Autore dell'archivio

A fine maggio si è brillantemente conclusa la Rassegna Musicale Giovanile organizzata dagli Amici della Musica di Cagliari con il contributo del Prof. Valerio Carta, in collaborazione con l’istituto comprensivo C. Colombo di Cagliari (Dirigente Prof. Roberto Bernardini) .

Gli obiettivi della rassegna erano quelli di valorizzare giovani musicisti (diplomati e non) del conservatorio cagliaritano, sensibilizzare i giovani all’esperienza musicale, dare la possibilità di far conoscere strumenti musicali (voce compresa) differenti da quelli studiati presso l’istituto (dove è attivo l’indirizzo musicale con le cattedre di: violino, pianoforte, flauto traverso e chitarra) e soprattutto contribuire, anche indirettamente, a limitare la dispersione scolastica.

La rassegna era composta da sei concerti, svoltisi presso l’aula magna restaurata di recente. Le musiche erano di vari autori: Bach, Corelli, Telemann, Mozart, Bellini, Verdi, Scriabin, Listz, Gluck, Rossini, etc..

Bravissimi i cantanti che provenivano tutti dalla scuola del soprano Elisabetta Scano. Tra gli strumentisti è emerso il talento pianistico di Mattia Casu.

Oltre alla presentazione degli strumenti musicali è stato dato spazio alle domande/risposte tra esecutori e discenti, arricchito dalle esperienze dei giovani musicisti. Di seguito tutto il programma della rassegna: lunedì 27 marzo: Eleonora Congiu arpista, Sabrina Piras pianista. Mercoledì 5 aprile, Tiziana Pani, Ilaria Vanacore soprani, Ettore Agati sopranista, Michelangelo Romero tenore, Carlo Asuni baritono, Valerio Carta pianista. Mercoledì 12 aprile, Silvia Piras, Andrea Deidda, Vittorio Pala oboisti:, Veronica Melis, Michelangelo Congiu pianisti. Giovedì 27 aprile, Viola Pisano, Alessandra Mei, Claudia Urru, Jiadi Wu soprani, Martina Serra mezzosoprano, Michelangelo Romero tenore, Valerio Carta pianista. Venerdì 5 maggio, Margherita Moccia, Anna Floris violiniste, Tommaso Delogu violista, Beatrice Deplano violoncellista. Martedì 23 maggio, Mattia Casu pianista.

Un particolare ringraziamento va dato alla disponibilità dei docenti dell’istituto e del conservatorio G. P. da Palestrina: Elisabetta Scano, Romeo Scaccia, Mario Frezzato, Francesco Giammarco, Anna Maria Melis, Giorgio Oppo, Nicoletta Pintor, Luigi Moccia, Marcella Murgia, Stefano Figliola.

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

 

Si è svolta ieri la cerimonia di intitolazione della Scuola media Istituto comprensivo Via Meilogu, a Cagliari,  dedicata al soprano cagliaritano Giusy Devinu. Il pubblico è accorso numeroso nell’ auditorium della scuola che per l’occasione è stato allestito con una bella gigantografia di Giusy.

Ha aperto la serata la dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo, Giuseppina Miceli, che ha presentato l’assessore Yuri Marcialis, Assessore alla Pubblica istruzione, Sport e Politiche giovanili , e il dirigente Luca Cancelliere, con i quali ha intrapreso il percorso burocratico per poter raggiungere l’obiettivo.

Ha dato poi la parola al marito Francesco Musinu che con Giusy ha condiviso, oltre che la vita privata anche i  palcoscenici dei più importanti del mondo. Aveva con se un cimelio che Giusy custodiva gelosamente: la locandina del suo debutto nella Traviata al Teatro alla Scala diretta da Riccardo Muti, firmata da 200 loggionisti in segno di grande apprezzamento.

La sua testimonianza è stata bella e commovente come quella della sua insegnante Maria Casula che  , anche privatamente, ci ha raccontato tanti piccoli aneddoti. Si è passati poi alla proiezione di un video con alcuni momenti della carriera dell’artista.

La violinista Giulia Greco (nipote di Giusy Devinu) accompagnata al pianoforte da Marco Schirru hanno regalato al pubblico un intermezzo musicale.

Dopo la premiazione di alcuni studenti tra i più meritevoli del triennio scolastico, la dirigente ha invitato il pubblico all’ingresso dell’Istituto dove la sorella del soprano, Franca Devinu, ha scoperto la targa  alla presenza anche della madre . Nei video sottostanti ho realizzato il documento  particolareggiato di tutta la serata.


YouTube Video

SECONDA PARTE: il ricordo di Francesco Musinu

TERZA PARTE: il ricordo dell’insegnante Maria Casula

QUARTA PARTE: La violinista Giulia Greco e il Lyons club

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Villa Fanny e la Associazione Culturale “Millenote” sono liete di invitarvi a trascorrere una magica serata all’insegna del gusto e della buona musica. Nella verde cornice dei giardini della villa, lasciatevi incantare dai sapori del nostro buffet e dalla maestria dei musicisti.

Programma del Concerto / Buffet / 9 luglio 2017 – h 21.00

QUADRI D’OPERA
Intrighi e amori da Mozart a Puccini
Concerto per soprano, tenore, baritono, coro e pianoforte

Soprano, Tiziana Pani
Tenore, Damiano Caria
Baritono, Riccardo Spina
Coro, corale nostra signora di Bonaria
Pianoforte, Manuele Pinna
Direttore del coro, maestro Andrea Cossu

INGRESSO SU PRENOTAZIONE
BIGLIETTI DISPONIBILI SINO AD ESAURIMENTO

Per informazioni e prenotazioni, prevendite e pacchetti:
Tel. 070 8587300
booking@hotelvillafanny.it

Viale Merello 43

Cagliari

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ha solo 10 anni Matilde Loi, cagliaritana, ed è già considerata una promessa della ginnastica italiana, riconoscimento avuto qualche giorno fa ai Campionati Nazionali Fgi di Rimini.

Matilde si allena con la scuola ASD Butterlfly Ritmica SESTU . Il livello generale della squadra  è stato ottimo considerato che le atlete con cui si sono confrontate erano tra le migliori di tutta Italia.

La piccola grande Tilly (così la chiamano le compagne di squadra), si è distinta sfoderando una grinta e una caparbietà incredibili, si è aggiudicata l’accesso alla finale nell’attrezzo cerchio, con un 7° posto nella 1° divisione, la più alta della categoria Silver, concludendo la sua avventura al 10° posto. La decima ginnasta nazionale…e dopo, solo l’Olimpo.

Matilde però ha anche un altro  grande talento, quello del canto e della musica in generale. Solo qualche giorno fa ha accompagnato sua sorella Maria (mia allieva) alla lezione di canto e insieme hanno registrato il duetto che potete vedere nel video sottostante . Lei con grande musicalità ha potuto cantare in armonia con la voce della sorella senza avere alcuna difficoltà e senza uno studio specifico alle spalle.  In questi giorni  sarà impegnata in alcuni concorsi per giovani cantanti dove speriamo, possa mostrare il suo talento con la stessa grinta dimostrata nella ginnastica ritmica.

In bocca al lupo Tilly!


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Giovedì 29 giugno alle ore 18, presso l’Auditorium della scuola media di  Via Meilogu 18 a Cagliari, si terrà la cerimonia di intitolazione dell’Istituto Comprensivo a nome del soprano cagliaritano Giusy Devinu .

Per l’occasione saranno presenti le autorità scolastiche e comunali , i parenti e gli amici del soprano cagliaritano.

Durante la serata la violinista Giulia Greco (nipote di Giusy ) e il pianista Marco Francesco Schirru, reduci dalla vittoria del concorso “Golfo degli angeli” e dai concerti in Vaticano, si esibiranno in un breve concerto.

La cerimonia è aperta a tutta la cittadinanza

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Amore, amicizia, passione, morte in Un ballo in maschera di Verdi, per la Stagione lirica e di balletto 2017

 Venerdì 30 giugno alle 21 (turno A), la Stagione lirica e di balletto 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue nei mesi estivi, a favore non solo del pubblico di abbonati, ma anche dei numerosissimi turisti presenti nell’Isola, con il quarto appuntamento con l’opera: va in scena, infatti, l’amato ed immortale capolavoro del massimo operista italiano Un ballo in maschera, melodramma in tre atti, su libretto di Antonio Somma, tratto dal dramma Gustave III ou Le Bal masqué di Eugène Scribe e musica di Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 – Milano, 1901).

 

Viene proposto l’affascinante allestimento del 2004 del Teatro Regio di Torino che si avvale della regia di Lorenzo Mariani, ripresa a Cagliari da Elisabetta Marini, delle scene di Maurizio Balò, dei costumi di Maurizio Millenotti e delle luci di Christian Pinaud. «L’azione non si svolge nel Settecento americano come previsto dal libretto, ma è ambientata tra gli anni Venti e Trenta del ‘900: come se il governatore Riccardo fosse il viceré dell’India o di un’altra colonia […]. Tutta l’opera si basa sul contrasto ombra e luce, le scenografie hanno un carattere altamente drammatico e simbolico, dove si percepisce la tensione del noir. C’è molto bianco e nero, c’è l’atmosfera thriller, ma anche i colpi di colore: il rosso del sangue, dell’amore, della passione.» (Lorenzo Mariani).

 

La direzione musicale è affidata a Gérard Korsten che ritorna sul podio cagliaritano, dopo La Traviata della scorsa estate, a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

 

Protagonisti dell’opera sono giovani ed affermati cantanti che si alternano nelle recite quali: Roberto De Biasio (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Angelo Villari (1-4-7-9-19 luglio) (Riccardo), Roberto de Candia (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Devid Cecconi (1-4-7-9-19 luglio) (Renato), Tiziana Caruso (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Monica Zanettin (1-4-7-9-19 luglio) (Amelia), Carolyn Sproule (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Agostina Smimmero (1-4-7-9-19 luglio) (Ulrica), Eva Mei (30 giugno, 2-5-8-12-15 luglio)/Lavinia Bini (1-4-7-9-19 luglio) (Oscar), Francesco Verna (Silvano), Federico Benetti (Samuel), Stefano Rinaldi Miliani (Tom), Mauro Secci (Un Giudice), Marco Puggioni (Un Servo d’Amelia).

 

Rappresentata per la prima volta al Teatro Apollo di Roma il 17 febbraio 1859, l’opera patì numerose traversìe di carattere censorio e l’ambientazione svedese iniziale venne trasferita in un improbabile Massachusetts, con il protagonista che da re diviene conte, dato che la censura romana non gradiva regicidi in scena, soprattutto dopo il fallito attentato a Napoleone III.

 

L’opera, della durata complessiva di 3 ore circa compresi due intervalli, viene, ovviamente, rappresentata in lingua italiana, ma, come ormai tradizione al Teatro Lirico di Cagliari, viene eseguita con l’ausilio dei sopratitoli che, scorrendo sull’arco scenico del boccascena, favoriscono la comprensione del libretto.

 

Un ballo in maschera che va in scena per undici rappresentazioni, di cui 8 in abbonamento e 3 fuori abbonamento (queste ultime dedicate soprattutto ai turisti) e ritorna a Cagliari dopo dieci anni (l’ultima edizione è del maggio-giugno 2007), viene replicato: sabato 1 luglio alle 21 (turno G); domenica 2 luglio alle 21 (turno D), martedì 4 luglio alle 21 (turno F); mercoledì 5 luglio alle 21 (turno B); venerdì 7 luglio alle 21 (turno C); sabato 8 luglio alle 17 (turno I); domenica 9 luglio alle 21 (turno E); mercoledì 12 luglio alle 21 (fuori abbonamento); sabato 15 luglio alle 21 (fuori abbonamento); mercoledì 19 luglio alle 21 (fuori abbonamento).

 

Prezzi biglietti: platea da € 75,00 a € 50,00 (settore giallo), da € 60,00 a € 40,00 (settore rosso), da € 50,00 a € 30,00 (settore blu); I loggia da € 55,00 a € 40,00 (settore giallo), da € 45,00 a € 30,00 (settore rosso), da € 40,00 a € 25,00 (settore blu); II loggia da € 35,00 a € 25,00 (settore giallo), da € 25,00 a € 20,00 (settore rosso), da € 20,00 a € 15,00 (settore blu).

 

La Stagione lirica e di balletto 2017 prevede sette turni di abbonamento (A, B, C, D, E, F, G), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da venerdì 27 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione lirica e di balletto; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Cagliari, 26 giugno 2017

Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Musica, teatro, comicità e divertimento

Grande successo sabato sera a Salsomaggiore Terme per il Barbiere di Siviglia

Serata inaugurale dell’VIII edizione del Salso Summer Class & Festival,

il festival estivo de I Musici di Parma a Salsomaggiore Terme

 

Il Barbiere di Siviglia

di Gioacchino Rossini

 Una versione inedita, pensata specificatamente per il SSC&F dal regista Roberto Catalano e dai Musici di Parma. Un tributo alla RAI anni 60 e alla comicità del grande Alighiero Noschese

Un cast di professionisti affermati, accanto a giovani talenti. Un mix su cui si fonda tutto il festival. Con la partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni e di Adriano Engelbrecht

 Salsomaggiore Terme, 24 giugno – È iniziata l’VIII edizione del Salso Summer Class & Festival, il festival estivo organizzato da I Musici di Parma, che fino al 6 agosto animerà le terme, le piazze, i palazzi, i teatri e i castelli di Salsomaggiore Terme. Sabato sera al Teatro Nuovo è andato in scena Il Barbiere di Siviglia, l’opera in due atti di Gioacchino Rossini, in una versione inedita, firmata Roberto Catalano, pensata e riadattata specificatamente per l’occasione.

Grande successo, tra opera lirica, teatro, comicità e divertimento. Sul palco grandi artisti hanno incantato il numeroso pubblico e che ha riempito le poltrone rosse del Teatro: Mauro Bonfanti (Figaro), che ha avuto l’onore di essere uno degli ultimi allievi di Luciano Pavarotti, di cui quest’anno ricorrono i 10 anni dalla morte; il baritono trentino Giulio Mastrototaro (in un riuscitissimo Don Bartolo), Massimiliano Catellani (Don Basilio), Francesco Tuppo (Conte d’Almaviva) e l’affermato soprano Annamaria Dell’Oste (una divertentissima Rosina), prossima al suo debutto nei panni di Donna Anna nel Don Giovanni al Teatro Bellini di Catania. Accanto a loro, in un binomio peculiare a tutto il festival dei Musici di Parma, si sono esibiti  giovani cantanti di grande talento come la talentuosa Incoronata Maria Buttino, ex allieva dell’Accademia dei Musici di Parma, al suo debutto. In buca l’Orchestra de I Musici di Parma. Sul palco, invece, il Coro dell’Opera di Parma diretto da Emiliano Esposito. Ideazione scenica e costumi: Ilaria Ariemme

Sotto la direzione esperta di Daniele Agiman, i Musici di Parma hanno proposto una verisone mai vista prima dell’opera rossiniana, firmata dal regista Roberto Catalano. Mantenute  tutte le arie sono stati, invece, tagliati i recitativi, in una soluzione snella, che risponde alle esigenze del libretto (di Cesare Sterbini,) e che ha lasciato spazio, nell’opera, alla divertentissima recitazione teatrale dell’affermata attrice Franca Tragni. In un tandem riuscitissimo con il poeta, musicista e attore Adriano Engelbrecht, ha tessuto la trama dell’intera narrazione.

Opera buffa e commedia teatrale: due generi in uno, durata circa due ore e un quarto. La scena si è mossa sul set di uno studio televisivo. Non un’ambientazione a caso, però, ma un tributo alla grande TV degli anni Sessanta, la RAI del servizio pubblico. La scena ha riprodotto l’atmosfera degli studi storici di via Teulada a Roma. Il giovane ma già affermato regista Roberto Catalano ha creato un gioco di scatole cinesi, su un piano metateatrale. Sul set televisivo di un immaginario “Studio Uno”, una coppia di attori sedeva dietro la scrivania, tra le mura a vista di un ufficio postale, dentro il quale di sono mossi i personaggi rossiniani. Nel Barbiere di Siviglia di Catalano è andato in scena un mondo nel quale tutto, o quasi, era dichiaratamente finto.

 

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

In vendita dal 22 giugno alle ore 9 in Biglietteria Centrale* e dalle ore 12 online saranno disponibili i biglietti per:

• Opera Hänsel und Gretel (2, 4, 6, 8, 16, 21, 24 settembre)
• Opera Hänsel und Gretel ScalAperta (20 settembre)
• Opera Tamerlano (12, 19, 22, 25, 27, 30 settembre)
• Opera Tamerlano ScalAperta (4 ottobre)
• Balletto Onegin (23, 26, 28 settembre; 6, 12, 18 ottobre 2017)
• Balletto Onegin ScalAperta (29 settembre)
• Recital Daniela Barcellona (1 ottobre)
• Opera Der Freischütz (10, 13, 17, 20, 23, 26, 30 ottobre)

Le vendite di Der Freischütz ScalAperta, Nabucco Ti vedo, ti sento, mi perdo seguiranno invece le scadenze ordinarie.

I prossimi appuntamenti autunnali: Hänsel und Gretel, il capolavoro di Humperdinck ispirato alla celebre fiaba dei Fratelli Grimm che è diventato una delle opere più rappresentate e di maggior successo dell’ultimo secolo; Tamerlano di Händel, che segna il ritorno del barocco ma anche di Plácido Domingo in un ruolo da tenore in alcune recite; Onegin di John Cranko, su musiche di ?ajkovskij, la cui potenza espressiva e drammatica vedrà protagonisti in cinque recite l’étoile Roberto Bolle accanto a Marianela Nuñez Principal del Royal Ballet; Der Freischutz di Weber, altro caposaldo del Romanticismo musicale, assente da molti anni alla Scala, con la direzione di Myung-Whun Chung. Per gli amanti delle grandi voci italiane, il 1 ottobre è da non perdere il recital di Daniela Barcellona.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Al via l’ottava edizione del festival e delle masterclass estive dei Musici di Parma,

la seconda a Salsomaggiore Terme

 Salso Summer Class & Festival

All’opera!

La musica, un tema senza fine 

24 giugno – 6 agosto, Salsomaggiore Terme (PR)

 23 eventi lungo 6 weekend dedicati alla grande musica classica  Protagonista di quest’anno, l’opera lirica, 15 masterclass internazionali tenute dalle prime parti delle più celebri orchestre Berliner Philarmoniker, Scala, Santa Cecilia, OSI. 200 allievi provenienti da tutto il mondo

Si parte sabato 24 giugno con

Il Barbiere di Siviglia diretto da Daniele Agiman partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni,

di Adriano Engelbrecht
e dei cantanti Mauro Bonfanti e Annamaria Dell’Oste

Salsomaggiore Terme, 21 giugno – All’opera! è il titolo scelto per l’VIII edizione del festival dei Musici di Parma, che quest’anno ha eletto la musica lirica a propria regina: opere, arie, sinfonie, trascrizioni strumentali faranno da filo conduttore all’intera rassegna.

A partire da sabato 24 giugno la musica animerà le terme, le piazze, i palazzi, i teatri e i castelli di Salsomaggiore Terme. Una dedica speciale per un evento che si svolge nelle terre natie del grande compositore Giuseppe Verdi, tra le bellezze naturali e architettoniche del territorio salsese. Un evento organizzato dall’Associazione I Musici di Parma, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, il Consorzio Terme Berzieri e i castelli del territorio, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Parma e reso possibile grazie al contributo della Fondazione Cariparma.

Un sodalizio figlio dell’intensa vocazione musicale della città, luogo del primo concerto dei Musici di Parma, 15 anni fa, e sede ormai stabile della loro Accademia.

23 gli eventi in cartellone, tutti a ingresso gratuito, distribuiti lungo l’arco di 6 weekend, tra il venerdì e la domenica. 18 concerti suddivisi in tre categorie: Concerti classici, Concerti lirici e Concerti degli allievi (Young People Together), dove i protagonisti saranno i giovani musicisti impegnati nelle masterclass dei giorni precedenti. Ai concerti si aggiungeranno 5 aperitivi in musica, i Concertlifes, per scoprire da vicino i segreti delle partiture, la storia delle opere e per entrare in contatto diretto con i grandi artisti presenti alla manifestazione.

Si parte in anteprima sabato 24 giugno, alle ore 21.15, al Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme, con la messa in scena di Il Barbiere di Siviglia di G. Rossini, in una versione pensata e riadattata specificatamente per il festival. Un evento impreziosito dalla partecipazione straordinaria dell’attrice Franca Tragni e del poeta, musicista e attore Adriano Engelbrecht.

Sotto la direzione esperta di Daniele Agiman, giovani cantanti di grande talento come la talentuosa Incoronata Maria Buttino, ex allieva dell’Accademia dei Musici di Parma, si esibiranno spalla a spalla con artisti affermati ed esperti come Mauro Bonfanti (Figaro), il baritono trentino Giulio Mastrototaro (Don Bartolo), Massimiliano Catellani (Don Basilio), Francesco Tuppo (Conte d’Almaviva) e l’affermata soprano Annamaria Dell’Oste (Rosina), prossima al suo debutto nei panni di Donna Anna nel Don Giovanni al Teatro Bellini di Catania. La regia è affidata a Roberto Catalano. Orchestra de I Musici di Parma. Coro dell’Opera di Parma diretto da Emiliano Esposito. Ideazione scenica e costumi: Ilaria Ariemme. Mimo: Fausto Lo Verde

Artisti di fama internazionale animeranno non solo le masterclass e i concerti ma anche gli incontri sotto forma di aperitivo in musica: Andrea Lucchi, prima tromba dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’oboe dei Berliner Philarmoniker Christoph Hartmann, il violista scaligero Simonide Braconi, la violinista Yulia Berinskaya, solisti e virtuosi come il sassofonista Mario Marzi o il violinista albanese Klaidi SahatÇi, il direttore d’orchestra Daniele Agiman, il violoncellista e fondatore del Quartetto di Cremona Giovanni Gnocchi, i clavicembalisti Giovanna Fornari e Francesco Tasini, Enrico Fagone, primo contrabbasso dell’OSI (Orchestra della Svizzera italiana), Marco Zoni, primo flauto dell’Orchestra del Teatro alla Scala e il violinista Marco Ferri. Nonché gli altri docenti delle masterclass estive, cuore della manifestazione: Cinzia Forte, Carmelo Gullotto, Stefano Conzatti e Giuseppe Miglioli.

“L’attesa è quella delle grandi occasioni”, afferma Daniela Isetti, Assessore alla Cultura del Comune di Salsomaggiore Terme. La fiducia dell’amministrazione nei confronti dei Musici di Parma è ampiamente ripagata. Consideriamo i Musici la nostra orchestra e i doni musicali che ogni anni ci propongono valorizzano il nostro territorio e la nostra bellissima città, eccellenze anche in ambito culturale. In questo festival si riassumono gli aspetti che caratterizzano l’offerta turistica di Salsomaggiore e Tabiano Terme: il territorio con i suoi castelli e le pievi, la cultura, l’enogastronomia, la musica, le terme, la qualità della vita attraverso un turismo per il benessere sweet & slow.

Cosa altrettanto e forse ancor più unica e straordinaria è l’incontro tra giovani talenti e affermati musicisti. In un momento in cui i talent rappresentano una parte importante di ogni palinsesto televisivo, questo Festival racconta l’infinito talento delle nuove generazioni nel campo della musica classica. Un patrimonio che siamo onorati di mostrare al mondo. Così come, orgogliosamente, ci identifichiamo nelle splendide Terme Berzieri – che ospitano la Salso Musici Academy – altrettanto orgogliosamente vogliamo pensare che Salsomaggiore rappresenti la culla di tanti futuri artisti”.

All’opera! è una esclamazione che raccoglie in sé il frutto di un lungo lavoro portato avanti con entusiasmo dai Musici di Parma e dall’Accademia”, spiega il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, alla guida della rassegna dal 2010, quando il festival nacque sulle sponde del Lago d’Iseo. “L’obiettivo, oggi come ieri, è quello di creare un bacino di giovani, di cultura e di musica. Un lavoro di anni, che prosegue le intenzioni e le motivazioni del Sebino Summer Class & Festival, che del SSC&F costituisce le prime 6 edizioni.

Un impegno fatto di scambi culturali fra giovani italiani e stranieri, fra musicisti di livello internazionale e studenti che si affacciano alla ribalta dei più grandi palcoscenici italiani ed europei. I frutti sono sotto gli occhi di tutti: ragazzi formatisi qui e oggi parti stabili in orchestre prestigiose – RAI, ORT, Maggio Musicale, Teatro Regio di Torino – vincitori di premi in competizioni liriche e strumentali e solisti apprezzati. All’opera! vuole essere anche un monito a trovare soluzioni sempre nuove, a reperire risorse in grado di garantire la crescita e lo sviluppo di un’accademia di grande valore, che ha la fortuna di risiedere in uno dei palazzi più belli d’Italia”.

I concerti del SSC&F sono il naturale punto d’arrivo delle numerose masterclass estive, così come degli apprezzati corsi annuali tenuti dall’Accademia dei Musici di Parma, la Salso Musici Academy, che ormai da quattro anni ha sede proprio nel cuore di Salsomaggiore Terme, a Palazzo Berzieri. 80 gli allievi divisi su 6 classi: oboe, tromba, direzione d’orchestra, violino, clarinetto e flauto. Il binomio artisti affermati e studenti, miscela unica in Italia e caratteristica del festival fin dalle sue origini, si rinnova anche quest’anno e si intensifica. Dalle 6 masterclass organizzate durante la prima edizione, si è passati a 15, in programma dal 3 luglio al 6 agosto. 200 gli allievi iscritti quest’anno provenienti da Europa, Asia e America. I migliori allievi dei corsi estivi avranno l’opportunità di esibirsi, in qualità di solisti, con l’Orchestra dei Musici di Parma. Cuore dell’intera manifestazione resta, infatti, l’intenzione di fornire ai giovani talenti musicali la possibilità di affinare le proprie doti e di acquisire competenze tecniche e caratteriali in grado di garantire loro un futuro professionale.

Il Salso Summer Class & Festival propone dunque per il secondo anno consecutivo un’estate ricca di concerti e di masterclass internazionali. Un evento molto apprezzato nelle edizioni passate e di grande stimolo per le giovani promesse in campo musicale, in linea con l’esperienza positiva del 2016, che ha fatto registrare un sold out quasi totale, e di cui riprende lo slogan “La musica, un tema senza fine”. Una riflessione, sottolinea il Direttore Artistico Carlo D’Alessandro Caprice, che ricorda come “senza la musica e senza comprendere il profondo nesso tra musica e universo, i nostri giorni sul pianeta sarebbero tristi e scontati”.

Da fine giungo a inizio agosto, Salsomaggiore Terme sarà inondata dalle note dei grandi compositori che hanno fatto la storia dell’opera lirica italiana: Giuseppe Verdi, Gioacchino Rossini, e Vincenzo Bellini. La lirica farà da filo conduttore anche nelle esecuzioni strumentali: brani tratti dalla Carmen di G. Bizet, fantasie e trascrizioni originali di temi operistici, composte da Rossini, Pasculli e Bassi. Senza dimenticare giganti come J.S. Bach, W.A. Mozart, L. Van Beethoven e R. Schumann. Spazio anche alla musica sinfonica, con la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92 di Beethoven e alla musica moderna, con esecuzioni di brani firmati da Frank Martin, dal genio del tango Astor Piazzolla, fino ad arrivare alle suadenti note della bossa nova di A.C. Jobim.

Evento speciale sabato 22 luglio, con Musica Maestro!, un’intera giornata musicale che animerà le vie, le piazze, i giardini e i palazzi di Salsomaggiore Terme. Si conclude domenica 6 agosto nel Duomo di San Vitale, con musiche di G. Rossini, W.A. Mozart, L. Bassi, C. Saint Saens e M. Ravel.

La promozione musicale e l’attenzione per la formazione dei giovani talenti si intrecciano ancora una volta con la valorizzazione del territorio. I concerti si terranno, infatti, in luoghi d’eccezione, scelti tra i più prestigiosi e incantevoli della zona, coinvolgendo anche i tre castelli del territorio: il Castello di Contignaco, il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino e il Castello di Tabiano. Luoghi dalla forte valenza storica e artistica che sarà possibile scoprire, in occasione degli eventi musicali, con percorsi e visite guidate: il Palazzo delle Terme Berzieri, esempio unico di art déco termale, il Palazzo dei Congressi, con le sue eleganti decorazioni in stile liberty (visite guidate a cura dell’agenzia Verd&Acque – Per orari e prenotazioni: tel. +39.052483377 / info@verdeacque.it): il Castello di Contignaco (visite guidate alle ore 20. Prenotazione obbligatoria. Info e costi: +39.0524573287 / 3206066721 – castello.contignaco@gmail.com; il Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino (visite guidate alle ore 20.30. per costi e prenotazioni +39.0524572381, info@castellodiscipione.it); e il Castello di Tabiano.   Visite guidate alle ore 20.30. per costi e prenotazioni: +39.3488955378 / info@portalesalsomaggiore.it

http://www.imusicidiparma.it

http://www.comune.salsomaggiore-terme.pr.it/

Per Info: IAT Salsomaggiore Terme Tel. +39 0524 580211 E-mail: info@portalesalsomaggiore.it

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

DOMENICO BALZANI UN GAUDENZIO DI QUALITA’ A PARIGI

Intervista di Rino Alessi

Sardo di origine, è nato ad Alghero, Domenico Balzani vive ormai da qualche tempo in Friuli, dove ha messo famiglia e insegna al Conservatorio di Udine. Nel 1992 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Politiche ed Economiche presso l’Università di Sassari e nel 1993 il Diploma in Cantopresso il Conservatorio di Verona. La sua attività è molteplice. “Non si può vivere di poche cose” racconta il baritono, reduce da un bel successo al Théâtre des Champs-Elysées di Parigi dove ha aggiunto un nuovo personaggio alla sua già nutrita galleria d’interpretazioni. E’ stato Gaudenzio ne Il Signor Bruschino di Rossini sotto la direzione di Enrique Mazzola e accanto a un grande artista come Alessandro Corbelli.

“Mi hanno chiamato all’ultimo momento per sostituire Markus Werba” racconta ancora. “A Parigi avevo avuto molto successo la stagione passata con Taddeo ne L’Italiana in Algeri, e per questo che si sono rivolti a me. Non conoscevo il ruolo, che è impervio con agilità spaventose nell’aria. Ma l’ho fatto. Ero agli inizi quando venni a Trieste per fare Bruschino in uno spettacolo dedicato al pubblico delle scuole che Giulio Ciabatti mise in scena alla Sala Tripcovich. Fui premiato come migliore voce giovane della stagione dagli Amici della Lirica…”.

Al Teatro Verdi Balzani è reduce da un altro salvataggio in extremis nei Pescatori di perle di Bizet. “Lì ho avuto ancora meno tempo per preparare il personaggio di Zurga, quattro giorni. Ma non c’è problema, se hai il mestiere lo puoi fare. Certo, sono dovuto venire a patti con il francese, che non parlo, ma il risultato è stato professionale.”. Ora Balzani è atteso a Klagenfurt per La Traviata, poi sarà a Trieste per i Carmina Burana di Orff e per Il Trovatore e “C’è un nuovo progetto con Parigi…”. Nel frattempo si divide tra le lezioni al Conservatorio Tomadini, le attività di Assolirica di cui è anima e vicepresidente e con cui si batte per tutelare i diritti degli artisti nell’ambito della nuova legge sullo spettacolo dal vivo, e ancora le attività del Colap che si occupa di coordinare il lavoro delle associazioni professionali. Come se non bastasse, sta per uscire con un libro sul project management nell’opera lirica presso Aracne e si occupa delle due bambine che vanno seguite: “Guai però se non ci fosse mia moglie…”.
Parliamo di Rossini: è stato bello collaborare con Corbelli? “Non lo conoscevo, ma nel 1993 era presente al saggio del mio diploma a Verona e mi diede dei consigli. Ora che ci siamo rivisti se n’è ricordato. Mi ha fatto piacere. E’ un punto di riferimento tra i baritoni in questi ultimi trent’anni per classe, stile. Un cantante di qualità molto alta.”. E’ importante l’attività di Assolirica? “Lo è. I cantanti non lo vogliono capire e non si associano. Ma i direttori di teatro e gli altri addetti ai lavori lo stanno capendo perché noi artisti lirici lavoriamo gratuitamente durante le prove, che sono sempre più impegnative, e senza tutela assicurativa. In pratica lavoriamo fuori legge come ho spiegato nell’audizione al Senato di qualche mese fa…”.
Il Signor Bruschino au Théâtre des Champs-Elysées : Il Signor Quiproquo !

Por Anne-Laure Faubert, 19 junio 2017

Dernier des cinq opéras en un acte commandés au jeune Rossini et créé en 1813, Il Signor Bruschino reprend les différents ingrédients de la farsa giocosa, et offre une soirée truculente aux spectateurs, malgré l’absence de mise en scène. Se retrouvent en effet dans cet opéra tous les ingrédients qui font le succès du compositeur : une intrigue à la fois complexe et compréhensible, des personnages stéréotypés et une musique alternant beau chant, crescendos et scènes d’ensemble.

Enrique Mazzola © ONDIF | Eric Garault

Enrique Mazzola
© ONDIF | Eric Garault
L’intrigue est une succession de quiproquos et de manigances où deux amants, Sofia et Florville, tentent de forcer le destin, en l’occurrence le père de la jeune fille qui refuse l’union de sa fille. Florville se fait donc passer pour le fils du Signor Bruschino. S’ensuivent de savoureuses scènes de quiproquos magnifiquement interprétés par les chanteurs, mais aussi le chef d’orchestre qui devient alors le confident de leurs projets.

 Sous la direction précise et vigoureuse d’Enrique Mazzola qui semble sculpter la musique pour mieux en faire ressortir les aspérités, l’orchestre national d’Ile-de-France, malgré son effectif réduit, fait ressortir dès les premières notes le côté comique de l’opéra, tout en montrant un plaisir gourmand à jouer cette musique légère et chatoyante. Les airs virtuoses sont soutenus par l’orchestre, tout comme le magnifique solo de hautbois qui introduit l’air de Sofia.

Le plateau vocal est dominé par Alessandro Corbelli, incarnant Il Signor Bruschino, qui dès son entrée scande avec sa canne les coups d’archet des musiciens sur leurs pupitres. S’il répète inlassablement qu’il fait chaud, « Oh, che caldo ! », il projette sa voix sans effort pour épouser les différentes étapes de son rôle. Cajolé puis rejeté par Sofia, ridiculisé par celui qui se fait passer pour son fils et par Gaudenzio, puis tenant sa revanche quand il comprend la situation, il est à la fois drôle et émouvant et livre un jeu d’une grande finesse et une voix d’une grande profondeur.

Face à lui, Domenico Balzani interprète un Gaudenzio sûr de lui et dont le timbre et les intonations comiques évitent de sombrer dans la vulgarité. Son air sur la tendresse paternelle s’avère profondément touchant.

Chantal Santon-Jeffery nous livre une Sofia dont la voix s’affirme au fur et à mesure. Si les aigus sont parfois voilés, son timbre coloré, sa prononciation précise, ses vocalises maitrisées et projetées ainsi que sa présence scénique – truculente scène où elle tente d’amadouer Il Signor Bruschino – en font l’un des personnages principaux de cette soirée. Son « Ah donate il caro sposo » est particulièrement réussi.

Maxim Mironov nous livre un Florville tout en nuances et dont la voix s’affirme au long de la soirée. Doté d’un timbre particulier, d’un phrasé délicat et d’une voix claire, il s’impose progressivement face à son potentiel beau-père et son prétendu père.

Enfin, Sophie Pondjiclis livre une Marianna effrontée et insolente, Christian Senn un Filiberto adroit et rusé, Tomasz Kumiega un commissaire trop sûr de lui et peu efficace et Joao Pedro Cabral un Bruschino fils apeuré par la colère paternelle.

Cette soirée où l’on rit beaucoup et où règnent les quiproquos et les scènes burlesques, dans la droite ligne de Beaumarchais, doit sa réussite en grand partie à l’engagement scénique et vocal de tous.

FONTE: https://bachtrack.com

 

 

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Una cartolina rossa, un giovane in partenza per il fronte russo, quelli “de sos laris biancos”, il campanaro del paese e ogni anno l’appello dei giovani mai più tornati a casa.

Arasolè è l’ultimo altrove di Cultura Popolare III, casa del giovane Culubiancu che partito con altri giovani compaesani per laSeconda Guerra Mondiale torna al suo paese solo. 


Unico superstite, diventa lui stesso memoria e ricordo vivente di coloro che 
sono morti insensatamente e senza sapere quasi il perché.
La narrazione di Gianluca Medas è tratta dal libro di poesie “Poesias in duas limbas” di Francesco Masala e da “Memorias” uno spettacolo degli anni ‘80 dei Figli d’Arte Medas. 



Lo spettacolo si svolgerà venerdì 
23 giugno a Guasilaalle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.
L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Era tutto dedicato a Gioachino Rossini il concerto che si è tenuto ieri sera a Palazzo Siotto a Cagliari. I protagonisti erano due giovani cantanti lirici (ma già ottime promesse) e il pianista accompagnatore Giancarlo Salaris.

Sia il basso Alessandro Abis che il soprano Claudia Urru hanno  evidenziato grandi capacità tecniche di emissione di fiato e padronanza della voce: agilità, filati, smorzati, picchettati, intonazione ,acuti e gravi, tutto era sotto controllo in voci di prima qualità.

Le romanze eseguite, tra le più difficile del compositore pesarese, erano tratte da opere quali “Il signor Bruschino”, “Il barbiere di Siviglia”, “Il viaggio a Reims”, “La Semiramide”, “La Gazza Ladra”.

Dal canto suo il maestro Giancarlo Salaris è stato all’altezza della situazione accompagnando e respirando con gli artisti , dote non facile e non comune a tutti i pianisti accompagnatori. Ci ha poi regalato una perla pianistica: un brano raro che Rossini ha scritto a fine carriera come una sorta di testamento; una marcia funebre molto ironica  al cui interno emergevano piccole porzioni musicali delle sue opere più famose.

I due cantanti (che provengono dalla stessa scuola, quella del soprano Elisabetta Scano) hanno già affrontato il palcoscenico del professionismo. Tutti  e due infatti  hanno  debuttato in grandi teatri come il Lirico di Cagliari ,  Petruzzelli di Bari,  Filarmonico di Verona tanto per citarne alcuni.

Di seguito un videodocumento della serata


YouTube Video

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ulrica è uno dei personaggi dell’opera lirica “Un ballo in maschera” di Giuseppe Verdi. Lei è una maga  e già questo è un elemento che incuriosisce per il mistero che la circonda ;  ha  poi una voce di contralto, quindi rara, e questo mi affascina particolarmente perchè amo le voci gravi .

Ma chi è e quale ruolo ha all’interno dell’opera? Lei è una maga che predice il futuro, dispensa consigli di ogni genere e nel caso dell’opera in questione, Ulrica consiglia ad Amelia,( moglie di Renato, segretario e amico del governatore Riccardo) di recarsi in un campo alla ricerca di un’erba che la guarirà dall’amore impuro. Amelia infatti è segretamente innamorata proprio di Riccardo.

E’ bellissimo ascoltare la musica di Giuseppe Verdi che sottolinea il personaggio con un’orchestrazione cupa in cui sono in evidenza gli strumenti dal suono più grave: contrabassi, tromboni, corni, violoncelli, percussioni. La stessa  Ulrica, con la sua voce di contralto, è terribilmente impressionante quando  invoca le forze del male per raggiungere i suoi scopi. “Re dell’abisso” è la sua romanza di presentazione, ascoltatela in questo video sottostante eseguita dal contralto giapponese Qiulin Zhang che mi ha colpito in modo particolare per il timbro scurissimo della sua voce.


YouTube Video

Intanto voglio ricordare  che Un ballo in Maschera, sarà rappresentato al Teatro Lirico di Cagliari dal 30 Giugno, sabato 1 luglio alle 21 (turno G); domenica 2 luglio alle 21 (turno D), martedì 4 luglio alle 21 (turno F); mercoledì 5 luglio alle 21 (turno B); venerdì 7 luglio alle 21 (turno C); sabato 8 luglio alle 17 (turno I); domenica 9 luglio alle 21 (turno E); mercoledì 12 luglio alle 21 (fuori abbonamento); sabato 15 luglio alle 21 (fuori abbonamento); mercoledì 19 luglio alle 21 (fuori abbonamento).

 Info biglietteria: telefono: 0704082230 – 0704082249
email: biglietteria@teatroliricodicagliari.it
biglietteria online: www.vivaticket.it

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Quando si parla di cantanti lirici sardi si mettono sempre in evidenza i grandi Bernardo Demuro, Piero Schiavazzi, Carmen Melis, ma mai avevo sentito0 nominare Ugo Marturano. Lui  era nato a Teulada, elegante cittadina del sud della Sardegna , nel 1881, e morì nel 1967. Era un cantante con la voce di baritono ed ebbe una carriera molto intensa . Per un certo periodo si esibì anche in Sud America.

Il suo  repertorio era prevalentemente drammatico, si trovano infatti sue  partecipazioni in opere quali Cavalleria Rusticana e Pagliacci, la Wally, Rigoletto, Il Trovatore, La Gioconda, La forza del Destino, La Carmen, Un ballo in maschera che cantò anche a Cagliari nel 1925 al teatro Politeama regina Margherita, teatro che  venne distrutto da un incendio nel 1942.

Su di lui non si trovano tante notizie, alcune le ho trovate  grazie ad una nipote , Anna Paola Marturano, che così racconta in una pagina Facebook: “ Ugo Marturano (quello indicato dalla freccia) baritono, era fratello di mio nonno Efisio.  Si esibì nei principali teatri d’Europa e d’America.

Visse gli ultimi anni alla casa di riposo Giuseppe Verdi di Milano e morì nel 1967 di incidente automobilistico. Mio padre mi raccontava che aveva avuto una figlia Carlotta da una contessa che non si era mai voluta sposare .

Posto di seguito un video, di proprietà di Roberto Marcocci con la voce del baritono Ugo Marturano


YouTube Video

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Ho letto con molto interesse le interviste che Leo Nucci ha rilasciato a diverse testate giornalistiche in occasione delle sue cinquecento e passa repliche dell’opera lirica Il Rigoletto. Lui ormai è diventato un’icona per tanti giovani cantanti, sia per l’età non più adolescenziale che lo porta ancora sui palcoscenici più importanti del mondo, e sia per la sua grande professionalità. Non concordo però con lui sul fatto che non vi siano giovani eredi. Ci sono tante belle voci nel nuovo panorama lirico, e c’e n’è tantissime anche tra i giovani studenti. Fra questi ultimi però manca la pazienza, la pazienza di costruire e rafforzare la tecnica vocale mattone su mattone, affinchè si possa così debuttare sicuri.

Se Leo  Nucci ha ancora la fortuna di cantare, lo deve soprattutto alla tecnica ferrea che gli permette di guardare sempre avanti con tranquillità.

Molti giovani  dotati di grandi qualità vocali e musicali, non vedono l’ora di debuttare e spesso dopo pochi anni di studio si buttano a fare audizioni senza conoscere i rischi cui vanno incontro. Davanti al primo ostacolo crollano come una piantina senza radici. E non parlo solo di ostacoli materiali ma soprattutto psicologici, i peggiori.

Il mio consiglio quindi è quello di avere molta pazienza, di studiare costantemente poco, ma tutti i giorni. Il canto è uno strumento delicato che deve forgiarsi lentamente.  Vengono da me ragazzi a farsi audizionare dicendomi che studiano anche tre ore al giorno. Non serve la quantità ma la qualità regolare. Quando durante la lezione si è ottenuto un nuovo risultato, nei giorni successivi si deve lavorare affinchè quel risultato diventi sicuro. Poi, sempre con molta pazienza, si deve costruire un repertorio vario di brani da camera e d’opera facendo attenzione a scegliere quelli più consoni alla propria voce . Quando tutto questo bagaglio diventa una bella valigia solida si comincia a partire per le audizioni e i concorsi dove si avrà l’opportunità di un confronto con altri giovani artisti e altri insegnanti .

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La Stagione concertistica 2017 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, giovedì 15 giugno alle 20.30 (turno A), con il dodicesimo appuntamento: il Duo Perfetto, formazione composta da Robert Witt (violoncello) e Clorinda Perfetto (pianoforte), professori dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, si esibisce in un’unica, imperdibile serata dedicata alla musica da camera romantica ottocentesca, da quella russa con precise influenze classiche e jazz, fino a quella brillante afro-americana novecentesca.

Il programma della serata presenta: Sonata in sol minore per violoncello e pianoforte op. 65 e Introduzione e polacca brillante in Do maggiore op. 3 di Fryderyk Chopin; Sonata n. 1 per violoncello e pianoforte op. 63 di Nikolai Kapustin; Porgy and Bess Suite (trascrizione di Jascha Heifetz) di George Gershwin.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

 La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

 Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

 La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

Il Duo Perfetto di recente ha vinto il Primo Premio assoluto al Concorso Tim, il torneo internazionale di musica, che si è svolto a Torino e la cui partecipazione era legata al superamento di una serie di preselezioni che la commissione ha svolto in tutta Europa nei due anni precedenti (da Firenze a San Pietroburgo, da Lisbona a Londra). Il Duo nasce dall’incontro di due personalità molto simili dal punto di vista musicale, ma provenienti da percorsi notevolmente differenti. Proprio la similitudini di intento musicale ed origini eterogenee caratterizzano il Duo, il quale vanta un repertorio che spazia dalle forme compositive più classiche a quelle più innovative d’ispirazione jazzistica. Numerosi sono i concerti e le rassegne che li ha visti protagonisti in tutta l’isola e nel resto d’Italia, e vari sono i progetti che li vedranno impegnati anche all’estero. In settembre, per esempio, effettueranno diversi concerti tra Dresda e Berlino. Tra le più recenti partecipazioni si ricordano la “Festa della Musica” per Cagliari Capitale europea della cultura 2015, il Festival internazionale all’isola di Carloforte e per l’associazione Gremio di Roma. Recentemente, inoltre, si ricorda il concerto svolto a Torino all’associazione “Libera”, nella quale hanno utilizzato un pianoforte Steinway and Sons del 1870 interamente costruito con legno di rose; con tale manifattura esistono solo altri due esemplari al mondo dei quali uno è conservato alla Casa Bianca. Il Duo ha preso parte all’inaugurazione della mostra “Eurasia” (Palazzo di Città, Cagliari, 2016), realizzata in collaborazione con il Museo Ermitage di San Pietroburgo che introduceva, dinanzi alla delegazione russa, il gemellaggio tra Cagliari e la città sulla Neva oltre che per l’inaugurazione di una mostra d’arte contemporanea su Sant’Antioco itinerante tra l’isola di Sant’Antioco, Roma e New York. In attivo il Duo vanta già un cd e un secondo, che si intitola “Russian cello jazz”, che è in fase di realizzazione al Forum Music Village di Roma, gli studi dove il Premio Oscar Ennio Morricone ha realizzato tutte le sue indimenticabili colonne sonore. Infine, il Duo è stato ospite di diverse trasmissioni radiofoniche e televisive, tra le quali si ricorda la trasmissione “Radio3 Suite” del 23 maggio scorso su RadioRai condotta dal compositore Francesco Antonioni. (duoperfetto.com)

Cagliari, 12 giugno 2017

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »

Sino a due anni fa non sapevo cosa fossero i gruppi A.M.A. . Poi, lo scorso anno mi è stato proposto di creare un coro con  un gruppo di ragazzi appartenenti ad uno di questi gruppi (Gruppo AMA Cagliari). Mi hanno spiegato che si trattava di ragazzi con problemi  legati alla  depressione, alle dipendenze di vario genere e a deficit intellettivi.  Ho accettato la sfida senza pensarci due volte. Conosco bene gli effetti benefici della musica ed ero certa che questo impegno mi avrebbe dato molta soddisfazione.

Certamente avendo lavorando tutta una vita in teatro dove la mira principale era la ricerca della perfezione, non è stato facile lavorare senza pensare a questa. La perfezione in questo caso non era di tipo tecnico-musicale,  ma era quella di regalare benessere , far cantare con piacere qualunque cosa pur di tenere  lontano pensieri e ossessioni che purtroppo accompagnano le persone con questo tipo di problemi.

Inizialmente pensavo di impostare il lavoro insegnando un po’ di tecnica del canto per poi  mettere su qualche brano polifonico, ma quasi  subito  ho capito che questo non era ciò che serviva. Sono passata quindi al canto moderno col Karaoke. Anche se la cosa può far inorridire molti colleghi professionisti, l’ho trovato uno strumento utilissimo in tante situazioni e in particolare in questa,  rivelandosi un vero e proprio strumento didattico . Quasi tutti hanno problemi di memoria e di pronuncia e poter leggere il testo di una canzone accompagnato  dalla musica, dava loro sicurezza. Così siamo partiti in quarta con canzoni orecchiabili prima a piccoli gruppi e poi tutti insieme. La gioia è stata immensa, ho visto ragazzi trasformarsi. Se qualcuno inizialmente rimaneva muto, seduto in un angolo dell’aula,  ora prendeva l’iniziativa anche di un cenno ritmico col corpo. C’è  chi mi ha confessato che contava i giorni della settimana aspettando la lezione, ripassando le canzoni per poter essere più sicuro alla lezione successiva. Tra le varie canzoni ha riscosso grande successo il brano di Edoardo Bennato “IL gatto e la volpe” ed è per questo motivo che abbiamo pensato di dare questo nome al nostro gruppo.

Venerdì 16 giugno alle 17,30 a Cagliari, salone della chiesa di San Paolo in Piazza Giovanni XXIII, si terrà la Festa dei Gruppi A.M.A. organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale ASSL 8 dove ogni gruppo presenterà il proprio lavoro. Noi ci saremo con il lavoro svolto durante questi 6 mesi e,  comunque andrà, è stata un’esperienza bellissima per me e spero anche per i ragazzi. L’ingresso è aperto a tutti. 

Lo scopo principale di questa festa è far conoscere l’importanza dei gruppi A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto) e raccogliere fondi per portare avanti gli scopi di questa associazione. Il Gruppo AMA Cagliari ha organizzato inoltre delle Pesche miracolose ed una lotteria con premi molto importanti: al primo posto un anello d’oro con pietre preziose,  orologi e pezzi da scrivania in pelle e radica e argento.

L’ingresso è aperto a tutti.

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ancora un riconoscimento alla memoria del soprano cagliaritano Giusy Devinu, deceduta a soli 47 anni nel pieno di una luminosa carriera. La città di di Cagliari ha mostrato riconoscenza a colei che ha portato alta la bandiera della nostra terra nei palcoscenici più importanti del mondo, dedicandole nel 2015, l’Arena sita nel Parco della Musica e che sta a metà strada tra il Conservatorio G.P. Da Palestrina, (scuola che l’ha vista nascere artisticamente) e il Teatro Lirico sede di tanti  successi. Dopo l’Arena , il Teatro le ha voluto dedicare un Concorso per giovani promesse.

In questi giorni ho avuto la bella notizia che la Direzione di una scuola media  ad indirizzo musicale, ha deciso di titolare l’Istituto proprio a nome di Giusy Devinu.   L’Istituto comprensivo (ex Mulinu Becciu, Mameli, Ciusa)  diventerà quindi Istituto “Giusy Devinu” ,

il 29 giugno alle ore 18 nell’Auditorium della scuola di  Via Meilogu 18 a Cagliari.

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

I

In questi giorni il grande baritono Leo Nucci si trova a Cagliari per interpetare ancora una volta uno dei ruoli che lo hanno reso celebre: Il Rigoletto di Giuseppe Verdi. La sua esibizione però non sarà al Teatro Comunale sede del teatro Lirico bensì alla Forte Arena di Pula.

Non tutti sanno però che  Leo Nucci cantò per la prima volta a Cagliari nel 1985 agli albori della sua brillante carriera sempre nel Rigoletto. All’epoca i suoi parners erano Ettore Nova nel ruoldo del Duca di Mantova, Mariella Devia Gilda, Carlo Cava Sparafucile, Franca Mattiucci Naddalena, Rosy Orani Giovanna, e ancora Angelo Nardinocchi, Enrico Marini, Tullio Pane, Luigi Medda, Annalisa Pittiu, Rossella Ragatzu.

Il soprano Giusy Devinu ,la nostra grande artista cagliaritana (quest’ano ricorrono i 10 anni dalla sua scomparsa) invece cantò con Leo Nucci in diverse occasioni tra cui un memorabile Rigoletto al Teatro dell’Opera di Roma (vedi foto), e un grande concerto a Tel Aviv (vedi Video).

Domani Sabato 10 giugno, alle 21.30 quindi il ritorno del grande Rigoletto che  aprirà la stagione alla Forte Arena di Santa Margherita di Pula (Cagliari)

Melodramma in tre atti Rigoletto su libretto di Francesco Maria Piave, dal dramma Le roi s’amuse di Victor Hugo, e musica di Giuseppe Verdi (Roncole di Busseto, Parma, 1813 – Milano, 1901).

La regia è affidata a Joseph Franconi Lee, assistente e collaboratore per vent’anni di Alberto Fassini, autentico erede della tradizione registico-musicale italiana. Le scene e i costumi sono di Alessandro Ciammarughi, scenografo-costumista, moderno interprete di una classica visualità, mentre le luci sono affidate a Fabio Rossi e la coreografia a Marta Ferri. In questo allestimento del Teatro Lirico di Cagliari, l’opera di Verdi viene riproposta attraverso un’ideale rilettura che esalta la magnificenza architettonica e lo splendore della Mantova dei Gonzaga.

La direzione musicale di Rigoletto è affidata alla grande bacchetta di Donato Renzetti, direttore abruzzese ed apprezzato interprete della tradizione musicale italiana, in particolare verdiana che ritorna a Cagliari, a dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico, dopo il successo dell’opera inaugurale della stagione 2017 La bella dormente nel bosco di Ottorino Respighi. Il maestro del coro è Gaetano Mastroiaco.

L’opera si avvale di un cast di cantanti prestigiosi, fra i quali spicca Leo Nucci, il più grande baritono verdiano vivente che ha interpretato il ruolo di Rigoletto per oltre 500 recite: Antonio Gandìa (Il Duca di Mantova)Leo Nucci (10)/Giovanni Meoni (17, 24) (Rigoletto)Barbara Bargnesi (Gilda)Cristian Saitta (Sparafucile)Martina Serra (Maddalena)Leonora Sofia(Giovanna)Gocha Abduladze (Il Conte di Monterone)Nicola Ebau (Marullo)Enrico Zara(Matteo Borsa)Francesco Leone (Il Conte di Ceprano/Un usciere di corte)Ivana Canovic (La Contessa di Ceprano/Un paggio della duchessa).

Si replica il 17 e 24 giugno.

Sotto un video di Giusy Devinu e Leo Nucci proprio nel Rigoletto. La Vendetta in un concerto a Tel Aviv diretto da Daniel Oren


YouTube Video

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Dal 18 giugno al 22 ottobre la Rai e il Teatro alla Scala celebrano 40 anni di collaborazione proiettando gratuitamente i video di cinque grandi spettacoli della storia scaligera nella sala del Piermarini. Le proiezioni saranno in cinque domeniche sempre alle 11 del mattino.
Ingresso con biglietto gratuito fino ad esaurimento posti. Biglietti disponibili, con un massimo di due per persona, con registrazione, dalle ore 12 del lunedì precedente ciascuna proiezione, presso la Biglietteria Centrale, Galleria del Sagrato – Piazza del Duomo – Stazione Metropolitana Duomo (aperta tutti i giorni dalle 12 alle 18).

Di seguito le date dei cinque appuntamenti e le modalità di ritiro dei biglietti:

Otello 18 giugno, ore 11
di Giuseppe Verdi
Otello Direttore: Carlos Kleiber
Regia: Franco Zeffirelli
Uno spettacolo formidabile, oggi universalmente considerato tra i punti più alti della storia del teatro musicale con il trio di voci straordinarie di Plácido Domingo, Mirella Freni e Piero Cappuccilli.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 12 giugno

Macbeth 9 luglio, ore 11
di Giuseppe Verdi

Otello Direttore: Claudio Abbado
Regia: Giorgio Strehler
L’inaugurazione del 1975, nella leggenda per la direzione di Abbado e un cast inimitabile (Verrett, Cappuccili, Ghiaurov e Luchetti), è anche un omaggio a Giorgio Strehler e Luciano Damiani negli anniversari della loro scomparsa.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 3 luglio

Europa riconosciuta 10 settembre, ore 11
di Antonio Salieri

Otello Direttore: Riccardo Muti
Regia: Luca Ronconi
L’opera con cui il Teatro alla Scala fu inaugurato nel 1778 ha celebrato anche il ritorno dopo il restauro nel 2004 con Riccardo Muti. Per l’occasione erano tornati a collaborare Luca Ronconi e Pier Luigi Pizzi, mentre in scena si sfidavano le voci di Diana Damrau e Desirée Rancatore.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 4 settembre

Tristan und Isolde 15 ottobre, ore 11
di Richard Wagner

Otello Direttore: Daniel Barenboim
Regia: Patrice Chéreau
Spettacolo simbolo degli anni scaligeri di Daniel Barenboim, Tristan und Isolde ha segnato nel 2007 il ritorno di Patrice Chéreau alla Scala dopo oltre vent’anni, mentre Waltraud Meier era una commovente Isotta al fianco di Ian Storey.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 9 ottobre

Aida 22 ottobre, ore 11
di Giuseppe Verdi

Otello Direttore: Riccardo Chailly
Regia: Franco Zeffirelli
Il primo 7 dicembre di Riccardo Chailly è un tributo alla tradizione italiana e alla fantasia sontuosa di Zeffirelli, che tornava nel 2006 su una delle opere più amate muovendo in palcoscenico Violeta Urmana e Roberto Alagna.

Ritiro biglietti gratuiti da lunedì 16 ottobre

 

Main Media Partner Media Partner
RAI rai cultura
Tag:, ,

Comments Nessun commento »

Si è concluso ieri a Cagliari il 5 livello del corso di Musicoterapia modello Benenzon. Quando ho iniziato a frequentarlo non conoscevo esattamento a cosa andavo incontro, pensavo ad un corso in cui ci avrebbero insegnato ad usare le musica, quella tradizionale, con persone affette da disabilità o comunque che avessero problemi di salute in generale. Alla conclusione del primo livello ho capito invece che mi trovavo davanti ad una cosa completamente diversa. Inizialmente ero abbastanza perplessa ma  proseguendo con gli altri  livelli , ho capito tantissime cose che me lo hanno fatto apprezzare, soprattutto nella sua caratteristica del “non verbale“.

Ho avuto la fortuna di  frequentare questo 5 livello proprio con colui che lo ha messo a punto: Rolando Omar Benenzon. Questo  livello ha evidenziato  l’utilizzo del modello con pazienti affetti da Autismo, Coma, Alzheimer  e come Terapia del dolore.

A fine corso ho voluto intervistare il prof. Benenzon per capire meglio cosa lo ha portato a creare questa forma di Musicoterapia. Mi ha raccontato della sua infanzia e della passione per la musica che avrebbe voluto  diventasse la sua prima professione ma le cose sono andate diversamente…


YouTube Video

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Si è concluso ieri sera a cagliari, presso il Conservatorio di musica P.L. da Palestrina il concorso per giovani musicisti Golfo degli Angeli indetto dal Lyon Club. Ad aggiundicarsi il primo premio  è stata la coppia artistica formata dalla violinista Giulia Greco e dal pianista Marco Schirru.   L’altro primo premio è stato attribuito  al chitarrista sassarese Gabriele Lissia.

Il concorso Golfo degli Angeli, fortemente voluto da Mario Lixi e Sivio Fadda, è rivolto ai diplomati e ai giovani iscritti all’ultimo anno di corso dei Conservatori “Pierluigi da Palestrina” di Cagliari e “Luigi Canepa” di Sassari e ha lo scopo di permettere ai più brillanti di andare a perfezionarsi fuori dalla Sardegna attribuendo loro una consistente borsa di studio.

Il concorso ha una cadenza biennale. L’anno successivo all’attribuzione della borsa, i vincitori tengono un concerto pubblico in cui dimostrano le nuove abilità acquisite.

Vincitori delle 13 edizioni

1991      Romeo Scaccia, Michele Spiga, Ettore Arcais Filomena Moretti

1993           Francesco Loi, Pasquale Iriu, Simone Piga

1995          Fabio Furia, Efisio Lecis, Viviana Maroqiu

1997          Silvia Careddu, Federico Cherchi, Oscar Zuddas

1999           Marcello Melis, Michele Piras, Alessandra Pisano

2001          Duo Luca Vito Lana – Michele Nurchis, Graziella Ortu, Anna Tifu

2003         Carlo Doneddu, Samuel Tanca, Giulio Biddau

2005         Duo Fabio Mureddu- Roberto Serra, Claudio Sanna

2007        Rossana Cardia, Fabio Moi

2009        Anna Bruna Attieni, Elsa Paglietti

2011           Lorenzo Baldoni, Leonardo Sini, Marco Sanna

2013         Alessandro Piras, Alberto Sanna

2015        Claudia Foddai, Duo Apeddu – Luciani

 

Tag:, , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Ecco il VI° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove dell’Associazione Figli d’Arte Medas che avrà luogo venerdì 9 giugno.

Con “C’era una volta il Far West” rivivremo le magiche atmosfere del Far West con i suoi balli scatenati; ascolteremo i grandi del country classico come Johnny Cash, Waylon Jennings, Buffalo Springfield, The Band, Carl Perkins; e brani più attuali come quellidi Alan Jackson, George Strait e Josh Turner.
Alla chitarra Roberto NonnisTexardi il corpo di ballo, con le note di Gianluca Medas.

Lo spettacolo si svolgerà venerdì 
9 giugno a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.
L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Sarà per me una grande emozione seguire il 5 livello del corso di Musicoterapia didattica non verbale,  direttamente da colui che lo ha inventato: il grande psichiatra – musicista  argentino Rolando Benenzon, che tornerà in Sardegna (dopo 20 anni), martedì e mercoledì prossimi.

Il suo è un metodo che esce un po’ dagli schemi classici della musicoterapia perchè si distingue dagli altri per il “non verbale”. Parlano solo i suoni e non le parole. Un metodo creato pensando a coloro che hanno problemi di disabilità come l’ autismo, la sindrome di Down, alcune forme gravi di depressione, Alzheimer e fattori annessi.

A coordinare anche il 5 livello (penultimo) ci sarà come sempre la magister Emanuela Milia.

Il corso si terrà a Cagliari presso l’Acquarium Gallery.

Rolando Benenzon , dopo la tappa in  Sardegna proseguirà  verso la Campania e poi la Lombardia.

Chi volesse approfondire il metodo di Musicoterapia modello Benenzon può trovare in rete diversi trattati.

Il corso è organizzato come ogni anno dall’Associazione University Natura Naturopatia e Musicoterapia Cagliari.

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Io e Onofrio ci conoscevamo da 60 anni…” con queste parole il direttore d’orchestra Sandro Sanna ha aperto la serata dedicata al suo amico fraterno Onofrio Figliola, stimato musicista, che ci ha lasciato inaspettatamente un mese fa. “La nostra amicizia è iniziata da bambini e proseguita fino alla fine, con la complicità della musica..  Non ci siamo mai persi di vista  e ogni anno , in occasione dei reciproci compleanni ci sentivamo telefonicamente  ricordando i bei tempi andati, ma l’ultima telefonata – ricorda Sandro Sanna – non mi era piaciuta. Lui non parlava mai dei problemi di salute e qui lo aveva fatto, un brutto presentimento..

Eravamo davvero in tanti ieri sera, all’Auditorium del Conservatorio di musica, per omaggiarlo. C’erano tanti amici, colleghi e parenti. Sua figlia Emanuela in primis che a fine concerto ha ringraziato il direttore e le formazioni corali del Collegium Karalitanum   Polifonica karalitana con l‘ensamble di fiati che uniti hanno eseguito il Requiem di Faurè in un originale arrangiamento dello stesso Sanna. Un Requiem a cui Onofrio era particolarmente legato e che in questa occasione è stato impreziosito da un cammeo: l’ensamble vocale Kor che ha sostituito (con un ulteriore arrangiamento questa volta di Manuel Cossu) le parti solistiche. Onofrio aveva a cuore questa formazione perchè alcuni di loro hanno iniziato a fare musica corale proprio grazie a lui quando, per un lungo periodo prese in mano la direzione del Coro Universitario Musicale. Così lo ricorda Barbara Crisponi componente dei Kor: “ Ho conosciuto il Maestro Figliola nel ’93, quando ho fatto l’audizione per il coro delle voci bianche per la stagione concertistica del teatro. Lo conoscevo solo di vista, come docente,  invece poi da lì è diventato “ Il mio maestro di coro”, prima appunto nel coro di voci bianche, e poi per un altro po’ di anni col Cum  

Onofrio amava il jazz e quando ne aveva l’occasione si cimentava in arrangiamenti. I miei ricordi artistici di lui risalgono agli anni in cui diresse il Coro del teatro lirico. Aveva creato all’interno di esso, una formazione corale femminile che si esibiva soprattutto nelle scuole e in spazi inusuali diversi dal teatro. Il repertorio era arricchito anche da qualche brano jazz che lui aveva arrangiato per voci femminili.

Era burbero e ironico  contemporaneamente. Chi non lo conosceva bene poteva rimanere ingannato dal suo aspetto severo che invece nascondeva  un grande senso dell’umor. Tanti cagliaritani  ricorderanno quanto fossero divertenti i suoi doppiaggi in dialetto, dei  film di Perry Mason, dove  interpretava il ruolo dell’avvocato Perra. Erano gli anni della nascita dell’ emittente privata Videolina, metà anni 70, con la quale collaborava.

Di seguito un  video-documento della serata


YouTube Video

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il mercato di San Benedetto a Cagliari è il più grande mercato coperto d’Italia ed uno dei maggiori d’Europa, ospita spazi dedicati alla vendita di pesce, carne, ortofrutta, generi alimentari e servizi vari.

E’ stato inaugurato il 1° giugno 1957 e con i suoi 8.000 metri quadrati di esposizione su due livelli . Ad oggi nel Mercato operano quasi 300 concessionari. Al Piano terra è situato il reparto ittico, mentre nel piano superiore ci sono i reparti ortofrutta, carni alimentari, generi vari e servizi. In occasione dei 60 anni dalla sua apertura, la città di Cagliari organizza varie manifestazioni.

Anche il Il Teatro Lirico di Cagliari partecipa alla festa con due aperitivi musicali affidati a due ensemble sonori, composti da professori dell’Orchestra del Teatro Lirico, che allieteranno il pubblico nelle corsie e tra i 200 box dei due piani della struttura.

Venerdì 2 giugno, il Mercato sarà aperto dalle 7 alle 18 e il Teatro Lirico di Cagliari partecipa

Alle 11 si esibisce Filippo Gianfriddo che, con la sua marimba e le multipercussioni, propone quattro coinvolgenti ed accattivanti brani musicali, di cui uno composto per l’occasione: Yellow after the Rain di Mitchell Peters; Mercato SB60 di Filippo Gianfriddo; Rhythm Song di Paul Smadbeck; Rain Dance di Alice Gomez e Marilyn Rife.

 

Alle 17 si esibisce, invece, il trascinante Quintetto di Ottoni, composto da Lorenzo Panebianco (corno), Vinicio Allegrini (tromba), Luigi Corrias (tromba), Luca Mangini (trombone), Claudio Lotti (basso tuba), che animeranno il pomeriggio attraverso brani celebri, immortali canzoni e motivi da famose colonne sonore di film come: Sonata da Bankelsangerlieder di Anonimo; Sir Duke di Stevie Wonder (arrangiamento John Swan); My Funny Valentine di Richard Rodgers (arr. Roberto Di Marino); Misty di Erroll Garner (arr. Novelli); Yesterday di John LennonPaul McCartney (arr. David Short); Tango di David Short; Fuga BWV578 di Johann Sebastian Bach; Stardust di Hoagy CarmichaelMitchell Parish (arr. Lennie Niehaus); Latin di David Short; Polka Miseria di David Short; Round Midnight di Thelonius MonkCootie Williams (arr. Ingo Luis); The Pink Panther Theme di Henry Mancini (arr. Arthur Frackenpol); Danze inglesi del XVI secolo; No Potho Reposare “A Diosa” di Giuseppe RachelSalvatore Sini (arr. Claudio Lotti).

L’ingresso alla manifestazione è libero.

Cagliari, 31 maggio 2017

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Avviso di selezione figuranti
Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi

In occasione della messinscena dell’opera Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, regia Lorenzo Mariani, ripresa da Elisabetta Marini, il Teatro Lirico di Cagliari ricerca le seguenti figure:

n. 8 figuranti uomini, altezza minima cm. 175, attitudine al palcoscenico, buona presenza scenica;
n. 2 figuranti donne, altezza minima cm. 165, corporatura snella, bella presenza.

La Direzione si riserva di valutare eventuali altre caratteristiche e competenze in possesso dei candidati, nonché variare il numero dei figuranti scelti.

Il periodo di impegno (prove e spettacoli) è programmato, indicativamente, dall’8 giugno al 9 luglio, con ulteriori repliche il 12, 15 e 19 luglio 2017.

Gli interessati dovranno inviare la propria candidatura all’indirizzo di posta elettronica produzione@teatroliricodicagliari.it entro e non oltre lunedì 5 giugno 2017 indicando i propri dati anagrafici (luogo e data di nascita, indirizzo, codice fiscale), nonché un recapito telefonico e un breve curriculum, allegando una fotografia a figura intera.

La selezione si tiene
MARTEDÌ 6 GIUGNO alle ore 14 
nella Sala Regia del Teatro Lirico di Cagliari (IV piano).

n.b.: non è prevista mail di conferma per l’avvenuta ricezione della candidatura.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere alla Direzione di Produzione: telefoni 0704082208-0704082257.

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

Si ripete l’esperimento OPERA-MARE, in cui si cerca di avvicinare l’opera lirica ad un pubblico diverso da quello che frequenta il Teatro. Il cagliaritano e il turista che sceglie il mare del Poetto per passare la propria giornata di relax, avrà l’opportunità di completarla con un aperitivo e un concerto di qualità. Lo scorso anno il Teatro lirico di Cagliari aveva presentato “La traviata” davanti alla Rotonda dello stabilimento balneare il Lido. Il concerto aveva riscosso  un buon successo di pubblico nonostante l’insolita location.   

Giovedì 1° giugno alle 19 ,sempre nello Stabilimento balneare “Il Lido” il giornalista Fabio Marcello presenterà “Speciale Rigoletto”

 dedicata al capolavoro di Giuseppe Verdi che va in scena nella suggestiva cornice della Forte Arena di Santa Margherita di Pula (Cagliari), con inizio sempre alle 21.30, sabato 10 giugno, sabato 17 giugno e sabato 24 giugno 2017.

 La serata è impreziosita, nella prima parte, dal Coro femminile del Teatro Lirico di Cagliari, diretto da Gaetano Mastroiaco, dal soprano Barbara Crisponi, dal mezzosoprano Martina Serra e dai pianisti Mayumi Ogawa e Giancarlo Salaris, e, nella seconda parte, dalla presenza del baritono Gocha Abuladze (Rigoletto), del soprano Barbara Bargnesi (Gilda), del tenore Antonio Gandìa (Duca di Mantova) e del mezzosoprano Martina Serra (Maddalena) che, accompagnati al pianoforte da Andrea Mudu, interpretano le arie e i brani più celebri del popolare melodramma.

Il programma musicale nel dettaglio prevede: Suite da Sogno di una notte di mezza estate op. 61 per soli, coro femminile e pianoforti di Felix Mendelssohn-Bartholdy, le arie Caro nome (Gilda); Cortigiani, vil razza dannata (Rigoletto); La donna è mobile (Duca di Mantova) e il celebre quartetto Bella figlia dell’amore (Gilda, Rigoletto, Duca di Mantova, Maddalena) da Rigoletto di Giuseppe Verdi.

L’ingresso alla manifestazione, la cui durata è di 50 minuti circa, è libero.

La serata viene diffusa, in diretta streaming su www.unionesarda.it, dall’emittente televisiva Videolina.

La manifestazione si avvale della collaborazione di: L’Unione Sarda, Videolina, Radiolina, Stabilimento balneare “Il Lido”.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

La Direzione del Forte Village Resort informa che, in occasione delle tre rappresentazioni di Rigoletto, il pubblico potrà usufruire di un servizio di bus-navetta (Cagliari/Piazza dei Centomila – Forte Arena – Cagliari/Piazza dei Centomila) a pagamento (€ 15). La partenza da Cagliari è prevista per le 19.

 

Per informazioni e vendita: Box Office, viale Regina Margherita 43, 09124 Cagliari; dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, telefono 070657428.

Tag:, , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

“Un pensiero per Onofrio” è il titolo del concerto che si terrà martedì 30 maggio alle ore 20,00 nell’Auditorium del Conservatorio di Cagliari . Si vuole così ricordare il maestro Onofrio Figliola, pianista e direttore di coro, deceduto poco tempo fa.  Il programma prevede l’esecuzione del monumentale Requiem di Faurè, che sarà diretto dal Maestro Sandro Sanna, in una sua particolarissima orchestrazione per fiati, e con le parti solistiche arrangiate per quintetto da Manuel Cossu e affidate al Kor vocalensemble (in rappresentanza del CUM di Cagliari, coro diretto dallo stesso Onofrio per un lungo periodo); la parte corale è affidata al Coro Collegium Karalitanum (maestro preparatore Carmine dell’Orfano) e alla Polifonica Karalitana (maestro preparatore Gianfranco Deiosso) mentre la parte strumentale all’orchestra di fiati formata da colleghi del Conservatorio e amici di Onofrio Figliola.

“… un pensiero per Onofrio… “

Auditorium del Conservatorio 30 Maggio ore 20
Requiem di Fauré 
Orchestrazione per fiati di Sandro Sanna
Arrangiamenti per il Kor di Manuel Cossu
Esecutori: 
Colleghi del Conservatorio e amici di Onofrio
Collegium Karalitanum
Polifonica Karalitana
Kor

L’ingresso è libero

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

La tecnica del belcanto italiano  è sempre più ricercata in particolar modo dagli studenti e artisti stranieri che scelgono di frequentare masterclass e perfezionamenti direttamente qui Italia. Molti di loro (tantissimi dai paesi del sol levante) si trasferiscono nel nostro paese per carpire i segreti della tecnica vocale da maestri italiani.  In questa caso sarà un artista italiano, e per la precisione sardo, a recarsi in un paese molto diverso dal nostro per temperature e temperamento: la Norvegia

Il baritono algherese Domenico Balzani  è stato invitato ad Oslo, presso l’Accademia delle arti, a tenere una masterclass di tecnica vocale e un recital dove interpreterà le più belle arie da camera italiane  di Tosti , Rossini e Donizetti, accompagnato al pianoforte dal maestro Tore Dingstad.

Un particolare: il baritono  ha deciso di inserire nel suo programma anche un brano in algherese come omaggio alla sua città di origine.

 

Tag:, , , , , , , , , ,

Comments Nessun commento »

L’opera verdiana inaugurerà la Forte Arena di Santa Margherita di Pula

I tecnici del Teatro Lirico di Cagliari sono in piena operatività per cercare di allestire al meglio il palco e l’opera  Rigoletto, celeberrimo melodramma di Giuseppe Verdi, che andrà in scena nelle serate del 10, 17 e 24 giugno 2017, alle 21.30, sull’ampio palcoscenico della Forte Arena di Santa Margherita di Pula.

La Forte Arena si apre all’opera lirica nel panorama degli altri grandi anfiteatri italiani, ponendosi come spazio molteplice per il territorio e per l’intera Sardegna.

 La Forte Arena è un suggestivo anfiteatro naturale con una capienza di 5000 posti, immerso nella natura incontaminata della costa sud-occidentale della Sardegna.

Il pubblico attende curioso il ritorno di uno dei più grandi e longevi baritoni della storia dell’opera italiana Leo Nucci, che canterà il ruolo del “giullare di corte” per la 500^ volta proprio qui, nell nostra terra di Sardegna.  Le tre rappresentazioni dell’opera Rigoletto rientrano nel Progetto “Rifunzionalizzazione del Parco della Musica e del Teatro Lirico di Cagliari – Internazionalizzazione e innovazione delle produzioni anche per la valorizzazione turistico-culturale degli attrattori territoriali”. Finanziato dal Piano d’Azione Coesione “Progetti strategici di rilevanza regionale” che valorizzano le priorità del POR FESR nell’ambito della Programmazione Unitaria 2014-2020, realizzato e promosso in collaborazione con l’Unione Europea, il Governo Italiano e la Regione Sardegna.

Un Progetto pilota che nasce dalla collaborazione tra Teatro Lirico di Cagliari e Forte Village Resort, sfruttando le prerogative dell’Art Bonus e motivando così il connubio tra Aziende e Imprese Culturali Pubbliche e l’investimento sulla risorsa del Turismo Culturale che concretizza l’accesso ai grandi spettacoli con prezzi popolari e numerose agevolazioni per giovani e meno giovani.

In uno scenario unico a pochi passi dal mare l’imponente scenografia restituirà al pubblico la Mantova del XVI secolo dove, tra le mura del Palazzo Ducale e nella locanda sul fiume Mincio, si consumano sentimenti, maledizioni e vendette dei personaggi di Rigoletto, di sua figlia Gilda e del gaudente Duca.

Sul podio a dirigere Orchestra e Coro del Teatro Lirico di Cagliari ci sarà la bacchetta di Donato Renzetti e, nella serata del 10 giugno, Leo Nucci nel ruolo del titolo.

La regia è di Joseph Franconi Lee, mentre le scene e i costumi sono di Alessandro Ciammarughi.

Sotto un video di Leo Nucci del 2016 nel  famosa “Vendetta”


YouTube Video

 

Prezzi biglietti: platea (posto unico) € 40,00 (intero), € 20,00 (ridotto).

La riduzione del 50% è applicata agli abbonati alle Stagioni lirica e di balletto e concertistica 2017 e ai giovani under 30.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

 

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

La Direzione del Forte Village Resort informa che, in occasione delle tre rappresentazioni di Rigoletto, il pubblico potrà usufruire di un servizio di bus-navetta (Cagliari/Piazza dei Centomila – Forte Arena – Cagliari/Piazza dei Centomila) a pagamento (€ 15). La partenza da Cagliari è prevista per le 19.

Per informazioni e vendita: Box Office, viale Regina Margherita 43, 09124 Cagliari; dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, telefono 070657428.

Cagliari, 26 maggio 2017

Teatro Lirico di Cagliari, via Efisio Cao di San Marco, 09128 Cagliari – Italia

telefono +39 0704082209 – stampa@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it

Tag:, , , ,

Comments Nessun commento »

 

foto Neda Navaee

Silvia Careddu è  La flautista cagliaritana per eccellenza, non una qualunque.  Il grande talento per la musica e per questo particolare strumento sono stati determinanti per la vittoria come  Primo  flauto dell’orchestra Wiener Philharmoniker.

Ma cosa rende unica questa orchestra? Perchè entrare a farne parte è così difficile?

Innanzitutto le selezioni sono molto rigorose. Preparare un programma per un’ audizione o un concorso in questa orchestra ti mette a confronto e in concorrenza con  i migliori musicisti che giungono da tutto il mondo.

A Vienna la musica,  nella società, ha un ruolo molto importante; non è  considerata solo un passatempo, ma una vera fonte di crescita culturale per tutta la popolazione. E’ poi un grande business.  I teatri fanno sempre il tutto esaurito  perchè  la promozione è viva. I manifesti e i totem giganti con i volti dei protagonisti   sono dislocati in ogni angolo del paese; in quasi tutti i ristoranti e fast food si trovano i volantini con i programmi. Tante sono le offerte turistiche collegate ai teatri come ad esempio i menù a basso costo , i pacchetti tutto compreso negli alberghi, la vendita di oggetti ricordo come borse, manifesti, penne, magliette ecc., che richiamano questo o quel musicista. Il tutto rigorosamente sponsorizzato dalle ditte fornitrici e da accordi permanenti con le agenzie turistiche.

I bambini, fin dalla scuola materna studiano la musica e uno strumento . Il cittadino cresce con la capacità di distinguere un prodotto musicale di qualità da uno scarso.

La Wiener Philharmoniker  è considerata fra le migliori orchestre del mondo  e la nostra musicista cagliaritana Silvia Careddu è entrata a farne parte a tutti gli effetti, mantenendo sempre anche la possibilità di esibirsi come solista.

Non dimenticandosi della sua città natale, questo venerdì e sabato, si esibirà a Cagliari,  la città che l’ha vista nascere sia anagraficamente che artisticamente. Si è infatti diplomata al conservatorio Giovanni Pierluigi da Palestrina sotto la guida del maestro Riccardo Ghiani, primo flauto dell’orchestra cagliaritana.

Il programma che presenterà il 26-27 maggio, per l’11° appuntamento della Stagione concertistica 2017 al Teatro Lirico di Cagliari comprende il Concerto in Re maggiore per flauto e orchestra op. 283 di Carl Reinecke.

Nella stessa serata si esibirà anche il coro (preparato da Gaetano Mastroiaco) e l’orchesta del Teatro Lirico tutto diretto dal maestro Gérard Korsten, col Te Deum in Do maggiore per coro e orchestra Hob. XXIIIc:2 di Franz Joseph HaydnPrima Sinfonia in Si bemolle maggiore “La Primavera” op. 38 di Robert Schumann.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

 

 

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Da qualche parte nello spazio il poeta latino Virgilio e il poeta italiano Dante si sono incontrati nuovamente dopo quasi settecento anni, per iniziare un nuovo viaggio nell’universo dei vizi e delle virtù umane…

Ci sono persone che amano la lettura in inglese per poter migliorare la conoscenza della lingua, ma ci sono anche coloro che hanno una vera e propria passione sia per il Cinema che per il Teatro sempre nella lingua anglosassone. Per questo motivo, propongo a tutti coloro che amano questo genere di lettura, l’ultimo lavoro teatrale scritto da Ignazio Salvatore Basile,  il quale partecipa ad un concorso con questo lavoro.

Cliccando nel link sottostante potrete accedere al sito dove poter acquistare il suo libro e allo stesso tempo votarlo.

Si può scegliere  sia la versione online che quella cartacea.

https://www.amazon.co.uk/Travelling-space-time-Virgil-drama-prologue-ebook/dp/B071FB9SGV/ref=sr_1_1590?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1495466078&sr=1-1590

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

Mancano pochi giorni alla scadenza del bando dell’unico concorso italiano di world music, il “Premio Andrea Parodi”, organizzato dall’omonima Fondazione con la direzione artistica di Elena Ledda.

La scadenza è fissata al 31 maggio, mentre le finali si terranno a Cagliari dal 12 al 14 ottobre.

Il concorso è gratuito ed aperto ad artisti di tutto il mondo. Le domande di iscrizione dovranno essere inviate tramite il format presente su www.fondazioneandreaparodi.it (per informazioni: fondazione.andreaparodi@gmail.com ).

Dovranno contenere:

- 2 brani (2 file mp3, provini o registrazioni live o realizzazioni definitive; indicare con quale dei due brani si intende gareggiare);

- testi ed eventuali traduzioni in italiano dei due brani;

- curriculum artistico del concorrente (singolo o gruppo);

Il premio consiste in una somma in denaro erogata a copertura di tutti i costi di master class, eventuale acquisto o noleggio di strumenti musicali, corsi e quant’altro il vincitore sceglierà per la propria crescita artistica e musicale, per un importo massimo di 2.500 euro. Per i vincitori del Premio della critica c’è invece la realizzazione professionale del videoclip del brano in concorso, a spese della Fondazione Andrea Parodi. Inoltre, verrà offerta al vincitore l’opportunità di esibirsi alle edizioni 2018 del Premio Andrea Parodi, dell“European jazz expo” in Sardegna, di Folkest in Friuli, del Negro Festival di Pertosa (SA) e in altri eventi che saranno man mano annunciati.

La dimensione internazionale ormai raggiunta dal Premio è confermata dalla recente presenza al Babel Med Music di Marsiglia e dalla partecipazione a luglio nella Repubblica Ceca al Crossroadsmusic di Ostrava per un incontro in cui si parlerà anche del Premio Andrea Parodi.

La manifestazione è nata per omaggiare un grande artista come Andrea Parodi, passato dal pop d’autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e di rielaborazione delle radici, grazie al quale è diventato un riferimento internazionale della world music, collaborando fra l’altro con artisti come Al Di Meola e Noa. Le precedenti edizioni sono state vinte nel 2016 dai Pupi di Surfaro (Sicilia), nel 2015 da Giuliano Gabriele Ensemble (Lazio), nel 2014 da Flo (Campania), nel 2013 da Unavantaluna (Sicilia), nel 2012 da Elsa Martin (Friuli), nel 2011 da Elva Lutza (Sardegna), nel 2010 dalla Compagnia Triskele (Sicilia), nel 2009 da Francesco Sossio (Puglia).

Per visionare il bando e avere maggiori informazioni:

www.fondazioneandreaparodi.it

fondazione.andreaparodi@gmail.com

Tag:, , ,

Comments Nessun commento »

Il III° appuntamento della rassegna “Cultura Popolare III: I luoghi dell’Altrove” dell’Associazione Figli d’Arte Medas  avrà luogo il 26 maggio.
Questo viaggio nella letteratura è dedicato a Giulio Angioni, recentemente scomparso, un grande antropologo e scrittore sardo che ha esplorato sia da studioso che da scrittore le sfaccettature dell’Altrove.

Lo spettacolo/progetto/concerto “preTesti, tra il serio e il faceto”, ad opera di Art’In, ha la peculiarità di mutare contenuto per ogni sua rappresentazione, questo rende davvero unico ogni spettacolo.
Il tema però ci è noto, sarà un modo originale e diverso di esplorare alcuni tra gli Altrove più famosi della letteratura italiana.

Lo spettacolo si svolgerà venerdì 26 maggio a Guasila, alle ore 21:00 presso il Teatro Fratelli Medas.

L’ingresso ha un costo di 5 euro.

Art’In – Breve Storico – origini formative e sviluppo 1977 nasce come Teatro del Borgo a Bologna dove lavora fino all’84 nell’ ’84 si trasforma in Teatro Ridotto e si trasferisce a Lovere dove opera fino al ’99 nell’ ’99 amplia il proprio organico integrandosi con liberi musicisti professionisti dando vita al Teatro “Art’In Scena” al Ridotto ;

nel 2005 in seguito alla confluenza di nuove esperienze artistiche si costituisce Art’In , come diretta emanazione di Art’InScena. Art’In, un ensemble che con le sue due sedi operative (Sardegna e Lombardia), vuole proporsi come luogo/punto di riferimento per una comunità di spettatori, studenti, operatori del settore, associazioni, enti; con la nostra sempre più viva progettualità che, come agli inizi, continua a mirare ad un lavoro multidisciplinare, interculturale con chiari valori sociali e irrinunciabile prerogativa artistica. Quindi non solo come luogo di visione, bensì spazio d’incontro, di confronto, “zona vitale” di scambio di culture e di saperi.

E teatro … musica … cinema… spettacolo…come fenomeno totale come lavoro, luogo di emozioni foresta di segni, paesaggi creativi come unità d’intenti e azioni suoni, luci, immagini, parole, movimenti inscritti in un’unica partitura teatro … musica … cinema… spettacolo…come pubblico, chi lo guarda e lo ascolta chi gli permette di essere tale….…percorso poetico e artistico…

Durante tutti questi anni abbiamo lavorato seguendo una linea di ricerca di contaminazione/integrazione tra le varie forme della comunicazione artistica, teatro-musicacinematografia- danza , sviluppando una personale modalità di relazione tra attore-musicista e spazio-immagine-musica-movimento favorendo una peculiare metodologia di lavoro che ha trovato una felice collaborazione con vari musicisti ed artisti internazionali in importanti progetti/spettacolo ( ricordiamo “viola e apoteosi”, “improvvisamente”, “ritratt…i/o”, “Obra”, “Ucronie”,” giocando a scacchi con la luna” “Santi Briganti”, “dissolvenze” , “inVento”, “al buio”, “Approdi”, “apparenze .. serenate in bianco e nero”,”Sospiri Sospesi”, ”Triple Time” “ …), rappresentati in importanti festival/rassegne europee (Festival Radio France du Montpellier e Languedoc Roussillon, Frankfurt International Theatre Festival, Volterrateatro, Glastonbury Festival of Contemporary Performing ArtsFestival, London Jazz Festival, Festival Internazionale di Lavrion- Greek,El Grec Barcellona, Italienischer Theaterherbst Berlino, International “floraisons musicales” Marsiglia, Edinburgh International Festival, Les Italiens saison Lion, Festival Internazionale Theater Plze? , Lunatica Festival ecc…) .

Accanto allo studio di nuove forme espressive abbiamo sempre affiancato un profondo lavoro sulle problematiche sociali, cercando di mantenere ben viva una delle più importanti funzioni dello spettacolo. E’ da questo intento che sono scaturiti progetti e eventi di impegno civile “dedicati e donati” alla pace, alla lotta contro la mafia, all’ambiente, al ricordo del passato per una memoria del presente. Particolare importanza riveste l’attività di ricerca e divulgazione, nel settore didattico/pedagogico articolata secondo varie modalità di intervento “su misura”, che si sostanzia in proposte progettuali in vari ambiti, nelle collaborazioni e consulenze richieste da Enti ed Istituzioni operanti nel campo della ricerca, della Scuola, nel settore bibliotecario, dell’informazione e della formazione di operatori a vario livello.

Organizziamo nelle nostre sedi e presso altri soggetti culturali, stage di aggiornamento per professionisti e corsi di conoscenza ed avviamento al teatro, alla musica e al cinema, nonché rassegne e festival. Tra i tanti maestri che hanno segnato il nostro percorso formativo incontrati nelle scuole e nei numerosi corsi di formazione/perfezionamento ricordiamo : K. Azuma, I. Miura, E. Barba, J. Beck, C. Bene, E. De Filippo, M. Fabbri, P. Brook, O. C. Giovangigli, M. Marceau, C. Rick, J. Grotowski , J. Xenakis, T. Fiordefalk ….. per le collaborazioni ai nostri progetti, tra i tanti ricordiamo e ringraziamo: D. Lumini, S. Essaian, P. Cowald, G. Ferris, S. Sciarrino, G. Luporini, G. Guccini, L. Agudo, P. Fresu, G.L. Trovesi, F. D’Andrea, G. Coscia, S. Bonafede, M. Serra, P. Ciliberto, G. Murgia, D. Makris, M.R. Omaggio, M. Zanot, A . Grimaldi, R. Denti, G. Petter, G. Canova, C. Lastrego, G. Manfredi, M. Bernardi, D. Savio, M. Nichetti, G. Rimondi, F. Rotondo, F. Testa, E. Zamponi, D. Bisutti, rivista Focus /M. Gaffo/ M. Casareto, V. Melegari, G. Quarenghi, M. Baliani, G. Pallotti, E. Scarsella Mazzocchi, I. Moscati, D. Evola, C. Valendino, M. De Aloe, B. Bozzetto ecc… Dall’76’ ad oggi abbiamo complessivamente dato vita a 87 produzioni tra concerti, spettacoli in allestimenti per un pubblico adulto e per ragazzi. Dall’78’, dopo aver acquisito competenze ai corsi perfezionamento di cinematografia sperimentale di regia e di sceneggiatura, operiamo nel settore cinematografico e video, dall’ 82’ abbiamo: collaborato con varie emittenti televisive regionali e nazionali; prodotto 5 lungometraggi, 19 cortometraggi, 22 film documentari, 16 spot, 9 spettacoli/film/concerto. Dal 2008 per le attività nel territorio regionale Art’In gode dei contributi della Regione Autonoma Sardegna Art.n.56 L.R. n.1/90 Tra le manifestazioni/festival/rassegne a carattere nazionale ed internazionale ideate e organizzate ricordiamo: Voce e teatro; Teatro e musica; InContro; La Carovana, The voice of the body – the body of the voice; “ Maestri e Margherite- forum internazionale di pedagogia teatrale; LagoRà – intorno al comico; L’Improvvisazione; Effetto esterni; Umori contemporanei; Festa Granda; le Notti dell’Orco, MareeMiniere, Asuni Film Festival, Festival Concorso Internazionale Itinerante Cinematografico PuntodiVistaFilmFestival, DivagAzioni tra teatro, musica, cinema, danza e ….; Tra i vari riconoscimenti: – I° premio per: sceneggiatura, soggetto, miglior film comico “ Oscarino 99 “ con “Tempi Moderni” , – Finalista Visioni Italiane BO ‘02 con “in Giro” – I° premio con “il tempo di una…“ Oscarino 05 “- Premio Miglior Attrice a Manuela Loddo Campobasso 05’ – Grado 07’; I° premio Film Festival 03’ TO con “si..ma..no..forse…no….” – “ faccende di cuore” I° premio conc. Naz.“ tutti diversi tutti uguali 05 ” Roma, Minist. Pari Opportunità, Minist. Pubblica istruzione, UNAR – 1° premio spot “e Tu” Agenzia delle Entrate 06 – I° premio per film “respiri … sospesi” festival ANCR TO – ecc ….. Nel settore della formazione/informazione, in collaborazione con organismi provinciali, regionali, Universitari e interbibliotecari, ricordiamo tra i tanti progetti realizzati: Donna e cinema; Risate a grande schermo; Di cose risibili; Seminario di improvvisazione teatrale e musicale; Invito a Calvino; Donna e animazione; Il filo di Arianna; Il meraviglioso paese di Oz; Incontri in penombra tra scritti e versi… tra parole, fatti… storia… e un po’ di musica; Il castello della paura; Invito al libro; Silenzi d’amore; Biblioteca in Rosa ; “pirati, birbe, maghi e bugiardi..letture animate senz’età”, “ Narrando narrando” Fiabulando; Librocando; io non ho mani – dedicato a Turoldo; Per conoscere … ; Tracce: percorsi di fine millennio; Ritorno a Babele; e per dono … il suono di parole scritte , Risate tra le mura – Castelli della Toscana ecc…

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »



“Brundibar” è la fiaba in musica che racconta la storia di Aninka e Pepicek e di un prepotente suonatore di organetto. L’operina per bambini composta dal musicista ceco Hans Krása, andò in scena nel campo di prigionia di Terezin per ben 55 volte e riuscì a rischiarare i giorni dell’orrore con la luce della bellezza che s’irradiava dalla musica e dalla poesia. Al microfono il racconto del giovane regista Lorenzo Giossi.
Ancora oggi questa tenue favola riesce ad illuminare i sorrisi e gli occhi di centinaia di ragazzi ospiti d’onore del Teatro Verdi di Trieste. Sul podio il maestro Davide Casali.

Sintonizzatevi alle ore 14:00 su Topoditeca! A Trieste RadioUno FM 91,5 mhz oppure in ogni parte del mondo cliccando a destra su “ora in onda” in streaming radio su:
http://www.sedefvg.rai.it/

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

Il Progetto Händel, è una nuova creazione di Mauro Bigonzetti forgiata sui ballerini scaligeri e sulle étoiles Svetlana Zakharova e Roberto Bolle. Una prima assoluta cui si potrà assistere al Teatro alla Scala nelle recite serali del 20, 23 e 24 maggio e nella recita pomeridiana di domenica 21 maggio.

Per la prima volta scopriremo, in un progetto moderno, questa grande coppia, acclamata nei titoli classici e romantici.

Per il celebre coreografo italiano è un ritorno alle note di Georg Friedrich Händel e alla fantasia illusionistica del teatro barocco, da sempre suo grande amore (InCantoCome un respiroFesta barocca).

Nella prima parte, soli e passi a due si alterneranno sulle note delle Suites händeliane, fra gighe, courante, allemande e sarabande in una dimensione intimistica, asciutta e geometrica.

La seconda parte si arricchisce con diversi timbri strumentali, con una esplosione di colori e un senso di leggerezza e divertimento.

Biglietti da 11 a 127 euro più prevendita (da 5,50 a 63,50 euro per la recita di ScalAperta del 1 giugno).

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

C’è anche una cantante sarda alla finale del concorso per cantautori intitolato a Lucio Dalla, che si terrà domani a Bologna. Lei è Marta Tronci, 15 anni ed il suo brano inedito, Musica addosso, è stato scritto dal poeta sardo Nando Cuccu, musicato da Costa Andrea e arrangiato da Luis Fregapane.

La 5^ edizione del concorso nazionale canoro “Premio Lucio Dalla” in omaggio al grande Maestro e Poeta scomparso è cominciata  il 18 e domani 20 Maggio 2017  si terrà la finalissima. Il concorso ha visto coinvolti tanti artisti provenienti da tutta Italia. Il Premio era riservato a cantautori/trici con brani editi e inediti, duo, gruppi e interpreti con brani ined. La madrina ufficiale del Premio è Claudia Scaglioni, cugina di Lucio Dalla. . I coachlab Manuel Auteri e Renato Droghetti  sono parte integrante della giuria di Finalissima che si svolgerà al Teatro Guardassoni di Via D’Azeglio 55 di Bologna (a pochi metri dalla casa di Lucio).Quartier Generale sarà, anche quest’anno, l’Hotel Michelino (Bologna Fiera) ove si sono svolte le sessioni di laboratorio e semifinali.

 

 

Tag:, , , , , , ,

Comments Nessun commento »

 

E’ la band degli Almamediterranea la rappresentante della Sardegna al concorso CapiTalent, il music-talent di Radio Capital, emittente radiofonica del Gruppo Editoriale l’Espresso tra le più prestigiose e importanti nel panorama italiano. La Sardabanda è stata selezionata su oltre quattromila candidati e dallo scorso 15 maggio (per le successive due settimane) gareggia per conquistare la qualificazione alle fasi successive della competizione. Il titolo del brano con cui la formazione isolana ha conquistato il prestigioso traguardo è “100 anime”, composizione dedicata al tema dell’immigrazione clandestina.

Sarà possibile votare gli Almamediterranea nell’apposita sezione del sito di Radio Capital, ogni utente avrà a disposizione dieci voti al giorno che potrà assegnare a un’unica canzone o distribuire tra tutti i partecipanti.

VOTA GLI ALMAMEDITERRANEA

IL BRANO – “100 anime è un brano dedicato alle immigrazioni cosiddette clandestine, a quelle genti costrette a lasciare le proprie case, villaggi, famiglie e affetti, spinte dal sogno di trovare al di là del mare un domani migliore. E’ una canzone che si rivolge a tutti i popoli costretti a fuggire a causa delle guerre volute dai signori del terrore, i veri e unici terroristi moderni, i mercanti di morte che a braccetto con gli stati e i governi complici, affamano e sventrano ogni resto di speranza. Il brano punta il dito sull’indifferenza, l’intolleranza e l’ignoranza, elementi che rendono le menti dei cosiddetti televisionari, fertili ad ogni sorta di inganno ben articolato e confezionato come la sceneggiatura di un film di guerra o di mafia, creando così paura e diffidenza nei confronti di chi cerca un posto migliore dove coltivare il proprio futuro” (Roberto “Almo” Usai – Almamediterranea).

IL CONCORSO - Nato nel 2013, CapiTalent è il primo music-talent italiano nel quale, da sempre, gli artisti non solo cantano ma suonano le loro canzoni. Musica di qualità garantita da Radio Capital. Dopo aver selezionato i brani migliori, tra le migliaia di canzoni ricevute, saranno ascoltabili su Radio Capital. Per trovare tutte le canzoni originali in gara ed esprimere le preferenze è possibile visitare la pagina dedicata.

Obiettivo dell’operazione è quello di realizzare un talent e un programma radiofonico in cui si ascoltano pezzi originali e/o cover di grandi classici, suonati e cantati, da band o solisti del panorama nazionale. Il format prevede una fase recruiting (3 settimane) che porta successivamente alla fase di gara (5 settimane). Attraverso questo meccanismo di selezione viene assegnato il titolo di “CapiTalent 2017.


ALMAMEDITERRANEA

sito web: www.almamediterranea.it

email: info@almamediterranea.it

Simone Cavagnino

email: s.cavagnino@gmail.com

telefono: +39 340 3951527

 

 

Tag:, , , , , ,

Comments Nessun commento »

L’oboe è uno strumento musicale aerofono a fiato ad ancia doppia appartenente al gruppo orchestrale dei legni. Ha un suono leggero e assai penetrante. Di forma conica, è generalmente fatto di Grenadilla, o, meno frequentemente, di palissandro. Per chi non è del mestiere, è uno strumento poco conosciuto ed anzi, qualcuno nel pronunciarlo sbaglia l’accento, la pronuncia giusta è  òboe.

Se site curiosi e volete vedere e sentire questo strumento, vi invito al prossimo concerto della stagione sinfonica 2017 al Teatro Lirico di Cagliari in cui  l’oboista Viola Wilmsen sarà accompagnata dall’orchestra del Lirico diretta dal maestro Pietro Rizzo.

Il concerto sarà venerdì 19 maggio alle 20.30 (turno A) e sabato 20 maggio alle 19 (turno B), con il decimo appuntamento: Pietro Rizzo, uno fra i più talentuosi giovani direttori italiani di oggi, al suo debutto a Cagliari, dirige l’Orchestra del Teatro Lirico e l’oboe solista della tedesca Viola Wilmsen, vincitrice dei più rinomati concorsi internazionali dello strumento a fiato.

 Il programma delle due serate presenta: Sinfonia n. 40 in sol minore K. 550; Concerto in Do maggiore per oboe e orchestra K. 314 di Wolfgang Amadeus Mozart; Ottava Sinfonia in si minore “Incompiuta” D. 759 di Franz Schubert.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

La Stagione concertistica 2017 prevede due turni di abbonamento (A, B), ai quali è ancora possibile abbonarsi, sebbene, ovviamente, ad un numero ridotto di spettacoli.

Da sottolineare, inoltre, la possibilità di acquistare da mercoledì 11 gennaio 2017 i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

Venerdì 19 maggio alle 11 è prevista, come ormai consuetudine, l’Anteprima Giovani, aperta alle scuole che potranno assistere, dalla I loggia, alla prova generale del concerto serale. (prezzi: posto unico € 3; informazioni: Servizio promozione culturale, telefono 0704082326 – 0704082250 – 0704082252; attivitagiovani@teatroliricodicagliari.it).

 

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 – 0704082249, biglietteria@teatroliricodicagliari.it, www.teatroliricodicagliari.it.Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

 

Pietro Rizzo – È stato Direttore Principale dell’Opera di Göteborg (2006-2009), Direttore Musicale dell’Orquesta Joven de la Sinfónica de Galicia de La Coruña (2010-2014), Primo Kapellmeister dell’Aalto Theater di Essen (2003-2007), attualmente è considerato uno fra i più talentuosi giovani direttori italiani di oggi e ha già diretto le orchestre dei più grandi teatri al mondo, fra i quali: Metropolitan di New York, Dallas Opera, New Israeli Opera di Tel Aviv, New National Theatre di Tokyo, Deutsche Oper di Berlino, Maggio Musicale Fiorentino, Finnish National Opera di Helsinki, Royal Swedish Opera di Stoccolma, Volksoper di Vienna, Rossini Opera Festival di Pesaro, Savonlinna Festival, Baden-Baden Festival. Dirige regolarmente importanti orchestre internazionali, fra le quali: Finnish Radio Symphony Orchestra, Tampere Philharmonic Orchestra, Belgium Radio Symphony Orchestra, Essener Philharmoniker, Bergische Symphoniker, WDR Rundfunkorchester, Aalborg Symfoniorkester, Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia. Fra gli impegni operistici più recenti si segnalano le produzioni di: Rigoletto e Don Carlo al New National Theatre di Tokyo, La Cenerentola alla Finnish National Opera di Helsinki, La Traviata alla Bayerische Staatsoper di Monaco, La Gioconda allo Stadttheater di St. Gallen, Lucrezia Borgia alla Staatsoper di Amburgo e Roberto Devereux alla Deutsche Oper di Berlino. Ha inaugurato la Stagione 2015-2016 dirigendo il balletto Beauty and the Beast alla Finnish National Opera di Helsinki, in seguito ha diretto le produzioni di Macbeth allo Stadttheater di St. Gallen, La Favorite alla Deutsche Oper di Berlino e Madama Buttefly al Concertgebouw di Amsterdam. Ha anche fatto il suo debutto sul podio dell’Orchestra Sinfonica della RAI di Torino. Ha inaugurato la Stagione 2016-2017 dirigendo il balletto Romeo e Giulietta di Prokof’ev ancora alla Finnish National Opera di Helsinki, seguito da concerti sinfonici allo Stadttheater di St. Gallen, La Bohème all’Opera Australia di Sydney ed Andrea Chenièr al Teatro dell’Opera di Roma. Fra i suoi prossimi impegni figurano: Rigoletto alla Finnish National Opera di Helsinki e nei teatri di Pavia, Jesi, Como, Bergamo e Brescia; Otello alla Semperoper di Dresda; Il Pirata allo Stadttheater di St. Gallen e Norma all’Opera de Bilbao. Dirigerà inoltre concerti con la Filarmonica Toscanini a Lugano e con la Radio Vara al Concertgebouw di Amsterdam.

 

Viola Wilmsen – Nel 2012 è stata nominata Primo oboe della Deutschen Sinfonie-Orchester di Berlino, dopo essere stata per tre anni Primo oboe della Deutsche Oper di Berlino. È inoltre attiva come solista e camerista in prestigiose sale da concerto di tutto il mondo. Come solista si è esibita con compagini quali: Münchener Kammerorchester, Hamburger Camerata, Kansai Philharmonic Orchestra (Giappone), Orchestra Haydn (Italia), Kammerphilharmonie Graubünden (Svizzera), Klassischen Philharmonie di Bonn. Nel 2014 è uscito il primo cd del suo sestetto “Berlino Contrappunto” e l’ensemble è stato premiato nel 2013 con il “Usedom Music Prize”. Nello stesso anno, con il “Berolina Ensemble”, gli viene stato assegnato il Premio “Echo Klassik” nella categoria “Ensemble dell’anno”. Viola Wilmsen suona regolarmente con la Camerata Bern e, come musicista ospite, ha fatto parte di orchestre come: Staatsoper Berlin, Münchener Staatsoper, Oper Frankfurt, Bamberger Symphonikern, Rundfunk-Sinfonie Orchester Berlin, Berliner Philharmoniker con la direzione di Valery Gergiev, Riccardo Chailly, Andris Nelsons, Christoph Eschenbach, Alain Altinoglu, Vladimir Ashkenazy, Marcus Bosch, Gianandrea Noseda. Viola Wilmsen ha studiato con Diethelm Jonas a Lubecca, con Jacques Tys a Parigi e con Dominik Wollenweber a Berlino. Nel 2009 ha vinto il Primo Premio al Concorso internazionale per oboe della Sony in Giappone. È inoltre vincitrice di numerosi primi premi di concorsi internazionali in Germania, Italia (AudiMozart! – 2012), Polonia e Inghilterra in qualità di oboista e pianista. Nel 2011 al Concorso “Deutsche Musik Wettbewerb”, Viola Wilmsen si aggiudica una borsa di studio con concerti in Germania. La televisione tedesca WDR3 ha mandato in onda ritratti sulla sua attività in lingua inglese e tedesca. L’artista ha partecipato a numerose registrazioni e trasmissioni radio per le maggiori emittenti tedesche. Viola Wilmsen è docente, per l’anno 2015-2016, alla Musikhochschule Lübeck ed insegna in vari corsi di perfezionamento.

Cagliari, 17 maggio 2017

Ufficio Stampa

Teatro Lirico di Cagliari, via Efisio Cao di San Marco, 09128 Cagliari – Italia

telefono +39 0704082209 – stampa@teatroliricodicagliari.itwww.teatroliricodicagliari.it

Tag:, , , , ,

Comments Nessun commento »