Archivio della categoria “Classica”

Non è la prima volta che il Coro e l’orchestra del Teatro Lirico di Cagliari si esibiscono nella monumentale terrazza del Bastione. Se la memoria non m’ inganna, l’ultima volta risale al 17 marzo del 2011, in occasione dell’anniversario dei 150 anni dell’unità  d’Italia. All’epoca il direttore d’orchestra era il giovanissimo Andrea Battistoni

Giovedì 6 luglio alle 21, sempre sulla Terrazza Umberto I del Bastione di Saint Remy a Cagliari, il Teatro Lirico di Cagliari offre una serata di musica lirica al pubblico ed alla cittadinanza tutta: celeberrime scene corali, arie, duetti e brani popolari tratti dalle più famose opere liriche di Verdi, Puccini, Donizetti e Rossini.

Questa volta però il direttore sarà  Gérard Korsten e, in qualità di solisti, Tiziana Caruso (soprano), Lavinia Bini (soprano), Agostina Smimmero (mezzosoprano), Angelo Villari (tenore), Devid Cecconi (baritono). Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Il programma musicale della serata prevede: Sinfonia da Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini; Noi siamo zingarelleDi Madride noi siam mattadori da La Traviata, Vedi! Le fosche notturne spoglieStride la vampa! da Il Trovatore, Di Provenza il mar, il suol da La Traviata di Giuseppe Verdi; Vissi d’arteE lucevan le stelle da Tosca di Giacomo Puccini; Bella figlia dell’amore da Rigoletto di Giuseppe Verdi; Benedette queste carte! da L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti; Va’, pensiero da Nabucco, Libiam ne’ lieti calici da La Traviata di Giuseppe Verdi.

L’ingresso alla manifestazione, della durata complessiva di un’ora circa, è libero.

 La serata è inserita nel progetto “CagliariPaesaggio”, a cura del Comune di Cagliari.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Giovedì 29 giugno alle ore 18, presso l’Auditorium della scuola media di  Via Meilogu 18 a Cagliari, si terrà la cerimonia di intitolazione dell’Istituto Comprensivo a nome del soprano cagliaritano Giusy Devinu .

Per l’occasione saranno presenti le autorità scolastiche e comunali , i parenti e gli amici del soprano cagliaritano.

Durante la serata la violinista Giulia Greco (nipote di Giusy ) e il pianista Marco Francesco Schirru, reduci dalla vittoria del concorso “Golfo degli angeli” e dai concerti in Vaticano, si esibiranno in un breve concerto.

La cerimonia è aperta a tutta la cittadinanza

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Si ripete l’esperimento OPERA-MARE, in cui si cerca di avvicinare l’opera lirica ad un pubblico diverso da quello che frequenta il Teatro. Il cagliaritano e il turista che sceglie il mare del Poetto per passare la propria giornata di relax, avrà l’opportunità di completarla con un aperitivo e un concerto di qualità. Lo scorso anno il Teatro lirico di Cagliari aveva presentato “La traviata” davanti alla Rotonda dello stabilimento balneare il Lido. Il concerto aveva riscosso  un buon successo di pubblico nonostante l’insolita location.   

Giovedì 1° giugno alle 19 ,sempre nello Stabilimento balneare “Il Lido” il giornalista Fabio Marcello presenterà “Speciale Rigoletto”

 dedicata al capolavoro di Giuseppe Verdi che va in scena nella suggestiva cornice della Forte Arena di Santa Margherita di Pula (Cagliari), con inizio sempre alle 21.30, sabato 10 giugno, sabato 17 giugno e sabato 24 giugno 2017.

 La serata è impreziosita, nella prima parte, dal Coro femminile del Teatro Lirico di Cagliari, diretto da Gaetano Mastroiaco, dal soprano Barbara Crisponi, dal mezzosoprano Martina Serra e dai pianisti Mayumi Ogawa e Giancarlo Salaris, e, nella seconda parte, dalla presenza del baritono Gocha Abuladze (Rigoletto), del soprano Barbara Bargnesi (Gilda), del tenore Antonio Gandìa (Duca di Mantova) e del mezzosoprano Martina Serra (Maddalena) che, accompagnati al pianoforte da Andrea Mudu, interpretano le arie e i brani più celebri del popolare melodramma.

Il programma musicale nel dettaglio prevede: Suite da Sogno di una notte di mezza estate op. 61 per soli, coro femminile e pianoforti di Felix Mendelssohn-Bartholdy, le arie Caro nome (Gilda); Cortigiani, vil razza dannata (Rigoletto); La donna è mobile (Duca di Mantova) e il celebre quartetto Bella figlia dell’amore (Gilda, Rigoletto, Duca di Mantova, Maddalena) da Rigoletto di Giuseppe Verdi.

L’ingresso alla manifestazione, la cui durata è di 50 minuti circa, è libero.

La serata viene diffusa, in diretta streaming su www.unionesarda.it, dall’emittente televisiva Videolina.

La manifestazione si avvale della collaborazione di: L’Unione Sarda, Videolina, Radiolina, Stabilimento balneare “Il Lido”.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

La Direzione del Forte Village Resort informa che, in occasione delle tre rappresentazioni di Rigoletto, il pubblico potrà usufruire di un servizio di bus-navetta (Cagliari/Piazza dei Centomila – Forte Arena – Cagliari/Piazza dei Centomila) a pagamento (€ 15). La partenza da Cagliari è prevista per le 19.

 

Per informazioni e vendita: Box Office, viale Regina Margherita 43, 09124 Cagliari; dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, telefono 070657428.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

foto Neda Navaee

Silvia Careddu è  La flautista cagliaritana per eccellenza, non una qualunque.  Il grande talento per la musica e per questo particolare strumento sono stati determinanti per la vittoria come  Primo  flauto dell’orchestra Wiener Philharmoniker.

Ma cosa rende unica questa orchestra? Perchè entrare a farne parte è così difficile?

Innanzitutto le selezioni sono molto rigorose. Preparare un programma per un’ audizione o un concorso in questa orchestra ti mette a confronto e in concorrenza con  i migliori musicisti che giungono da tutto il mondo.

A Vienna la musica,  nella società, ha un ruolo molto importante; non è  considerata solo un passatempo, ma una vera fonte di crescita culturale per tutta la popolazione. E’ poi un grande business.  I teatri fanno sempre il tutto esaurito  perchè  la promozione è viva. I manifesti e i totem giganti con i volti dei protagonisti   sono dislocati in ogni angolo del paese; in quasi tutti i ristoranti e fast food si trovano i volantini con i programmi. Tante sono le offerte turistiche collegate ai teatri come ad esempio i menù a basso costo , i pacchetti tutto compreso negli alberghi, la vendita di oggetti ricordo come borse, manifesti, penne, magliette ecc., che richiamano questo o quel musicista. Il tutto rigorosamente sponsorizzato dalle ditte fornitrici e da accordi permanenti con le agenzie turistiche.

I bambini, fin dalla scuola materna studiano la musica e uno strumento . Il cittadino cresce con la capacità di distinguere un prodotto musicale di qualità da uno scarso.

La Wiener Philharmoniker  è considerata fra le migliori orchestre del mondo  e la nostra musicista cagliaritana Silvia Careddu è entrata a farne parte a tutti gli effetti, mantenendo sempre anche la possibilità di esibirsi come solista.

Non dimenticandosi della sua città natale, questo venerdì e sabato, si esibirà a Cagliari,  la città che l’ha vista nascere sia anagraficamente che artisticamente. Si è infatti diplomata al conservatorio Giovanni Pierluigi da Palestrina sotto la guida del maestro Riccardo Ghiani, primo flauto dell’orchestra cagliaritana.

Il programma che presenterà il 26-27 maggio, per l’11° appuntamento della Stagione concertistica 2017 al Teatro Lirico di Cagliari comprende il Concerto in Re maggiore per flauto e orchestra op. 283 di Carl Reinecke.

Nella stessa serata si esibirà anche il coro (preparato da Gaetano Mastroiaco) e l’orchesta del Teatro Lirico tutto diretto dal maestro Gérard Korsten, col Te Deum in Do maggiore per coro e orchestra Hob. XXIIIc:2 di Franz Joseph HaydnPrima Sinfonia in Si bemolle maggiore “La Primavera” op. 38 di Robert Schumann.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

 

 

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

L’oboe è uno strumento musicale aerofono a fiato ad ancia doppia appartenente al gruppo orchestrale dei legni. Ha un suono leggero e assai penetrante. Di forma conica, è generalmente fatto di Grenadilla, o, meno frequentemente, di palissandro. Per chi non è del mestiere, è uno strumento poco conosciuto ed anzi, qualcuno nel pronunciarlo sbaglia l’accento, la pronuncia giusta è  òboe.

Se site curiosi e volete vedere e sentire questo strumento, vi invito al prossimo concerto della stagione sinfonica 2017 al Teatro Lirico di Cagliari in cui  l’oboista Viola Wilmsen sarà accompagnata dall’orchestra del Lirico diretta dal maestro Pietro Rizzo.

Il concerto sarà venerdì 19 maggio alle 20.30 (turno A) e sabato 20 maggio alle 19 (turno B), con il decimo appuntamento: Pietro Rizzo, uno fra i più talentuosi giovani direttori italiani di oggi, al suo debutto a Cagliari, dirige l’Orchestra del Teatro Lirico e l’oboe solista della tedesca Viola Wilmsen, vincitrice dei più rinomati concorsi internazionali dello strumento a fiato.

 Il programma delle due serate presenta: Sinfonia n. 40 in sol minore K. 550; Concerto in Do maggiore per oboe e orchestra K. 314 di Wolfgang Amadeus Mozart; Ottava Sinfonia in si minore “Incompiuta” D. 759 di Franz Schubert.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 19 maggio alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Pietro Rizzo – È stato Direttore Principale dell’Opera di Göteborg (2006-2009), Direttore Musicale dell’Orquesta Joven de la Sinfónica de Galicia de La Coruña (2010-2014), Primo Kapellmeister dell’Aalto Theater di Essen (2003-2007), attualmente è considerato uno fra i più talentuosi giovani direttori italiani di oggi e ha già diretto le orchestre dei più grandi teatri al mondo, fra i quali: Metropolitan di New York, Dallas Opera, New Israeli Opera di Tel Aviv, New National Theatre di Tokyo, Deutsche Oper di Berlino, Maggio Musicale Fiorentino, Finnish National Opera di Helsinki, Royal Swedish Opera di Stoccolma, Volksoper di Vienna, Rossini Opera Festival di Pesaro, Savonlinna Festival, Baden-Baden Festival. Dirige regolarmente importanti orchestre internazionali, fra le quali: Finnish Radio Symphony Orchestra, Tampere Philharmonic Orchestra, Belgium Radio Symphony Orchestra, Essener Philharmoniker, Bergische Symphoniker, WDR Rundfunkorchester, Aalborg Symfoniorkester, Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia. Fra gli impegni operistici più recenti si segnalano le produzioni di: Rigoletto e Don Carlo al New National Theatre di Tokyo, La Cenerentola alla Finnish National Opera di Helsinki, La Traviata alla Bayerische Staatsoper di Monaco, La Gioconda allo Stadttheater di St. Gallen, Lucrezia Borgia alla Staatsoper di Amburgo e Roberto Devereux alla Deutsche Oper di Berlino. Ha inaugurato la Stagione 2015-2016 dirigendo il balletto Beauty and the Beast alla Finnish National Opera di Helsinki, in seguito ha diretto le produzioni di Macbeth allo Stadttheater di St. Gallen, La Favorite alla Deutsche Oper di Berlino e Madama Buttefly al Concertgebouw di Amsterdam. Ha anche fatto il suo debutto sul podio dell’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino. Ha inaugurato la Stagione 2016-2017 dirigendo il balletto Romeo e Giulietta di Prokof’ev ancora alla Finnish National Opera di Helsinki, seguito da concerti sinfonici allo Stadttheater di St. Gallen, La Bohème all’Opera Australia di Sydney ed Andrea Chenièr al Teatro dell’Opera di Roma. Fra i suoi prossimi impegni figurano: Rigoletto alla Finnish National Opera di Helsinki e nei teatri di Pavia, Jesi, Como, Bergamo e Brescia; Otello alla Semperoper di Dresda; Il Pirata allo Stadttheater di St. Gallen e Norma all’Opera de Bilbao. Dirigerà inoltre concerti con la Filarmonica Toscanini a Lugano e con la Radio Vara al Concertgebouw di Amsterdam.

 

Viola Wilmsen – Nel 2012 è stata nominata Primo oboe della Deutschen Sinfonie-Orchester di Berlino, dopo essere stata per tre anni Primo oboe della Deutsche Oper di Berlino. È inoltre attiva come solista e camerista in prestigiose sale da concerto di tutto il mondo. Come solista si è esibita con compagini quali: Münchener Kammerorchester, Hamburger Camerata, Kansai Philharmonic Orchestra (Giappone), Orchestra Haydn (Italia), Kammerphilharmonie Graubünden (Svizzera), Klassischen Philharmonie di Bonn. Nel 2014 è uscito il primo cd del suo sestetto “Berlino Contrappunto” e l’ensemble è stato premiato nel 2013 con il “Usedom Music Prize”. Nello stesso anno, con il “Berolina Ensemble”, gli viene stato assegnato il Premio “Echo Klassik” nella categoria “Ensemble dell’anno”. Viola Wilmsen suona regolarmente con la Camerata Bern e, come musicista ospite, ha fatto parte di orchestre come: Staatsoper Berlin, Münchener Staatsoper, Oper Frankfurt, Bamberger Symphonikern, Rundfunk-Sinfonie Orchester Berlin, Berliner Philharmoniker con la direzione di Valery Gergiev, Riccardo Chailly, Andris Nelsons, Christoph Eschenbach, Alain Altinoglu, Vladimir Ashkenazy, Marcus Bosch, Gianandrea Noseda. Viola Wilmsen ha studiato con Diethelm Jonas a Lubecca, con Jacques Tys a Parigi e con Dominik Wollenweber a Berlino. Nel 2009 ha vinto il Primo Premio al Concorso internazionale per oboe della Sony in Giappone. È inoltre vincitrice di numerosi primi premi di concorsi internazionali in Germania, Italia (AudiMozart! – 2012), Polonia e Inghilterra in qualità di oboista e pianista. Nel 2011 al Concorso “Deutsche Musik Wettbewerb”, Viola Wilmsen si aggiudica una borsa di studio con concerti in Germania. La televisione tedesca WDR3 ha mandato in onda ritratti sulla sua attività in lingua inglese e tedesca. L’artista ha partecipato a numerose registrazioni e trasmissioni radio per le maggiori emittenti tedesche. Viola Wilmsen è docente, per l’anno 2015-2016, alla Musikhochschule Lübeck ed insegna in vari corsi di perfezionamento.

Cagliari, 17 maggio 2017

Ufficio Stampa

Teatro Lirico di Cagliari, via Efisio Cao di San Marco, 09128 Cagliari – Italia

telefono +39 0704082209 – stampa@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Roberta Invernizzi

Per tutti coloro che amano la musica barocca, ma in particolare il canto, voglio proporre una interessantissima Masterclass. La docente è Roberta Invernizzi di cui troverete il curricula a fine post. Il titolo è “Lo stile barocco, dal recitar cantando a Handel”

Il corso si terrà nel Convento dei frati minori di Baronissi (SA), dal 20 al 23 luglio

Nel suo corso si affronteranno   le tematiche legate alla tecnica e all’interpretazione dello stile vocale del 600 e del primo 700, attraverso alcuni brani a scelta degli iscritti,da Monteverdi a Caccini, da Frescobaldi sino ad arrivare a Handel e Vivaldi.

Per lavorare in modo costruttivo sono richiesti un buon livello di lettura e una discreta impostazione tecnica.
Scadenza iscrizioni: 20 giugno 2017

Si può dare l’adesione all’indirizzo: baroccoabaronissi@email.com con la dicitura ISCRIZIONE MASTERCLASS INVERNIZZI, nella quale specificheranno il tipo di partecipazione da loro prescelto, i propri dati anagrafici e la ricevuta del versamento della quota di € 100 per gli effettivi e € 30 per gli uditori, quota non rimborsabile tranne in caso di annullamento del Corso.
Le quote da corrispondere per il corso del M° Invernizzi saranno le seguenti:
- allevi effettivi: 350€
- allievi uditori: 100€
Il corso di canto barocco  fa parte  del festival Barocco a Baronissi che comprende una serie di Corsi e Concerti di Musica Barocca , e nasce dall’idea del maestro chitarrista Valerio Celentano. La prima edizione- quella del 2016- fatta con la preziosissima collaborazione dell’Associazione MusicaTeatro, riscuote un successo notevole.
 Il soprano Roberta Invernizzi è uno dei più richiesti solisti nel campo del repertorio barocco e classico e ad oggi un vero punto di riferimento di tecnica e stile nel canto barocco. Nata a Milano, ha studiato pianoforte e contrabbasso prima di dedicarsi al canto sotto la guida di Margaret Heyward. Ha cantato nei principali teatri italiani, europei e americani, sotto la direzione di Nikolaus Harnoncourt, Claudio Abbado, Ivor Bolton, Ton Koopman, Gustav Leonhardt, Franz Brüggen, Jordi Savall, Alan Curtis, Giovanni Antonini, Fabio Biondi, Antonio Florio, Rinaldo Alessandrini, Ottavio Dantone e collabora frequentemente con Concentus Musicus Wien, Europa Galante, Accademia Bizantina, Giardino Armonico, Cappella de la Pietà dei Turchini, Concerto Italiano, Ensemble Mattheus, Venice Baroque Orchestra, La Risonanza, Archibudelli e i Barocchisti. E’ stata acclamata più volte al teatro alla Scala, in particolare ricordiamo l’Armida nel Rinaldo di Handel diretta da O.Dantone per la regia di P.Pizzi e Musica ed Euridice nell’ Orfeo di Monteverdi sotto la direzione di R.Alessandrini e regia di R.Wilson e, nel 2016,il 18 gennaio ha cantato come solista nel concerto omaggio a Claudio Abbado, diretto da Ottavio Dantone. Recentemente scelta dal grande direttore austriaco Nikolas Harnoncourt per il concerto celebrativo dei 200 anni del Musikverein di Vienna con la versione di Mozart dell’Alexander’s Feast e nella stessa città poco dopo la Konzerthaus di Vienna ha celebrato i 20 anni del Resonanzen Festival con un recital “Roberta Invernizzi and friends” Regolarmente presente al Festival di Salisburgo: ruolo titolo nella Sant’Elena al Calvario con F. Biondi; Recital con Il Giardino Armonico al Mozartheum; Aci, Galatea and Polifemo con G. Antonini; Trionfo del Tempo di Handel con M. Haselböck; La Resurrezione con Nikolaus Harnoncourt; la C minor Mass di Mozart con G. Dudamel e l’Isacco di Jommelli con Diego Fasolis. Tra gli impegni recenti di maggior rilievo citiamo: Medea nel Teseo di Handel a Karlsruhe con Michael Form, Saul di Handel con Nicolas Harnoncourt al Musikverein di Vienna e Cleopatra nel Giulio Cesare di Handel con Rinaldo Alessandrini a Toulon. Ha cantato inoltre i ruoli: Dido nel Dido and Aeneas di Purcell a Verona; Vagaus ne La Juditha Triumphans a Valencia; Nerone nell’Agrippina di Haendel con Alan Curtis al Teatro Real di Madrid; il ruolo titolo di La Statira di Cavalli al Teatro San Carlo di Napoli; Ottavia nell’Incoronazione di Poppea a Bordeaux; L’Olimpiade di Galuppi alla Fenice di Venezia; Ercole sul Termodonte e Virtù degli Strali d’Amore di Cavalli alla Fenice di Venezia. Nella concertistica ricordiamo: La Santissima Trinità di Scarlatti al Théâtre des Champs Elysées; La Vergine dei Dolori al Teatro San Carlo di Napoli; Ottone in Villa di Vivaldi. Si è esibita in recital nelle più prestigiose sale d’Europa tra cui citiamo la Queen Elisabeth Hall, il Musikverein di Vienna, La Salle Gaveau di Parigi e Wigmore Hall di Londra. La sua discografia comprende oltre 100 incisioni collaborando per le case discografiche Sony, Deutsche Grammophon, EMI/Virgin, Naïve, Opus 111, Symphonia, Glossa ottenendo numerosi premi come Diapason D’Or de l’année, e Choc du Monde de la Musique; Goldberg 5 stars; Grammophone Awards e Deutsche Schallplatten Preis. Il suo disco solista “Dolcissimo Sospiro” con l’Accademia Strumentale Italiana ha vinto il rinomato Midem Classical Awards. Il suo recente disco Cantate italiane di Handel vince ancora lo Stanley Prize per la miglior registrazione Handel dell’anno. I suoi recenti lavori discografici “Vivaldi Album”, “Faustina Bordoni” e “La Bella più Bella”, incisi per la Glossa, sono stati acclamati dalla critica internazionale.
Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Alpesh Chauhan (foto Priamo Tolu)

Ritorna al Teatro Lirico di Cagliari il giovanissimo direttore d’orchestra Alpesh Chauhan  per dirigere  il pianista Michail Lifits e l’Orchestra del Teatro Liricoil 21-22 aprile,  Stagione concertistica 2017

Il  giovane direttore britannico, considerato una vera rivelazione presenterà un programma musicale tanto elegante e raffinato quanto celebre ed affascinante.

In qualità di solista si esibisce Michail Lifits, giovane pianista uzbeko dalla tecnica strepitosa (vincitore del prestigioso Concorso Pianistico Internazionale “Ferruccio Busoni” nel 2009) che ritorna a Cagliari dopo il suo recital di piano solo del 29 ottobre 2016.

Il programma delle due serate presenta: Romeo e Giulietta: fantasia ouvertüre di Pëtr Il’i? ?ajkovskij; Concerto per pianoforte e orchestra in Sol maggiore n. 17 K. 453 di Wolfgang Amadeus Mozart; La bella addormentata: suite dal balletto di Pëtr Il’i? ?ajkovskij.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 11 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (11 spettacoli) già in vendita da lunedì 16 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 21 aprile alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

Michail Lifits (foto Felix Broede)

 

Michail Lifits – Recensito dalla Frankfurter Allgemeine Zeitung con toni entusiastici per «la magnifica propensione ai colori», il giovane pianista Michail Lifits ha rapidamente catturato l’attenzione internazionale. La sua musicalità avvolgente e «la maturità del suono, apparentemente piena di saggezza» (Süddeutsche Zeitung) sono state accolte calorosamente dal pubblico e dalla critica di tutto il mondo. I principali impegni della Stagione 2016-2017 includono concerti con la Munich Chamber Orchestra e con la Munich Symphony Orchestra, i debutti con la NDR Radiophilharmonie Hannover, con l’Orchestra di Valencia e l’Orchestra dell’Arena di Verona con Jean-Luc Tingaud. Michail Lifits parteciperà, anche quest’anno, a numerosi festival tra cui: Kissinger Sommer Festival, Schwetzingen SWR Festival, Festspiele Mecklenburg-Vorpommern, Festival de l’Epau, Salzburg Festival. Dopo la vittoria della 57a edizione del Concorso “Ferruccio Busoni” nel 2009, Michail Lifits ha calcato i palcoscenici dei più importanti teatri internazionali: Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Philharmonie di Berlino, Herkulessaal e Philharmonie di Monaco, Laeiszhalle di Amburgo, Sala Verdi di Milano, Tonhalle di Zurigo, Concertgebouw di Amsterdam, Palais des Beaux-Arts di Bruxelles. Come solista ha suonato con grandi orchestre quali: Deutsche Symphonie-Orchester Berlin (DSO), Hague Philharmonic, Munich Symphony Orchestra e Munich Chamber Orchestra, Heidelberg Philharmonic Orchestra, Orchestra Haydn di Bolzano, Orchestra del Teatro Verdi di Trieste, I Solisti di Mosca. Tra le sue partecipazioni più importanti figurano quelle ai: Festival di Verbier, Rheingau Musikfestival, Festspiele Mecklenburg-Vorpommern, Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo, Festival d’Auvers-sur-Oise, Ruhr Piano Festival, Bergen International Festival, Menuhin Festival Gstaad, BBC Proms. Dal 2011 Michail Lifits è artista esclusivo Decca Classics. Nel 2012 il suo album di debutto, con musiche di Mozart, ha ricevuto ottime recensioni da una critica entusiasta e unanime ed è stato nominato cd del mese da molte testate giornalistiche e radiofoniche. Il suo secondo album, con due Sonate di Schubert, è stato pubblicato nel 2015, primo album del progetto che vede Michail Lifits impegnato nell’incisione dell’integrale per pianoforte di Schubert. Nato a Tashkent (Uzbekistan) e trasferitosi in Germania a 16 anni, Michail Lifits vive ad Hannover, città con cui sente una profonda connessione artistica e culturale. Ha studiato alla Hochschule für Musik und Theater con Karl-Heinz Kämmerling e Bernd Goetzke, proseguendo poi gli studi con Boris Petrushansky all’Accademia Internazionale di Imola. Michail Lifits è un artista Steinway dal 2014.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Il giovane direttore britannico, di origine asiatica, Alpesh Chauhan, considerato una vera rivelazione e che ha appena debuttato nella direzione d’opera proprio al Teatro Lirico di Cagliari con Turandot di Puccini, sarà ancora nella stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari. Venerdì 14 aprile alle 20.30 (turno A) e sabato 15 aprile alle 19 (turno B), con l’ottavo appuntamento, dirigerà l’Orchestra del Teatro Lirico in tre notissime pagine della letteratura musicale mondiale.

Il programma delle due serate presenta: Egmont, ouverture op. 84 di Ludwig van Beethoven; Sinfonia n. 31 in Re maggiore “Parigi” K. 297 di Wolfgang Amadeus Mozart; Terza Sinfonia in Fa maggiore op. 90 di Johannes Brahms.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 7 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (7 spettacoli) già in vendita da lunedì 10 aprile 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 14 aprile alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Alpesh Chauhan – È Direttore Principale designato della Filarmonica Arturo Toscanini di Parma, una posizione che assumerà a partire dalla Stagione 2017-2018. Rapidamente cresciuto in notorietà internazionale, l’intuizione che Alpesh Chauhan mette nella musica è stata apprezzata dalle orchestre e dal pubblico e il suo naturale rapporto con i musicisti gli ha già permesso di stabilire collaborazioni con alcune delle maggiori orchestre inglesi ed europee. È stato Assistant Conductor alla City of Birmingham Symphony Orchestra dal 2014 al 2016, dopo esserne stato in precedenza il primo Conducting Fellow. Nell’estate 2016 Alpesh Chauhan ha fatto la sua prima apparizione ai BBC Proms dirigendo due dei Ten Pieces Concerts con la BBC Philharmonic Orchestra, sulla scia del film Ten Pieces Secondary che aveva registrato con l’orchestra nell’estate 2015. Nel novembre 2016 ha fatto il suo debutto negli USA con l’Alabama Symphony Orchestra e, nel gennaio 2017, ha diretto, per la prima volta, la London Symphony Orchestra al Barbican Centre, presentando Morte e Trasfigurazione di Richard Strauss e il Primo Concerto per pianoforte di Brahms con Benjamin Grosvenor. La carriera di Alpesh Chauhan include, sino ad oggi, concerti con la Netherlands Symphony Orchestra, con la BBC Symphony, con la BBC Scottish, con la BBC Philharmonic, con la Kymi Sinfonietta e con le orchestre dell’Opéra National de Lorraine, del Teatro Carlo Felice di Genova, del Maggio Musicale Fiorentino, del Teatro Lirico di Cagliari, del Teatro Petruzzelli di Bari. La prossima stagione vedrà Alpesh Chauhan ritornare a dirigere molte di queste orchestre e fare il proprio debutto con la BBC National Orchestra of Wales e con la Philharmonia. Alpesh Chauhan è stato primo violoncello della CBSO Youth Orchestra, avendo l’opportunità di partecipare a masterclass di direzione d’orchestra, come parte della Youth Orchestra Academy 2007. Nel 2008 è stato ammesso al Royal Northern College of Music per studiare violoncello con Eduardo Vassallo, prima di proseguire la frequenza del prestigioso Masters Conducting Course, sotto gli auspici di Clark Rundell e Mark Heron. Ha studiato con Stanislaw Skrowaczewski, partecipato a masterclass con Juanjo Mena e Vasily Petrenko, mentre Andris Nelsons e Edward Gardner sono stati suoi mentori. Apparendo regolarmente nei media, Alpesh Chauhan è stato presentato come “Stella nascente” su BBC Music Magazine e intervistato da BBC Radio 4 e BBC World Service. È stato “blogger ospite” per Gramophone Magazine e membro della giuria del BBC Young Musician of the Year 2016.

Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari – È stata fondata nel 1933 e ha consolidato, negli anni, un fecondo rapporto con i maggiori direttori italiani, tra cui Tullio Serafin, Vittorio Gui, Antonino Votto, Guido Cantelli, Franco Ferrara, Franco Capuana, Willy Ferrero, e con compositori quali Ottorino Respighi, Ildebrando Pizzetti, Ermanno Wolf Ferrari, Riccardo Zandonai, Alfredo Casella. Risalgono agli anni ‘50-’60 le apparizioni sul podio di Lorin Maazel, Lovro von Matacic, Claudio Abbado, Sergiu Celibidache, Riccardo Muti, e le collaborazioni con Gioconda De Vito, Leonid Kogan, Henryk Szering, Andrés Navarra, Dino Ciani, Maria Tipo, Nikita Magaloff, Wilhem Kempff, Martha Argerich. In questi ultimi anni l’Orchestra ha collaborato, tra gli altri, con direttori come Lorin Maazel, Georges Prêtre, Emmanuel Krivine, Mstislav Rostropovich, Ton Koopman, Iván Fischer, Frans Brüggen, Carlo Maria Giulini, Gennadi Rozhdestvensky, Rafael Frühbeck de Burgos, Neville Marriner, Christopher Hogwood, Hartmut Haenchen e con solisti come Martha Argerich, Aldo Ciccolini, Kim Kashkashian, Viktoria Mullova, Misha Maisky, Truls Mørk, Sabine Meyer, Yuri Bashmet, Salvatore Accardo. Dal 1999 al 2005 Gérard Korsten ha ricoperto il ruolo di direttore musicale e ha, fra l’altro, diretto in prima esecuzione nazionale, Die ägyptische Helena di Richard Strauss, Euryanthe di Weber e A Village Romeo and Juliet di Delius. Negli ultimi anni l’Orchestra ha collaborato regolarmente con Lorin Maazel, compiendo nel 1999 una tournée in Europa ed eseguendo con successo una serie di concerti. Nel 2002 ha rappresentato l’Italia nella rassegna “Italienische Nacht”, organizzata dalla Bayerischer Rundfunk al Gasteig di Monaco di Baviera e trasmessa in diretta dalla radio bavarese. Nel 2005 ha suonato in un concerto in onore del Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi. Negli ultimi anni, anche nell’ambito della rassegna “Cinque passi nel Novecento”, ha eseguito, in prima assoluta, composizioni per orchestra che il Teatro Lirico di Cagliari ha commissionato a compositori come Sylvano Bussotti, Giorgio Tedde, Azio Corghi, Fabio Nieder, Alberto Colla, Carlo Boccadoro, Franco Oppo, Francesco Antonioni, Ivan Fedele. Per la casa discografica Dynamic ha inciso opere in prima esecuzione in Italia, quali: Die Feen di Wagner, Dalibor di Smetana, (premiate, rispettivamente, da “Musica e Dischi” quale miglior disco operistico italiano del 1997, e da “Opéra International” col “Timbre de Platine” – gennaio 2001), ?erevi?ki e Opri?nik di ?ajkovskij, Die ägyptische Helena di Richard Strauss, Euryanthe di Weber, Alfonso und Estrella di Schubert, Hans Heiling di Marschner, Chérubin di Massenet, Lucia di Lammermoor di Donizetti. Ha inciso, inoltre, Goyescas di Granados e La vida breve di De Falla, La Passione secondo Giovanni di Bach per la Dynamic e Don Pasquale per Rai Trade. Per la Rai ha registrato, nel 1998, La Bohème trasmessa in tutto il mondo.

 

Cagliari, 12 aprile 2017

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Cristina Melis Elisabetta Scano

Un successo annunciato quello di ieri, per l’evento dedicato al maestro Gustavo Melis a 30 anni dalla sua scomparsa. La chiesa di Sant’Anna a Cagliari, era gremita e molte persone pur di assistere  hanno trovato posto in terra ai lati della navata centrale. Il concerto comprendeva Lo Stabat Mater di Pergolesi e il Requem di Faurè . Ad eseguirlo sono stati due cori storici cagliaritani: il Collegium Kalaritanum e la Polifonica Karalitana preparati rispettivamente dai maestri Carmine dell’Orfano e Gianfranco Deiosso.

Elena Schirru Nicola Ebau

Le voci solistiche erano quelle di due artiste cagliaritane: il soprano Elisabetta Scano e il mezzosoprano Cristina Melis, per lo Stabat Mater ,invece per il Requiem ,il soprano Elena Schirru e il baritono Nicola Ebau.  Ad accompagnare i complessi vocali c’era l’Orchestra Kamerata Karalis   diretta dal maestro Sandro Sanna.

Per l’occasione il Requiem di Faurè è stato eseguito in una emozionante versione per Arpa e Organo con Paloma Tironi e Francesca Ajossa.

Fra un brano e l’altro, il vescovo Arrigo Miglio è intervenuto per una breve riflessione sulla Pasqua.

La serata è stata presentata dal giornalista Giacomo Serreli

L’EVENTO è stato organizzato anche grazie alla preziosa collaborazione del LIONS CLUB CAGLIARI SAINT REMY per raccogliere fondi  da destinarsi  alla nuova Casa di accoglienza della Caritas in via Santa Croce.

La  cronaca fotografica è di Stefano Anedda.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Cristina Melis mezzosoprano

Gustavo Melis è stato un maestro di canto, il mio, ma anche quello di tanti altri artisti che dopo un diploma hanno deciso di perfezionare la tecnica con lui. Il M° Melis era un vero artigiano della voce. Trattava lo strumento vocale con grande cura e proprio per questo motivo molti artisti si rivolgevano a lui per poter “aggiustare” qualche cosa che stava andando fuori binario. E’ stato il primo maestro di tantissimi artisti che poi hanno preso il volo in teatri internzionali come il contralto Bernadette Manca di Nissa, il soprano Paoletta Marroccu e il soprano Rossella Ragatzu tanto per citarne alcuni.

A 30 anni dalla sua scomparsa, Cagliari vuole ricordarlo con un concerto sinfonico corale dove fra le interpreti ci sarà anche sua figlia Cristina, apprezzato mezzosoprano oggi in carriera.

Il maestro Gustavo Melis è stato anche un ottimo maestro di coro (diresse per un periodo anche il coro del Teatro Lirico di Cagliari), in particolare portò in auge il coro del Centro Universitario Musicale  col quale partecipò alle più importanti competizioni internazionali vincendo diversi premi.

Domenica 9 aprile, alle ore 20,30, nella Chiesa Collegiata di Sant’Anna in via Azuni a Cagliari, sarà eseguito lo STABAT MATER, una delle ultime opere di Giovanni Battista Pergolesi per soprano, contralto e orchestra e il monumentale Requiem di  Gabriel Faure’ per soprano, baritono, coro e orchestra . Tra i protagonisti, oltre alla citata Cristina Melis ci sarà il soprano Elisabetta Scano, il soprano Elena Schirru, il baritono Nicola Ebau;  la classe di fiati del Conservatorio di musica di Cagliari, l’Orchestra Kamerata Karalis e due dei più antichi cori cagliaritani: il Coro Collegium Karalitanum e la Polifonica Karalitana ancora insieme dopo il grande successo del precedente concerto in cui fu eseguito il Gloria di Vivaldi.

La direzione sarà affidata al maestro Sandro Sanna che per questa occasione si avvale di una sua innovativa ed accattivante trascrizione per fiati, organo, arpa e contrabbasso.

Il Concerto verrà introdotto dalle riflessioni di Mons. Miglio in preparazione alla Pasqua.

L’EVENTO è stato organizzato anche grazie alla preziosa collaborazione del LIONS CLUB CAGLIARI SAINT REMY

L’ingresso a offerta libera servirà per raccogliere fondi  da destinarsi  nuova Casa di accoglienza della Caritas in via Santa Croce.

 

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

L’affascinante recital di Ksenija Sidorova ispirato a Carmen di Bizet,

martedì 28 marzo alle 20.30, per la Stagione concertistica 2017

 La Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, martedì 28 marzo alle 20.30 (turno A), con il settimo appuntamento che prevede, subito dopo il concerto di Federico Colli, l’altrettanto interessante recital ispirato alla Carmen di Bizet dell’ensemble di Ksenija Sidorova, giovane e talentuosissima suonatrice di fisarmonica, nata a Riga nel 1988 ma già famosa in tutto il mondo.

L’album di debutto di Ksenija Sidorova consiste in un’affascinante rivisitazione di Carmen, personaggio fatale nel quale la musicista si identifica. Protagonista nella reinterpretazione della celebre opera di Georges Bizet, Ksenija Sidorova, accompagnata da un ensemble di straordinari solisti composto da: Alejandro Loguercio (violino), Claudio Constantini (pianoforte), Roberto Koch (contrabbasso), Daniel Wirtz (chitarra), David Kuckhermann (percussioni), fonde ritmi flamenco, gypsy jazz, ballate romantiche in un’imperdibile combinazione piena di passione ed irresistibile charme.

 

Questo album “Carmen” che va ben oltre i confini musicali, è stato pubblicato nel giugno 2016 dalla Deutsche Grammophon Gesellschaft e, a seguito dei grandi successi ai Festival di Jurmala (Lettonia) e Ravinia, viene ora presentato a Berlino (Kammermusiksaal della Philahrmonie), Monaco di Baviera (Prinzregenttheater) e, in prima italiana, al Teatro Lirico di Cagliari.

 

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 11 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (11 spettacoli) già in vendita da lunedì 16 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

Claudio Constantini- Intensa la carriera internazionale come pianista e fisarmonicista, come compositore ed arrangiatore. È stato invitato dai più importanti festival e sale da concerto del

mondo e molti dei suoi conerti sono stati trasmessi dalle radio e televisioni internazionali. Ha pubblicato tre album come solista, uno di questi “Refelts dans l’eau” dal Primo volume della integrale di Claude Debussy, ha ottenuto eccellenti critiche e la rivista “Fanfare” lo ha messo al secondo posto della top ten 2015. Come fisarmonicista ha esplorato soprattutto tre generi: il tango argentino, la musica classica e il jazz. La combinazione di questi tre generi vive nel “Constantini tangojazz ensemble”. Ha tenuto masterclass in Europa ed in numerosi altri paesi. Ha vinto numerosi premi internazionali, fra cui il Primo Premio al Concorso Piazzolla di Milano e il Primo premio al Concorso Internazionale Litmann di New York. Il Governo olandese gli ha assegnato il Premio HSP Huygens per l’eccellenza dei suoi studi musicali. Nato a Lima in una famiglia di musicisti, si è perfezionato in Finlandia ed in Olanda, diplomandosi poi con tutti gli onori a Parigi.

Roberto Koch – Nato a Caracas, è considerato uno dei più versatili contrabbassisti venezuelani. Si è diplomato alla Escuela de Musica Lino Gallardo di Caracas, perfezionandosi poi in Svizzera. Ha suonato con tutti i più importanti solisti e gruppi venezuelani ed internazionali di jazz e musica classica ed ha inciso più di 50 cd e tenuto masterclass di musica venezuelana in molti centri musicali, fra cui il Barklee College of Musica e l’Università di Tokyo.

David Kuckhermann – Ha studiato percussioni in tutti i possibili stili con docenti come Ustad Fayaz Khan, Benham Samani e Glen Velez. Quando non è in tournée con varie formazioni, tiene masterclass in tutto il mondo, compone musiche per il cinema ed il teatro e produce video di insegnamento per tutti i tipi di percussioni.

Alejandro Loguercio – Molto apprezzato per il suo virtuosismo, ha un’intensa attività sia come solista che con complessi di musica da camera ed orchestre. Il Primo Premio al Concorso Internazionale Luis Angel Arango di Bogotà gli ha spalancato le porte delle maggiori istituzioni concertistiche dell’America Latina. Da allora ha suonato in tutto il mondo fra cui: a Vienna nel quadro delle Wiener Festwochen, al Festival di Rheingau, al Mozart Festival di Wuerzburg e al Festival di Musica da Camera di Bratislava. Oggi vive a Vienna, è concert master dell’Orchestra Max Steiner e continua a collaborare con molte altre orchestre. Intensa anche l’attività cameristica: ha fondato il Trio con pianoforte “Acros” che partecipa regolarmente all’European Chamber Music Academy. Il Trio Acros ha pubblicato il suo primo cd nel 2009 e nel 2013 ha vinto il Premio Josef Windisch. Alejandro Loguercio fa parte anche del Tango-Comedy Quartet “Garufa” e suona con il Rojatango Ensemble, il cui leader è il celebre baritono Erwin Schrott. I primi studi musicali di Alejandro Loguercio si svolgono nell’ambito del celebre progetto “El Sistema”, fondato da Antonio Abreu. Ha studiato poi a Valencia e, nel 2003, si è trasferito a Vienna per continuare gli studi alla Università per la Musica e le Arti di Vienna con Klaus Maeztl dell’Alban Berg Quartet e con Johannes Meissl del Quartetto Artis. Ha frequentato, inoltre, le masterclass di Hatto Beyerle, Alberto Lysy, Gerhard Schlz, Shmuel Ashkenazy.

Ksenija Sidorova – Una del sempre più ampio numero di musicisti lettoni, è sicuramente l’ambasciatore più importante del suo strumento: la fisarmonica. L’attività di Ksenija Sidorova si estende in tutto il mondo, in recital, collaborazioni con importanti artisti (Miklos Karadaglic, Juan Diego Florez, Nicola Benedetti, Thomas Gould, Avi Avital, Joseph Calleja) e concerti con le più importanti orchestre. Di recente è stata invitata a prendere parte alle celebrazioni per i 50 anni di Bryn Terfel alla Royal Albert Hall di Londra ed al celebre Ballo annuale dei Wiener Philharmoniker al Musikverein di Vienna. Nella Stagione 2016-2017 suonerà con orchestre quali: NHK di Tokyo, Liverpool Philahrmonic Orchetra, MDR di Lipsia, le compagini di Hong Kong e Edmonton, Kremerata Baltica, Estonian Festival Orchestra (diretta da Paavo Jarvi).

 

Daniel Wirtz – Si muove, con assoluta libertà, in tutti gli stili che appartengono alla chitarra: la musica folkloristica, la classica, l’improvvisazione e partecipa regolarmente a numerosi progetti musicali. Ha suonato con il Quartetto Stromlarken che si ispira alla musica folkloristica antica della Norvegia. Ha eseguito antichi ritmi siciliani con il complesso Zagara e la cantante Noemi La Terra e suona in concerti con il Duo Dirks&Wirtz, vincitore dell’European Guitar Award. Dal 2014 tiene corsi di chitarra acustica all’Università “Carl Maria von Weber” di Dresda.

 

 

 

 

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Preziose atmosfere moldave nel concerto diretto da Marco Guidarini,

il 3-4 marzo, per la Stagione concertistica 2017

 

Il quinto appuntamento della Stagione concertistica 2017 al Teatro Lirico di Cagliari prosegue, venerdì 3 marzo alle 20.30 (turno A) e sabato 4 marzo alle 19 (turno B), e prevede il ritorno del maestro  Marco Guidarini, che venne a Cagliari per dirigere un apprezzato Requiem di Giuseppe Verdi e che per l’occasione  rilasciò un’ intervista per il mio blog che vi posto di seguito .

Guiderà l’Orchestra del Teatro Lirico, e, in qualità di solisti, si esibiranno alcune prime parti del settore fiati della compagine cagliaritana: Riccardo Ghiani (flauto), Salvatore Chierchia (oboe), Lorenzo Panebianco (corno), Andrea Cellacchi (fagotto). Il concerto prevede anche la presenza del mezzosoprano ceco Ester Pavl?.

Il programma musicale delle due serate presenta: Il Demetrio: ouvertüre di Josef Myslive?ek; Sinfonia concertante in Mi bemolle maggiore per fiati e orchestra K. 297b di Wolfgang Amadeus Mozart; Canti biblici per mezzosoprano e orchestra op. 99 di Antonín Dvo?ák; Sinfonia in Re maggiore “Praga” K. 504 di Wolfgang Amadeus Mozart.

 Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 11 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (11 spettacoli) già in vendita da lunedì 16 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 3 marzo alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Andrea Cellacchi – Nato a Roma nel 1997 è figlio di genitori musicisti. A 10 anni inizia lo studio del fagotto ed a 16 si diploma con lode e menzione d’onore al Conservatorio di Musica “Ottorino Respighi” di Latina. Si impone a 18 anni all’attenzione internazionale vincendo il Primo Premio all’Aeolus International Competition di Düsseldorf e il Primo Premio al The Muri Competition 2016, primo italiano ad aggiudicarsi questi prestigiosi riconoscimenti. È inoltre vincitore del Premio Abbado 2015 e del Primo Premio nei concorsi internazionali di fagotto “AudiMozart 2016”, “Gioachino Rossini” di Pesaro e “Città di Chieri”. A 15 anni viene ammesso all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, dove frequenta il Corso di Perfezionamento di Fagotto tenuto da Francesco Bossone. Ha preso parte a numerose masterclass tenute da: Dag Jensen, Matthias Rácz, Giorgio Mandolesi, Ole Kristian Dahl, Giorgio Versiglia. Attualmente frequenta il Master Music Performance all’Hochschule der Künste di Zurigo nella classe di Matthias Rácz. A 19 anni vince il posto di Primo Fagotto Solista nell’Orchestra del Konzerthaus di Berlino diretta da Iván Fischer. Si è esibito come solista con orchestre quali: Münchner Symphoniker, Izmir State Symphony Orchestra, Meininger Hofkapelle, Düsseldorfer Symphoniker, Argovia Philharmonic, Bad Reichenhaller Philharmonie, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Ha collaborato con: Orchestra della Svizzera Italiana OSI, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra Filarmonica del Teatro Regio, Orchestra Filarmonica di Torino sotto la direzione di John Axelrod, Antonio Pappano, Gianandrea Noseda, Daniele Rustioni. Ha partecipato ad importanti stagioni concertistiche ed a festival europei, tra cui: Rome Chamber Music Festival, Encuentro de Música di Santander, Campus RheinMein di Francoforte; esibendosi con musicisti quali: Alessandro Carbonare, Guglielmo Pellarin, Lawrence Dutton, Hans-Jörg Schellenberger, András Adorján, Eduard Brunner, Lorenza Borrani, Lucas Macías Navarro, Matthias Rácz, Radovan Vlatkovi?.

 

Salvatore Chierchia – Nato nel 1961 ha studiato oboe al Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli. Ha proseguito gli studi seguendo diversi corsi di perfezionamento, sia in Italia che all’estero, sotto la guida di musicisti di fama internazionale come Pietro Borgonovo e Pierre Pierlot. Durante il corso di studi ha svolto intensa attività cameristica per inportanti associazioni musicali. Nel 1984 inizia a collaborare con Roberto De Simone nelle rappresentazioni delle sue opere principali come La gatta Cenerentola, L’opera buffa del giovedì santo e Requiem in memoria di Pier Paolo Pasolini, svolgendo anche diverse tournée all’estero: Stati Uniti, Francia, Argentina Svizzera e Messico, dove ha suonato alla presenza di Leonard Bernstein. In seguito ha iniziato la sua attività di musicista nell’Orchestra “Alessandro Scarlatti” di Napoli ed al Teatro di San Carlo, collaborando con direttori di fama mondiale come Daniel Oren, Wolfgang Sawallisch, Riccardo Muti, Carlo Maria Giulini e collaborato con i solisti dell’Orchestra “Birch Run Funchen” eseguendo, al Conservatorio di Musica di Cagliari, le Serenate di Mozart per ottetto di fiati. Ha svolto attività in qualità di solista, eseguendo il Concerto K. 314 di Mozart, il Concerto in re minore di Vivaldi, il Concerto per oboe ed archi di Benedetto Marcello con l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, dove, dal 1989, ricopre il posto di primo oboe.

 

Riccardo Ghiani – Primo flauto dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari. Cagliaritano, nato nel 1961, si è formato sotto la guida di Salvatore Saddi, Raymond Guiot, Maxence Larrieu. Nel frattempo ha frequentato numerose masterclass tenute da Alain Marion e Robert Dick per il flauto e da Bruno Canino e Maurice Bourgue per la musica da camera. Ha fatto parte, per diversi anni, dell’Ensemble Spaziomusica di Cagliari, con il quale ha svolto un’intensa attività nel campo della musica contemporanea. Parallelamente all’attività di primo flauto dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, viene invitato a collaborare con: ORT Orchestra della Toscana (Firenze); Orchestra Sinfonica di Sanremo; Ensemble Instrumental de l’Ile de France (Paris); Pomeriggi Musicali di Milano; Orchestra Sinfonica Siciliana (Palermo); Orchestra del Teatro Nazionale dell’Opera Roma; Orchestra Haydn di Bolzano e Trento; Konzerthaus Orchester Berlin. Ha suonato sotto la direzione di: Gérard Korsten, Lorin Maazel, Carlo Maria Giulini, Pinchas Steinberg, Cristopher Hogwood, Roberto Abbado, Christopher Hogwood, Gennadi Rozhdestvensky, Raphael Frühbeck de Burgos, Emmanuel Krivine, Georges Prêtre, Iván Fischer, George Benjamin, Frans Bruggen, Ton Koopman, Trevor Pinnock, Peter Schreier, Luciano Berio, Serge Baudo. Ha insegnato nei conservatori di musica di Cagliari, Sassari, Reggio Calabria e Palermo. Dal 1996 al 2001 è stato docente assistente di Aurèle Nicolet all’Accademia Musicale Chigiana di Siena. Dal 2001 al 2006 è stato docente, al fianco di Nicolet, all’Accademia Estiva di Hvar (Croazia). È stato docente dei corsi superiori dell’Accademia Flautistica Travesera Siglo XXI di Madrid. Viene regolarmante invitato a tenere masterclass flautistiche e come membro di giuria in Italia e all’estero. Da diversi anni è invitato come expert agli esami finali di master all’HEM – Haute Ecole de Musique de Geneve. È docente all’Accademia estiva Bosaantica, ai Cursos de Musica de Segovia e all’Accademia “Non solo Flauto” a Poggio Ubertini (Montespertoli). È stato membro fondatore dell’Hoffmansthal Ensemble e condirettore artistico del Festival “Le piace Richard Strauss?”, in collaborazione con il Richard Strauss Institut di Garmisch Partenkirchen.


YouTube Video

 

 

 

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 Elio Boncompagni dirige il contralto Sara Mingardo e i complessi stabili cagliaritani, il 24-25 febbraio, per la Stagione concertistica 2017

 La Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, venerdì 24 febbraio alle 20.30 (turno A) e sabato 25 febbraio alle 19 (turno B), con il quarto appuntamento: ritornano ad esibirsi l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico, diretti, quasta volta, dall’ottantatreenne Elio Boncompagni, «il direttore d’orchestra più vecchio insieme e più giovane che io conosca» come lo ha definito il critico musicale Paolo Isotta. Il romanticismo musicale di Schumann e Brahms per un concerto che vede la presenza anche del contralto veneziano Sara Mingardo, forte di una carriera internazionale che la vede protagonista sia in concerti che in opere liriche. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Il programma musicale delle due serate prevede: Ouvertüre in re minore “Tragica” op. 81 di Johannes Brahms; Nachtlied op. 108 di Robert Schumann; Rapsodia per contralto, coro maschile e orchestra op. 53 di Johannes Brahms; Terza Sinfonia in Mi bemolle maggiore “Renana” op. 97 di Robert Schumann.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 11 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (11 spettacoli) già in vendita da lunedì 16 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 24 febbraio alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto Bernard-Rosenberg

Il prezioso recital del violoncellista Mischa Maisky,

sabato 18 febbraio alle 19, per la Stagione concertistica 2017

 La Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, sabato 18 febbraio alle 19 (turno B), con la seconda, altrettanto imperdibile, serata di ottima musica da camera con un’altra magnifica stella che ritorna a Cagliari dopo nove anni di assenza (l’ultima esibizione, con la figlia Lily, risale al 22 febbraio 2008): il violoncellista lettone, tra i più grandi del mondo, Mischa Maisky che affascinerà il pubblico con la sua interpretazione delle Suite di Johann Sebastian Bach.

Il programma musicale della serata, appunto interamente dedicato al genio creativo di Johann Sebastian Bach (Eisenach, 1685 – Lipsia, 1750), prevede: Suite n. 3 in Do maggiore BWV 1009; Suite n. 2 in re minore BWV 1008; Suite n. 6 in Re maggiore BWV 1012.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 11 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue con i nuovi abbonamenti (11 spettacoli) già in vendita da lunedì 16 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Mischa Maisky – Può vantarsi di essere l’unico violoncellista al mondo ad aver studiato sia con Mstislav Rostropovich che con Gregor Piatigorsky. Rostropovich ha lodato Mischa Maisky con le seguenti parole: «…one of the most outstanding talents of the younger generation of cellists. His playing combines poetry and exquisite delicacy with great temperament and brilliant technique.» Nato in Lettonia, ha studiato in Russia e, dopo il suo rimpatrio in Israele, Mischa Maisky è stato accolto con grande entusiasmo a Londra, Parigi, Berlino, Vienna, New York, Tokyo e in tutti gli altri più importanti centri musicali. Mischa Maisky si considera un cittadino del mondo: «Suono un violoncello italiano, con archetti francesi e tedeschi, corde austriache e tedesche. Mia figlia è nata in Francia, mio figlio maggiore in Belgio, il terzo in Italia e il più piccolo in Svizzera. Guido un’auto giapponese, indosso un orologio svizzero, una collana indiana e mi sento a casa ovunque ci siano persone che amano la musica classica.» Durante gli ultimi 25 anni, con contratto in esclusiva per la Deutsche Grammophon, ha effettuato più di 30 registrazioni con orchestre quali: Wiener Philharmonic, Berliner Philharmonic, London Symphony, Israel Philharmonic, Orchestre de Paris, Orpheus und Chamber Orchestra of Europe. Nel 2000 l’artista ha raggiunto uno dei momenti più alti della sua carriera, impegnando l’intero anno in una lunghissima tournée dedicata a Bach con più di 100 concerti. A dimostrazione della grandissima ammirazione dell’artista per il grande compositore, Mischa Maisky ha registrato le Suite di Bach per la terza volta. Le sue registrazioni sono state acclamate dai critici di tutto il mondo e sono state premiate per ben 5 volte con il prestigioso “Record Academy Prize” a Tokyo, 3 volte con il “Deutscher Schallplattenpreis”, inoltre con il “Grand Prix du Disque” a Parigi e con il “Diapason d’Or of the Year”, cosi come con le ambite Grammy nominations. Musicista di vera fama mondiale, ospite regolarmente dei maggiori festival internazionali, ha collaborato con direttori quali: Leonard Bernstein, Carlo Maria Giulini, Zubin Mehta, Riccardo Muti, Lorin Maazel, James Levine, Vladimir Ashkenazy, Giuseppe Sinopoli, Daniel Barenboim, e con musicisti quali: Martha Argerich, Radu Lupu, Nelson Freire, Evgeny Kissin, Lang Lang, Peter Serkin, Gidon Kremer, Yuri Bashmet, Vadim Repin, Maxim Vengerov, Joshua Bell, Julian Rachlin, Janine Jansen.

 

Cagliari, 16 febbraio 2017

 

 

 

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Per la gioia dei cagliaritani, ma non solo (arrivano da tutta la Sardegna), ecco che riparte la stagione sinfonico-corale al Teatro Lirico di Cagliari.

Hansjörg Albrecht dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico ed inaugura, il 13-14 gennaio, la Stagione concertistica 2017

Venerdì 13 gennaio sarà alle 20.30 (turno A) e sabato 14 gennaio alle 19 (turno B) .

Hansjörg Albrecht, direttore d’orchestra, organista, clavicembalista e direttore artistico del Münchner-Bach Chor Orchester  ritorna a Cagliari dopo i concerti dello scorso febbraio, spetta il compito di guidare l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico in un programma interamente dedicato al genio creativo di Wolfgang Amadeus Mozart. Nel ruolo di solisti si esibiscono il soprano Angela Nisi, il mezzosoprano Marina Ogii, il tenore Davide Giusti e il basso Filippo Fontana. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Il programma musicale delle serate inaugurali prevede il sontuoso Kyrie in re minore per coro e orchestra K. 341, la Sinfonia n. 25 in sol minore K. 183 e il celeberrimo Requiem in re minore per soli, coro e orchestra K. 626 di Wolfgang Amadeus Mozart (Salisburgo, 27 gennaio 1756 – Vienna, 5 dicembre 1791).

Composto, probabilmente, tra il 1780 e il 1781, a Monaco il Kyrie in re minore potrebbe far parte, vista la considerevole strumentazione, di una composizione sacra (Messa) rimasta però incompiuta. «Il tono grave e solenne, le sonorità da una “unica” emozione artistica, danno a quest’opera un posto eminente nella produzione liturgica del Maestro, collocandola non lontano dal Requiem». (Bernhard Paumgartner)

La Sinfonia in sol minore, nota anche come la “Piccola”, per distinguerla dalla “Grande” (in sol minore K. 550), è datata 5 ottobre 1773 e parrebbe che sia stata composta in soli due giorni (subito dopo la composizione dell’opera Lucio Silla), anche se non c’è alcuna fonte scritta che avvalora ciò.

Il Requiem in re minore, come noto lasciato incompiuto da Mozart e completato dall’allievo Franz Xaver Süssmayer sulla base degli appunti dell’autore, viene composto a Vienna tra l’agosto e il dicembre 1791. Solamente l’Introitus viene scritto interamente da Mozart, mentre per quel che riguarda le sezioni dal Kyrie all’Hostias sono di Mozart solo le parti vocali. Del celeberrimo Lacrimosa Mozart scrive solo le prime 8 battute.

 

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), per 15 concerti ciascuno.

La campagna abbonamenti per la Stagione concertistica prosegue, dopo le conferme e variazioni su posti disponibili, con i nuovi abbonamenti già in vendita da lunedì 9 gennaio 2017.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Foto P.Tolu

Giampaolo Bisanti dirige, venerdì 23 dicembre alle 20.30,

l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari,

nel tradizionale Concerto di Natale

 

La Stagione concertistica 2016 del Teatro Lirico di Cagliari si conclude con il ventesimo appuntamento, venerdì 23 dicembre alle 20.30, che prevede, in un un’unica ed attesa serata fuori abbonamento, il tradizionale Concerto di Natale con l’esibizione dell’Orchestra e del Coro del Teatro Lirico, guidati da Giampaolo Bisanti, maestro milanese, tra i migliori interpreti del grande repertorio musicale, che a Cagliari ha diretto, con grande successo, numerosi concerti ed opere liriche. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco. Nel ruolo di soliste si esibiscono il soprano Barbara Crisponi e il mezzosprano Martina Serra.

 

Il programma musicale della serata prevede: Sol Invictus, per coro e orchestra di Orazio Sciortino (nuova composizione, su commissione del Teatro Lirico di Cagliari, in prima esecuzione assoluta); Die Ebriden op. 26 di Felix Mendelssohn-Bartholdy; Ouverture, Scherzo e Finale in Mi maggiore op. 52 di Robert Schumann; Ein Sommernachtstraum op. 61 per soli, coro e orchestra di Felix Mendelssohn-Bartholdy; Jesu bleibet meine freude” dalla Cantata BWV 147 di Johann Sebastian Bach; Zadok the Priest HWV 258 per coro e orchestra di Georg Friedrich Haendel.

 

Al termine del concerto, nel foyer di platea, scambio di auguri e brindisi finale.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

Agli abbonati alle stagioni concertistica e lirica sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di biglietti, mentre per i giovani under 30 sono disponibili biglietti a € 1. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 La serata è realizzata in collaborazione con “Cantine di Dolianova” e “Gransole di Villacidro”.

 Venerdì 23 dicembre alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it)

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

                                                                                                                                                                                                                        

Ecco la Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari

La Stagione concertistica vede impegnati l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico da gennaio a dicembre 2017. Ognuno degli undici programmi musicali proposti è eseguito due volte in abbonamento ed è presentato in “anteprima”, la mattina alle 11, per i giovani delle scuole.

Il complesso corale è impegnato in cinque programmi, in ruoli di assoluta rilevanza, fra cui spicca il Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart del concerto inaugurale.

Ad Hansjörg Albrecht, direttore d’orchestra, organista, clavicembalista e direttore artistico del Münchner-Bach Chor Orchester che ritorna a Cagliari dopo i concerti dello scorso febbraio, spetta il compito, nelle serate inaugurali in abbonamento del 13-14 gennaio, di guidare l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico in un programma interamente dedicato al genio creativo di Wolfgang Amadeus Mozart, di cui verranno eseguiti il sontuoso Kyrie in re minore, la Sinfonia n. 25 e il celeberrimo Requiem in re minore.

Seguono due imperdibili serate di ottima musica da camera con due vere stelle che ritornano a Cagliari dopo diversi anni di assenza: il virtuosistico violinista Vadim Repin, accompagnato dalla pianista Svetlana Smolina (19 gennaio), e il violoncellista lettone, tra i più grandi del mondo, Mischa Maisky che affascinerà il pubblico con la sua interpretazione delle Suite di Johann Sebastian Bach (18 febbraio).

Ritornano entrambi i complessi stabili cagliaritani il 24-25 febbraio, diretti dall’ottantatreenne Elio Boncompagni, «il direttore d’orchestra più vecchio insieme e più giovane che io conosca» come lo ha definito il critico musicale Paolo Isotta.

Il romanticismo di Schumann e Brahms per un concerto che vede la presenza anche del contralto veneziano Sara Mingardo, forte di una carriera internazionale che la vede protagonista sia in concerti che in opere liriche.

Il 3-4 marzo, Marco Guidarini, apprezzata presenza nelle stagioni cagliaritane, dirige l’Orchestra del Teatro Lirico in un insolito programma musicale che prevede Wolfgang Amadeus Mozart giustamente abbinato a Josef Myslive?ek (1737-1781), prolifico compositore ceco, soprattutto in Italia.

Ancora due eccellenti serate cameristiche: il 25 marzo con l’interessante recital di pianoforte del compositore ed artista turco Fazil Say, la cui ultima esibizione a Cagliari risale al dicembre 2009 e il 28 marzo con l’altrettanto interessante recital ispirato alla Carmen di Bizet dell’ensemble di Ksenija Sidorova, giovane e talentuosissima suonatrice di fisarmonica, nata a Riga nel 1988 ma già famosa in tutto il mondo.

Il giovane direttore britannico, di origine asiatica, Alpesh Chauhan, considerato una vera rivelazione, dirige il concerto del 14-15 aprile e quello del 21-22 aprile con Michail Lifits, giovane pianista uzbeko dalla tecnica strepitosa che ritorna dopo il suo recital di piano solo nel 2016.

Pietro Rizzo, uno fra i più talentuosi giovani direttori italiani di oggi, debutta a Cagliari il 19-20 maggio con l’oboe solista della tedesca Viola Wilmsen, vincitrice dei più rinomati concorsi internazionali dello strumento a fiato.

A Gérard Korsten che ritorna ancora sul podio cagliaritano, spetta il compito, nelle serate del 26-27 maggio, di guidare l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico in un programma che spazia da Haydn, Reinecke, fino a Schumann. In particolare nel Concerto in Re maggiore di Carl Reinecke si esibisce Silvia Careddu, flautista di fama mondiale, nata a Cagliari nel 1977 e recentemente ha vinto il concorso come primo flauto dei Wiener Philharmoniker.

Il Duo Perfetto, formazione composta da Robert Witt (violoncello), primo violoncello dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, e Clorinda Perfetto (pianoforte), maestra collaboratrice del Teatro Lirico di Cagliari, che lo scorso agosto ha vinto la 17° edizione del prestigioso Concorso Tim (Torneo Internazionale di Musica) di Torino, per la disciplina della Musica da Camera, si esibisce, per la prima volta nella Stagione concertistica, il 15 giugno.

Dopo la pausa estiva, la rassegna musicale prosegue l’8 e il 9 settembre con il direttore (ma anche pianista e clavicembalista) milanese Antonio Ballista e il pianista bresciano Alessandro Lucchetti in due insolite ed interessanti serate dedicate al ricco patrimonio della canzone italiana della prima metà del Novecento, intitolate Made in Italy.

Il milanese Roberto Abbado che ritorna a Cagliari dopo diversi anni di assenza, dirige, il 6-7 ottobre, l’Orchestra in una locandina che propone, all’ascolto del pubblico, due veri e propri monumenti del repertorio sinfonico: la Quarta di Schumann e la Quarta di Mendelssohn-Bartholdy.

La musica da camera

Concerto da camera: il Belcea Quartet (12 ottobre), uno dei gruppi più interessanti dell’attuale panorama musicale per le sue interpretazioni innovative, conformi al suo motto: «superare i propri limiti e arrivare alla conoscenza attraverso la ricerca costante della verità»;

il recital del ventiseienne moscovita Lukas Geniušas (9 novembre), eccellente astro del pianoforte che presenta un programma dedicato a Chopin e Liszt;

il Novafonic Quartet (7 dicembre), formazione composta da quattro musicisti d’eccezione, solisti e prime parti in importanti orchestre (Gianmaria Melis è primo violino nell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari) che guarda alla contemporaneità della musica, ricercando il confronto e l’interazione tra i generi e gli stili.

Il 3-4 novembre ritorna sul podio Gérard Korsten che, insieme al limpido clarinetto di Sabine Meyer, già prima parte nei Berliner Philharmoniker ed artista di fama internazionale, presenta una prima parte dedicata al Concerto per clarinetto e orchestra di Mozart e, nella seconda parte, la nota Sinfonia n. 2 di Schumann.

A Donato Renzetti, apprezzata ed abituale presenza nelle stagioni cagliaritane, spetta il compito di dirigere, alla guida delle compagini orchestrale e corale, il concerto del 22-23 dicembre che propone, a conclusione della Stagione, le affascinanti sonorità e le preziose suggestioni della musica di Ottorino Respighi.

 


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

I giovani artisti  Giulia Greco e Marco Schirru,  duo violino e pianoforte , si esibiranno Domenica 4 dicembre alle ore 18.00, presso la Sala “S.Pio X” del Museo Diocesano Arborense . Questo sarà  il decimo appuntamento della Rassegna “Domenica in concerto” che si tiene ad Arborea, cittadina dell’oristanese .

Posso dire di aver conosciuto Giulia nel grembo materno, lei è figlia d’arte (entrambi i genitori sono musicisti), ed ha mostrato da subito di avere talento per la musica ed in particolare per il violino. Giulia Greco è nata a Cagliari ne 1997, ed ha  iniziato i suoi studi al conservatorio “ G. P. da Palestrina di Cagliari, ad otto anni.

Attualmente studia è al 9° anno del corso di violino nella classe del prof. Giorgio Oppo. Ha partecipato per 7 anni al progetto orchestrale con la direttrice E. Maschio dove ha ricoperto ruoli da solista.

Nel 2013 ha frequentato il corso di perfezionamento a Castelsardo con il M. Felice Cusano e nel 2014 l’accademia di Cagliari con la M. Stephanie Marie Degand. Ha eseguito nel 2014 in qualità di solista il concerto di Mozart con l’orchestra e sempre nello stesso anno ha partecipato al concorso “la borsa di studio” ottenendo la menzione speciale per l’esecuzione. Nel 2015, nell’ambito dei concerti dei Conservatori, ha partecipato con un quartetto al concerto organizzato dal Museo del violino di Cremona e dalla Galleria Comunale di Cagliari.

Marco Francesco Schirru, nato a Cagliari nel 1994, intraprende lo studio del pianoforte all’età di 11 anni presso il Conservatorio ‘’G.P. da Palestrina’’ di Cagliari dove attualmente è iscritto al decimo anno di pianoforte nella classe della Prof.ssa Aurora Cogliandro.

Nel 2010 frequenta, presso il Conservatorio di Cagliari, la Masterclass del Maestro di fama internazionale Pierluigi Camicia. Nel 2011 è risultato vincitore assoluto della ‘’7° Rassegna Musicale per categorie d’età Agimus’’ con il punteggio di 100/100. Nel Giugno 2012 partecipa all’evento internazionale ‘’ Maclè : divertimento in bianco e nero. Concerto per pianoforte a 4 mani e orchestra di 40 pianoforti ‘’ tenutosi a Pescara , presso l’esposizione dell’illustre accordatore Angelo Fabbrini. Nel 2013 partecipa al ‘’5° Concorso internazionale di esecuzione musicale – Città di Treviso’’ e al ‘’5° Concorso nazionale Dal Classico al jazz’’ nel quale si classifica al primo posto e ottiene il premio per la migliore esecuzione romantica.

Nel dicembre 2013 esordisce, in qualità di solista, con l’Orchestra degli allievi del Conservatorio di Cagliari, eseguendo il Concerto per quattro pianoforti e orchestra di Johann Sebastian Bach. In occasione della XIII e XIV edizione dell’Accademia Internazionale di Musica di Cagliari, prende parte alle Master class tenute dai Maestri Jean-Marc Luisada e Jacques Rouvier.

La Rassegna,arborense è giunta alla 42ª Stagione Concertistica , questa del 2016 è organizzata dall’Ente Concerti “Alba Pani Passino” con il patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna, del Ministero per i Beni e le Attività culturali e Turismo, della Fondazione di Sardegna e la collaborazione del Museo Diocesano Arborense.


Biglietti:
Prezzo dei biglietti: Intero: € 5,00 – Ridotto soci € 3,00 – Ridotto studenti € 1,00
Botteghino il giorno dello spettacolo un’ora prima del concerto
Info: Ente Concerti Alba Pani Passino, Via Ciutadella de Menorca, dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 – 13.00 e dalle ore 15.30 – 19.30.
Tel. 0783.303966 cell. 339/8348608
Mail: enteconcertioristano@gmail.com
Facebook: Ente Concerti Oristano

Programma:

J. Brahms:
Sonata n.1 op.78 in Sol maggiore
I. Vivace, ma non troppo
II. Adagio
III. Allegro molto moderato

L.V. Beethoven:
Sonata 7 op.30 n.2
I. Allegro con brio
II. Adagio cantabile
III. Scherzo. Allegro – Trio
IV. Finale. Allegro

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Quando ho partecipato alla conferenza stampa della stagione sinfonica, sono rimasta attratta nel particolare dalla presentazione del concerto cui ho assistito ieri sera. Le musiche erano di  Jhon Rutter (autore contemporaneo), Franz Shubert e W.Amadeus Mozart. Ciò che mi ha incuriosito maggiormente durante la conferenza stampa di gennaio, è stata la presentazione del baritono Luca Pisaroni che il direttore artistico ha definito come una star mondiale.

Con queste premesse non potevo non ritagliare un po’ del mio tempo per sentire questo artista! Devo dire che mi attendevo qualche cosa fuori dal comune. Così non è stato. Luca Pisaroni è un buon baritono (in qualche momento ho anche avuto il dubbio che potesse essere un tenore) che ha eseguito correttamente una serie di lied di Shubert e Mozart.

Ero seduta in ultima fila di platea e i momenti in cui ho avuto difficoltà a sentirlo sono stati diversi. I brani erano accompagnati dall’orchestra  diretta dal maestro Giampaolo Bisanti, che ha fatto davvero l’impossibile affinchè la voce non venisse sommersa dal suono. L’orchestra del Teatro Lirico di Cagliari ha seguito il gesto sicuro di Bisanti cercando veramente di mettere il baritono in condizioni di poter dare il massimo delle sue qualità.  Personalmente ho sempre sostenuto che i lieder debbano essere accompagnati dal pianoforte col quale sicuramente il baritono si sarebbe trovato pienamente a suo agio.

Come faccio da sempre quando assisto ad un concerto, (soprattutto da quando sono passata dal palcoscenico alla platea), ascolto anche i pareri di chi  in sala occupa i posti in  punti diversi dal mio. Chi stava nelle prime file ha apprezzato il baritono  in tutte le sue sfumature, chi invece era vicino a me ha condiviso la mia delusione.  Di belle voci ce ne sono tantissime e sinceramente definire Pisaroni un fenomeno mi è parso davvero esagerato.

La prima parte del concerto conprendeva l’esecuzione del “Magnificat” per coro e soprano di Jhon Rutter  autore contemporaneo che non conoscevo . La voce solistica era affidata al soprano Daniela Schillaci che è stata all’altezza della situazione. La sua è una voce pulita, timbratissima sempre fuori dall’orchestra sia nel forte che nelle bellissime mezzevoci.  Il coro (preparato da Gaetano Mastroiaco), impegnato in tutti i 40 minuti di musica corale , ha avuto dei bellissimi momenti. Purtroppo i mali di stagione (e la crisi economica dei teatri) ha penalizzato il numero degli artisti del coro, e questo si è sentito soprattutto in quei momenti in cui erano previsti interventi delle singole sezioni.

Il direttore Giampaolo Bisanti (nominato da qualche giorno Direttore Stabile della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari) ha saputo tenere sempre l’orchestra con la giusta dimensione di suono, tale da non prevaricare mai le voci, rara dote per un direttore, che sempre più spesso tende a godere dell’ampiezza del suono dimenticandosi delle vocalità.

La musica di John Rutter è stata per me una bella scoperta. Ricca e mesta, gioiosa e dolorosa. In alcuni momenti mi ha ricordato la colonna sonora di un famoso film, in altri  alcune danze popolari, ma senza mai perdere  di spiritualità considerato l’alta sacralità del testo.

Di seguito un video-documento della serata


YouTube Video

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Giampaolo Bisanti, giovane e affermato direttore d’orchestra, dirigerà a Cagliari dopo il successo dei concerti dello scorso febbraio, un concerto straordinario per raccogliere fondi da inviare alle popolazioni terremotate.

 venerdì 25 novembre ore 11 sempre al Teatro Lirico di Cagliari, ci sarà l’Anteprima per i giovani. Bisanti dirigerà l’ Orchestra e Coro del Teatro Lirico con le voci soliste del soprano Daniela Schillaci e del baritono Luca Pisaroni
maestro del coro Gaetano Mastroiaco

PROGRAMMA
John Rutter Magnificat per soprano, coro e orchestra (1990)
Franz Schubert Memnon D. 541
Franz Schubert Gruppe aus dem Tartarus D. 583
Franz Schubert Litanei auf das Fest Aller Seelen D. 343
Franz Schubert Erlkönig D. 328
Franz Schubert An die Musik D. 547
Franz Schubert An Schwager Kronos D. 369
Wolfgang Amadeus Mozart Don Giovanni: Ouvertüre
Wolfgang Amadeus Mozart Un bacio di mano K. 541
Wolfgang Amadeus Mozart Aspri rimorsi atroci K. 432
Wolfgang Amadeus Mozart Mentre ti lascio K. 513

info: scuola@teatroliricodicagliari.it
0704082326

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La musica è un grande mezzo per stimolare la sensibilità della gente. Ed è con la musica che a Cagliari si sta cercando di raccogliere fondi per dare un po’ di sollievo alle popolazioni colpite dal terremoto che, ahimè  in tante sono ancora in attesa di una sistemazione sicura.

Un gruppo di 16 cantanti sardi (Artisti sardi per Amatrice)  metteranno in rete un brano scritto da uno di loro, il cantautore 19enne Mattia Sanna, i cui proventi andranno tutti alla cittadinanza di Amatrice. Il brano  si potrà scaricare (e quindi in questo modo contribuire alla raccolta fondi),  da tutti i principali store  su internet.

In attesa dell’uscita di questa canzone anche il mondo della musica classica si sta adoperando per lo stesso scopo.

Al Teatro Lirico di Cagliari, VENERDI’ 2 DICEMBRE si terrà un concerto straordinario di beneficenza, in favore delle popolazioni colpite dal sisma, promosso dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Cagliari e dal Comitato UNICEFdi Cagliari

La serata prevede l’esibizione dell’Orchestra del Teatro Lirico, diretta dal giovane maestro milanese Giampaolo Bisanti, tra i migliori interpreti del grande repertorio musicale che ritorna a Cagliari dopo il successo dei concerti dello scorso febbraio. Nel ruolo di solisti si esibiscono: Daniela Schillaci (soprano), Valentina Boi (soprano), Cristina Melis(mezzosoprano), Massimiliano Pisapia (tenore), Roberto Frontali (baritono).

Il programma musicale del concerto prevede l’esecuzione di: Sinfonia da Il Barbiere di Sivigliadi Gioachino Rossini; Tacea la notte placida. Di tale amor e Condotta ell’era in ceppi da Il Trovatore di Giuseppe Verdi; Sì, mi chiamano Mimì da La Bohème di Giacomo Puccini; E lucevan le stelle da Tosca di Giacomo Puccini; Perfidi! Pietà, rispetto, amore da Macbeth di Giuseppe Verdi; Sinfonia da Guglielmo Tell di Gioachino Rossini.

L’ingresso alla manifestazione è gratuito, anche se il ricavato delle offerte, a fine serata, verrà interamente devoluto al Commissario Straordinario per la ricostruzione di una scuola sicura.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

E’ la prima volta che i lavoratori delle fondazioni di tutta Italia si accorpano, superando le distanze geografiche, per chiedere con forza un adeguamento dell’investimento culturale ai livelli europei (Italia penultima in Ue) e uno sforzo organizzativo di tutto il sistema che li riguarda per meglio assolvere allo scopo sociale intrinseco ai teatri: la cultura per tutti i cittadini, nel rispetto dell’art.9 della Costituzione della Repubblica Italiana.

Il 04/11/2016 i lavoratori delle Fondazioni Lirico Sinfoniche, associati liberamente in un Comitato Nazionale, protesteranno contro l’articolo 24 della legge 160 del 7/8/2016, attraverso un presidio speciale presso il Gran Teatro la Fenice di Venezia, che sarà composto dai colleghi veneziani e da delegazioni provenienti da tutta l’Italia. Simultaneamente avrà luogo un volantinaggio presso le altre sedi italiane delle Fondazioni lirico sinfoniche, presso alcuni conservatori di musica e presso le sedi dei principali quotidiani.

L’occasione è la prima assoluta dell’operao con la regia di Damiano Michieletto, composta per il 50° anniversario dell’alluvione del 1966 e che aprirà la stagione 2016/2017 del Teatro La Fenice, inserendosi nel contempo tra i maggiori eventi commemorativi in programma a Venezia.

I lavoratori intendono altresì esprimere con tale iniziativa la loro solidarietà ai colleghi di Verona, duramente colpiti dai provvedimenti contenuti nel piano triennale di risanamento, in cui sono compresi il licenziamento collettivo dell’intero corpo di ballo e una lunga sospensione dal lavoro non retribuita degli altri settori in forza presso la Fondazione Arena.

I teatri coinvolti nell’iniziativa sono: il Comunale di Bologna, il Lirico di Cagliari, il Maggio Musicale Fiorentino, il Carlo Felice di Genova, il San Carlo di Napoli, il Teatro dell’Opera di Roma, il Regio di Torino, il Verdi di Trieste, la Fenice di Venezia, il Teatro Massimo di Palermo.

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

I edizione della “Giornata nazionale dei Teatri aperti”:

il Sogno di una notte di mezza estate di Felix Mendelssohn,

sabato 22 ottobre alle 19, nel foyer di platea del Teatro Lirico

 Sabato 22 ottobre alle 19, nel foyer di platea del Teatro Lirico di Cagliari, si esibisce il Coro femminile del Teatro Lirico, diretto da Gaetano Mastroiaco, in un particolare ed interessante concerto straordinario dedicato alla musica romantica. Nel ruolo di voci soliste cantano Barbara Crisponi (soprano) e Martina Serra (mezzosoprano), mentre l’accompagnamento al pianoforte a quattro mani è di Angela Oliviero e Michele Nurchis.

La manifestazione è inserita nella I edizione della “Giornata nazionale dei Teatri aperti e altri luoghi per lo spettacolo dal vivo”, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Mibact) e dall’Associazione Generale Italiana dello spettacolo (Agis), in collaborazione con la Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE). L’iniziativa intende promuovere ed incentivare la fruizione del teatro, offrendo gratuitamente spettacoli di varia natura all’insegna della cultura e dell’intrattenimento.

 

Il programma musicale della serata prevede: Sogno di una notte di mezza estate op. 61 per soli, coro femminile e pianoforte di Felix Mendelssohn-Bartholdy (Amburgo, 1809 – Lipsia, 1847).

Composte nel 1843, su commissione del re di Prussia Federico Guglielmo IV, Ein Sommernachtstraum (Sogno di una notte di mezza estate) sono le musiche di scena per l’omonima commedia shakespeariana. Si tratta di dieci pezzi musicali, fra cui la celeberrima Marcia nuziale, che il compositore scrive nella piena maturità artistica e che sono ritenuti il suo capolavoro, oltre che una delle pagine più famose della musica romantica ottocentesca.

L’ingresso alla manifestazione, della durata di 40 minuti circa, è libero, fino ad esaurimento posti.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Coro del Teatro Lirico di Cagliari – Protagonista di un’importante attività che, a partire dal dopoguerra, lo ha portato ad eseguire oltre cento titoli di lirica, si qualifica anche per la capacità di affrontare il repertorio sinfonico. Ha avuto tra i suoi direttori Bonaventura Somma, Roberto Benaglio, Giorgio Kirschner e, in anni recenti, è stato diretto dal 1997 al gennaio 2005 da Paolo Vero, dal giugno 2005 al dicembre 2007 da Andrea Faidutti, dal gennaio 2008 al dicembre 2011 da Fulvio Fogliazza, dal gennaio 2012 al novembre 2014 da Marco Faelli e, dal dicembre 2014, da Gaetano Mastroiaco. La disponibilità e la capacità di interpretare lavori di epoche e stili diversi in lingua originale sono caratteristiche che lo hanno reso tra le compagini più duttili ed apprezzate da direttori d’orchestra e registi. Il complesso ha avuto particolare cura per le opere di compositori del Novecento, tra cui Le Roi David di Honegger, Stabat Mater di Poulenc, Assassinio nella cattedrale di Pizzetti, Sinfonia di Salmi di Stravinskij, Coro di morti di Petrassi, La visita meravigliosa di Rota, Stabat Mater di Szymanowski. Tra le interpretazioni delle ultime stagioni hanno particolare rilievo il Te Deum di Berlioz con la direzione di Gabor Ötvös, la Seconda Sinfonia di Mahler con Alun Francis, il Requiem e la Messa dell’Incoronazione di Mozart con Ton Koopman, il Requiem di Cherubini diretto da Frans Brüggen, il Requiem tedesco di Brahms e La Creazione di Haydn con Gérard Korsten, la Passione secondo Giovanni e la Passione secondo Matteo di Bach con Peter Schreier, le opere Sebastian, tratta da Le martyre de Saint-Sébastien di Debussy (prima produzione italiana), con la direzione di Georges Prêtre, ?erevi?ki di ?ajkovskij diretta da Gennadi Rozhdestvensky. Negli anni scorsi ha collaborato con registi quali Dario Fo, Beni Montresor, Stefano Vizioli, Lorenzo Mariani, Filippo Crivelli, Luca Ronconi, Hennings Brockhaus, Alberto Fassini, Denis Krief, José Carlos Plaza, Stephen Medcalf, Pier Luigi Pizzi, Graham Vick. Sotto la guida di Lorin Maazel ha eseguito con successo la Nona Sinfonia di Beethoven nel 1999, e l’anno successivo in un’apprezzata versione multimediale. Nel 2002 il Coro, insieme all’Orchestra del Teatro Lirico, ha rappresentato l’Italia nell’ambito della rassegna Italienische Nacht, organizzata dalla Bayerischer Rundfunk al Gasteig di Monaco di Baviera e trasmessa in diretta dalla radio bavarese. Particolarmente apprezzate sono state, inoltre, le esecuzioni della Liturgia di San Giovanni Crisostomo di ?ajkovskij e il Vespro in memoria di S. Smolenskij di Rachmaninov. Nel giugno 2003 ha eseguito, con la New York Philharmonic diretta da Lorin Maazel, brani da Porgy and Bess di Gershwin. Per la casa discografica Dynamic ha inciso Die Feen di Wagner, Dalibor di Smetana, (premiate, rispettivamente, da “Musica e Dischi” quale miglior disco operistico italiano del 1997, e da “Opéra International” col “Timbre de Platine” – gennaio 2001), ?erevi?ki di ?ajkovskij, Die ägyptische Helena di Richard Strauss, Goyescas di Granados e La vida breve di De Falla, la Passione secondo Giovanni di Bach, Euryanthe di Weber, Opri?nik di ?ajkovskij, Alfonso und Estrella di Schubert, Hans Heiling di Marschner, Chérubin di Massenet, Die Vögel di Braunfels, Lucia di Lammermoor di Donizetti. È in preparazione l’edizione discografica di A Village Romeo and Juliet di Delius. Per la Rai ha registrato, nel 1998, La Bohème (con Andrea Bocelli nel ruolo di Rodolfo), trasmessa in tutto il mondo, e, nel 2003, Don Pasquale (edito in dvd da Rai Trade).

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

soprano Barbara Crisponi

Sogno di una notte di mezza estate” op. 61 per soli, coro femminile e pianoforte di Felix Mendelssohn-Bartholdy sarà rappresentata al Teatro Lirico di Cagliari in un concerto straordinario, Sabato 8 ottobre alle 19 e domenica 9 ottobre alle ore  11 in una edizione per coro femminile e pianoforte .

Nel ruolo di voci soliste cantano Barbara Crisponi (soprano) e Martina Serra (mezzosoprano), mentre l’accompagnamento al pianoforte a quattro mani è di Angela Oliviero e Michele Nurchis.

Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Composte nel 1843, su commissione del re di Prussia Federico Guglielmo IVEin Sommernachtstraum (Sogno di una notte di mezza estate) sono le musiche di scena per l’omonima commedia shakespeariana. Si tratta di dieci pezzi musicali, fra cui la celeberrimaMarcia nuziale, che il compositore scrive nella piena maturità e che sono ritenute il suo capolavoro, oltre che una delle pagine più famose della musica romantica ottocentesca.

L’ingresso alla manifestazione, della durata di 40 minuti circa, è limitato, fino ad esaurimento posti.

Prezzi: posto unico (non numerato) € 1; è possibile la prenotazione per telefono/mail.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni e prenotazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223,biglietteria@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube.

Biglietteria online: www.vivaticket.it

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dopo il grande successo riscontrato a giugno, torna a Cagliari, per il   quindicesimo appuntamento della stagione sinfonica, il  giovane direttore d’orchestra  britannico, di origine asiatica, Alpesh Chauan, con lui  Olli Mustonen, giovane pianista finlandese dalla tecnica strepitosa, la cui ultima esibizione a Cagliari risale al marzo 2004.

venerdì 16 settembre alle 20.30 (turno A) e sabato 17 settembre alle 19 (turno B),  il programma è così articolato: :

Leonore: Ouvertüre n. 3 in Do maggiore op. 72a di Ludwig van Beethoven;

Concerto in modo misolidio per pianoforte e orchestra P. 145 diOttorino Respighi;

Quarta Sinfonia in Si bemolle maggiore op. 60 di Ludwig van Beethoven

Venerdì 16 settembre alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioniServizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it)

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioniBiglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it,www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it


YouTube Video

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Photo Christina O’Dell

Il tenore cagliaritano Andrea Pinna da qualche anno vive in Canada ad Edmonton dove alterna il suo lavoro a quello di cantante. Spesso è ospite in manifestazioni e  concerti dove ha la possibilità di eseguire  la nostra musica italiana.

Questa estate  ha avuto la grande opportunità di sperimentarsi anche nell’Opera Lirica  Italiana dove è stato scritturato per il difficilissimo ruolo di Turiddu della celebre opera Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni.

La Cavalleria Rusticana è inserita nell’ Edmonton Fringe Festival che  si tiene ogni agosto a Edmonton, Alberta, Canada.

L’opera che si sta rappresentando nella chiesa della Santissima Trinità, è eseguita in lingua originale ma il pubblico ha la possibilità di seguirla con la traduzione.  Chi si trovasse in zona trova tutte le info per acquistare i biglietti e scegliere la data, in questo link 

Sotto Andrea Pinna durante un  concerto del Edmonton Fringe Festival 2016


YouTube Video

 

 

 

 

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Questo è un post che mi esce dal cuore. Mi indigno davanti all’ignoranza e all’invidia di certi giornalisti che parlano di privilegi agli artisti del coro (e non coristi) e ai professori d’orchestra (e non orchestrali) senza sapere nulla!

Leggere certi articoli che diffamano coloro che hanno dedicato la propria vita, sin dall’adolescenza, alla preparazione della professione di musicista,  mi fa davvero molto male!

Leggo tra le righe di certi articoli di importanti testate giornalistiche un’invidia che si tocca con mano. Si , è vero, siamo privilegiati , e questo da molto fastidio. Siamo privilegiati perchè leggiamo una lingua, la musica, che non tutti possono leggere. Perchè facciamo musica bene, col cuore e suscitiamo emozioni nella gente che viene ad ascoltarci. La facciamo  bene perchè abbiamo studiato per farla bene, abbiamo speso di tasca per corsi, perfezionamenti, master class; per acquistare strumenti che potessero esprimere al meglio la nostra musica; perchè abbiamo superato selezioni difficilissime per poter accedere al posto che occupiamo o che abbiamo occupato. I miei genitori si indebitarono a lungo per potermi acquistare un pianoforte che mi permettesse di portare avanti ciò che era segnato nel mio DNA.

Mi fanno ancora ridere i giornalisti che prendono in giro i professori d’orchestra che si lamentano dell’umidità che potrebbe causare danno ai propri strumenti. Ma perchè non si documentano prima di scrivere,  per capirne il motivo?

Per poter mantenere sempre in buone condizioni uno strumento (violino, violoncello, arpa ecc) bisogna spendere periodicamente cifre che, se venissero fuori dal  solo stipendio non rimarrebbero i soldi per campare. Quando si suona all’aperto per la gioia del pubblico che ama gli spettacoli estivi, gli strumenti sono sottoposti a continui stress. Se si rovina, cosa faccio? Me lo compro nuovo?  Forse non tutti sanno che un buon strumento costa quanto un appartamento. O forse qualcuno potrebbe dire che si può spendere meno? Immaginate una gara di formula uno fatta con una “500″.

Per un artista del coro poi le spese sono quelle dei controlli otorinolaringoiatrici  perchè il suo “strumento”, la laringe,  (anch’esso sottoposto a grandi stress)  non durerebbe tutti gli anni di lavoro previsti dal contratto.

E l’indennità vestiario?

Noi abbiamo una divisa che per i concerti  è l’abito da sera per le donne e lo smoking o il frac per gli uomini . Quando si eseguono decine di concerti, ogni giorno, in piena estate, e si suda tanto, tantissimo, quanti abiti da sera si dovrebbero avere? Anche per gli abiti si deve avere un certo riguardo per poterli far durare più a lungo, e i costi di una lavanderia non sono quelli di un camice bianco o di una tuta da meccanico (con tutto il rispetto) .

E poi, cosa sono le indennità che riguardano i costumi di scena? Sono molto rare e solo in casi particolari.  Non posso dimenticarmi delle opere fatte in anfiteatro con 35 gradi di temperatura, indossando giacche e cappotti di lana, o gli uomini  con corazze di ogni tipo, dove a malapena si riusce a respirare per poter cantare. Capricci? Piccoli disagi direte?

Quel giornalista dovrebbe fare una prova, come quel reality inglese dove il capo ogni giorno si mette nei panni dei lavoratori per capirne meglio i problemi.

Facciamolo un viaggio nel modo dei musicisti, un bel documentario, particolareggiato , realizzato dietro le quinte (e dire che ne ho fatto tanti per questo mio blog) , di quei documenti che se il giornalista in questione li avesse visti non si sarebbe espresso come ha fatto.

Mi sono stufata di leggere con un certo godimento da parte di chi scrive che “finalmente si taglieranno i finanziamenti pubblici ai teatri lirico-sinfonici!”  Certamente in altri paesi del mondo, quelli dove si acquistano i biglietti un anno prima per poter essere presente agli spettacoli  di questo e quel festival, che fanno la fila per ascoltare un artista italiano, non godranno leggendo questo sfacelo. L’ Italia, la patria del “Belcanto” e il suo sistema che crolla come un castello di sabbia.

Ah, piccolo particolare da non trascurare:  nelle fondazioni Lirico-sinfoniche ci  sono persone  che lavorano sodo per portare la pagnotta a casa.Ma tagliamo anche questi posti di lavoro, su!

E allora, signori giornalisti, prima di scrivere stupidaggini, sciacquatevi la bocca e non scrivete solo per sentito dire, magari da coloro che prima hanno mangiato a piene mani spandendo e spendendo, e poi ci hanno sputato sopra scaricando tutte le responsabilità dei fallimenti a chi ha sempre fatto onestamente il proprio lavoro!

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

LA LIRICA NON DEVE MORIRE
di Lorella Pieralli
Con l’approvazione del DL 2495 attraverso l’ennesimo voto di fiducia, il Governo affossa per sempre la lirica italiana condannando i Teatri ad un declassamento inevitabile poichè negherà il suo sostegno economico venendo meno al suo dovere costituzionale. Questo porterà l’Italia ad essere fanalino di coda della produzione di Teatro musicale, arte nata nel nostro paese, privando i cittadini di un importante pezzo di identità culturale, la cui qualità verrà ridotta a livelli inaccettabili.
Per questo chiediamo al Presidente Sergio MATTARELLA di non firmare questo odioso provvedimento e di porsi quale argine in difesa dell’articolo 9 della Costituzione Italiana che impegna lo Stato a tutelare, promuovere e difendere il patrimonio culturale quale bene comune di tutti i cittadini.
Con questo provvedimento si abbandonano i Teatri d’Opera italiani alla privatizzazione selvaggia tanto attesa dalle agenzie e dai comitati d’affari, anche stranieri, che si impadroniscono dei nostri beni comuni. I giovani musicisti lasceranno il paese o saranno destinati all’umiliazione di un lavoro precario sottopagato e a tempo perso, mentre i loro colleghi di tutta Europa e del mondo sono trattati in modo ben diverso! Mentre gli amministratori incapaci e corrotti rimarranno impuniti al loro posto a gestire quel che resta di una dei più importanti asset culturali del paese.
Questa petizione sarà consegnata a:     Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Tag:, , , , , ,

Comments 2 Commenti »

Silvia Colasanti e i complessi artistici del Teatro Lirico di Cagliari rendono omaggio al sito di Barumini Patrimonio dell’Umanità

Martedì 26 luglio alle 21, nella suggestiva cornice dell’Area archeologica di “Su Nuraxi” a Barumini, sito Patrimonio dell’Umanità, la compositrice Silvia Colasanti, in assoluto tra i migliori talenti nella composizione classica contemporanea, presenta, su invito del Teatro Lirico di Cagliari ed in prima esecuzione assoluta, un brano per violoncello solo. La pagina, scritta per l’occasione, è intitolata Lamento e, spiega Silvia Colasanti, «dispiega sonorità arcaiche e arabeschi lontani, riletti oggi da un violoncello in forma di Lamento, ad evocazione delle suggestioni e delle antichissime origini di Barumini». Solista al violoncello è Robert Witt che ricopre il ruolo di prima parte nell’Orchestra della fondazione cagliaritana.

 La seconda parte della serata è un Omaggio a Giuseppe Verdi ed è dedicata a celeberrime pagine d’opera, nell’interpretazione di Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari, diretti da Francesco Ommassini. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Il programma musicale, ovviamente interamente dedicato a Giuseppe Verdi, prevede: Giovanna d’Arco: Sinfonia; Macbeth: Coro delle streghe; Un giorno di regno: Sinfonia; I due Foscari: Preludio; Alla gioia; Tace il vento; Oberto, conte di San Bonifacio: Sinfonia; Il Trovatore: Coro degli zingari; Attila: Preludio; I Lombardi alla prima Crociata: O Signore, dal tetto natìo; La Traviata: Preludio; Coro di zingarelle e mattadori; Rigoletto: Scorrendo uniti; Nabucco: Sinfonia; Và pensiero.

Un’occasione eccezionale e preziosa per ascoltare, nuovamente o per la prima volta, sinfonie, cori, brani famosi e popolari del massimo operista italiano: Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 – Milano, 1901).

 La manifestazione ha una durata di un’ora circa.

 Prezzi biglietti: posto unico € 5,00.

 Vendita e informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, fax 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it. Biglietteria area archeologica di “Su Nuraxi” a Barumini, aperta tutti i giorni dalle 9 alle 20 (il giorno dello spettacolo fino alle 21), viale Su Nuraxi, Barumini, telefono +393771805443, info@fondazionebarumini.it, www.fondazionebarumini.it,

Facebook: BARUMINI: Su Nuraxi – Casa Zapata – Centro Giovanni Lilliu, Twitter: Fondazione Barumini, Instagram: Fondazione Barumini.

 La serata è realizzata in collaborazione con il Comune di Barumini e la Fondazione Barumini Sistema Cultura.

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Corso di violino barocco e musica d’insieme per archi 26-29/7/2016 Docente M° Enrico Parizzi
Corso di Violoncello barocco 26-29/7/2016 M°Adriano Fazio
Corso di chitarra, liuto, tiorba, prassi antica e intavolatura M°Massimo Lonardi

MASSIMO LONARDI
nato a Milano, ha studiato composizione con Azio Corghi e si è diplomato in chitarra classica con Ruggero Chiesa presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. In seguito si è specializzato nella prassi esecutiva del liuto seguendo seminari di studio a Milano,Firenze, Venezia e Basilea con il liutista Hopkinson Smith.
Svolge attività concertistica in Italia e all’estero. Ha curato edizioni di opere di Claudio Monteverdi e Girolamo Frescobaldi, una raccolta di musica popolare tedesca in collaborazione con Brigitte Gras e uno studio sulla realizzazione liutistica del basso continuo.
Ha preso parte a registrazioni radiofoniche e televisive ed effettuato cinquanta incisioni discografiche collaborando con numerosi gruppi di musica antica, tra i quali il Conserto Vago da lui fondato con la clavicembalista Ero Maria Barbero. Come solista ha registrato cd dedicati a Francesco da Milano e Petro Paulo Borrono, a Joan Ambrosio Dalza e alle composizioni per vihuela di Luys Milan. Ha inciso antologie dedicate alle musiche per arciliuto del Barocco italiano, alle composizioni per chitarra rinascimentale (Comienca la musica para guitarra), ai compositori spagnoli (Libros de musica para vihuela) e alla musica del tempo di Leonardo da Vinci (La figurazione delle cose invisibili, con la cantante Renata Fusco).
Il cd monografico dedicato alle composizioni per liuto di John Dowland ha vinto il primo premio per la musica strumentale “Musica e Dischi . Ha registrato i Concerti e Trii per liuto ed archi di Antonio Vivaldi e le Villanelle alla napolitana con Renata Fusco per la rivista Amadeus e, per la Rivista Classic Voice, coll.Antiqua, Musiche per liuto nelle stampe veneziane del’500. Da alcuni anni collabora con Matteo Mela e Lorenzo Micheli con i quali ha registrato un cd dedicato alle musiche per liuto, chitarra barocca e tiorba di Andrea Falconieri (La Suave Melodia).
Insegna liuto e musica d’assieme per strumenti antichi presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali Franco Vittadini di Pavia , la Scuola di Musica Antica di Venezia ed i corsi estivi “Chitarra e altro” di Brisighella e “ILMAestate”di San Vito al Tagliamento. Dal 1990 è succeduto Ruggero Chiesa nell’insegnamento presso i corsi internazionali di perfezionamento di Gargnano.

ADRIANO FAZIO
vincendo a Napoli il Premio delle Arti, promosso dal M.I.U.R. sezione Musica Antica-Solisti ed a Parigi il Prix musical de l’Ambassadeur de Suisse en France et de la Fondation Royaumont si afferma come giovane talento nel panorama internazionale della musica antica.
Il suo brillante percorso artistico ha inizio appena quindicenne, chiamato ad esibirsi a Chicago in tournée con il pianista John Smith per la Fondazione “Belcanto” e per la North Western University. Contemporaneamente agli studi in Svizzera si è diplomato in Italia con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica “Vincenzo Bellini” di Palermo sotto la guida di Carmelo Nicotra. Nel proprio personale percorso di ricerca delle potenzialità espressive dello strumento, ha concentrato la propria attenzione sulle sonorità e le architetture della musica barocca. Dedicatosi dunque allo studio del violoncello barocco, ha conseguito la laurea di secondo livello con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale sotto la guida di Andrea Fossà. L’incontro con due delle più grandi personalità del panorama musicale internazionale, il violoncellista Christophe Coin e il direttore d’orchestra Antonio Florio, gli ha consentito di approfondire e perfezionare la prassi interpretativa dei componimenti di autori d’epoca barocca.Svolge un’intensa attività concertistica che lo ha portato ad esibirsi per Associazioni, Enti e Fondazioni in Francia, USA, Svizzera e Italia, in particolare per l’Associazione Dino Ciani di Milano, l’Accademia Chigiana di Siena, la Cité de la Musique di Parigi, l’Associazione per la musica antica Antonio Il Verso, il Conservatorio “Vincenzo Bellini” di Palermo, la Fondazione Royaumont, Arezzo Summer Festival, la Fondazione Teatro Massimo di Palermo, I Turchini di Antonio Florio, il Club Unesco di Benevento, l’Orchestra Barocca Siciliana, lo Scarlatti Lab del Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli, l’ISMEZ di Roma, l’AME di Catania, il Centre Culturel de Rencontre d’Ambronay. La nota etichetta discografica STRADIVARIUS ha pubblicato il suo primo disco dedicato alle musiche per violoncello barocco solo di J.S. Bach, G.M. Dall’Abaco, F. Supriano, G.B. Vitali, D. Gabrielli. Suona un violoncello anonimo, di presumibile provenienza ceca, degli inizi del 1800.

ENRICO PARIZZI
Violinista e violista, è stato tra i primi ad occuparsi di prassi esecutiva in Italia.
Ha collaborato con alcuni tra i maggiori specialisti della musica rinascimentale e barocca, come Renè Jacobs, Gabriel Garrido, Rinaldo Alessandrini, Konrad Junghänel, Dominique Visse, Jordi Savall, Bruce Dickey, Alan Curtis, Alice Piérot, Nigel Rogers, Maria Cristina Kiehr, Rolf Lislevand, Fabio Biondi, Enrico Onofri, Giovanni Antonini, François Fernandez, Diego Fasolis, Enrico Gatti, Riccardfo Minasi e tanti altri, con musicisti classici quali Giuliano Carmignola e Mariella Devia, compositori, musicisti popolari, di jazz, come Bireli Lagrène, di musica improvvisata, come Michel Godard.
E’ stato violino di spalla nel Parlement de Musique con Martin Gester, nel Teatro Armonico di Alessandro De Marchi, e nell’orchestra Ad Fontes di Zurigo. Attualmente, collabora come I viola con l’orchestra “Il Pomo d’Oro”. E’ stato ospite dei più importanti festival e stagioni concertistiche in tutta Europa, U.S.A., Canada ed Israele.
Ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive in Italia ed all’estero ed ha al suo attivo oltre 70 CD per varie case discografiche, tra cui Astrée-Auvidis, Harmonia Mundi France, Alpha, Naïve, Accord, Ricercar, K617, Naxos, Opus 111, Symphonia, France Musique; le incisioni a cui ha partecipato hanno vinto numerosissimi premi, tra cui Diapason d’Or de l’année, Choc du Monde de la Musique, 10 de Répértoire, Académie Charles Clos, Premio Vivaldi di Venezia.
Insegna Violino e viola del periodo barocco e classico presso il Conservatorio di Musica “San Pietro a Majella” di Napoli ed al Conservatorio di Verona, ed ha tenuto stages di violino, viola e orchestra barocca a Strasburgo, Oporto, Glasgow, Avignone, Verona, Corinaldo (AN), Montescaglioso (MT), Valdagno (VI). Inoltre, ha collaborato con l’Università di Tours e con l’Università di Rennes 2 per ricerche sulla musica italiana in Francia.

Costo di frequenza €170,00 effettivi – €80,00
Scadenza iscrizioni 12/07/2016
Info acmusicateatro@gmail.com

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La soddisfazione di plasmare una voce dal nulla e vederne i risultati è immensa. Il primo insegnante di canto è come il maestro delle scuole elementari che insegna a scrivere  le prime paroline fino alla composizione di una frase.

Nel canto le prime cose da migliorare sono i suoni emessi attraverso le vocali e le consonanti. Quei suoni che prima erano fissi, sgraziati , aperti e  sfiatati, diventano pian piano timbrati, morbidi e piacevoli all’ascolto. Quel fiato prima ansimante e alto, diventa naturale senza costrizioni del collo e delle spalle e soprattutto senza contrazioni del viso. Questo verrà emesso con delicatezza  come a voler simulare un massaggio sulle corde vocali. L’insegnante deve avere molta pazienza e costanza, e soprattutto capacità comunicativa. Non ci sono vocalizzi standard ma questi devono essere personalizzati in base alle esigenze del singolo allievo.  Anche l’allievo deve avere molta pazienza , collaborando col maestro ed   esercitandosi  nei giorni di pausa da una lezione all’altra solo su ciò che l’insegnante chiede senza strafare. .

Nel passaggio dai vocalizzi al’uso della parola sulla melodia, il lavoro importante è quello dello studio del legato. La parola, ben articolata non deve interrompere la colonna del suono. Il risultato è sorprendente.

Il lavoro più impegnativo è sicuramente quello di riuscire a far amalgamare la voce nel punto d’incontro dei passaggi di registro   senza  scalini e interruzioni di suono.

Alla fine dell’anno, gli studenti che hanno raggiunto un buon risultato,  si esibiscono in un saggio finale, davanti ad un  pubblico di amici e parenti.  La reazione davanti al pubblico con il controllo dell’emozione fa parte del gioco.

Nel video sottostante l’allieva Chiara Irde della scuola Vi.U. Music Academy di Cagliari alla sue prima  esibizione pubblica.


YouTube Video

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Star Wars, suite per orchestra di John Williams; Concerto per quartetto di sassofoni e orchestra di Philip Glass; Romeo e Giulietta, suite dal balletto op. 64 di Sergej Prokof’ev ,  è il programma che il Signum Saxophone Quartet, con l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari diretta da Alpesh Chauhan, presenterà il 3-4 giugno, per la Stagione concertistica 2016.

Il giovane direttore  britannico, di origine asiatica è considerato una vera rivelazione. Il  Signum Saxophone Quartet (Blaž Kemperle sassofono soprano, Erik Nestlersassofono alto, Alan Lužar sassofono tenore, Guerino Bellarosa sassofono baritono), giovane, talentuoso ed acclamato ensemble  raccoglie ovunque unanimi consensi di pubblico e critica e  ritorna a Cagliari dopo lo straordinario concerto del 2014.

foto di Priamo Tolu

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

Prosegue, invece, la vendita di abbonamenti agli ultimi 8 concerti della Stagione concertistica: in particolare si possono acquistare da lunedì 22 febbraio, fino a giovedì 5 maggio, per il turno A e da lunedì 7 marzo, fino a sabato 4 giugno, per il turno B.

Prezzi abbonamenti (8 concerti): platea € 135,00 (settore giallo), € 125,00 (settore rosso), € 105,00 (settore blu); I loggia € 125,00 (settore giallo), € 100,00 (settore rosso), € 80,00 (settore blu); II loggia € 45,00 (settore giallo), € 45,00 (settore rosso), € 35,00 (settore blu).

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 3 giugno alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it)

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it,www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

ROMA – 7 APRILE 2016 – Sono oltre un milione e duecento mila gli spettatori che nel 2014 hanno assistito ai concerti e agli spettacoli (circa 7.500 repliche) realizzati dalle realtà del mondo della lirica e della musica rappresentate dai teatri di tradizione, dalle istituzioni concertistiche orchestrali, dai festival, dalle società di concerto e dalle attività di lirica ordinaria.

E’ questo uno dei dati (scarica schede di sintesi) emersi oggi nel corso della presentazione del Quaderno, realizzato da Federmusica/Agis, La lirica e la musica sommerse. Rapporto sulle Istituzioni liriche e musicali al di là delle fondazioni lirico-sinfoniche che si è svolta a Roma presso la Presidenza Nazionale dell’Agis. Il Quaderno (NEDEDIZIONI) esamina gli aspetti relativi ai modelli giuridici di gestione, all’organizzazione, alle tipologie contrattuali di lavoro e alla contrattazione collettiva, ai risultati economico-finanziari, alla domanda, all’offerta e alle strategie di promozione dei Teatri di Tradizione, delle Istituzioni Concertistiche Orchestrali, dei Festival di lirica e musicali, delle Società concertistiche, dei Festival di jazz, delle attività di lirica ordinaria e delle Bande musicali. Lo studio è stato realizzato sulla base di questionari sottoposti alle realtà di spettacolo in esame.

In particolare risulta che le 11 istituzioni concertistico orchestrali (ICO) prese in esame hanno realizzato circa 1300 repliche (1129 concerti e 168 recite liriche), registrando 494.567 spettatori, con un grado di copertura dei posti a sedere del 57,6%. Sul fronte del campione di 13 teatri di tradizione sui 29 riconosciuti, sono state realizzate 204 recite liriche e 161 concerti, per 214.775 spettatori.

Per quanto riguarda il campione di 7 festival, sono stati realizzati 130 concerti e 22 recite liriche che hanno registrato 67.641 spettatori. I dati illustrano inoltre un quadro positivo delle realtà esaminate, caratterizzate da una gestione economico-finanziaria in equilibrio e bilanci sani, e da strutture dotate di organizzazioni snelle e funzionali.

Con le risorse provenienti dal Fondo unico per lo spettacolo, la prima fonte tra le entrate pubbliche delle ICO e dei festival, viene coperto il 33,24% del costo totale delle ICO e il 30% di quello dei festival. I contributi dei Comuni, la prima fonte tra le entrate pubbliche dei teatri di tradizione, coprono il 27% del costo totale dei teatri di tradizione.

La presentazione di oggi è stata aperta da Carlo Fontana, presidente Agis, che ha sottolineato come i dati contenuti nel Quaderno evidenzino la vivacità e la ricchezza di iniziativa delle attività liriche e musicali, pur nelle difficoltà affrontate ogni giorno. Fontana ha inoltre annunciato che in Agis si sta lavorando alla costituzione di una Federazione dello spettacolo dal vivo che riunirà le diverse associazioni del settore con l’obiettivo di interloquire in modo unitario e sempre più propositivo con le Istituzioni.

Anche Francesco Punzi, presidente di Federmusica, ha sottolineato l’intraprendenza e il coraggio della attività della lirica e della musica messe in evidenza dai dati raccolti. Punzi ha parlato di un mondo estremamente variegato che nella sua diversità porta avanti un lavoro indispensabile su tutto il territorio nazionale, consentendo ai vari pubblici di assistere a spettacoli e concerti di altissima qualità.

Nel corso della presentazione sono intervenuti anche il professore di diritto amministrativo all’Università Tor Vergata di Roma, Eugenio Picozza, e il presidente del CLES – Centro di ricerche e studi sui problemi del lavoro, dell’economia e dello sviluppo - Alessandro F. Leon che hanno curato rispettivamente l’introduzione alla parte sui modelli giuridici organizzativi e l’introduzione alla parte sulla gestione economico-finanziaria, la domanda e l’offerta.

Picozza ha sottolineato l’importanza di fare rete con le istituzioni, individuando in particolare nel mondo dell’Istruzione un ottimo alleato, partendo dalle novità introdotte dal decreto Buona Scuola che ha inserito i linguaggi del cinema e dello spettacolo dal vivo nel piano triennale dell’offerta formativa delle scuole. Leon ha invece evidenziato alcune delle qualità del mondo della lirica e della musica emerse dal Quaderno, come la capillare diffusione sul territorio e la grande capacità di adattamento alle difficoltà.

Tra i rappresentanti delle diverse associazioni del settore, sono intervenuti Giuseppe Gherpelli, presidente ATIT (teatri di tradizione), Marco Parri, presidente ICO (istituzioni concertistico orchestrali),Francesco Maria Perrotta, presidente Italiafestival, Alfonso Malaguti, presidente AIAC (attività concertistiche), Claudio Lepore, presidente ANTAL (teatri attività liriche), Gianni Pini, presidente I-Jazz (festival jazz italiani), Francesco Pollice, presidente AIAM (attività musicali) e Gino Vallerugoper l’ANBIMA (bande musicali).

FONTE: http://www.agisweb.it/

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Coro del Teatro Lirico, diretto da Gaetano Mastroiaco, esegue il Requiem tedesco di Brahms in Cattedrale e al Santo Sepolcro a Cagliari

 Giovedì 12 maggio alle 20.30, nella sontuosa cornice della Cattedrale di Santa Maria Assunta, e sabato 14 maggio alle 20.30 nell’altrettanto affascinante Chiesa del Santo Sepolcro a Cagliari, si esibisce il Coro del Teatro Lirico, diretto da Gaetano Mastroiaco. Le parti solistiche sono affidate al soprano Barbara Crisponi ed al baritono Nicola Ebau. L’accompagnamento al pianoforte è di Clorinda Perfetto e Francesca Pittau.

 Il programma musicale prevede l’esecuzione di Ein deutsches Requiem op. 45 per soli, coro e pianoforte a quattro mani di Johannes Brahms.

 Composto tra il 1854 e il 1868 (prima esecuzione: Cattedrale di San Pietro a Brema, 10 aprile 1868), Ein deutsches Requiem segna un momento cruciale del cammino creativo di Johannes Brahms (Amburgo, 1833 – Vienna, 1897) e rappresenta una meditazione religiosa sulla morte secondo un percorso di pensiero scelto liberamente dall’autore. La morte, qui rappresentata nel suo aspetto più amichevole e consolatorio come riposo dal dolore, è lontana dalle consuete immagini cariche di ansie ultraterrene e di gestualità violente. Il Requiem cerca la sua dimensione tragica nella solennità anziché nel dinamismo drammatico.

 L’ingresso alla manifestazione, della durata di 70 minuti circa, è libero.

 I due concerti rientrano nel protocollo d’intesa culturale, stipulato lo scorso marzo fra Arcidiocesi e Teatro Lirico di Cagliari, che prevede l’attuazione di «un progetto culturale finalizzato all’esecuzione di vari concerti dell’Orchestra e del Coro della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari nelle varie Parrocchie della Diocesi di Cagliari» e sono inseriti nell’ambito della rassegna “I Suoni dell’anima 2016”, il cui obiettivo è la valorizzazione delle più belle Chiese, Basiliche e luoghi di culto della Sardegna, attraverso la realizzazione di spettacoli musicali di carattere sacro o di ispirazione religiosa.

 Un particolare ringraziamento alla Fondazione di Sardegna che ha dedicato un contributo aggiuntivo alla Fondazione Teatro Lirico di Cagliari per la programmazione di concerti a Cagliari e sul territorio della Regione Sardegna.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Il Teatro Lirico di Cagliari alla 68° edizione della Fiera della Sardegna

 Il Teatro Lirico di Cagliari partecipa, per la prima volta, con un padiglione interamente allestito, scenografato e teatralmente attrezzato alla 68° edizione della Fiera Internazionale della Sardegna Campionaria Generale (viale Armando Diaz 221, Cagliari).

Dal 23 aprile al 2 maggio, dalle 10 alle 20.30, il pubblico potrà, entrando nella struttura, intraprendere un ideale viaggio verso la musica e il teatro d’opera, attraverso un vero e proprio “sogno ad occhi aperti”, rivivendo le emozioni provate a teatro, respirando il profumo del palcoscenico ed ammirando da vicino costumi e copricapi, calzature e parrucche, elementi di scena finiti e non-finiti, alla scoperta dei segreti e della bellezza di un allestimento lirico.

Le maestranze tecniche del Teatro Lirico di Cagliari hanno allestito i 220 metri quadri del padiglione, simulando, simbolicamente, la nascita e la realizzazione di una messinscena lirica: ecco, quindi, apparire all’occhio del visitatore, in fantastica sequenza, lastre di alluminio dell’officina fabbri; cantinelle lignee ed attrezzi di falegnameria; polioli, poliuretani e polistirolo dei laboratori di attrezzeria e scenografia; fili, bottoni, tessuti, sete e broccati, prototipi e crinoline della sartoria; acconciature e trucchi, chignon e toupet del reparto trucco e parrucche; calzature aristocratiche e plebee, fantastiche e reali della calzoleria; vecchi fondografi e schermi HD di ultima generazione che rimandano brevi trailer della Stagione lirica e di balletto in corso, predisposti dagli elettricisti di scena e dai fonici.

L’ultimo ambiente, prima dell’uscita, è stato allestito per accogliere le esibizioni musicali degli allievi del Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari e simula, in scala, un palcoscenico teatrale e una tanto particolare quanto unica platea composta da 30 singolari sedute che appartengono ad altrettanti allestimenti scenici applauditi negli ultimi anni a Cagliari: La campana sommersa, Le nozze di Figaro, La Bohème, Chérubin, Carmen, Andrea Chénier, L’Olandese volante, La vedova allegra, L’elisir d’amore, Capriccio, Orfeo all’inferno, Il Barbiere di Siviglia, Aida, Romeo e Giulietta del villaggio, Alfonso und Estrella, Opricnik.

Le pareti esterne del padiglione, infine, sono artisticamente ricoperte dall’assemblaggio di elementi lignei di praticabili scenici che danno alla struttura un’ulteriore connotazione teatrale nel loro strutturato ed elegante disordine.

Cagliari, 22 aprile 2016

Foto di P.Tolu 

foto di Priamo Tolu

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Il sogno di tutti noi studenti di canto era sicuramente quello di poterci esibire nei palcoscenici più importanti del mondo . Un sogno era anche quello di poter assistere anche solo ad uno degli spettacoli dell’Arena di Verona. All’epoca non c’erano i voli low cost e prendere un aereo e pagare un alloggio per noi studenti isolani era molto costoso.I nostri introiti erano le paghette date dai genitori e piccole somme guadagnate con lezioni private ad amici. Mettendo da parte il gruzzoletto riuscivamo a fare una vacanza estiva  a 2 stelle.

Era la fine degli anni ’80. Un anno ci organizzammo, prenotando circa 5 mesi prima, un paio di spettacoli al’Arena di Verona con relativo viaggio e alloggio. Le richieste arrivavano da tutto il mondo e noi non potevamo rischiare di arrivare sul posto e non trovare biglietti. All’epoca non c’era internet nè tutte le opportunità di oggi. Le prenotazioni avvenivano via telefono dopo lunga ricerca sulla guida telefonica.

I Giapponesi , i coreani  e i tanti appassionati dei vari continenti prenotavano anche un anno prima pur di assicurarsi una bella fila di posti centrali. Questi popoli adorano la nostra musica e lo si può vedere quando qualche  teatro italiano si reca in trasferta in uno di questi paesi: il risultato è sempre il tutto esaurito.

Era il mese di luglio e la città di Verona con la sua grande Arena e la piazza circostante, pullulava di turisti da tutto il mondo. Una città viva, ricca di locali commerciali e luoghi caratteristici dove in ogni angolo si respirava musica di ogni genere. I manifesti e i sottofondo musicali ricordavano continuamente che ci trovavamo in una delle città italiane culturalmente più ricche.  Le comparse dell’Aida sostavano intorno all’Arena , travestite da soldati egiziani, facendosi fotografare con adulti e bambini. Era chiaro a tutti che intorno all’Arena,questa città aveva un giro d’ affari enorme . Ricordo che faticammo non poco per trovare un alloggio a buon prezzo.

La sera dello spettacolo ci trovammo in mezzo ad una lunghissima fila di turisti di ogni colore e razza, tutti col biglietto in mano.  Tante persone che parlavano lingue diverse ma, al momento in cui si intonava un motivo di Giuseppe Verdi o Puccini parlavano tutti la stessa lingua. Incredibile la musica, linguaggio universale! Quel giorno si rappresentava l’AIDA, la grande opera di Giuseppe Verdi  che la fondazione Arena di Verona mette in scena ogni anno per la sua popolarità e maestosità scenica.

Una volta entrati e sistemati sulle gradinate,ognuno col proprio cuscino preso in affitto, abbiamo consumato  la nostra cena al sacco e contemporaneamente fatto amicizia con i nostri vicini .Ognuno raccontava di questa o quell’opera che aveva visto in precedenza e delle varie edizioni con gli artisti più o meno noti. Un bel bagaglio di storia della musica lirica.

Ma ecco finalmente l’inizio. Dal buio improvviso si accendono le luci che illuminano gli ingressi dei professori d’orchestra che prendono posto nel  golfo mistico. Si sentono i primi suoni dell’accordatura e poi, con l’arrivo del primo violino ecco che gli strumenti riescono a suonare tutti la stessa nota: il LA. Con l’ingresso del direttore d’orchestra ha inizio uno dei più grandi spettacoli della storia.

Un’atmosfera magica, indescrivibile, emozione pura. Erano centinaia le persone in costume di scena sul quel palcoscenico che lavoravano per noi, per regalarci emozioni. Il pubblico, che aveva riempito ogni angolo del monumentale teatro, rispondeva con applausi e ovazioni ad ogni romanza.

In questi giorni sono arrivate delle notizie terribili che riguardano l’Arena di Verona.  Uno dei teatri più importanti del mondo liquidati a causa dei debiti.  I debiti fatti da chi? Di chi è la colpa? E i tanti lavoratori che fine faranno?

Non riesco a capacitarmi di come una tale macchina produttiva come l’Arena di Verona possa aver generato dei debiti.

Purtroppo chi pagherà caro saranno i lavoratori che perderanno il posto di lavoro (anche se mi auguro che ci possano ancora essere delle trattative per evitare tale scempio) e i veri responsabili saranno ancora una volta liberi di continuare a far danni magari da altre parti.

Vi invito a cliccare su questi link per avere le idee più chiare

http://www.larena.it 

http://www.corriere.it 

http://www.askanews.it 

 

 http://www.ilfattoquotidiano.it 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Leonardo Benazzi

Si chiama Leonardo Benazzi ed è un ex percussionista ora Direttore d’orchestra . E’ lui il vincitore della Prima edizione del premio “per talenti del podio” dedicato alla memoria di Paolo Vero, direttore di coro in vari teatri lirici, scomparso prematuramente lo scorso anno.

Il premio,  diverso da tutti gli altri,  consiste non soltanto nel mettere a disposizione di un giovane una borsa di studio per il periodo di a tirocinio, ma soprattutto nel dargli la possibilità di essere seguito per un anno da direttori e manager esperti,  che lo condurranno a muovere i primi passi  della carriera in maniera autonoma.

Benazzi si è diplomato in strumenti a percussione presso il Conservatorio di Parma e per qualche anno ha collaborato con l’Orchestra Cherubini diretta da Riccardo Muti e con l’Orchestra del Teatro Regio di Parma (quando ancora il Regio aveva una sua orchestra…). Poi, ha deciso di dedicarsi alla direzione e dopo i primi studi all’Accademia di Pescara, si è trasferito per due anni a Londra, ottenendo l’ammissione al Postgraduate Conducting Programme della Royal Academy of Music e quindi conseguendo la laurea. In questo biennio ha collaborato con prestigiosi direttori quali Mark Elder, Robin Ticciati e Edward Gardner e ha fatto le prime esperienze personali sul podio.

Il primo impegno importante dopo la vittoria al concorso, è quello di affiancare il grande direttore Michele Mariotti   al teatro alla Scala di Milano dove dirigerà I due Foscari” di Verdi, con un cast eccezionale: Placido Domingo, Anna Pirozzi, Luca Salsi, Francesco Meli tanto per citarne alcuni . Lo vedremo anche a Cagliari fra qualche mese, in occasione della Traviata, dove affiancherà Gerard Korsten.

La commissione che ha presenziato il premio “Paolo Vero” e che ha assegnato il premio a Leonardo Benazzi , era composta oltre che da Michele Mariotti anche da Roberto Abbado, Gianluigi Gelmetti e Alberto Zedda, nonché i sovrintendenti Massimo Biscardi e Mauro Meli, tutti amici di Paolo Vero.

Il promotore dell’iniziativa è Giancarlo Liuzzi, già collaboratore di Meli sia al Lirico di Cagliari che al Teatro Regio di  Parma . “Se con questi giovani faremo buone scelte, dice Liuzzi, il nome di Paolo Vero sarà riportato ancora per molti anni nei programmi di sala di tutto il mondo”.

Paolo Vero

 

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Michelangelo Mazza dirige l’Orchestra del Teatro Lirico, il 19-20 febbraio, per la Stagione concertistica 2016

 La Stagione concertistica 2016 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue con il quinto appuntamento, venerdì 19 febbraio alle 20.30 (turno A) e sabato 20 febbraio alle 19 (turno B), che prevede un altro importante debutto a Cagliari, quello del giovane direttore parmigiano Michelangelo Mazza, già primo violino dell’Orchestra del Teatro Regio della sua città e che, dal 2014, ha intrapreso la carriera di direttore, veste nella quale si presenta alla guida dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari.

Il programma musicale, interamente dedicato a pagine beethoveniane, prevede, nella prima parte, Coriolan, ouvertüre op. 62 e la Prima Sinfonia in Do maggiore op. 21; mentre, nella seconda parte, Zur namensfeier, ouvertüre in Do maggiore op. 115 e la Seconda Sinfonia in Re maggiore op. 36.

Ludwig van Beethoven (Bonn, 1770 – Vienna, 1827) compone l’ouvertüre del Coriolano nel 1807, inizialmente prevista in apertura della pièce teatrale omonima di Heinrich Joseph von Collin, ma poi regolarmente eseguita singolarmente, che descrive il suicidio del generale patrizio romano Gaio Marcio, chiamato Coriolano a seguito del valore dimostrato nella vittoria di Roma contro i Volsci di Corioli.

Anche la composizione dell’ouvertüre Zur namensfeier (Per l’onomastico) è iniziata nel 1807, ma si è conclusa il 4 ottobre 1814 per la festa di San Francesco, dal momento che essa viene scritta in onore dell’Imperatore. Come scrive l’autore, il pezzo, brillante e vivace allo stesso tempo, viene composto «per concerto e per ogni altra circostanza».

La Prima Sinfonia, eseguita, per la prima volta, il 2 aprile 1800, è ancora molto legata a stilemi classici ed accademici, soprattutto a quelli di Haydn, ma già mostra in nuce i caratteri innovativi e nuovi del linguaggio beethoveniano che trovano una più ampia articolazione nella Seconda Sinfonia, composta tra il 1800 e il 1802 ed eseguita il 5 aprile 1803. La composizione, nonostante Beethoven stia vivendo l’inizio drammatico della sua sordità, è permeata di vigore, tranquillità ed espressività, tutti elementi che si possono anche individuare nelle sinfonie successive.

 

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

È comunque ancora possibile abbonarsi per un numero ridotto di spettacoli (12 concerti), fino a venerdì 19 febbraio per il turno A e fino a sabato 5 marzo per il turno B.

Prezzi abbonamenti: platea € 200,00 (settore giallo), € 185,00 (settore rosso), € 150,00 (settore blu); I loggia € 175,00 (settore giallo), € 150,00 (settore rosso), € 115,00 (settore blu); II loggia € 60,00 (settore giallo), € 60,00 (settore rosso), € 45,00 (settore blu).

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 19 febbraio alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it)

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20. Rimane chiusa la domenica e i giorni festivi.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Michelangelo Mazza – Ha ricoperto per 14 anni il ruolo di primo violino al Teatro Regio di Parma, maturando una grande esperienza nel repertorio operistico italiano, grazie anche alla collaborazione con i più illustri direttori del nostro tempo, tra i quali: Riccardo Muti, Yuri Temirkanov, Lorin Maazel. Forte di quest’esperienza decennale, nel 2014 ha intrapreso la carriera direttoriale debuttando, con enorme successo, in Falstaff di Verdi al Teatro Municipal de São Paulo (Brasile), dove è stato invitato nuovamente nel 2015 per dirigere le produzioni di Manon Lescaut e Così fan tutte. Nel 2014 è stato, inoltre, invitato dal Teatro Lirico di Cagliari per una serie di concerti sinfonici. Nel maggio 2015 ha diretto Pagliacci al National Theatre di Tirana (Albania) e, in ottobre, ha debuttato con successo sul podio del Teatro Massimo Bellini di Catania dirigendo Rigoletto. Come violinista ha collaborato, in qualità di primo violino, con diverse prestigiose orchestre italiane e straniere, fra le quali si segnalano: Orchestra della Svizzera Italiana OSI di Lugano (Switzerland), Orchestra of Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona, Orquestra Simfònica del Vallès (OSV) di Barcelona. Con la “sua” Orchestra di Parma e con i Solisti dell’Opera Italiana, si è esibito nelle più importanti sale del mondo, anche in veste di solista e maestro concertatore, fra le quali: Carnegie Hall di New York, Sala ?ajkovskij a Mosca, Kioi Hall a Tokyo, Sala della Filarmonica di San Pietroburgo. Con l’Orchestra del Teatro Regio di Parma ha preso parte al progetto dell’incisione, dal vivo ed in alta definizione, di tutte le opere di Verdi (Unitel Classic), contenute nella raccolta “Tutto Verdi”, ricevendo premi ed apprezzamenti dalla critica internazionale.

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Quando ero bambina e i miei genitori mi portavano al Circo, rimanevo incantata da tutto tranne che dai pagliacci. Non riuscivano a farmi ridere. Capitava però che qualche volta alcuni di loro si trasformassero in geniali musicisti e a quel punto li trovavo interessanti.  Capivo che dietro quella maschera non c’erano i pagliacci ma geni. Ricordo che mio padre mi diceva che quelli facevano finta di essere dei pagliacci ma erano  veri musicisti. Questa doppia personalità artistica mi piaceva particolarmente.

Igudesman & Joo secondo me sono proprio due geni che vogliono divertirsi non solo mettendo a frutto il  talento ma anche uscendo dagli schemi  che per tanto tempo li ha costretti a stare dentro un vestito troppo stretto per loro.  Il pubblico che non li conosce, inizialmente potrebbe rimanere interdetto fino al momento in cui capisce di cosa sono capaci.

Su Youtube i loro video registrano milioni di visualizzazione e questo li ha portati ad essere richiestissimi in tutti i teatri del mondo e, si badi , non nei circhi. Poter avere un loro spettacolo è difficilissimo. Nonostante ciò  il direttore artistico del Teatro lirico di Cagliari, (come annunciato in conferenza stampa)  è riuscito a “strappare” una serata.

Quindi è doveroso sapere che lo spettacolo di lunedì prossimo sarà uno show di pieno di virtuosismo, di incantevoli buffonerie musicali e di umorismo dissacrante, ideale per un pubblico “dagli 8 agli 88 anni”, capace di catturare chiunque nella sua potente sfera magica, dall’esperto cultore di musica classica a chi semplicemente “scappa via al solo sentir parlare di Mozart”.  Celebri orchestre internazionali hanno voluto ospitare lo spettacolo, mentre grandi musicisti come Gidon Kremer e grandi attori come John Malkovic se ne sono dichiarati entusiasti.

lunedì 8 febbraio, ore 20.30 

Teatro Lirico di Cagliari

 Di seguito un anticipo con questo video che ha al suo attivo più di 7 milioni e mezzo di visualizzazioni


YouTube Video

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13. Rimane chiusa la domenica e i giorni festivi.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it,www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Il pubblico di Cagliari, nonostante tutto non abbandona il suo teatro e , in occasione dell’apertura della stagione Sinfonica ha dato un ottima risposta.  I dati definitivi della prima parte della campagna abbonamenti, conclusasi sabato 30 gennaio scorso, ha riportato n. 1952 abbonati in entrambi i turni, per un incremento del 60% in più rispetto allo scorso anno.

E intanto il pubblico attende impaziente l’uscita del cartellone della nuova Stagione lirica che è ancora top secret.

mentre prosegue  la campagna abbonamenti per la Stagione concertistica 2016 del Teatro Lirico di Cagliari, che viene prorogata con la vendita di abbonamenti a 12 concerti: da lunedì 1 febbraio fino a venerdì 19 febbraio per il turno A e, sempre da lunedì 1 febbraio, ma fino a sabato 5 marzo per il turno B.

Come ormai consuetudine i posti in teatro sono identificati per ordine (platea, prima e seconda loggia) e per settore (giallo, rosso e blu). Ad ogni settore corrisponde un prezzo, secondo il diverso valore dei posti.

Prezzi abbonamenti: platea € 200,00 (settore giallo), € 185,00 (settore rosso), € 150,00 (settore blu); I loggia € 175,00 (settore giallo), € 150,00 (settore rosso), € 115,00 (settore blu); II loggia € 60,00 (settore giallo), € 60,00 (settore rosso), € 45,00 (settore blu).

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

La Direzione si riserva di apportare al programma le modifiche che si rendessero necessarie per esigenze tecniche o per cause di forza maggiore. Eventuali modifiche al cartellone saranno indicate nel sito internet del teatro www.teatroliricodicagliari.it.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13. Rimane chiusa la domenica e i giorni festivi.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono +39 0704082230 – +39 0704082249, fax +39 0704082223, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Cagliari, 1 febbraio 2016

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »