Archivio della categoria “Musica”

L’ape musicale, delizioso pastiche di Lorenzo Da Ponte,

nel Sagrato della Cattedrale di S. Pantaleo a Dolianova

 Lunedì 24 luglio, alle 21, nello spettacolare Sagrato della Cattedrale di San Pantaleo a Dolianova va in scena L’ape musicale (IV), azione teatrale in un atto che il librettista Lorenzo Da Ponte, autore, fra l’altro, della trilogia mozartiana (Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Così fan tutte), scrisse per il Park Theatre di New York nel 1830, combinando musiche del repertorio lirico di quel tempo, a partire dalle opere più famose di Gioachino Rossini.

Un’occasione rara e preziosissima per ascoltare ottima musica lirica davanti ad uno dei principali monumenti romanici della Sardegna che farà da cornice all’opera che viene eseguita, per la prima volta, nella ricostruzione effettuata dal musicologo Francesco Zimei, su commissione del Teatro Lirico di Cagliari.

La regia è affidata a Davide Garattini Raimondi, vincitore, lo scorso marzo, del prestigioso Premio della Critica “Franco Abbiati”, sezione speciale “Filippo Sienbaneck”, per un progetto didattico-operistico per le classi primarie del Carcere minorile Beccaria di Milano. Le scene e le luci sono di Paolo D. M. Vitale, mentre i costumi sono affidati a Giada Masi e la coreografia a Barbara Palumbo. In questo nuovo allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, viene proposto lo squisito intreccio musicale di Lorenzo Da Ponte in una versione contemporanea, coloratissima ed estiva che ben si adatta con l’attualità del libretto e della musica.

La direzione musicale di L’ape musicale è affidata a Fabrizio Ruggero che dirige l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco. L’accompagnamento al fortepiano è di Giancarlo Salaris.

L’opera si avvale di un cast di giovani cantanti: Beatrice Mezzanotte (Lucinda), Daniele Terenzi (Mongibello), Salvatore Salvaggio (Don Nibbio), Anibal Mancini (Narciso), Mauro Secci (Don Canario).

“L’Ape musicale era un cavallo di battaglia di Lorenzo Da Ponte fin dal 1789, quando un primo lavoro con questo titolo aveva esordito al Burgtheater di Vienna in seguito a una sottoscrizione fra gli amanti del genere per il mantenimento in vita della compagnia d’Opera Italiana. La formula, semplice e d’effetto, era quella del pastiche: su un apposito canovaccio venivano cioè inanellati i cori e le arie più ammirate, coinvolgendo i cantanti stessi che le avevano in repertorio. Affidandosi a testi sempre diversi e a programmi costantemente aggiornati, Da Ponte aveva poi ripreso il lavoro ancora a Vienna nel 1791 e l’anno successivo a Trieste, per motivi principalmente commerciali.” (da: Francesco Zimei, “Aspettando L’ape musicale”, saggio per il programma di sala)

 La trama della versione newyorkese, che cambia i nomi dei personaggi ma mantiene l’originale impianto, ambienta l’opera in una delle Isole Fortunate, metafora di Manhattan, dove un gruppo di appassionati di opera lirica italiana – fra cui un musicista, un cantante squattrinato, un poeta furbacchione ed un impresario teatrale – sono in fermento per l’arrivo di una cantante dall’Italia che dovrà risollevare le sorti della compagnia.

 

L’opera, che ha una durata complessiva di 1 ora e 30 minuti circa, sarà preceduta da un prologo composto per l’occasione da Antonio Marcotullio, Bridges (reminiscenze americane), per tenore, coro e orchestra.

 

L’ape musicale viene replicata mercoledì 26 nell’Area archeologica di “Su Nuraxi” a Barumini e venerdì 28 luglio nel Sagrato della Chiesa di San Platano a Villaspeciosa sempre alle 21.

 

Tutte le rappresentazioni dell’opera L’ape musicale rientrano nel Progetto “Rifunzionalizzazione del Parco della Musica e del Teatro Lirico di Cagliari – Internazionalizzazione e innovazione delle produzioni anche per la valorizzazione turistico-culturale degli attrattori territoriali”. Finanziato dal Piano d’Azione Coesione “Progetti strategici di rilevanza regionale” che valorizzano le priorità del POR FESR nell’ambito della Programmazione Unitaria 2014-2020, realizzato e promosso in collaborazione con l’Unione Europea, il Governo Italiano e la Regione Sardegna.

 

L’ingresso alla manifestazione è libero.

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Cagliari, 22 luglio 2017

 

 

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

IL 30 SETTEMBRE E 1 OTTOBRE ALL’INTERNO DEL MEI 2017

CONTINUANO LE ADESIONI

Il futuro del giornalismo musicale passa da Faenza. Sarà infatti una grande occasione di incontro e confronto la seconda edizione del Forum del giornalismo musicale, che si terrà il 30 settembre e 1° ottobre nell’ambito del Mei (che inizierà già il 29 settembre).

La due giorni sarà di nuovo diretta da Enrico Deregibus e prenderà forma anche in base agli stimoli dei giornalisti stessi, che potranno offrire idee e spunti da qui a settembre.

Un evento mai realizzato in Italia, che da subito lo scorso anno ha suscitato grande interesse, con la presenza di tantissimi giornalisti, da quelli delle grandi testate a quelli delle webzine, delle radio e tv e di tutti i new media. Più di 100 i giornalisti e critici musicali che hanno affrontato i problemi del settore.

Dalle riflessioni scaturite in quella occasione nasce l’intenso programma di quest’anno.

Sabato 30 settembre a partire dal primo pomeriggio i giornalisti aderenti potranno partecipare a incontri con varie figure professionali del mondo musicale. Nella prima parte si tratterà di due ospiti internazionali, ovvero i rappresentanti di WIN, l’associazione mondiale dei discografici indipendenti, e del distributore digitale Jamendo. A seguire ci saranno incontri con un ufficio stampa, un manager e un artista, che saranno comunicati prossimamente.

La domenica mattina, 1° ottobre, ci sarà spazio per un corso per la formazione professionale continua dei giornalisti iscritti all’albo. Potranno partecipare come uditori anche i non iscritti. I relatori saranno Federico Guglielmi (su “Giornalismo musicale: professione, o solo hobby?”), Luca Dondoni (“La comunicazione nella musica”), Fabrizio Galassi “Il giornalismo musicale nell’era digitale”), Vincenzo Martorella (“Elementi di scrittura critica”).

Nel pomeriggio della domenica si svolgerà una assemblea di tutti i partecipanti sulla creazione di una associazione di giornalisti musicali e su altri temi scaturiti dalla scorsa edizione.

Sono invitati a parteciparvi tutti i giornalisti interessati a portare il loro contributo, suggerimento o suggestione. Per aderire basta inviare una semplice mail a:

enrico.deregibus@gmail.com e in copia a mei@materialimusicali.it .

Per info: segreteria 0546.646012 . Sito: www.meiweb.it

Quest’anno gli aderenti possono anche partecipare come giurati all’assegnazione della Targa Mei Musicletter, premio dedicato al giornalismo musicale sul web, giunto alla quinta edizione.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »


I musicologi  convengono tutti che per canzone si debba intendere un breve  componimento lirico destinato ad essere anche cantato con accompagnamento musicale”.

Anche la canzone algherese non sfugge a questa definizione, anzi possiamo affermare con certezza che è proprio grazie alla forza espressiva delle liriche e dei versi di poeti eccelsi come Ramon Clavellet, Rafel Catardi, Xiu Terrat, Gavi Ballero, Antoni Dalerci, Antoni Cao, Pino Piras e  Carlo Demartis, che la minoranza linguistica di Alghero può fregiarsi di un filone creativo di notevole qualità.

Molte di queste liriche sono state tradotte in musica da valenti musicisti tra i quali Joan Pais, Antoni Dalerci, Antoni Cao, Isabella Montanari, Vittorio Nannarelli, dando luogo alla specificità della canzone algherese che se per certi versi profuma di sapore napoletano, mantiene in definitiva delle caratteristiche uniche ed estranee ad altre culture musicali e poetiche.

L’ispirazione lirica della canzone algherese e l’operazione di pulizia dagli incrostamenti interpretativi succedutisi nel corso del tempo, viene compiuta e riproposta oggi con competenza e rigore stilistico dal M° Domenico Balzani.

Il baritono algherese si esibirà in un concerto in collaborazione con L’Obra Cultural di Alghero,  nella meravigliosa cornice all’aperto del chiostro di San Francesco il prossimo 26 Luglio. Il programma prevede :  nella prima parte l’esecuzione di arie d’opera tra le più amate del repertorio lirico e nella seconda una selezione di canzoni algheresi.

Sarà una rara occasione per ascoltare uno degli artisti lirici  più significativi che calcano oggi i palcoscenici dei teatri di tutto il mondo  e per gustare l’incomparabile bellezza dei versi e delle melodie della canzone algherese.

 Domenico Balzani, algherese, plurilaureato e diplomato in discipline economiche e musicali, vanta una carriera internazionale che dal 1990 lo vede esibirsi in teatri come Deutches Oper di Berlino, Massimo di Palermo, Maggio Musicale Fiorentino, Regio di Torino, Concertgebown di Amsterdam, Tokio National Theatre, Israeli Opera, Teatro dell’Opera di Roma, San Carlo di Napoli, Arena di Verona, Teatro Sao Carlo di Lisbona. Ha collaborato con prestigiosi direttori d’orchestra come Yuri Ahronovich, Claudio Abbado, Riccardo Chailly, e registi come Franco Zeffirelli, Luca Ronconi. Nell’ultima stagione ha inaugurato il Nuovo Teatro dell’Opera di Dubai, si è esibito allo StaadstOper di Amburgo, al Theatre des Champes Elysees a Parigi, al Teatro Verdi di Trieste, allo StaadstTheater di Basilea. E’ Project Manager dell’Associazione Opera Festival di Perugia, direttore della collana editoriale ProgettArte per Aracne Editrice con cui ha pubblicato il saggio “il project management nell’opera lirica”.

 Docente al conservatorio di Udine, Università Givat Ram di Gerusalemme, Wiener Master Course di Vienna, National Theatre di Oslo in Norvegia. Ha inciso opere liriche e album monografici per Decca, Bongiovanni e Phaedra. E’ Presidente di Assolirica ed è nel consiglio direttivo del Colap Nazionale. Dal 2014 è nel CDA del Conservatorio di Trieste su nomina ministeriale. Caterina Arzani, alessandrina, laureata in Pianoforte si è perfezionata con Sergio Perticaroli, conseguendo, con il massimo dei voti e la lode, il diploma all’Accademia Nazionale di Alto Perfezionamento S.Cecilia, a Roma, e con Andrea Lucchesini presso l’Accademia di Musica triennale di Pinerolo. Parallelamente agli studi musicali, si è laureata in Matematica presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università “A. Avogadro” di Alessandria. Vincitrice di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tiene concerti sia come solista sia in formazione da camera, in diverse Stagioni Concertistiche.

E’ stata insignita del titolo “Excelsius Musicae et Pacis nuntius” in occasione della manifestazione “Eurofestival, concertisti emergenti” svoltasi a Roma presso Palazzo Venezia sotto il patrocinio del Parlamento Europeo e dell’Unipax. E’ Presidente e Direttore Artistico dell’Associazione di Musica e Cultura “F. Chopin”. Lo spettacolo è promosso e organizzato dalle associazioni Obra Cultural de l’Alguer e Escola de alguerés “Pasqual Scanu” e il ricavato del concerto sarà devoluto ad una iniziativa editoriale che andrà a promuovere e divulgare la figura e le opere di autori algheresi. Informazioni: tel. 079 977228 tutti i giorni, domenica esclusa, dalle h.18.30 alle h.20.30. Prevendita biglietti (il costo è di 10 euro) presso la sede dell’ Obra Cultural de l’Alguer, via Arduino, 46.

Alghero

 

 

 

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Con il concerto di mercoledì 5 luglio 2017, presso il Centro Culturale Casa Frau in Pula (Piazza del Popolo), è iniziata la Rassegna Musicale “Armonie sotto le stelle”, organizzata dagli Amici della Musica di Cagliari in collaborazione con il Comune di Pula e giunta quest’anno alla quarta edizione.

Il primo appuntamento ha visto protagonisti Guido Dorascenzi (voce recitante), Cristina Scalas (flauto traverso) e Davide Mocci (chitarra).

Mercoledì 19 luglio si prosegue con il soprano Elena Schirru, la voce recitante di Eleonora Giua accompagnate dal pianista Valerio Carta, un viaggio tra canzoni, arie d’opera, romanze da camera e le parole di Pasolini, Bennet, NicolaJ, Valentine, Abate, un viaggio tra musica e parole assai variegato.

Si proseguirà il 23 agosto con il duo formato da Massimiliano Loi al flauto e Manuele Pinna al pianoforte che proporranno musiche di: P. Gaubert, C. M. Widor, F. Doppler, T. Boehm.

Il 30 agosto saranno di scena il soprano Silvia Arnone, il tenore Mauro Secci accompagnati dal pianista

Valerio Carta in un programma che comprenderà musiche di: W. A. Mozart, G. Donizetti, G. Verdi, G. Puccini, F. P. Tosti, E. De Curtis.

Il mese di settembre si concluderà con gli ultimi due concerti.

Coordinatore della rassegna è il maestro Valerio Carta.

Programma del 19 Luglio

soprano Elena Schirru

Pianista Valerio Carta

1) Summertime
2) Me vojo fa na casa
3) Il bacio
4) Apres un reve
5) Il bel sogno di Doretta
6) Ma rendi pur contento
7) Traviata

Voce recitante Eleonora Giua

 

1: la buona madre di Nicolaj. 2: Monologo di Francesco Abate. 3: Supplica a mia madre di Pasolini. 4: giorgio Gaber uno spazio vuoto che va ancora popolato.

Programma del 23 agosto

con il duo formato da Massimiliano Loi al flauto e Manuele Pinna al pianoforte

- Taktakishvili, sonata per fl e pf
- Gaubert, notturno e allegro scherzando
- Widor, suite op. 34
- Doppler, fantasia pastorale ungherese
- Boehm, gran polonaise

 

 

Programma del 30 Agosto

col tenore Mauro Secci e il soprano Silvia Arnone accompagnati dal maestro Valerio Carta

Le più belle arie, duetti e romanze tratti da opere di W. A. Mozart, G. Donizetti, G. Verdi, G. Puccini, F. P. Tosti, E. De Curtis.

Elena Schirru e Valerio Carta

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Qualche giorno fa l’amica Claudia Tronci mi ha voluto come ospite alla sua trasmissione “Cucina Claudia” per la TV regionale Sardegna UNO. Lei è  una ballerina ma anche conduttrice televisiva. Per 4 anni ha condotto “Di che danza 6 , la trasmissione da lei ideata dedicata alla danza  e che ha coinvolto le migliori scuole regionali . Adesso, dopo quella esperienza legata al suo mondo, ha deciso di cimentarsi in quello che è il suo hobby principale: la gastronomia.

Nel suo spazio televisivo, Claudia, crea tante ricette semplici ma invita anche i suoi amici a proporne sempre nuove. Quando mi ha invitato ho accettato con entusiasmo perchè era per me una nuova esperienza.  Con Claudia volevamo regalare al pubblico una ricetta che in qualche modo legasse l’arte culinaria alla musica e per questo motivo abbiamo pensato che la “Pasta alla Norma” fosse l’ideale.

Il piatto ha origini siciliane, per l’esatezza catanesi, proprio come il musicista Vincenzo Bellini. La Norma è una delle sue opere tra le più famose e questo piatto è dedicato proprio a lui.

Di seguito il video della trasmissione con la ricetta completa


YouTube Video

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Lago Fest è musica!

Più di 16 concerti, il film su Vasco Rossi, il live di Davide Pezzin, bassista di Ligabue.

Dal 21 al  29 luglio 2017, sotto le stelle, in riva al lago di Revine Lago.

Del cinema ci piace tutto, anche le colonne sonore.

Ed è proprio seguendo questa passione che è nata l’idea di Lago Music Fest, macro-progetto che ha come obiettivo quello di esplorare gli intrecci che legano musica e cinema.

Un festival nel festival LOST (Lago Original Sound Track), che vede coinvolta una giuria inedita composta da Lorenzo Tomio, Thomas Giorgi, Sara Loreni e Giulio Ragno Favero i quali avranno il compito di premiare il cortometraggio con miglior colonna sonora e miglior sound design tra quelli proposti nella sezione Nazionale.

Sull’onda del monumentale concerto al Modena Park, Vasco Rossi sbarca a Lago. E lo farà ritratto nell’esclusivo film-documentario Il Decalogo Secondo Vasco, diretto dall’autore e regista Fabio Masi (firma storica di Blob), quest’anno membro della giuria internazionale a Lago. Il docufilm, prodotto da Rai 3 e presentato in anteprima alla 72esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, è un viaggio surreale alla scoperta delle riflessioni più intime di una tra le rockstar italiane più famose al mondo.

Ad arricchire il già ricco palinsesto di proiezioni la musica live. Dal folk all’indie rock, dal blues alla musica elettronica: oltre sedici i concerti che animeranno le nove serate di festival.

La tredicesima edizione (21-29 luglio, Revine Lago, Treviso) segnerà il ritorno al Lago Film Fest del bassista vicentino Davide Pezzin, da quattro anni spalla di Luciano Ligabue, che si esibirà in duo con il chitarrista Davide Repele.

Altra esclusiva imperdibile, resa possibile grazie alla straordinaria collaborazione con FABRICA, l’esibizione di Akanksha Krishnani poliedrica dj di origini indiane, cresciuta in Spagna a ritmo di synth- pop e musica jazz.

Si inizia il 21 luglio dalle  ore 21:30 il tropical rock degli Hit- Kunle e il sound post elettronico degli Ace;  per concludere il 29 luglio con la festa finale, per ballare in riva al Lago fino all’alba.

LAGO LIVE MUSIC

21 luglio

Hit-Kunle

ore 21.30

ACE

ore  22.30

22 luglio

MoonSoon

ore  21.30

Thalos

ore  22.30

23 luglio

FEDARMAT- Balli popolari

ore  21:00

Alberto Ziliotto

ore 21.30

Fluctus Limb

ore 22.30

24 luglio

Huli

ore 21.30

Lorenzo Cittadini

ore 22.30

25 luglio

Qalia

ore 21.30

26 luglio

2D Davide Pezzin e Davide Repele

ore 21.30

Lascimmia

ore 22.30

27 luglio

Grimoon

ore 21.30

Akanksha Krishnani

ore 22.30

28 luglio

GINAH

ore 21.30

29 luglio

Beat Engine

ore  21.30

CLOSING PARTY

ore 22.30

Per info su concerti e line up completa: LAGO LIVE MUSIC

Per info su film in concorso e proiezioni in programma, visita la sezione cinema.

Per info su seminari e laboratori, visita la sezione workshop.

La giornata del festival:

Ore 11:00 – Incontri con l’autore

Dalle ore 15:00 – Laboratori e seminari

Dalle ore 20:00 – Performance e apertura area food

Dalle ore 21:00 – Proiezioni e concerti

Scarica la cartella stampa completa su www.lagofest.org/press

il programma integrale e il catalogo: www.lagofest.org/programma

Info pratiche:

Ingresso giornaliero: 7€

Abbonamento festival a nove giorni di eventi: 20€

Ingresso gratuito under 14 e over 70

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Terzo weekend di grande musica con

il Salso Summer Class & Festival e I Musici di Parma

3 concerti – domenica il consueto aperitivo in musica

Concerto d’eccezione sabato sera a Salsomaggiore Terme

in scena la violinista solista Yulia Berinskaya

e l’oboista dei Berliner Philharmoniker Christoph Hartmann

con un brano inedito di Eliodoro Sollima

Grandi interpreti sabato sera a Palazzo dei Congressi a Salsomaggiore
Christoph Hartmann, membro dei Berliner Philharmoniker e Yulia Berinskaya
protagonisti di una serata d’eccezione

Venerdì serata all’insegna degli archi nella splendida cornice di Palazzo Berzieri
Per l’occasione aperitivo con buffet e visita speciale alle Terme

Domenica secondo appuntamento con il consueto aperitivo in musica
nel suggestivo foyer di Palazzo Berzieri. Ospite anche il violinista Klaidi SahatÇi

 

Salsomaggiore Terme, 11 luglio – Terzo fine settimana a Salsomaggiore Terme in compagnia della grande musica classica dell’VIII Salso Summer Class & Festival. Dopo i concerti che hanno animato i teatri e i castelli dell’estate salsese, un altro appuntamento di alto livello con protagonisti di fama internazionale. Evento clou sabato sera con due interpreti di raro prestigio: l’oboista dei Berliner Philharmoniker Christoph Hartmann e la violinista solista di successo Yulia Berinskaya.

Sabato sera alle ore 21.15, nella splendida Sala delle Cariatidi di Palazzo Congressi, il suono dell’oboe di Cristoph Hartmann, ascoltato e ammirato in tutto il mondo grazie al successo della diffusissima Digital Concert Hall, si unirà all’indiscussa qualità della violinista solista russa Yulia Berinskaya, la cui fama ha raggiunto Spagna, Francia, Olanda, Svizzera, Germania, Francia, ex Jugolsavia, Stati Uniti, Russia, Israele e Grecia. Sia Hartmann, docente all’Accademia dei Berliner Philarmoniker, che Berinskaya insegnano quest’anno anche alle masterclass estive tenute dai Musici di Parma a Salsomaggiore. Per l’occasione i due solisti saranno accompagnati dall’Orchestra da Camera de I Musici di Parma. Il concerto sarà preceduta dall’esclusiva possibilità di visitare Palazzo dei Congressi, scoprendone storia e segreti in un tour a cura dell’agenzia Verd&Acque.

In programma Baal Shem, tre pezzi per violino e pianoforte (1923) di Ernst Block, trascritti per orchestra d’archi, le Danze spagnole di Manuel De Falla, anch’esse in trascrizione, e un brano di Igor StravinskjiChanson Russe, dall’opera Mavra. Il concerto sarà interamente registrato e entrerà a far parte di un cd edito dalla casa musicale Da Vinci: si intitolerà La voce del violino. Nella seconda parte, Christoph Hartmann eseguirà il Concerto in do maggiore K314 di W.A. Mozart per oboe e orchestra e un brano scritto dal padre di Giovanni Sollima, Eliodoro Sollima, che sabato sera sarà presentato in una quasi prima esecuzione assoluta: il brano, infatti, è stato eseguito una sola volta dallo stesso Hartmann dieci giorni fa a Palermo.

Gli allievi delle classi di violino e violoncello delle masterclass estive e dell’Accademia dei Musici di Parma saranno protagonisti venerdì seranel concerto di apertura di questo terzo weekend di festival. Serata all’insegna degli archi con in programma grandi classici per violino e violoncello: musiche di Haydn, Bach, Mozart e Paganini. Il concerto si terrà nella splendida cornice di Palazzo Berzieri, sede delle Terme di Salsomaggiore e dell’Accademia dei Musici di Parma. Per l’occasione aperitivo con buffet e visita speciale alle Terme, a cura dell’agenzia Verd&Acque.

Domenica sera alle ore 21.15 a Parco Corazza sarà il turno degli allievi della classe di oboe tenuta da Christoph Hartmann che eseguiranno musiche di Pasculli, Vivaldi e Mozart. E per finire, sempre domenica, consueto appuntamento con gli apprezzatissimi aperitivi in musica. Ogni domenica, per tutta la durata del festival, alle ore 11, nel suggestivo foyer di Palazzo Berzieri, il pubblico potrà visitare le Terme (visita guidata a cura dell’agenzia Verd&Acque) e incontrare i musicisti per scoprire da vicino i segreti delle partiture, la storia delle opere e per entrare in contatto diretto con i grandi artisti presenti alla manifestazione. L’appuntamento di domenica, dal titolo Le quattro corde, sarà dedicato ai due violinisti Yulia Berinskaya e Klaidi SahatÇi. Sarà presente anche l’oboista dei Berliner Philharmoniker, Christoph Hartmann.

I concerti, che uniscono grandi interpreti a giovani talenti in erba, sono il risultato di un’intenzione progettuale che sta alla base dell’intero festival. “Questi concerti offrono al pubblico esecuzioni di altissima qualità ma sono anche il frutto di un lungo lavoro portato avanti con entusiasmo dai Musici di Parma e dall’Accademia”, spiega il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, alla guida della rassegna dal 2010, quando il festival nacque sulle sponde del Lago d’Iseo. “L’obiettivo, oggi come ieri, è quello di creare un bacino di giovani, di cultura e di musica. Un impegno fatto di scambi culturali fra giovani italiani e stranieri, fra musicisti di livello internazionale e studenti che si affacciano alla ribalta dei più grandi palcoscenici italiani ed europei”.

Cuore dell’intera manifestazione, infatti, resta l’intenzione di fornire ai giovani talenti musicali la possibilità di affinare le proprie doti e di acquisire competenze tecniche e caratteriali in grado di garantire loro un futuro professionale. Dalle 6 masterclass organizzate durante la prima edizione, si è passati a 15, in programma dal 3 luglio al 6 agosto. 200 gli allievi iscritti quest’anno provenienti da Europa, Asia e America. I migliori allievi dei corsi estivi avranno l’opportunità di esibirsi, in qualità di solisti, con l’Orchestra dei Musici di Parma.

Molti gli artisti di fama internazionale che animeranno il SSC&F nei prossimi weekend fino al 6 agosto: Andrea Lucchi, prima tromba dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, il violista scaligero Simonide Braconi, solisti e virtuosi come il sassofonista Mario Marzi, i clavicembalisti Giovanna Fornari Francesco TasiniMarco Zoni, primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala e il violinista Marco Ferri. Nonché gli altri docenti delle masterclass estive, cuore della manifestazione: Cinzia ForteCarmelo GullottoStefano Conzatti e Giuseppe Miglioli.

I concerti sono tutti ad ingresso gratuito.

 

 

CALDENDARIO e PROGRAMMI

Venerdì 14 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo Berzieri, Piazza Lorenzo Berzieri, ore 21,15

Il dolce suono

Musiche di F.J. Haydn, J.S. Bach, W.A. Mozart e N. Paganini

I Musici di Parma e gli Allievi delle classi di Violino e Violoncello

Prima del concerto, alle 19,15, sarà possibile prenotare un aperitivo con buffet presso il Gran Caffè Berzieri che terminerà con una visita guidata speciale alle Terme Berzieri a cura dell’agenzia Verd&Acque. Costo a persona aperitivo e visita guidata: adulti euro 15,00, gratis per i minori di 10 anni.

Prenotazione obbligatoria: tel. +39 0524 83377 / e-mailinfo@verdeacque.it

 

# Sabato 15 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo dei Congressi, Sala delle Cariatidi, Viale G. Romagnosi n. 7, ore 21,15.

Gran Tango

Musiche di A Piazzolla, I. Stravinskij e W. A. Mozart

Yulia Berinskaya e Christoph Hartmann con I Musici di Parma

Il concerto sarà preceduto alle ore 20,00 dalla visita guidata al Palazzo dei Congressi a cura dell’agenzia Verd&Acque. Costo a persona visita guidata: adulti euro 5,00, gratis per i minori di 10 anni.

Prenotazione obbligatoria: tel. +39 0524 83377 / e-mail: info@verdeacque.it

 

Domenica 16 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo Berzieri, Piazza Lorenzo Berzieri, ore 11,00

Le quattro corde

Aperitivo in Musica

Incontro con Yulia Berinskaya e Klaidi SahatÇi

Il concerto sarà preceduto alle ore 10,00 dalla visita guidata alle Terme Berzieri a cura dell’agenzia Verd&Acque. Costo a persona visita guidata: adulti euro 5,00, gratis per i minori di 10 anni.

Prenotazione obbligatoria: tel. +39 0524 83377 / e-mail: info@verdeacque.it

 

Domenica 16 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Parco Corazza, ore 21,15.

La Favorita

I Musici di Parma e gli Allievi della classe di Oboe

Musiche di A. Pasculli, A. Vivaldi e W.A. Mozart.

In caso di mal tempo il concerto si terrà presso Palazzo Berzieri, Piazza Lorenzo Berzieri, Salsomaggiore Terme (PR).

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Ph. Maarit Kytöharju

Cinque cantanti-pianisti, opera, musical e celebri melodie italiane, questo è KOR: Barbara Crisponi, Manuel Cossu, Alice Madeddu, Caterina D’Angelo, Alessandro Porcu
Completa il tutto uno spettacolo coinvolgente, arricchito dalla versatilità vocale di ciascuno dei componenti e dalla cura degli arrangiamenti originali.
Il bagaglio musicale del gruppo è valorizzato da importanti esperienze solistiche, in ambito nazionale e internazionale, maturato da ognuno dei cinque cantanti.
Il gruppo, benché di recentissima formazione, ha già partecipato a Festival corali internazionali e importanti kermesse musicali, collaborando con artisti di spicco, ottenendo importanti riconoscimenti sia da parte del pubblico che della critica.

Per chi volesse conoscere più da vicino questo meraviglioso gruppo vocale può cogliere l’occasione  per ascoltarlo in uno degli appuntamenti estivi.

- 16 luglio h. 21,30 MuMA Hostel, S. Antioco

- 23 luglio h. 21,30 Chiostro di S. Agata, Quartu S. Elena

- 5 agosto h. 21,30 Casa Corda (spazio esterno), Serrenti

- 18 agosto h. 21 Museo Diocesano Arborense, Oristano


YouTube Video

Arrangiamento di Barbara Crisponi

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Chi non ricorda con piacere il film Mary Poppins?  Io sicuramente! Prima di tutto è stato il mio primo film al cinema, e come dimenticarlo! Poi è stato il film che ha accompagnato l’infanzia  delle mie figlie. Giornalmente era un vero rito guardare almeno una volta il celebre film della Disney.

Oggi, da insegnante di canto,  cerco ditrasmettere alle nuove generazioni le canzoni che hanno fatto da colonna sonora.

Della celebre protagonista Julie Andrews sappiamo  tutto. Lei è davvero una bravissima attrice entrata nel cuore di molti , ha continuato nel suo lavoro sempre con successo vincendo tutti i premi e i titoli possibili. Una vera leggenda vivente. Ma i due bambini  Jane e Micheal Banks (Karen Dotrice e Matthew Garber) che fine hanno fatto? Come sono diventati oggi?

Di lui purtroppo non possiamo dire molto. E’ infatti deceduto a soli 21 anni a causa di una brutta infezione.  Jane invece, dopo il grande successo di Mary Poppins, ha proseguito come attrice ma in piccoli ruoli quasi tutti di telefilm.

Ecco di seguito una loro foto attuale .

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

bozzetto di scena di Paolo D. M. Vitale

L’ape musicale è un “pasticcio”, ovvero un’opera costruita con brani tratti da lavori esistenti di diversi autori, in questo caso tutti operanti in Europa nell’ultimo decennio del Settecento. Ne esistono quattro versioni: tre riguardano il repertorio settecentesco dei teatri imperiali asburgici (le viennesi del 1789 e del 1791, e la triestina del 1792) e una, la più recente, incentrata sull’opera rossiniana, destinata nel 1830 al Park Theatre di New York.

La regia è affidata a Davide Garattini Raimondi, vincitore, lo scorso marzo, del prestigioso Premio della Critica “Franco Abbiati”, sezione speciale “Filippo Sienbaneck”, per un progetto didattico-operistico per le classi primarie del Carcere minorile Beccaria di Milano. Le scene e le luci sono di Paolo D. M. Vitale, mentre i costumi sono affidati a Giada Masi e la coreografia a Barbara Palumbo. In questo nuovo allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, viene proposto lo squisito intreccio musicale di Lorenzo Da Ponte in una versione contemporanea, coloratissima ed estiva che ben si adatta con l’attualità del libretto e della musica.

La direzione musicale di L’ape musicale è affidata, per le recite cagliaritane, ad Alessandro Palumbo, e, per le recite in decentramento nell’Isola, a Fabrizio Ruggero che dirigono l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco. L’accompagnamento al fortepiano è di Giancarlo Salaris.

L’opera si avvale di un cast di giovani cantanti: Beatrice Mezzanotte (Lucinda), Daniele Terenzi(Mongibello), Salvatore Salvaggio (Don Nibbio), Anibal Mancini (Narciso), Mauro Secci (Don Canario).

Nel video sottostante , realizzato durante le prove al Teatro Lirico di Cagliari, il regista spiega bene cosa sia questa composizione variegata. Intanto vi ricordo che gli spettacoli si terranno al Teatro Civico di Castello a Cagliari nei giorni  Venerdì 14 luglio,  lunedì 17, martedì 18 e sabato 22 luglio sempre alle 21 e, in tre diverse località del circuito regionale ancora da definire, lunedì 24, mercoledì 26 e venerdì 28 luglio sempre alle 21.

 
YouTube Video

Informazioni Biglietteria

Biglietteria del Teatro Lirico via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari,

telefono 0704082230 | biglietteria@teatroliricodicagliari.it

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Prefazione di Eugenio Rambaldi

Lo spettacolo lirico, da sempre componente essenziale della cultura e dell’identità nazionale italiana, deve essere considerato oggi una forma di investimento per le ricadute positive che genera come formidabile strumento di edutainment della popolazione e come risorsa indispensabile per politiche di destination management.

L’autore Domenico Balzani, nel trattare le produzioni operistiche come dei progetti con un ciclo di vita ben definito, individua e suggerisce metodi gestionali e processi operativi tipici del project management come strumenti ideali per il raggiungimento di obiettivi quali l’efficienza produttiva, l’ottimizzazione delle risorse e dei tempi, l’economicità e la qualità artistica.

 

Puoi acquistarlo in questo sito  http://www.aracneeditrice.it 

 

 

 

 

 

 

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

A Cagliari, ieri sera,   si è tenuto un concerto straordinario nella splendida e panoramica terrazza del Bastione Saint Rémy. Il bastione è un monumento molto amato dai cagliaritani perchè durante la  stagione estiva si piò godere sempre di un po’ di fresco essendo posto sul colle di Castello che domina la città. La bella cornice, insolita per Coro e orchestra del Teatro lirico di Cagliari ha richiamato migliaia di cagliaritani e turisti. Il concerto era offerto alla cittadinanza gratuitamente.

Per motivi personali, ahimè, non ho potuto presenziare , ma ho seguito attraverso i social e qualche diretta video quasi tutto l’evento   . Il collega Alessandro Raffa, tenore del coro, mi ha raccontato di un bel concerto, sia dal punto di vista  musicale  con cantanti solisti di buon livello (Tiziana Caruso e Lavinia Bini soprani, Agostina Simmero  mezzosoprano, Angelo Villari tenore, Devid Cecconi baritono, direttore Gerard Korsten),sia nel programma, popolare , adatto anche ad un pubblico che non frequenta il teatro e la musica lirica.  Un amico, che mi ha ringraziato per la segnalazione del concerto,  ha messo in evidenza che  ci sarebbero volute  delle sedie  perchè diverse persone anziane hanno dovuto lasciare il concerto a metà per la stanchezza. L’acustica poi  lasciava un po’ a desiderare. L”amplificazione era povera rispetto alla maestosità della piazza . Un problema risolvibile per le prossime occasioni.

Bella serata comunque, molto apprezzata e il desiderio di tanti è stato quello di poter vedere ancora il coro e l’orchestra in questi luoghi alla portata di tutti. Il pubblico sente più vicini gli artisti e i musicisti apprezzando e valutando il loro lavoro maggiormente.

Nella foto di testa i due tenori Alessandro Raffa e Alessandro Bellanova prima del concerto. Le foto di coda sono di Priamo Tolu

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ho conosciuto Alessio  qualche anno fa, ad un concorso per giovani cantanti.  Io facevo parte della commissione. Quella prima volta mi colpì subito la sua interpretazione. Ogni parola  del testo arrivava  prima col cuore e poi con la voce.  Alessio da allora ha continuato a perfezionarsi sia come esecutore che come cantautore scrivendo delle belle canzoni ricche di significato. 

Questo suo nuovo lavoro tratta un argomento molto pesante per noi sardi, quello dell’emigrazione, un argomento che mi tocca molto da vicino.

“Project 1 – SARDINIA è un’idea, un progetto, un pensiero. E’ amore. Va a i miei amici, ai miei cari, a tutte le persone lontane da casa” – Così presenta il suo nuovo lavoro che vi propongo di seguito in versione video.
Il brano  è stato scritto da Alessio Gaviano, Diretto e Editato da Matteo Fadda con la partecipazione di Valentina Mattana.
Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

 4 appuntamenti in 3 giorni con I Musici di Parma

 Weekend di grande musica a Salsomaggiore Terme

Beethoven, Schumann, Verdi e solisti di fama internazionale 

3 concerti e un aperitivo in musica in compagnia dei Musici di Parma, di Enrico Fagone, primo contrabbasso dell’OSI e del pluripremiato violoncellista Giovanni Gnocchi
Tra castelli e teatri, protagonisti anche gli allievi delle masterclass estive
In programma la Settima sinfonia di L.V. Beethoven

Salsomaggiore Terme, 4 luglio – L’estate della grande musica classica riparte a Salsomaggiore Terme, tra teatri e castelli. Dopo il successo dell’inaugurazione, lo scorso 24 giugno, l’VIII Salso Summer Class & Festival riprende con il secondo weekend, ricco di appuntamenti. Protagonisti grandi musicisti di fama internazionale e giovani allievi di talento, secondo il consueto binomio, tipico di tutto il festival. In programma sabato sera la Settima sinfonia di L.V. Beethoven.

Si incomincia nella suggestiva cornice del Castello medievale di Contignaco, a pochi chilometri da Salsomaggiore Terme, visitabile solo in questa stagione. Venerdì 7 luglio alle ore 21.15Enrico Fagone, primo contrabbasso dell’OSI (Orchestra della Svizzera Italiana) sarà protagonista di un concerto dedicato alle noti gravi e suggestive del contrabbasso. Ad accompagnarlo saranno I Musici di Parma, insieme agli allievi della masterclass e della classe annuale di contrabbasso tenute da Enrico Fagone stesso per l’Accademia dei Musici di Parma, che ormai da quattro anni ha sede nelle meravigliose Terme Berzieri di Salsomaggiore Terme.

Per l’occasione, il primo contrabbasso dell’OSI, artista affermato e musicista riconosciuto a livello internazionale, si esibirà in qualità di solista, accompagnato dall’Orchestra dei Musici di Parma, e vestirà i panni insoliti di direttore d’orchestra. In programma due concerti per Contrabbasso e orchestra: quello di S.A. Koussevitzky, direttore d’orchestra affermato, compositore e virtuoso del contrabbasso, che enrtò a far parte dell’orchestra del Teatro Bol’šoj a soli vent’anni. Il suo concerto per contrabbasso Op. 3, scritto nel 1905, ha il respiro di una composizione unica e un uso del contrabbasso quasi violoncellistico. E il Concerto n.2 di G. Bottesini, clarinettista, direttore d’orchestra e compositore prolifico che morì nel 1889 a Parma. A seguire, sotto la direzione di Enrico Fagone, sarà eseguita la Serenata per archi op. 20 di E.W. Elgar, opera dallo spiccato afflato tardoromantico composta nel 1892. Protagonista del gran finale sarà il Tango di Astor Piazzolla, che lascerà spazio al divertimento e al virtuosismo di Enrico Fagone, con tre brani a sorpresa. Prima del concerto sarà possibile visitare e conoscere la storia e i segreti del Castello di Contignaco.

Il violoncellista Giovanni Gnocchi, fondatore del Quartetto di Cremona, che vanta collaborazioni con le maggiori orchestre di tutto il mondo, sarà protagonista, invece, di una serata dedicata al Classico Romanticismo, sabato 8 luglio, alle 21.15 al Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme. In programma la Sinfonia n. 7 in la maggiore Op. 92 di L.V. Beethoven e il Concerto per Violoncello e Orchestra in la minore Op. 129 di R. Schumann. Ad accompagnare Giovanni Gnocchi, di cui il celebre violoncellista Yo Yo Ma ha detto “è un giovane meravigliosamente pieno di talento, che darà un grande contributo alla musica ovunque egli vada”, saranno i I Musici di Parma e gli allievi della classe di direzione d’orchestra.

I concerti sono il risultato di un’intenzione progettuale che sta alla base dell’intero festival. “Questi concerti offrono al pubblico esecuzioni di altissima qualità ma sono anche il frutto di un lungo lavoro portato avanti con entusiasmo dai Musici di Parma e dall’Accademia”, spiega il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, alla guida della rassegna dal 2010, quando il festival nacque sulle sponde del Lago d’Iseo. “L’obiettivo, oggi come ieri, è quello di creare un bacino di giovani, di cultura e di musica. Un impegno fatto di scambi culturali fra giovani italiani e stranieri, fra musicisti di livello internazionale e studenti che si affacciano alla ribalta dei più grandi palcoscenici italiani ed europei”.

Cuore dell’intera manifestazione, infatti, resta l’intenzione di fornire ai giovani talenti musicali la possibilità di affinare le proprie doti e di acquisire competenze tecniche e caratteriali in grado di garantire loro un futuro professionale. Dalle 6 masterclass organizzate durante la prima edizione, si è passati a 15, in programma dal 3 luglio al 6 agosto. 200 gli allievi iscritti quest’anno provenienti da Europa, Asia e America. I migliori allievi dei corsi estivi avranno l’opportunità di esibirsi, in qualità di solisti, con l’Orchestra dei Musici di Parma.

Si continua domenica 9 luglio con due appuntamenti: alle ore 18.30, al Castello di Tabiano, musiche di Giuseppe Verdi in compagnia dell’Orchestra di Flauti Zephyrus. Domenica mattin, invece, si apre il ciclo Aperitivi in Musica, incontri con musicisti e musicologi per conoscere da vicino artisti e partiture, che accompagneranno l’estate salsese lungo 5 weekend. Appuntamento ogni domenica mattina alle 11 nel foyer delle bellissime Terme Berzieri, con la possibilità di visita guidata al palazzo storico delle Terme, esempio unico di Art déco termale ispirato alle architetture orientali di Bangkok.

Molti gli artisti di fama internazionale che animeranno il SSC&F nei prossimi weekend fino al 6 agosto: Andrea Lucchi, prima tromba dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’oboe dei Berliner Philarmoniker Christoph Hartmann, il violista scaligero Simonide Braconi, la violinista Yulia Berinskaya, solisti e virtuosi come il sassofonista Mario Marzi o il violinista albanese Klaidi SahatÇi, il direttore d’orchestra Daniele Agiman, i clavicembalisti Giovanna Fornari Francesco TasiniMarco Zoni, primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala e il violinista Marco Ferri. Nonché gli altri docenti delle masterclass estive, cuore della manifestazione: Cinzia ForteCarmelo GullottoStefano Conzatti e Giuseppe Miglioli

I concerti sono tutti ad ingresso gratuito.

*** *** *** ***

 

CALDENDARIO e PROGRAMMI

 

# Venerdì 07 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Castello di Contignaco, Via Contignaco Castello n.126, ore 21,15

Il Romanzo del Contrabbasso

Musiche di S.A. Koussevitzky, G. Bottesini, E.W. Elgar e A. Piazzolla

Enrico Fagone con I Musici di Parma e gli Allievi della classe di Contrabbasso

Il concerto sarà preceduto alle ore 20,00 dalla visita guidata al Castello di Contignaco.

Prenotazione obbligatoria: tel. +39 0524 57 32 87 / 320 60 66 721 - castello.contignaco@gmail.com Sito web: www.castellodicontignaco.it È previsto il servizio Bus Navetta andata/ritorno

Per Info: IAT Salsomaggiore Terme – Tel. +39 0524 580211 - E-mail: info@portalesalsomaggiore.it

 

# Sabato 08 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Teatro Nuovo, Viale Romagnosi n.24, ore 21,15

Il Classico Romanticismo

L. Van Beethoven: La Sinfonia n. 7 in la maggiore, Op. 92

R. Schumann: Il Concerto per violoncello e orchestra in la minore, Op. 129

Giovanni Gnocchi con I Musici di Parma e gli Allievi della classe di Direzione d’Orchestra

 

# Domenica 09 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Castello di Tabiano, Frazione di Tabiano Terme, Via Tabiano Castello, ore 18,30.

Viva Verdi

Musiche di Giuseppe Verdi

Orchestra di Flauti Zephyrus

In caso di mal tempo il concerto si terrà presso le Scuderie dell’Antico Borgo di Tabiano Castello.

E’ previsto il servizio Bus Navetta andata/ritorno

Per Info: IAT Salsomaggiore Terme – Tel. +39 0524 580211 - E-mail: info@portalesalsomaggiore.it

 

Domenica 09 luglio

Salsomaggiore Terme (PR), Palazzo Berzieri, Piazza Lorenzo Berzieri, ore 11,00

Team Building Music

Aperitivo in Musica

Incontro con Daniele Agiman e I Musici di Parma

Il concerto sarà preceduto alle ore 10,00 dalla visita guidata alle Terme Berzieri a cura dell’agenzia Verd&Acque. Costo a persona visita guidata: adulti euro 5,00, gratis per i minori di 10 anni.

Prenotazione obbligatoria: tel. +39 0524 83377 / e-mail: info@verdeacque.it

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Vi posto di seguito il programma che sarà eseguito domani sera al Bastione di Cagliari (vedi post)

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Non è la prima volta che il Coro e l’orchestra del Teatro Lirico di Cagliari si esibiscono nella monumentale terrazza del Bastione. Se la memoria non m’ inganna, l’ultima volta risale al 17 marzo del 2011, in occasione dell’anniversario dei 150 anni dell’unità  d’Italia. All’epoca il direttore d’orchestra era il giovanissimo Andrea Battistoni

Giovedì 6 luglio alle 21, sempre sulla Terrazza Umberto I del Bastione di Saint Remy a Cagliari, il Teatro Lirico di Cagliari offre una serata di musica lirica al pubblico ed alla cittadinanza tutta: celeberrime scene corali, arie, duetti e brani popolari tratti dalle più famose opere liriche di Verdi, Puccini, Donizetti e Rossini.

Questa volta però il direttore sarà  Gérard Korsten e, in qualità di solisti, Tiziana Caruso (soprano), Lavinia Bini (soprano), Agostina Smimmero (mezzosoprano), Angelo Villari (tenore), Devid Cecconi (baritono). Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

Il programma musicale della serata prevede: Sinfonia da Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini; Noi siamo zingarelleDi Madride noi siam mattadori da La Traviata, Vedi! Le fosche notturne spoglieStride la vampa! da Il Trovatore, Di Provenza il mar, il suol da La Traviata di Giuseppe Verdi; Vissi d’arteE lucevan le stelle da Tosca di Giacomo Puccini; Bella figlia dell’amore da Rigoletto di Giuseppe Verdi; Benedette queste carte! da L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti; Va’, pensiero da Nabucco, Libiam ne’ lieti calici da La Traviata di Giuseppe Verdi.

L’ingresso alla manifestazione, della durata complessiva di un’ora circa, è libero.

 La serata è inserita nel progetto “CagliariPaesaggio”, a cura del Comune di Cagliari.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it

 

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Aveva 14 anni , lunghi capelli castani e una grande timidezza. Quando Maria è arrivata da me  per un’audizione, accompagnata dalla sua mamma, era così, come un uccellino impaurito. I suoni emessi col primo vocalizzo erano afoni, senza colore e soprattutto non c’era un’estensione. L’ansia le faceva tirar su le spalle riducendole il fiato e facendole salire la laringe. Istintivamente, chiunque, davanti a questo risultato, avrebbe tranquillizzato la madre dicendole che le lezioni di canto sarebbero stati soldi buttati. Io no, io faccio parte di quella categoria che ama scoprire le voci laddove a primo colpo, sembra non ci sia nulla. Per esperienza ho capito che quasi sempre  da brutti anatroccoli queste voci, diventano cigni.

Nonostante il poco suono avevo però individuato due   elementi fondamentali: intonazione e ritmo con i quali avrei comunque potuto costruire qualche cosa anche con poca voce. Sarebbe stato molto più difficile il contrario, e cioè sentire una grande voce ma stonata e fuori tempo.

Ebbene, posso dire che, come avevo previsto, Maria è diventata un cigno e prevedo sia sulla buona strada per poter cominciare ad affrontare seriamente il pubblico e qualche concorso locale, esperienza indispensabile per fare la gavetta. Ha acquisito estensione sia nelle note acute che in quelle gravi, diventando padrona della respirazione e  dei registri.

Qualche giorno fa, davanti ad un pubblico non solo di parenti, è riuscita a conquistare la platea nonostante la concorrenza aguerrita di altri ragazzi provenienti da altre scuole di canto. Sentitela voi stessi nel video sottostante.


YouTube Video

Maria Loy frequenta la scuola di canto di Elide Uchesu, Vi. U. Music Academy a Cagliari in via San Giorgio 10

 

 

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

A fine maggio si è brillantemente conclusa la Rassegna Musicale Giovanile organizzata dagli Amici della Musica di Cagliari con il contributo del Prof. Valerio Carta, in collaborazione con l’istituto comprensivo C. Colombo di Cagliari (Dirigente Prof. Roberto Bernardini) .

Gli obiettivi della rassegna erano quelli di valorizzare giovani musicisti (diplomati e non) del conservatorio cagliaritano, sensibilizzare i giovani all’esperienza musicale, dare la possibilità di far conoscere strumenti musicali (voce compresa) differenti da quelli studiati presso l’istituto (dove è attivo l’indirizzo musicale con le cattedre di: violino, pianoforte, flauto traverso e chitarra) e soprattutto contribuire, anche indirettamente, a limitare la dispersione scolastica.

La rassegna era composta da sei concerti, svoltisi presso l’aula magna restaurata di recente. Le musiche erano di vari autori: Bach, Corelli, Telemann, Mozart, Bellini, Verdi, Scriabin, Listz, Gluck, Rossini, etc..

Bravissimi i cantanti che provenivano tutti dalla scuola del soprano Elisabetta Scano. Tra gli strumentisti è emerso il talento pianistico di Mattia Casu.

Oltre alla presentazione degli strumenti musicali è stato dato spazio alle domande/risposte tra esecutori e discenti, arricchito dalle esperienze dei giovani musicisti. Di seguito tutto il programma della rassegna: lunedì 27 marzo: Eleonora Congiu arpista, Sabrina Piras pianista. Mercoledì 5 aprile, Tiziana Pani, Ilaria Vanacore soprani, Ettore Agati sopranista, Michelangelo Romero tenore, Carlo Asuni baritono, Valerio Carta pianista. Mercoledì 12 aprile, Silvia Piras, Andrea Deidda, Vittorio Pala oboisti:, Veronica Melis, Michelangelo Congiu pianisti. Giovedì 27 aprile, Viola Pisano, Alessandra Mei, Claudia Urru, Jiadi Wu soprani, Martina Serra mezzosoprano, Michelangelo Romero tenore, Valerio Carta pianista. Venerdì 5 maggio, Margherita Moccia, Anna Floris violiniste, Tommaso Delogu violista, Beatrice Deplano violoncellista. Martedì 23 maggio, Mattia Casu pianista.

Un particolare ringraziamento va dato alla disponibilità dei docenti dell’istituto e del conservatorio G. P. da Palestrina: Elisabetta Scano, Romeo Scaccia, Mario Frezzato, Francesco Giammarco, Anna Maria Melis, Giorgio Oppo, Nicoletta Pintor, Luigi Moccia, Marcella Murgia, Stefano Figliola.

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

 

Si è svolta ieri la cerimonia di intitolazione della Scuola media Istituto comprensivo Via Meilogu, a Cagliari,  dedicata al soprano cagliaritano Giusy Devinu. Il pubblico è accorso numeroso nell’ auditorium della scuola che per l’occasione è stato allestito con una bella gigantografia di Giusy.

Ha aperto la serata la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo, Giuseppina Miceli, che ha presentato l’assessore Yuri Marcialis, Assessore alla Pubblica istruzione, Sport e Politiche giovanili , e il dirigente Luca Cancelliere, con i quali ha intrapreso il percorso burocratico per poter raggiungere l’obiettivo.

Ha dato poi la parola al marito Francesco Musinu che con Giusy ha condiviso, oltre che la vita privata anche i  palcoscenici dei più importanti del mondo. Aveva con se un cimelio che Giusy custodiva gelosamente: la locandina del suo debutto nella Traviata al Teatro alla Scala diretta da Riccardo Muti, firmata da 200 loggionisti in segno di grande apprezzamento.

La sua testimonianza è stata bella e commovente come quella della sua insegnante Maria Casula che  , anche privatamente, ci ha raccontato tanti piccoli aneddoti. Si è passati poi alla proiezione di un video con alcuni momenti della carriera dell’artista.

La violinista Giulia Greco (nipote di Giusy Devinu) accompagnata al pianoforte da Marco Schirru hanno regalato al pubblico un intermezzo musicale.

Dopo la premiazione di alcuni studenti tra i più meritevoli del triennio scolastico, la dirigente ha invitato il pubblico all’ingresso dell’Istituto dove la sorella del soprano, Franca Devinu, ha scoperto la targa  alla presenza anche della madre . Nei video sottostanti ho realizzato il documento  particolareggiato di tutta la serata.


YouTube Video

SECONDA PARTE: il ricordo di Francesco Musinu

TERZA PARTE: il ricordo dell’insegnante Maria Casula

QUARTA PARTE: La violinista Giulia Greco e il Lyons club

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Villa Fanny e la Associazione Culturale “Millenote” sono liete di invitarvi a trascorrere una magica serata all’insegna del gusto e della buona musica. Nella verde cornice dei giardini della villa, lasciatevi incantare dai sapori del nostro buffet e dalla maestria dei musicisti.

Programma del Concerto / Buffet / 9 luglio 2017 – h 21.00

QUADRI D’OPERA
Intrighi e amori da Mozart a Puccini
Concerto per soprano, tenore, baritono, coro e pianoforte

Soprano, Tiziana Pani
Tenore, Damiano Caria
Baritono, Riccardo Spina
Coro, corale nostra signora di Bonaria
Pianoforte, Manuele Pinna
Direttore del coro, maestro Andrea Cossu

INGRESSO SU PRENOTAZIONE
BIGLIETTI DISPONIBILI SINO AD ESAURIMENTO

Per informazioni e prenotazioni, prevendite e pacchetti:
Tel. 070 8587300
booking@hotelvillafanny.it

Viale Merello 43

Cagliari

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ha solo 10 anni Matilde Loi, cagliaritana, ed è già considerata una promessa della ginnastica italiana, riconoscimento avuto qualche giorno fa ai Campionati Nazionali Fgi di Rimini.

Matilde si allena con la scuola ASD Butterlfly Ritmica SESTU . Il livello generale della squadra  è stato ottimo considerato che le atlete con cui si sono confrontate erano tra le migliori di tutta Italia.

La piccola grande Tilly (così la chiamano le compagne di squadra), si è distinta sfoderando una grinta e una caparbietà incredibili, si è aggiudicata l’accesso alla finale nell’attrezzo cerchio, con un 7° posto nella 1° divisione, la più alta della categoria Silver, concludendo la sua avventura al 10° posto. La decima ginnasta nazionale…e dopo, solo l’Olimpo.

Matilde però ha anche un altro  grande talento, quello del canto e della musica in generale. Solo qualche giorno fa ha accompagnato sua sorella Maria (mia allieva) alla lezione di canto e insieme hanno registrato il duetto che potete vedere nel video sottostante . Lei con grande musicalità ha potuto cantare in armonia con la voce della sorella senza avere alcuna difficoltà e senza uno studio specifico alle spalle.  In questi giorni  sarà impegnata in alcuni concorsi per giovani cantanti dove speriamo, possa mostrare il suo talento con la stessa grinta dimostrata nella ginnastica ritmica.

In bocca al lupo Tilly!


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Giovedì 29 giugno alle ore 18, presso l’Auditorium della scuola media di  Via Meilogu 18 a Cagliari, si terrà la cerimonia di intitolazione dell’Istituto Comprensivo a nome del soprano cagliaritano Giusy Devinu .

Per l’occasione saranno presenti le autorità scolastiche e comunali , i parenti e gli amici del soprano cagliaritano.

Durante la serata la violinista Giulia Greco (nipote di Giusy ) e il pianista Marco Francesco Schirru, reduci dalla vittoria del concorso “Golfo degli angeli” e dai concerti in Vaticano, si esibiranno in un breve concerto.

La cerimonia è aperta a tutta la cittadinanza

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Amore, amicizia, passione, morte in Un ballo in maschera di Verdi, per la Stagione lirica e di balletto 2017

 Venerdì 30 giugno alle 21 (turno A), la Stagione lirica e di balletto 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue nei mesi estivi, a favore non solo del pubblico di abbonati, ma anche dei numerosissimi turisti presenti nell’Isola, con il quarto appuntamento con l’opera: va in scena, infatti, l’amato ed immortale capolavoro del massimo operista italiano Un ballo in maschera, melodramma in tre atti, su libretto di Antonio Somma, tratto dal dramma Gustave III ou Le Bal masqué di Eugène Scribe e musica di Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 – Milano, 1901).

 

Viene proposto l’affascinante allestimento del 2004 del Teatro Regio di Torino che si avvale della regia di Lorenzo Mariani, ripresa a Cagliari da Elisabetta Marini, delle scene di Maurizio Balò, dei costumi di Maurizio Millenotti e delle luci di Christian Pinaud. «L’azione non si svolge nel Settecento americano come previsto dal libretto, ma è ambientata tra gli anni Venti e Trenta del ‘900: come se il governatore Riccardo fosse il viceré dell’India o di un’altra colonia […]. Tutta l’opera si basa sul contrasto ombra e luce, le scenografie hanno un carattere altamente drammatico e simbolico, dove si percepisce la tensione del noir. C’è molto bianco e nero, c’è l’atmosfera thriller, ma anche i colpi di colore: il rosso del sangue, dell’amore, della passione.» (Lorenzo Mariani).

 

La direzione musicale è affidata a Gérard Korsten che ritorna sul podio cagliaritano, dopo La Traviata della scorsa estate, a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

 

Protagonisti dell’opera sono giovani ed affermati cantanti che si alternano nelle recite quali: Roberto De Biasio (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Angelo Villari (1-4-7-9-19 luglio) (Riccardo), Roberto de Candia (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Devid Cecconi (1-4-7-9-19 luglio) (Renato), Tiziana Caruso (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Monica Zanettin (1-4-7-9-19 luglio) (Amelia), Carolyn Sproule (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Agostina Smimmero (1-4-7-9-19 luglio) (Ulrica), Eva Mei (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Lavinia Bini (1-4-7-9-19 luglio) (Oscar), Francesco Verna (Silvano), Federico Benetti (Samuel), Stefano Rinaldi Miliani (Tom), Mauro Secci (Un Giudice), Marco Puggioni (Un Servo d’Amelia).

 

Rappresentata per la prima volta al Teatro Apollo di Roma il 17 febbraio 1859, l’opera patì numerose traversìe di carattere censorio e l’ambientazione svedese iniziale venne trasferita in un improbabile Massachusetts, con il protagonista che da re diviene conte, dato che la censura romana non gradiva regicidi in scena, soprattutto dopo il fallito attentato a Napoleone III.

 

L’opera, della durata complessiva di 3 ore circa compresi due intervalli, viene, ovviamente, rappresentata in lingua italiana, ma, come ormai tradizione al Teatro Lirico di Cagliari, viene eseguita con l’ausilio dei sopratitoli che, scorrendo sull’arco scenico del boccascena, favoriscono la comprensione del libretto.

 

Un ballo in maschera che va in scena per undici rappresentazioni, di cui 8 in abbonamento e 3 fuori abbonamento (queste ultime dedicate soprattutto ai turisti) e ritorna a Cagliari dopo dieci anni (l’ultima edizione è del maggio-giugno 2007), viene replicato: sabato 1 luglio alle 21 (turno G); domenica 2 luglio alle 21 (turno D), martedì 4 luglio alle 21 (turno F); mercoledì 5 luglio alle 21 (turno B); venerdì 7 luglio alle 21 (turno C); sabato 8 luglio alle 17 (turno I); domenica 9 luglio alle 21 (turno E); mercoledì 12 luglio alle 21 (fuori abbonamento); sabato 15 luglio alle 21 (fuori abbonamento); mercoledì 19 luglio alle 21 (fuori abbonamento).

 

Prezzi biglietti: platea da € 75,00 a € 50,00 (settore giallo), da € 60,00 a € 40,00 (settore rosso), da € 50,00 a € 30,00 (settore blu); I loggia da € 55,00 a € 40,00 (settore giallo), da € 45,00 a € 30,00 (settore rosso), da € 40,00 a € 25,00 (settore blu); II loggia da € 35,00 a € 25,00 (settore giallo), da € 25,00 a € 20,00 (settore rosso), da € 20,00 a € 15,00 (settore blu).

 

La Stagione lirica e di balletto 2017 prevede sette turni di abbonamento (A, B, C, D, E, F, G), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da venerdì 27 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione lirica e di balletto; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Cagliari, 26 giugno 2017

Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Musica, teatro, comicità e divertimento

Grande successo sabato sera a Salsomaggiore Terme per il Barbiere di Siviglia

Serata inaugurale dell’VIII edizione del Salso Summer Class & Festival,

il festival estivo de I Musici di Parma a Salsomaggiore Terme

 

Il Barbiere di Siviglia

di Gioacchino Rossini

 Una versione inedita, pensata specificatamente per il SSC&F dal regista Roberto Catalano e dai Musici di Parma. Un tributo alla RAI anni 60 e alla comicità del grande Alighiero Noschese

Un cast di professionisti affermati, accanto a giovani talenti. Un mix su cui si fonda tutto il festival. Con la partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni e di Adriano Engelbrecht

 Salsomaggiore Terme, 24 giugno – È iniziata l’VIII edizione del Salso Summer Class & Festival, il festival estivo organizzato da I Musici di Parma, che fino al 6 agosto animerà le terme, le piazze, i palazzi, i teatri e i castelli di Salsomaggiore Terme. Sabato sera al Teatro Nuovo è andato in scena Il Barbiere di Siviglia, l’opera in due atti di Gioacchino Rossini, in una versione inedita, firmata Roberto Catalano, pensata e riadattata specificatamente per l’occasione.

Grande successo, tra opera lirica, teatro, comicità e divertimento. Sul palco grandi artisti hanno incantato il numeroso pubblico e che ha riempito le poltrone rosse del Teatro: Mauro Bonfanti (Figaro), che ha avuto l’onore di essere uno degli ultimi allievi di Luciano Pavarotti, di cui quest’anno ricorrono i 10 anni dalla morte; il baritono trentino Giulio Mastrototaro (in un riuscitissimo Don Bartolo), Massimiliano Catellani (Don Basilio), Francesco Tuppo (Conte d’Almaviva) e l’affermato soprano Annamaria Dell’Oste (una divertentissima Rosina), prossima al suo debutto nei panni di Donna Anna nel Don Giovanni al Teatro Bellini di Catania. Accanto a loro, in un binomio peculiare a tutto il festival dei Musici di Parma, si sono esibiti  giovani cantanti di grande talento come la talentuosa Incoronata Maria Buttino, ex allieva dell’Accademia dei Musici di Parma, al suo debutto. In buca l’Orchestra de I Musici di Parma. Sul palco, invece, il Coro dell’Opera di Parma diretto da Emiliano Esposito. Ideazione scenica e costumi: Ilaria Ariemme

Sotto la direzione esperta di Daniele Agiman, i Musici di Parma hanno proposto una verisone mai vista prima dell’opera rossiniana, firmata dal regista Roberto Catalano. Mantenute  tutte le arie sono stati, invece, tagliati i recitativi, in una soluzione snella, che risponde alle esigenze del libretto (di Cesare Sterbini,) e che ha lasciato spazio, nell’opera, alla divertentissima recitazione teatrale dell’affermata attrice Franca Tragni. In un tandem riuscitissimo con il poeta, musicista e attore Adriano Engelbrecht, ha tessuto la trama dell’intera narrazione.

Opera buffa e commedia teatrale: due generi in uno, durata circa due ore e un quarto. La scena si è mossa sul set di uno studio televisivo. Non un’ambientazione a caso, però, ma un tributo alla grande TV degli anni Sessanta, la RAI del servizio pubblico. La scena ha riprodotto l’atmosfera degli studi storici di via Teulada a Roma. Il giovane ma già affermato regista Roberto Catalano ha creato un gioco di scatole cinesi, su un piano metateatrale. Sul set televisivo di un immaginario “Studio Uno”, una coppia di attori sedeva dietro la scrivania, tra le mura a vista di un ufficio postale, dentro il quale di sono mossi i personaggi rossiniani. Nel Barbiere di Siviglia di Catalano è andato in scena un mondo nel quale tutto, o quasi, era dichiaratamente finto.

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

In vendita dal 22 giugno alle ore 9 in Biglietteria Centrale* e dalle ore 12 online saranno disponibili i biglietti per:

• Opera Hänsel und Gretel (2, 4, 6, 8, 16, 21, 24 settembre)
• Opera Hänsel und Gretel ScalAperta (20 settembre)
• Opera Tamerlano (12, 19, 22, 25, 27, 30 settembre)
• Opera Tamerlano ScalAperta (4 ottobre)
• Balletto Onegin (23, 26, 28 settembre; 6, 12, 18 ottobre 2017)
• Balletto Onegin ScalAperta (29 settembre)
• Recital Daniela Barcellona (1 ottobre)
• Opera Der Freischütz (10, 13, 17, 20, 23, 26, 30 ottobre)

Le vendite di Der Freischütz ScalAperta, Nabucco Ti vedo, ti sento, mi perdo seguiranno invece le scadenze ordinarie.

I prossimi appuntamenti autunnali: Hänsel und Gretel, il capolavoro di Humperdinck ispirato alla celebre fiaba dei Fratelli Grimm che è diventato una delle opere più rappresentate e di maggior successo dell’ultimo secolo; Tamerlano di Händel, che segna il ritorno del barocco ma anche di Plácido Domingo in un ruolo da tenore in alcune recite; Onegin di John Cranko, su musiche di ?ajkovskij, la cui potenza espressiva e drammatica vedrà protagonisti in cinque recite l’étoile Roberto Bolle accanto a Marianela Nuñez Principal del Royal Ballet; Der Freischutz di Weber, altro caposaldo del Romanticismo musicale, assente da molti anni alla Scala, con la direzione di Myung-Whun Chung. Per gli amanti delle grandi voci italiane, il 1 ottobre è da non perdere il recital di Daniela Barcellona.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Al via l’ottava edizione del festival e delle masterclass estive dei Musici di Parma,

la seconda a Salsomaggiore Terme

 Salso Summer Class & Festival

All’opera!

La musica, un tema senza fine 

24 giugno – 6 agosto, Salsomaggiore Terme (PR)

 23 eventi lungo 6 weekend dedicati alla grande musica classica  Protagonista di quest’anno, l’opera lirica, 15 masterclass internazionali tenute dalle prime parti delle più celebri orchestre Berliner Philarmoniker, Scala, Santa Cecilia, OSI. 200 allievi provenienti da tutto il mondo

Si parte sabato 24 giugno con

Il Barbiere di Siviglia diretto da Daniele Agiman partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni,

di Adriano Engelbrecht
e dei cantanti Mauro Bonfanti e Annamaria Dell’Oste

Salsomaggiore Terme, 21 giugno – All’opera! è il titolo scelto per l’VIII edizione del festival dei Musici di Parma, che quest’anno ha eletto la musica lirica a propria regina: opere, arie, sinfonie, trascrizioni strumentali faranno da filo conduttore all’intera rassegna.

A partire da sabato 24 giugno la musica animerà le terme, le piazze, i palazzi, i teatri e i castelli di Salsomaggiore Terme. Una dedica speciale per un evento che si svolge nelle terre natie del grande compositore Giuseppe Verdi, tra le bellezze naturali e architettoniche del territorio salsese. Un evento organizzato dall’Associazione I Musici di Parma, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, il Consorzio Terme Berzieri e i castelli del territorio, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Parma e reso possibile grazie al contributo della Fondazione Cariparma.

Un sodalizio figlio dell’intensa vocazione musicale della città, luogo del primo concerto dei Musici di Parma, 15 anni fa, e sede ormai stabile della loro Accademia.

23 gli eventi in cartellone, tutti a ingresso gratuito, distribuiti lungo l’arco di 6 weekend, tra il venerdì e la domenica. 18 concerti suddivisi in tre categorie: Concerti classici, Concerti lirici e Concerti degli allievi (Young People Together), dove i protagonisti saranno i giovani musicisti impegnati nelle masterclass dei giorni precedenti. Ai concerti si aggiungeranno 5 aperitivi in musica, i Concertlifes, per scoprire da vicino i segreti delle partiture, la storia delle opere e per entrare in contatto diretto con i grandi artisti presenti alla manifestazione.

Si parte in anteprima sabato 24 giugno, alle ore 21.15, al Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme, con la messa in scena di Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini, in una versione pensata e riadattata specificatamente per il festival. Un evento impreziosito dalla partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni e del poeta, musicista e attore Adriano Engelbrecht.

Sotto la direzione esperta di Daniele Agiman, giovani cantanti di grande talento come la talentuosa Incoronata Maria Buttino, ex allieva dell’Accademia dei Musici di Parma, si esibiranno spalla a spalla con artisti affermati ed esperti come Mauro Bonfanti (Figaro), il baritono trentino Giulio Mastrototaro (Don Bartolo), Massimiliano Catellani (Don Basilio), Francesco Tuppo (Conte d’Almaviva) e l’affermata soprano Annamaria Dell’Oste (Rosina), prossima al suo debutto nei panni di Donna Anna nel Don Giovanni al Teatro Bellini di Catania. La regia è affidata a Roberto Catalano. Orchestra de I Musici di Parma. Coro dell’Opera di Parma diretto da Emiliano Esposito. Ideazione scenica e costumi: Ilaria Ariemme. Mimo: Fausto Lo Verde

Artisti di fama internazionale animeranno non solo le masterclass e i concerti ma anche gli incontri sotto forma di aperitivo in musica: Andrea Lucchi, prima tromba dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’oboe dei Berliner Philarmoniker Christoph Hartmann, il violista scaligero Simonide Braconi, la violinista Yulia Berinskaya, solisti e virtuosi come il sassofonista Mario Marzi o il violinista albanese Klaidi SahatÇi, il direttore d’orchestra Daniele Agiman, il violoncellista e fondatore del Quartetto di Cremona Giovanni Gnocchi, i clavicembalisti Giovanna Fornari e Francesco Tasini, Enrico Fagone, primo contrabbasso dell’OSI (Orchestra della Svizzera italiana), Marco Zoni, primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala e il violinista Marco Ferri. Nonché gli altri docenti delle masterclass estive, cuore della manifestazione: Cinzia Forte, Carmelo Gullotto, Stefano Conzatti e Giuseppe Miglioli.

“L’attesa è quella delle grandi occasioni”, afferma Daniela Isetti, Assessore alla Cultura del Comune di Salsomaggiore Terme. La fiducia dell’amministrazione nei confronti dei Musici di Parma è ampiamente ripagata. Consideriamo i Musici la nostra orchestra e i doni musicali che ogni anni ci propongono valorizzano il nostro territorio e la nostra bellissima città, eccellenze anche in ambito culturale. In questo festival si riassumono gli aspetti che caratterizzano l’offerta turistica di Salsomaggiore e Tabiano Terme: il territorio con i suoi castelli e le pievi, la cultura, l’enogastronomia, la musica, le terme, la qualità della vita attraverso un turismo per il benessere sweet & slow.

Cosa altrettanto e forse ancor più unica e straordinaria è l’incontro tra giovani talenti e affermati musicisti. In un momento in cui i talent rappresentano una parte importante di ogni palinsesto televisivo, questo Festival racconta l’infinito talento delle nuove generazioni nel campo della musica classica. Un patrimonio che siamo onorati di mostrare al mondo. Così come, orgogliosamente, ci identifichiamo nelle splendide Terme Berzieri – che ospitano la Salso Musici Academy – altrettanto orgogliosamente vogliamo pensare che Salsomaggiore rappresenti la culla di tanti futuri artisti”.

All’opera! è una esclamazione che raccoglie in sé il frutto di un lungo lavoro portato avanti con entusiasmo dai Musici di Parma e dall’Accademia”, spiega il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, alla guida della rassegna dal 2010, quando il festival nacque sulle sponde del Lago d’Iseo. “L’obiettivo, oggi come ieri, è quello di creare un bacino di giovani, di cultura e di musica. Un lavoro di anni, che prosegue le intenzioni e le motivazioni del Sebino Summer Class & Festival, che del SSC&F costituisce le prime 6 edizioni.

Un impegno fatto di scambi culturali fra giovani italiani e stranieri, fra musicisti di livello internazionale e studenti che si affacciano alla ribalta dei più grandi palcoscenici italiani ed europei. I frutti sono sotto gli occhi di tutti: ragazzi formatisi qui e oggi parti stabili in orchestre prestigiose – RAI, ORT, Maggio Musicale, Teatro Regio di Torino – vincitori di premi in competizioni liriche e strumentali e solisti apprezzati. All’opera! vuole essere anche un monito a trovare soluzioni sempre nuove, a reperire risorse in grado di garantire la crescita e lo sviluppo di un’accademia di grande valore, che ha la fortuna di risiedere in uno dei palazzi più belli d’Italia”.

I concerti del SSC&F sono il naturale punto d’arrivo delle numerose masterclass estive, così come degli apprezzati corsi annuali tenuti dall’Accademia dei Musici di Parma, la Salso Musici Academy, che ormai da quattro anni ha sede proprio nel cuore di Salsomaggiore Terme, a Palazzo Berzieri. 80 gli allievi divisi su 6 classi: oboe, tromba, direzione d’orchestra, violino, clarinetto e flauto. Il binomio artisti affermati e studenti, miscela unica in Italia e caratteristica del festival fin dalle sue origini, si rinnova anche quest’anno e si intensifica. Dalle 6 masterclass organizzate durante la prima edizione, si è passati a 15, in programma dal 3 luglio al 6 agosto. 200 gli allievi iscritti quest’anno provenienti da Europa, Asia e America. I migliori allievi dei corsi estivi avranno l’opportunità di esibirsi, in qualità di solisti, con l’Orchestra dei Musici di Parma. Cuore dell’intera manifestazione resta, infatti, l’intenzione di fornire ai giovani talenti musicali la possibilità di affinare le proprie doti e di acquisire competenze tecniche e caratteriali in grado di garantire loro un futuro professionale.

Il Salso Summer Class & Festival propone dunque per il secondo anno consecutivo un’estate ricca di concerti e di masterclass internazionali. Un evento molto apprezzato nelle edizioni passate e di grande stimolo per le giovani promesse in campo musicale, in linea con l’esperienza positiva del 2016, che ha fatto registrare un sold out quasi totale, e di cui riprende lo slogan “La musica, un tema senza fine”. Una riflessione, sottolinea il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, che ricorda come “senza la musica e senza comprendere il profondo nesso tra musica e universo, i nostri giorni sul pianeta sarebbero tristi e scontati”.

Da fine giungo a inizio agosto, Salsomaggiore Terme sarà inondata dalle note dei grandi compositori che hanno fatto la storia dell’opera lirica italiana: Giuseppe Verdi, Gioacchino Rossini, e Vincenzo Bellini. La lirica farà da filo conduttore anche nelle esecuzioni strumentali: brani tratti dalla Carmen di G. Bizet, fantasie e trascrizioni originali di temi operistici, composte da Rossini, Pasculli e Bassi. Senza dimenticare giganti come J.S. Bach, W.A. Mozart, L. Van Beethoven e R. Schumann. Spazio anche alla musica sinfonica, con la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92 di Beethoven e alla musica moderna, con esecuzioni di brani firmati da Frank Martin, dal genio del tango Astor Piazzolla, fino ad arrivare alle suadenti note della bossa nova di A.C. Jobim.

Evento speciale sabato 22 luglio, con Musica Maestro!, un’intera giornata musicale che animerà le vie, le piazze, i giardini e i palazzi di Salsomaggiore Terme. Si conclude domenica 6 agosto nel Duomo di San Vitale, con musiche di G. Rossini, W.A. Mozart, L. Bassi, C. Saint Saens e M. Ravel.

La promozione musicale e l’attenzione per la formazione dei giovani talenti si intrecciano ancora una volta con la valorizzazione del territorio. I concerti si terranno, infatti, in luoghi d’eccezione, scelti tra i più prestigiosi e incantevoli della zona, coinvolgendo anche i tre castelli del territorio: il Castello di Contignaco, il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino e il Castello di Tabiano. Luoghi dalla forte valenza storica e artistica che sarà possibile scoprire, in occasione degli eventi musicali, con percorsi e visite guidate: il Palazzo delle Terme Berzieri, esempio unico di art déco termale, il Palazzo dei Congressi, con le sue eleganti decorazioni in stile liberty (visite guidate a cura dell’agenzia Verd&Acque – Per orari e prenotazioni: tel. +39.052483377 / info@verdeacque.it): il Castello di Contignaco (visite guidate alle ore 20. Prenotazione obbligatoria. Info e costi: +39.0524573287 / 3206066721 – castello.contignaco@gmail.com; il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (visite guidate alle ore 20.30. per costi e prenotazioni +39.0524572381, info@castellodiscipione.it); e il Castello di Tabiano.   Visite guidate alle ore 20.30. per costi e prenotazioni: +39.3488955378 / info@portalesalsomaggiore.it

http://www.imusicidiparma.it

http://www.comune.salsomaggiore-terme.pr.it/

Per Info: IAT Salsomaggiore Terme Tel. +39 0524 580211 E-mail: info@portalesalsomaggiore.it

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

DOMENICO BALZANI UN GAUDENZIO DI QUALITA’ A PARIGI

Intervista di Rino Alessi

Sardo di origine, è nato ad Alghero, Domenico Balzani vive ormai da qualche tempo in Friuli, dove ha messo famiglia e insegna al Conservatorio di Udine. Nel 1992 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Politiche ed Economiche presso l’Università di Sassari e nel 1993 il Diploma in Cantopresso il Conservatorio di Verona. La sua attività è molteplice. “Non si può vivere di poche cose” racconta il baritono, reduce da un bel successo al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi dove ha aggiunto un nuovo personaggio alla sua già nutrita galleria d’interpretazioni. E’ stato Gaudenzio ne Il Signor Bruschino di Rossini sotto la direzione di Enrique Mazzola e accanto a un grande artista come Alessandro Corbelli.

“Mi hanno chiamato all’ultimo momento per sostituire Markus Werba” racconta ancora. “A Parigi avevo avuto molto successo la stagione passata con Taddeo ne L’Italiana in Algeri, e per questo che si sono rivolti a me. Non conoscevo il ruolo, che è impervio con agilità spaventose nell’aria. Ma l’ho fatto. Ero agli inizi quando venni a Trieste per fare Bruschino in uno spettacolo dedicato al pubblico delle scuole che Giulio Ciabatti mise in scena alla Sala Tripcovich. Fui premiato come migliore voce giovane della stagione dagli Amici della Lirica…”.

Al Teatro Verdi Balzani è reduce da un altro salvataggio in extremis nei Pescatori di perle di Bizet. “Lì ho avuto ancora meno tempo per preparare il personaggio di Zurga, quattro giorni. Ma non c’è problema, se hai il mestiere lo puoi fare. Certo, sono dovuto venire a patti con il francese, che non parlo, ma il risultato è stato professionale.”. Ora Balzani è atteso a Klagenfurt per La Traviata, poi sarà a Trieste per i Carmina Burana di Orff e per Il Trovatore e “C’è un nuovo progetto con Parigi…”. Nel frattempo si divide tra le lezioni al Conservatorio Tomadini, le attività di Assolirica di cui è anima e vicepresidente e con cui si batte per tutelare i diritti degli artisti nell’ambito della nuova legge sullo spettacolo dal vivo, e ancora le attività del Colap che si occupa di coordinare il lavoro delle associazioni professionali. Come se non bastasse, sta per uscire con un libro sul project management nell’opera lirica presso Aracne e si occupa delle due bambine che vanno seguite: “Guai però se non ci fosse mia moglie…”.
Parliamo di Rossini: è stato bello collaborare con Corbelli? “Non lo conoscevo, ma nel 1993 era presente al saggio del mio diploma a Verona e mi diede dei consigli. Ora che ci siamo rivisti se n’è ricordato. Mi ha fatto piacere. E’ un punto di riferimento tra i baritoni in questi ultimi trent’anni per classe, stile. Un cantante di qualità molto alta.”. E’ importante l’attività di Assolirica? “Lo è. I cantanti non lo vogliono capire e non si associano. Ma i direttori di teatro e gli altri addetti ai lavori lo stanno capendo perché noi artisti lirici lavoriamo gratuitamente durante le prove, che sono sempre più impegnative, e senza tutela assicurativa. In pratica lavoriamo fuori legge come ho spiegato nell’audizione al Senato di qualche mese fa…”.
Il Signor Bruschino au Théâtre des Champs-Elysées : Il Signor Quiproquo !

Por Anne-Laure Faubert, 19 junio 2017

Dernier des cinq opéras en un acte commandés au jeune Rossini et créé en 1813, Il Signor Bruschino reprend les différents ingrédients de la farsa giocosa, et offre une soirée truculente aux spectateurs, malgré l’absence de mise en scène. Se retrouvent en effet dans cet opéra tous les ingrédients qui font le succès du compositeur : une intrigue à la fois complexe et compréhensible, des personnages stéréotypés et une musique alternant beau chant, crescendos et scènes d’ensemble.

Enrique Mazzola © ONDIF | Eric Garault

Enrique Mazzola
© ONDIF | Eric Garault
L’intrigue est une succession de quiproquos et de manigances où deux amants, Sofia et Florville, tentent de forcer le destin, en l’occurrence le père de la jeune fille qui refuse l’union de sa fille. Florville se fait donc passer pour le fils du Signor Bruschino. S’ensuivent de savoureuses scènes de quiproquos magnifiquement interprétés par les chanteurs, mais aussi le chef d’orchestre qui devient alors le confident de leurs projets.

 Sous la direction précise et vigoureuse d’Enrique Mazzola qui semble sculpter la musique pour mieux en faire ressortir les aspérités, l’orchestre national d’Ile-de-France, malgré son effectif réduit, fait ressortir dès les premières notes le côté comique de l’opéra, tout en montrant un plaisir gourmand à jouer cette musique légère et chatoyante. Les airs virtuoses sont soutenus par l’orchestre, tout comme le magnifique solo de hautbois qui introduit l’air de Sofia.

Le plateau vocal est dominé par Alessandro Corbelli, incarnant Il Signor Bruschino, qui dès son entrée scande avec sa canne les coups d’archet des musiciens sur leurs pupitres. S’il répète inlassablement qu’il fait chaud, « Oh, che caldo ! », il projette sa voix sans effort pour épouser les différentes étapes de son rôle. Cajolé puis rejeté par Sofia, ridiculisé par celui qui se fait passer pour son fils et par Gaudenzio, puis tenant sa revanche quand il comprend la situation, il est à la fois drôle et émouvant et livre un jeu d’une grande finesse et une voix d’une grande profondeur.

Face à lui, Domenico Balzani interprète un Gaudenzio sûr de lui et dont le timbre et les intonations comiques évitent de sombrer dans la vulgarité. Son air sur la tendresse paternelle s’avère profondément touchant.

Chantal Santon-Jeffery nous livre une Sofia dont la voix s’affirme au fur et à mesure. Si les aigus sont parfois voilés, son timbre coloré, sa prononciation précise, ses vocalises maitrisées et projetées ainsi que sa présence scénique – truculente scène où elle tente d’amadouer Il Signor Bruschino – en font l’un des personnages principaux de cette soirée. Son « Ah donate il caro sposo » est particulièrement réussi.

Maxim Mironov nous livre un Florville tout en nuances et dont la voix s’affirme au long de la soirée. Doté d’un timbre particulier, d’un phrasé délicat et d’une voix claire, il s’impose progressivement face à son potentiel beau-père et son prétendu père.

Enfin, Sophie Pondjiclis livre une Marianna effrontée et insolente, Christian Senn un Filiberto adroit et rusé, Tomasz Kumiega un commissaire trop sûr de lui et peu efficace et Joao Pedro Cabral un Bruschino fils apeuré par la colère paternelle.

Cette soirée où l’on rit beaucoup et où règnent les quiproquos et les scènes burlesques, dans la droite ligne de Beaumarchais, doit sa réussite en grand partie à l’engagement scénique et vocal de tous.

FONTE: https://bachtrack.com

 

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Era tutto dedicato a Gioachino Rossini il concerto che si è tenuto ieri sera a Palazzo Siotto a Cagliari. I protagonisti erano due giovani cantanti lirici (ma già ottime promesse) e il pianista accompagnatore Giancarlo Salaris.

Sia il basso Alessandro Abis che il soprano Claudia Urru hanno  evidenziato grandi capacità tecniche di emissione di fiato e padronanza della voce: agilità, filati, smorzati, picchettati, intonazione ,acuti e gravi, tutto era sotto controllo in voci di prima qualità.

Le romanze eseguite, tra le più difficile del compositore pesarese, erano tratte da opere quali “Il signor Bruschino”, “Il barbiere di Siviglia”, “Il viaggio a Reims”, “La Semiramide”, “La Gazza Ladra”.

Dal canto suo il maestro Giancarlo Salaris è stato all’altezza della situazione accompagnando e respirando con gli artisti , dote non facile e non comune a tutti i pianisti accompagnatori. Ci ha poi regalato una perla pianistica: un brano raro che Rossini ha scritto a fine carriera come una sorta di testamento; una marcia funebre molto ironica  al cui interno emergevano piccole porzioni musicali delle sue opere più famose.

I due cantanti (che provengono dalla stessa scuola, quella del soprano Elisabetta Scano) hanno già affrontato il palcoscenico del professionismo. Tutti  e due infatti  hanno  debuttato in grandi teatri come il Lirico di Cagliari ,  Petruzzelli di Bari,  Filarmonico di Verona tanto per citarne alcuni.

Di seguito un videodocumento della serata


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ulrica è uno dei personaggi dell’opera lirica “Un ballo in maschera” di Giuseppe Verdi. Lei è una maga  e già questo è un elemento che incuriosisce per il mistero che la circonda ;  ha  poi una voce di contralto, quindi rara, e questo mi affascina particolarmente perchè amo le voci gravi .

Ma chi è e quale ruolo ha all’interno dell’opera? Lei è una maga che predice il futuro, dispensa consigli di ogni genere e nel caso dell’opera in questione, Ulrica consiglia ad Amelia,( moglie di Renato, segretario e amico del governatore Riccardo) di recarsi in un campo alla ricerca di un’erba che la guarirà dall’amore impuro. Amelia infatti è segretamente innamorata proprio di Riccardo.

E’ bellissimo ascoltare la musica di Giuseppe Verdi che sottolinea il personaggio con un’orchestrazione cupa in cui sono in evidenza gli strumenti dal suono più grave: contrabassi, tromboni, corni, violoncelli, percussioni. La stessa  Ulrica, con la sua voce di contralto, è terribilmente impressionante quando  invoca le forze del male per raggiungere i suoi scopi. “Re dell’abisso” è la sua romanza di presentazione, ascoltatela in questo video sottostante eseguita dal contralto giapponese Qiulin Zhang che mi ha colpito in modo particolare per il timbro scurissimo della sua voce.


YouTube Video

Intanto voglio ricordare  che Un ballo in Maschera, sarà rappresentato al Teatro Lirico di Cagliari dal 30 Giugno, sabato 1 luglio alle 21 (turno G); domenica 2 luglio alle 21 (turno D), martedì 4 luglio alle 21 (turno F); mercoledì 5 luglio alle 21 (turno B); venerdì 7 luglio alle 21 (turno C); sabato 8 luglio alle 17 (turno I); domenica 9 luglio alle 21 (turno E); mercoledì 12 luglio alle 21 (fuori abbonamento); sabato 15 luglio alle 21 (fuori abbonamento); mercoledì 19 luglio alle 21 (fuori abbonamento).

 Info biglietteria: telefono: 0704082230 – 0704082249
email: biglietteria@teatroliricodicagliari.it
biglietteria online: www.vivaticket.it

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Quando si parla di cantanti lirici sardi si mettono sempre in evidenza i grandi Bernardo Demuro, Piero Schiavazzi, Carmen Melis, ma mai avevo sentito0 nominare Ugo Marturano. Lui  era nato a Teulada, elegante cittadina del sud della Sardegna , nel 1881, e morì nel 1967. Era un cantante con la voce di baritono ed ebbe una carriera molto intensa . Per un certo periodo si esibì anche in Sud America.

Il suo  repertorio era prevalentemente drammatico, si trovano infatti sue  partecipazioni in opere quali Cavalleria Rusticana e Pagliacci, la Wally, Rigoletto, Il Trovatore, La Gioconda, La forza del Destino, La Carmen, Un ballo in maschera che cantò anche a Cagliari nel 1925 al teatro Politeama regina Margherita, teatro che  venne distrutto da un incendio nel 1942.

Su di lui non si trovano tante notizie, alcune le ho trovate  grazie ad una nipote , Anna Paola Marturano, che così racconta in una pagina Facebook: “ Ugo Marturano (quello indicato dalla freccia) baritono, era fratello di mio nonno Efisio.  Si esibì nei principali teatri d’Europa e d’America.

Visse gli ultimi anni alla casa di riposo Giuseppe Verdi di Milano e morì nel 1967 di incidente automobilistico. Mio padre mi raccontava che aveva avuto una figlia Carlotta da una contessa che non si era mai voluta sposare .

Posto di seguito un video, di proprietà di Roberto Marcocci con la voce del baritono Ugo Marturano


YouTube Video

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Ho letto con molto interesse le interviste che Leo Nucci ha rilasciato a diverse testate giornalistiche in occasione delle sue cinquecento e passa repliche dell’opera lirica Il Rigoletto. Lui ormai è diventato un’icona per tanti giovani cantanti, sia per l’età non più adolescenziale che lo porta ancora sui palcoscenici più importanti del mondo, e sia per la sua grande professionalità. Non concordo però con lui sul fatto che non vi siano giovani eredi. Ci sono tante belle voci nel nuovo panorama lirico, e c’e n’è tantissime anche tra i giovani studenti. Fra questi ultimi però manca la pazienza, la pazienza di costruire e rafforzare la tecnica vocale mattone su mattone, affinchè si possa così debuttare sicuri.

Se Leo  Nucci ha ancora la fortuna di cantare, lo deve soprattutto alla tecnica ferrea che gli permette di guardare sempre avanti con tranquillità.

Molti giovani  dotati di grandi qualità vocali e musicali, non vedono l’ora di debuttare e spesso dopo pochi anni di studio si buttano a fare audizioni senza conoscere i rischi cui vanno incontro. Davanti al primo ostacolo crollano come una piantina senza radici. E non parlo solo di ostacoli materiali ma soprattutto psicologici, i peggiori.

Il mio consiglio quindi è quello di avere molta pazienza, di studiare costantemente poco, ma tutti i giorni. Il canto è uno strumento delicato che deve forgiarsi lentamente.  Vengono da me ragazzi a farsi audizionare dicendomi che studiano anche tre ore al giorno. Non serve la quantità ma la qualità regolare. Quando durante la lezione si è ottenuto un nuovo risultato, nei giorni successivi si deve lavorare affinchè quel risultato diventi sicuro. Poi, sempre con molta pazienza, si deve costruire un repertorio vario di brani da camera e d’opera facendo attenzione a scegliere quelli più consoni alla propria voce . Quando tutto questo bagaglio diventa una bella valigia solida si comincia a partire per le audizioni e i concorsi dove si avrà l’opportunità di un confronto con altri giovani artisti e altri insegnanti .

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, giovedì 15 giugno alle 20.30 (turno A), con il dodicesimo appuntamento: il Duo Perfetto, formazione composta da Robert Witt (violoncello) e Clorinda Perfetto (pianoforte), professori dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, si esibisce in un’unica, imperdibile serata dedicata alla musica da camera romantica ottocentesca, da quella russa con precise influenze classiche e jazz, fino a quella brillante afro-americana novecentesca.

Il programma della serata presenta: Sonata in sol minore per violoncello e pianoforte op. 65 e Introduzione e polacca brillante in Do maggiore op. 3 di Fryderyk Chopin; Sonata n. 1 per violoncello e pianoforte op. 63 di Nikolai Kapustin; Porgy and Bess Suite (trascrizione di Jascha Heifetz) di George Gershwin.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

 La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

Il Duo Perfetto di recente ha vinto il Primo Premio assoluto al Concorso Tim, il torneo internazionale di musica, che si è svolto a Torino e la cui partecipazione era legata al superamento di una serie di preselezioni che la commissione ha svolto in tutta Europa nei due anni precedenti (da Firenze a San Pietroburgo, da Lisbona a Londra). Il Duo nasce dall’incontro di due personalità molto simili dal punto di vista musicale, ma provenienti da percorsi notevolmente differenti. Proprio la similitudini di intento musicale ed origini eterogenee caratterizzano il Duo, il quale vanta un repertorio che spazia dalle forme compositive più classiche a quelle più innovative d’ispirazione jazzistica. Numerosi sono i concerti e le rassegne che li ha visti protagonisti in tutta l’isola e nel resto d’Italia, e vari sono i progetti che li vedranno impegnati anche all’estero. In settembre, per esempio, effettueranno diversi concerti tra Dresda e Berlino. Tra le più recenti partecipazioni si ricordano la “Festa della Musica” per Cagliari Capitale europea della cultura 2015, il Festival internazionale all’isola di Carloforte e per l’associazione Gremio di Roma. Recentemente, inoltre, si ricorda il concerto svolto a Torino all’associazione “Libera”, nella quale hanno utilizzato un pianoforte Steinway and Sons del 1870 interamente costruito con legno di rose; con tale manifattura esistono solo altri due esemplari al mondo dei quali uno è conservato alla Casa Bianca. Il Duo ha preso parte all’inaugurazione della mostra “Eurasia” (Palazzo di Città, Cagliari, 2016), realizzata in collaborazione con il Museo Ermitage di San Pietroburgo che introduceva, dinanzi alla delegazione russa, il gemellaggio tra Cagliari e la città sulla Neva oltre che per l’inaugurazione di una mostra d’arte contemporanea su Sant’Antioco itinerante tra l’isola di Sant’Antioco, Roma e New York. In attivo il Duo vanta già un cd e un secondo, che si intitola “Russian cello jazz”, che è in fase di realizzazione al Forum Music Village di Roma, gli studi dove il Premio Oscar Ennio Morricone ha realizzato tutte le sue indimenticabili colonne sonore. Infine, il Duo è stato ospite di diverse trasmissioni radiofoniche e televisive, tra le quali si ricorda la trasmissione “Radio3 Suite” del 23 maggio scorso su RadioRai condotta dal compositore Francesco Antonioni. (duoperfetto.com)

Cagliari, 12 giugno 2017

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Sino a due anni fa non sapevo cosa fossero i gruppi A.M.A. . Poi, lo scorso anno mi è stato proposto di creare un coro con  un gruppo di ragazzi appartenenti ad uno di questi gruppi (Gruppo AMA Cagliari). Mi hanno spiegato che si trattava di ragazzi con problemi  legati alla  depressione, alle dipendenze di vario genere e a deficit intellettivi.  Ho accettato la sfida senza pensarci due volte. Conosco bene gli effetti benefici della musica ed ero certa che questo impegno mi avrebbe dato molta soddisfazione.

Certamente avendo lavorando tutta una vita in teatro dove la mira principale era la ricerca della perfezione, non è stato facile lavorare senza pensare a questa. La perfezione in questo caso non era di tipo tecnico-musicale,  ma era quella di regalare benessere , far cantare con piacere qualunque cosa pur di tenere  lontano pensieri e ossessioni che purtroppo accompagnano le persone con questo tipo di problemi.

Inizialmente pensavo di impostare il lavoro insegnando un po’ di tecnica del canto per poi  mettere su qualche brano polifonico, ma quasi  subito  ho capito che questo non era ciò che serviva. Sono passata quindi al canto moderno col Karaoke. Anche se la cosa può far inorridire molti colleghi professionisti, l’ho trovato uno strumento utilissimo in tante situazioni e in particolare in questa,  rivelandosi un vero e proprio strumento didattico . Quasi tutti hanno problemi di memoria e di pronuncia e poter leggere il testo di una canzone accompagnato  dalla musica, dava loro sicurezza. Così siamo partiti in quarta con canzoni orecchiabili prima a piccoli gruppi e poi tutti insieme. La gioia è stata immensa, ho visto ragazzi trasformarsi. Se qualcuno inizialmente rimaneva muto, seduto in un angolo dell’aula,  ora prendeva l’iniziativa anche di un cenno ritmico col corpo. C’è  chi mi ha confessato che contava i giorni della settimana aspettando la lezione, ripassando le canzoni per poter essere più sicuro alla lezione successiva. Tra le varie canzoni ha riscosso grande successo il brano di Edoardo Bennato “IL gatto e la volpe” ed è per questo motivo che abbiamo pensato di dare questo nome al nostro gruppo.

Venerdì 16 giugno alle 17,30 a Cagliari, salone della chiesa di San Paolo in Piazza Giovanni XXIII, si terrà la Festa dei Gruppi A.M.A. organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale ASSL 8 dove ogni gruppo presenterà il proprio lavoro. Noi ci saremo con il lavoro svolto durante questi 6 mesi e,  comunque andrà, è stata un’esperienza bellissima per me e spero anche per i ragazzi. L’ingresso è aperto a tutti. 

Lo scopo principale di questa festa è far conoscere l’importanza dei gruppi A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto) e raccogliere fondi per portare avanti gli scopi di questa associazione. Il Gruppo AMA Cagliari ha organizzato inoltre delle Pesche miracolose ed una lotteria con premi molto importanti: al primo posto un anello d’oro con pietre preziose,  orologi e pezzi da scrivania in pelle e radica e argento.

L’ingresso è aperto a tutti.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ancora un riconoscimento alla memoria del soprano cagliaritano Giusy Devinu, deceduta a soli 47 anni nel pieno di una luminosa carriera. La città di di Cagliari ha mostrato riconoscenza a colei che ha portato alta la bandiera della nostra terra nei palcoscenici più importanti del mondo, dedicandole nel 2015, l’Arena sita nel Parco della Musica e che sta a metà strada tra il Conservatorio G.P. Da Palestrina, (scuola che l’ha vista nascere artisticamente) e il Teatro Lirico sede di tanti  successi. Dopo l’Arena , il Teatro le ha voluto dedicare un Concorso per giovani promesse.

In questi giorni ho avuto la bella notizia che la Direzione di una scuola media  ad indirizzo musicale, ha deciso di titolare l’Istituto proprio a nome di Giusy Devinu.   L’Istituto comprensivo (ex Mulinu Becciu, Mameli, Ciusa)  diventerà quindi Istituto “Giusy Devinu” ,

il 29 giugno alle ore 18 nell’Auditorium della scuola di  Via Meilogu 18 a Cagliari.

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

I

In questi giorni il grande baritono Leo Nucci si trova a Cagliari per interpetare ancora una volta uno dei ruoli che lo hanno reso celebre: Il Rigoletto di Giuseppe Verdi. La sua esibizione però non sarà al Teatro Comunale sede del teatro Lirico bensì alla Forte Arena di Pula.

Non tutti sanno però che  Leo Nucci cantò per la prima volta a Cagliari nel 1985 agli albori della sua brillante carriera sempre nel Rigoletto. All’epoca i suoi parners erano Ettore Nova nel ruoldo del Duca di Mantova, Mariella Devia Gilda, Carlo Cava Sparafucile, Franca Mattiucci Naddalena, Rosy Orani Giovanna, e ancora Angelo Nardinocchi, Enrico Marini, Tullio Pane, Luigi Medda, Annalisa Pittiu, Rossella Ragatzu.

Il soprano Giusy Devinu ,la nostra grande artista cagliaritana (quest’ano ricorrono i 10 anni dalla sua scomparsa) invece cantò con Leo Nucci in diverse occasioni tra cui un memorabile Rigoletto al Teatro dell’Opera di Roma (vedi foto), e un grande concerto a Tel Aviv (vedi Video).

Domani Sabato 10 giugno, alle 21.30 quindi il ritorno del grande Rigoletto che  aprirà la stagione alla Forte Arena di Santa Margherita di Pula (Cagliari)

Melodramma in tre atti Rigoletto su libretto di Francesco Maria Piave, dal dramma Le roi s’amuse di Victor Hugo, e musica di Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 – Milano, 1901).

La regia è affidata a Joseph Franconi Lee, assistente e collaboratore per vent’anni di Alberto Fassini, autentico erede della tradizione registico-musicale italiana. Le scene e i costumi sono di Alessandro Ciammarughi, scenografo-costumista, moderno interprete di una classica visualità, mentre le luci sono affidate a Fabio Rossi e la coreografia a Marta Ferri. In questo allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, l’opera di Verdi viene riproposta attraverso un’ideale rilettura che esalta la magnificenza architettonica e lo splendore della Mantova dei Gonzaga.

La direzione musicale di Rigoletto è affidata alla grande bacchetta di Donato Renzetti, direttore abruzzese ed apprezzato interprete della tradizione musicale italiana, in particolare verdiana che ritorna a Cagliari, a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico, dopo il successo dell’opera inaugurale della stagione 2017 La bella dormente nel bosco di Ottorino Respighi. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

L’opera si avvale di un cast di cantanti prestigiosi, fra i quali spicca Leo Nucci, il più grande baritono verdiano vivente che ha interpretato il ruolo di Rigoletto per oltre 500 recite: Antonio Gandìa (Il Duca di Mantova)Leo Nucci (10)/Giovanni Meoni (17, 24) (Rigoletto)Barbara Bargnesi (Gilda)Cristian Saitta (Sparafucile)Martina Serra (Maddalena)Leonora Sofia(Giovanna)Gocha Abduladze (Il Conte di Monterone)Nicola Ebau (Marullo)Enrico Zara(Matteo Borsa)Francesco Leone (Il Conte di Ceprano/Un usciere di corte)Ivana Canovic (La Contessa di Ceprano/Un paggio della duchessa).

Si replica il 17 e 24 giugno.

Sotto un video di Giusy Devinu e Leo Nucci proprio nel Rigoletto. La Vendetta in un concerto a Tel Aviv diretto da Daniel Oren


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dal 18 giugno al 22 ottobre la Rai e il Teatro alla Scala celebrano 40 anni di collaborazione proiettando gratuitamente i video di cinque grandi spettacoli della storia scaligera nella sala del Piermarini. Le proiezioni saranno in cinque domeniche sempre alle 11 del mattino.
Ingresso con biglietto gratuito fino ad esaurimento posti. Biglietti disponibili, con un massimo di due per persona, con registrazione, dalle ore 12 del lunedì precedente ciascuna proiezione, presso la Biglietteria Centrale, Galleria del Sagrato – Piazza del Duomo – Stazione Metropolitana Duomo (aperta tutti i giorni dalle 12 alle 18).

Di seguito le date dei cinque appuntamenti e le modalità di ritiro dei biglietti:

Otello 18 giugno, ore 11
di Giuseppe Verdi
Otello Direttore: Carlos Kleiber
Regia: Franco Zeffirelli
Uno spettacolo formidabile, oggi universalmente considerato tra i punti più alti della storia del teatro musicale con il trio di voci straordinarie di Plácido Domingo, Mirella Freni e Piero Cappuccilli.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 12 giugno

Macbeth 9 luglio, ore 11
di Giuseppe Verdi

Otello Direttore: Claudio Abbado
Regia: Giorgio Strehler
L’inaugurazione del 1975, nella leggenda per la direzione di Abbado e un cast inimitabile (Verrett, Cappuccili, Ghiaurov e Luchetti), è anche un omaggio a Giorgio Strehler e Luciano Damiani negli anniversari della loro scomparsa.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 3 luglio

Europa riconosciuta 10 settembre, ore 11
di Antonio Salieri

Otello Direttore: Riccardo Muti
Regia: Luca Ronconi
L’opera con cui il Teatro alla Scala fu inaugurato nel 1778 ha celebrato anche il ritorno dopo il restauro nel 2004 con Riccardo Muti. Per l’occasione erano tornati a collaborare Luca Ronconi e Pier Luigi Pizzi, mentre in scena si sfidavano le voci di Diana Damrau e Desirée Rancatore.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 4 settembre

Tristan und Isolde 15 ottobre, ore 11
di Richard Wagner

Otello Direttore: Daniel Barenboim
Regia: Patrice Chéreau
Spettacolo simbolo degli anni scaligeri di Daniel Barenboim, Tristan und Isolde ha segnato nel 2007 il ritorno di Patrice Chéreau alla Scala dopo oltre vent’anni, mentre Waltraud Meier era una commovente Isotta al fianco di Ian Storey.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 9 ottobre

Aida 22 ottobre, ore 11
di Giuseppe Verdi

Otello Direttore: Riccardo Chailly
Regia: Franco Zeffirelli
Il primo 7 dicembre di Riccardo Chailly è un tributo alla tradizione italiana e alla fantasia sontuosa di Zeffirelli, che tornava nel 2006 su una delle opere più amate muovendo in palcoscenico Violeta Urmana e Roberto Alagna.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 16 ottobre

 

Main Media Partner Media Partner
RAI rai cultura
Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Si è concluso ieri a Cagliari il 5 livello del corso di Musicoterapia modello Benenzon. Quando ho iniziato a frequentarlo non conoscevo esattamento a cosa andavo incontro, pensavo ad un corso in cui ci avrebbero insegnato ad usare le musica, quella tradizionale, con persone affette da disabilità o comunque che avessero problemi di salute in generale. Alla conclusione del primo livello ho capito invece che mi trovavo davanti ad una cosa completamente diversa. Inizialmente ero abbastanza perplessa ma  proseguendo con gli altri  livelli , ho capito tantissime cose che me lo hanno fatto apprezzare, soprattutto nella sua caratteristica del “non verbale“.

Ho avuto la fortuna di  frequentare questo 5 livello proprio con colui che lo ha messo a punto: Rolando Omar Benenzon. Questo  livello ha evidenziato  l’utilizzo del modello con pazienti affetti da Autismo, Coma, Alzheimer  e come Terapia del dolore.

A fine corso ho voluto intervistare il prof. Benenzon per capire meglio cosa lo ha portato a creare questa forma di Musicoterapia. Mi ha raccontato della sua infanzia e della passione per la musica che avrebbe voluto  diventasse la sua prima professione ma le cose sono andate diversamente…


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Si è concluso ieri sera a cagliari, presso il Conservatorio di musica P.L. da Palestrina il concorso per giovani musicisti Golfo degli Angeli indetto dal Lyon Club. Ad aggiundicarsi il primo premio  è stata la coppia artistica formata dalla violinista Giulia Greco e dal pianista Marco Schirru.   L’altro primo premio è stato attribuito  al chitarrista sassarese Gabriele Lissia.

Il concorso Golfo degli Angeli, fortemente voluto da Mario Lixi e Sivio Fadda, è rivolto ai diplomati e ai giovani iscritti all’ultimo anno di corso dei Conservatori “Pierluigi da Palestrina” di Cagliari e “Luigi Canepa” di Sassari e ha lo scopo di permettere ai più brillanti di andare a perfezionarsi fuori dalla Sardegna attribuendo loro una consistente borsa di studio.

Il concorso ha una cadenza biennale. L’anno successivo all’attribuzione della borsa, i vincitori tengono un concerto pubblico in cui dimostrano le nuove abilità acquisite.

Vincitori delle 13 edizioni

1991      Romeo Scaccia, Michele Spiga, Ettore Arcais Filomena Moretti

1993           Francesco Loi, Pasquale Iriu, Simone Piga

1995          Fabio Furia, Efisio Lecis, Viviana Maroqiu

1997          Silvia Careddu, Federico Cherchi, Oscar Zuddas

1999           Marcello Melis, Michele Piras, Alessandra Pisano

2001          Duo Luca Vito Lana – Michele Nurchis, Graziella Ortu, Anna Tifu

2003         Carlo Doneddu, Samuel Tanca, Giulio Biddau

2005         Duo Fabio Mureddu- Roberto Serra, Claudio Sanna

2007        Rossana Cardia, Fabio Moi

2009        Anna Bruna Attieni, Elsa Paglietti

2011           Lorenzo Baldoni, Leonardo Sini, Marco Sanna

2013         Alessandro Piras, Alberto Sanna

2015        Claudia Foddai, Duo Apeddu – Luciani

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ecco il VI° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove dell’Associazione Figli d’Arte Medas che avrà luogo venerdì 9 giugno.

Con “C’era una volta il Far West” rivivremo le magiche atmosfere del Far West con i suoi balli scatenati; ascolteremo i grandi del country classico come Johnny Cash, Waylon Jennings, Buffalo Springfield, The Band, Carl Perkins; e brani più attuali come quellidi Alan Jackson, George Strait e Josh Turner.
Alla chitarra Roberto NonnisTexardi il corpo di ballo, con le note di Gianluca Medas.

Lo spettacolo si svolgerà venerdì 
9 giugno a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.
L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Sarà per me una grande emozione seguire il 5 livello del corso di Musicoterapia didattica non verbale,  direttamente da colui che lo ha inventato: il grande psichiatra – musicista  argentino Rolando Benenzon, che tornerà in Sardegna (dopo 20 anni), martedì e mercoledì prossimi.

Il suo è un metodo che esce un po’ dagli schemi classici della musicoterapia perchè si distingue dagli altri per il “non verbale”. Parlano solo i suoni e non le parole. Un metodo creato pensando a coloro che hanno problemi di disabilità come l’ autismo, la sindrome di Down, alcune forme gravi di depressione, Alzheimer e fattori annessi.

A coordinare anche il 5 livello (penultimo) ci sarà come sempre la magister Emanuela Milia.

Il corso si terrà a Cagliari presso l’Acquarium Gallery.

Rolando Benenzon , dopo la tappa in  Sardegna proseguirà  verso la Campania e poi la Lombardia.

Chi volesse approfondire il metodo di Musicoterapia modello Benenzon può trovare in rete diversi trattati.

Il corso è organizzato come ogni anno dall’Associazione University Natura Naturopatia e Musicoterapia Cagliari.

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »