ed ancora in mano ai suoi sequestratori. Di lei, e delle altre due persone rapite con lei, non si sa nulla. Sono forse in mano a predoni del deserto, usati come moneta di scambio, oppure strumenti di faide tribali.

La Farnesina chiede ai media silenzio e riservatezza,  che non significano però oblio. Almeno per tante donne. C’è Geppi Cucciari che, sabato 18 febbraio, serata finale del Festival di Sanremo, ha inserito la vicenda della giovane cooperante nel suo applauditissimo monologo, e c’è l’Appello lanciato dalle donne Pd nel corso della manifestazione  promossa a Napoli (17-18 febbraio)  dalle responsabili locali e nazionali della Conferenza Donne.
Un appello che ha toccato le corde della folta platea di militanti meridionali, presenti alla due giorni dedicata alle politiche di genere nelle regioni del sud d’Italia. Là dove la condizione femminile, delle giovani innanzitutto, rivela oggi come non mai tutti i nodi irrisolti di una realtà emancipata, fortemente talentuosa nel senso dell’acquisizione di livelli di istruzione e specializzazione a volte superiori a quelli delle coetanee del nord, eppure ancora costretta ad una subalternità sociale residuato di vecchi regimi patriarcali mantenuti dalla mancanza di politiche di sviluppo, dalla disoccupazione,  dall’impossibilità di costruirsi progetti di libertà e di vita….
http://www.womeninthecity.it/index.php

Tag:, , , , , , ,

Comments 1 Commento »

LA FISICA DELLE PARTICELLE DIVENTA MUSICA

Le note musicali come particelle subatomiche, uno spartito come l’acceleratore del Cern di Ginevra. Per la prima volta la storia della fisica delle particelle viene raccontata in musica da un trio inedito, composto da un professore di fisica, un violinista pluripremiato e un compositore noto in tutto il mondo.
I tre insoliti collaboratori si sono incontrati all’universita’ di Oxford per iniziare a comporre le prime note, come testimoniato da un video pubblicato su physicsworld.com, sito dell’Institute of Physics (Iop). L’obiettivo e’ raccontare con la voce del violino la storia della fisica delle particelle dalla fine del XIX secolo fino ad oggi. Del resto, tutti e tre i creativi all’opera hanno avuto a che fare nella loro vita sia con la musica che con la fisica. Il compositore britannico Edward Cowie ha studiato fisica all’Imperial College di Londra prima di dedicare le proprie energie all’arte. Il fisico Brian Foster, docente all’universita’ di Oxford e affiliato al Cern di Ginevra, e’ un appassionato di violino, e in questi ultimi anni ha gia’ messo in musica la fisica di Eistein in collaborazione con il terzo componente del gruppo, il giovane violinista Jack Liebeck, vincitore nel 2010 di un Brit Award per la musica classica.
La loro opera, battezzata come ‘Particle Partitas’, e’ destinata al grande pubblico, che potra’ apprezzare con le proprie orecchie la similitudine tra note e particelle. ”La musica e’ modellata dalla fisica delle particelle”, spiega Cowie. ”Come le particelle subatomiche sono osservabili nelle loro collisioni, nelle loro tracce, nei loro impatti, anche la musica puo’ fare le stesse cose”. I venti brani musicali scritti per lo spettacolo saranno accompagnati da letture di Foster sui passaggi cruciali che hanno segnato la storia della fisica delle particelle. Il debutto e’ previsto in Gran Bretagna per il prossimo giugno, ma i tre ideatori pensano di portare lo show fuori dai confini nazionali, magari anche al Cern di Ginevra.
(Ansa)

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »